Sospesa, dalla Regione, l’assistenza domiciliare ai ciechi con pluri-handicap. I ciechi e le loro famiglie protestano

21 gennaio 2013 0 Di redazionecassino1

Un duro colpo ancora ai danni dello Stato sociale e  delle persone disabili, di quelle che hanno più bisogno di aiuto,  arriva dalla giunta Polverini, in particolare dal nuovo Commissario del Centro Regionale S. Alessio, il dottor Alessandro Matteini, funzionario della Regione Lazio nominato recentemente proprio dalla ex governatrice. La scure dei suoi tagli ha colpito  i Centri Diurni della Regione. Lo denuncia, in una nota, l’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti (ONLUS) – Sezione Provinciale di Frosinone, che opera per la rappresentanza e la tutela dei diritti delle persone con disabilità visiva e delle loro famiglie nella provincia di Frosinone. Il presidente Claudio Cola,  evidenzia la gravissima situazione che si sta verificando in tutta la Regione e che ha travolto le persone con disabilità visive affette da ulteriori gravissimi handicap.  Il Centro Regionale S. Alessio – Margherita di Savoia per i Ciechi ha disposto, infatti, la totale sospensione del servizio di assistenza previsto dalla legge 284/97 per queste persone che vivono una difficile condizione umana e sociale.

La decisione è stata presa, con la nota del 04/01 u.s., dal nuovo Commissario del Centro, il dottor Alessandro Matteini, funzionario della Regione Lazio nominato recentemente.

“Il Centro Regionale S. Alessio Margherita di Savoia per i Ciechi, che ha lo scopo di fornire assistenza, riabilitazione e formazione a sostegno dei non vedenti, non attraversa una facile situazione economica: malgrado possieda un immenso patrimonio immobiliare che rende circa 5.500.000 euro l’anno, ha registrato un pesante passivo di circa 12.000.000. Nel corso degli anni, è stata assunta una quantità innumerevole di impiegati amministrativi, assolutamente non necessaria alla gestione dell’Ente – si legge nella nota del presidente Cola – le entrate, che dovrebbero essere impiegate in attività a favore dei ciechi, sono utilizzate quasi totalmente per retribuire questo personale. A questo si aggiunga il comportamento della Giunta regionale che non versa al Centro i fondi stanziati e previsti per l’assistenza alle persone con pluri-handicap. Inoltre la presidente Polverini ha cambiato tre Commissari in due anni, rendendo instabile la gestione del centro”.

Questa situazione negativa – denuncia l’Unione – non può però giustificare le scelte del Commissario che si rivolgono solo contro le persone cieche e ipovedenti. A maggior ragione se si pensa, che mentre vengono tagliati i servizi, Matteini con nuovi atti prefigura l’assunzione in ruolo di dirigenti: uno di prima classe e altre figure amministrative dirigenziali, di cui nessuno, a parte il Commissario, sente l’esigenza e in totale antitesi con il processo di risanamento economico di cui l’ente avrebbe un disperato bisogno.

“All’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti appare paradossale e offensiva la coincidenza fra queste possibili assunzioni ingiustificate – continua Cola – e la soppressione del servizio di assistenza ai cittadini più sfortunati. Subito dopo il suo insediamento alla guida del Centro, Matteini incontrando i dirigenti della suddetta Unione, ha affermato che necessitava di tempo per orientarsi nella difficile conduzione del centro e nella conoscenza delle effettive necessità delle persone con disabilità visiva, che rappresentavano un mondo a lui del tutto estraneo e sconosciuto.  La sua scelta di privilegiare le assunzioni dei burocrati a discapito del servizio assistenziale, conferma che ha deciso di restare estraneo e indifferente alle esigenze dei ciechi e degli ipovedenti. I ciechi e gli ipovedenti del Lazio non intendono restare a guardare di fronte a fatti così gravi e sono pronti anche a manifestazioni anche eclatanti”. Le associazioni rivolgono un pressante appello ai candidati alla Presidenza e al Consiglio della Regione Lazio affinché nei loro programmi possano trovare la giusta attenzione le problematiche delle persone disabili e delle loro famiglie.  I ciechi e gli ipovedenti sono una minoranza sociale che non sta chiedendo privilegi, ma il diritto costituzionale allo studio, all’assistenza e alla riabilitazione finalizzata all’inclusione sociale.

Il Presidente

Claudio Cola