Giorno: 1 luglio 2013

1 luglio 2013 0

Lanciano: karate sfilata di campioni ed esami per il passaggio di cintura

Di redazionecassino1
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Mercoledì 26 giugno Palazzetto dello Sport di Lanciano, sfilata di Campioni attuali e di futuri Campioni. Si è svolto, infatti, nel bellissimo impianto Comunale addobbato con le materassine specifiche del Karate il Saggio di fine anno e gli Esami di Cintura.

Si sono esibiti tutti gli Allievi del M° Pietro Antonacci dal più piccolo al più grande, suscitando entusiasmo e ricevendo applausi calorosi dal pubblico accorso per l’occasione. Erano presenti tutti gli Atleti del ASD C.S.K.S. CLUB LANCIANO, del LION GYM ATESSA e del APD SPORT E FITNESS S. EUSANIO DEL SANGRO. Oltre cento i partecipanti alle esibizioni, di cui una settantina hanno sostenuto gli esami di cintura. Si sono esibiti i Campioni del C.S.K.S. CLUB, quelli Atleti Agonisti che durante la stagione Settembre 2012 / giugno 2013 hanno partecipato a gare Interregionali, Nazionali e Internazionali riportando importanti risultati. Bisogna citare senza dubbio alcuni Atleti che non solo quest’anno, ma puntualmente tutti gli anni e da molto tempo si affermano a livello Nazionale ed Internazionale, tra questi: GABRIELE FARINA, ALESSANDRA DEL BELLO, JONATHAN CHESI, ANGELO UMBERTO RULLO, FEDERICA VERI’, ANGRISANI ANGELO, ALESSIA D’ONOFRIO, ALESSIO E NICOLO’ DI LALLO, ANDREOLI GIORGIA, SPUMA ANNA, SPUMA ANTONIO, CICCOCIOPPO ALFREDO e per finire i tre Veterani che tra l’altro hanno partecipato ai Campionati del Mondo e cioè ALBERTI SAVERIO, STANISCIA RODOLFO e CAGIOTTO LUCA.

 

Questi i Karate-ka che hanno sostenuto gli esami con esito positivo, elencati sotto la cintura conquistata.

Cintura Bianca/Gialla:

Battiston Simone, De Fabritiis Mario, Di Rico Anthony, Di Rico Jenniffer, Ferrante Jacopo, Rosato Filippo, Sparvieri Gino, Teodosio Adelia e Tondaro Yvan.

Cintura Gialla:

Vacante Kevin, Piras Daniel, Mancini Lorenzo, Prence Giulia, Ariodante Giacomo e Tuku Gjeims.

Cintura Gialla/Arancio:

Lanci Giorgia, Cagiotto Francesco, Sciorilli Rita, Sanseviero Elena, Abbonizio Alex, Staniscia Dario, Sanseviero Leonardo, Scaglione Emanuele, D’Alberto Mattia, Santalucia Luca, De Santis Ludovica, Civitella Alisia, Pasquini Gloria, Catullo Eleonora e Finoli Pia.

Cintura Arancio:

Affatato Alberto, Andriulo Antonio, Ciccocioppo Martina, Ciccocioppo Elia, Ciccocioppo Mario, Bona Matteo, Rapino Roberta, Prence Drita e Di Domenica Giulia.

Cintura Arancio/Verde:

Candeloro Jenny e Rucci Luca.

Cintura Verde:

Di Battista Francesco, Giancristofaro Enrico, Ranieri Paolo, Di Donato Alessio, Castelfranco Siria Camilla, Lelli Francesco e Stefano Diego.

Cintura Verde/Blu:

Di Fresco Patrizia, Carunchio Sebastian, Pacini Giuseppe, Rapino Emiliano, Carunchio Giuseppe, Mereu Elia e Mattioli Emanuel.

Cintura Blu:

Giammarino Simone e Mattioli Beatrice.

Cintura Blu/Marrone:

D’Onofrio Francesca.

Cintura Marrone:

Angelucci Lorenza, Rossi Lorenzo, Di Fresco Franco, Roccalba Gianluigi, Abbonizio Stefano, Menozzi Andrea e Spuma Pasquale.

 

Dichiarazione M° Pietro Antonacci “Degna conclusione di un anno denso di soddisfazioni, tutti i miei Ragazzi erano presenti e hanno dato spettacolo dal più piccolo al più grande. Questo di fine anno sportivo, settembre 2012/giugno 2013 è un evento importante che dà la possibilità a tutti i parenti e amici di vedere all’opera il gruppo del C.S.K.S. CLUB. Si sono esibiti tutti dal più piccolo, quattro anni, al più grande con lo stesso impegno la stessa determinazione e divertendosi. A vedere dall’entusiasmo e dagli applausi anche il pubblico si è divertito. Abbiamo approfittato per far sostenere gli esami di passaggio di cintura a molti e per premiare gli Agonisti che con il loro impegno e la loro dedizione, per tutto l’anno, hanno portato in giro non solo per l’Italia il nome del C.S.K.S. CLUB e della Città di Lanciano, conquistando anche sul podio in tutte le occasioni. Ora ci aspetta un quadrangolare Internazionale a Trani (BARI) il 14 Luglio, poi qualche giorno di riposo e a seguire la preparazione atletica, in maniera da affrontare gli impegni a partire dal mese di Settembre al massimo della forma. Approfitto per ringraziare i ragazzi per il loro impegno e anche i loro genitori per la loro disponibilità, è comunque bello vedere che i sacrifici fatti per i loro ragazzi danno queste belle soddisfazioni. Ringrazio, infine, lo Sponsor che ci sostiene ogni anno dando ai ragazzi tute e borsoni per affrontare le trasferte, la PIZZERIA INSIEME di Nadia e Vincenzo.”

 

La serata è stata occasione anche per premiare da parte del C.S.K.S. CLUB tutti quegli appassionati e genitori che seguono il Club in particolare nell’organizzazione e nella gestione di gare importanti come hanno fatto di recente al 6° Memorial Walter Cavallo.

Infine sono stati premiati anche gli Atleti del nuovo settore, sempre più crescente, quello del Podismo.

1 luglio 2013 0

“Venite in Germania”. Rösler corteggia i giovani italiani

Di redazionecassino1

Da Giovanni D’Agata riceviamo e pubblichiamo.

L’incapacità manifesta degli ultimi governi italiani nel dare risposte alla disoccupazione giovanile e alla formazione, sembra ci stiano portando alle soglie di una teutonica e fantozziana umiliazione di massa. La prova? Le dichiarazioni del ministro dell’Economia tedesco Philipp Rösler che proprio la settimana scorsa ha lanciato un appello ai giovani degli stati del Sud Europa in crisi per invitarli a fare corsi di formazione professionale in Germania. É il quotidiano “Welt am Sonntag” a riportare testualmente il “Venite in Germania”, del superministro in un’intervista rilasciata al giornale.

Nell’economia tedesca, infatti, risultano essere disponibili decine di migliaia di posti di formazione. Per i diplomati non è certo una decisione facile andare almeno tre anni in un paese straniero. “Ma la porta è aperta per i giovani meridionali, che sono i benvenuti” ha riferito il ministro.

Ed ha continuato: “Dobbiamo far capire che hanno la prospettiva di rimanere come professionisti -. Beh, con doppia cittadinanza”.É, quindi, questa la risposta quasi ufficiale della ricca Germania alla piaga della disoccupazione giovanile che come hanno reso noto tutte le statistiche, in alcuni paesi dell’Unione Europea ha raggiunto percentuali estremamente elevate, come in Italia dove ogni mese supera un nuovo record negativo. Mercoledì prossimo i ministri del lavoro dell’Unione europea discuteranno ulteriori misure contro la disoccupazione giovanile a Berlino. I capi di Stato e di governo dell’UE al vertice di Bruxelles avevano già stanziato 60 miliardi di euro per gli anni 2014 e 2015 per fermare il fenomeno. Lo stesso Rösler ha sottolineato come queste prime misure europee costituiscano un contributo significativo alla lotta contro la disoccupazione dei giovani, ma ha anche evidenziato che “Più importanti dei programmi di lavoro, tuttavia, sono le riforme strutturali nei loro rispettivi paesi”.Riforme che per Giovanni D’Agata presidente e fondatore dello “Sportello dei Diritti”, tardano ad arrivare nonostante l’ultimo provvedimento del governo “Letta” che da autorevoli lavoristi ed economisti é stato già soprannominato “la favola dei 200 mila posti di lavoro” per la carenza di effettive ed adeguate coperture e la temporaneità delle misure assunte, che ne determina la loro certa inefficacia nel lungo periodo tale da non incidere, se non marginalmente, nella lotta a quella piaga che é sotto gli occhi di tutte e che solo interventi strutturali potrà cercare di fermare. Fumo negli occhi, insomma, che non arresterà la fuga, già avviata, di giovani verso le economie più solide, tra cui quella tedesca che dopo l’annuncio del ministro titolare del dicastero più importante nel settore si prepara ad attendere un esodo che rischia di essere di massa, se il nostro Paese non invertirà la rotta.

1 luglio 2013 0

Accordo tra Confindustria e Federlazio Latina. Apre lo ‘Sportello Sogin’ per le imprese interessate alla lavori bonifica dei siti nucleari

Di redazionecassino1

E’ stato firmato questa mattina, presso la centrale nucleare di Borgo Sabotino, alla presenza dell’Amministratore Delegato di Sogin, Ing. Giuseppe Nucci, l’Accordo fra Confindustria Latina e Federlazio Latina per l’apertura dello “Sportello Sogin”. Questo servizio, attivo presso le sedi delle due associazioni, rappresenterà un punto di riferimento operativo dedicato alle imprese associate del territorio che intendano espandere il proprio raggio di azione qualificando le proprie attività per partecipare alle gare per la bonifica dei siti nucleari in Italia.

Tale sportello, naturale evoluzione del percorso indicato negli obiettivi previsti nel Protocollo d’intesa stipulato il 22 giugno 2011 fra Confindustria Latina, Federlazio Latina e Sogin, va dunque ad implementare una serie di azioni di supporto informativo a favore delle imprese associate relativamente alle attività promosse da Sogin, Società di Stato leader a livello europeo nella bonifica ambientale dei siti nucleari e messa in sicurezza dei rifiuti radioattivi.

Con l’intesa odierna, dunque, Confindustria Latina e Federlazio Latina, ai fini di una proficua collaborazione che possa tradursi in uno stimolo per lo sviluppo economico delle imprese, associate e non, e del nostro territorio in generale, agevoleranno tutti quei processi di comunicazione relativi alla partecipazione ai bandi di gara e/o opportunità di lavoro tra le proprie imprese associate, garantendo l’assistenza a tutte quelle aziende che facciano richiesta di qualificazione agli Albi istituiti da Sogin stessa.

                Nell’ultimo anno e mezzo, Sogin ha qualificato 40 imprese della provincia di Latina. Di queste, 6 si sono aggiudicate contratti per lavori nella centrale di Borgo Sabotino e 3 in altri impianti. Complessivamente, da gennaio 2012 ad aprile 2013, sono 53 le imprese pontine alle quali sono stati affidati lavori, servizi o forniture per la centrale di Latina, per un importo di circa 3 milioni di euro.

                “Oggi la provincia di Latina, grazie soprattutto al lavoro del nostro Vicepresidente Francesco Traversa, da me delegato a condurre in porto questa complessa trattativa, aggiunge un ulteriore e determinante tassello nel mosaico del rilancio economico del suo tessuto produttivo e imprenditoriale – commenta Paolo Marini, Presidente di Confindustria Latina –. Con questa intesa, le due maggiori Associazioni datoriali pontine si impegnano a collaborare su aspetti operativi per favorire, grazie al supporto di Sogin, la creazione di sinergie tra le imprese della provincia che, incrementando la loro specializzazione organizzativa, saranno più idonee ad operare nel settore della bonifica dei siti nucleari. Oggi, con la firma di questo accordo interassociativo, Sogin diviene non solo fattore di sviluppo territoriale ma anche soggetto di coesione sociale”.

“Questo nuovo Sportello rappresenta sicuramente un interessante ed importante passo avanti per quanto riguarda la qualificazione delle aziende della nostra provincia – aggiunge il Presidente di Federlazio Latina, Michele Fantasia –  che, nonostante tutto, continuano a volere investire per raggiungere livelli sempre più elevati di qualità che è poi la caratteristica delle nostre aziende associate. Federlazio e Confindustria, insieme a Sogin, il cui appoggio diventa fondamentale in un settore così delicato come quello della bonifica dei siti nucleari, con questo accordo vogliono sottolineare l’importanza di “fare sistema”. Siamo convinti – conclude il Presidente Fantasia – che questo sia il miglior modo per diventare più forti e potere aggredire così quello di buono e positivo che è rimasto sul mercato italiano, ma con un occhio attento anche alle opportunità di business che possono arrivare da altri Paesi”.

1 luglio 2013 0

Protesta CoTraL, De Vincenzi: “Pagheremo la 14a, ma basta polemiche”

Di redazionecassino1

“La quattordicesima mensilità sarà pagata a tutti i dipendenti l’8 luglio prossimo, così come stabilito con la delibera approvata nell’ultimo Cda di Cotral. É bene fare chiarezza su questa vicenda che rischia di diventare oggetto di strumentalizzazione politica e di creare inutili allarmismi, quando, nella realtà, il ritardato pagamento delle quattordicesime non é dipeso e non é legato al solo debito che Atac Spa ha contratto nei confronti di Cotral Spa. A questo proposito, invece, sono in corso verifiche su Atac da parte dell’assessorato regionale alla Mobilità e del Comune di Roma e sono convinto che la collaborazione e la buona fede delle istituzioni coinvolte porterà presto a un accordo per il ripianamento del debito. Le problematiche che attanagliano il settore del trasporto pubblico regionale sono ben altre e io credo che bisogna concentrarsi responsabilmente su quelle”. Così in una nota il presidente di Cotral Spa, Domenico De Vincenzi.

1 luglio 2013 0

Mobbing? Risarcito per il danno biologico, morale ed esistenziale il lavoratore privato ingiustamente di tutte le sue mansioni

Di redazionecassino1

Da Giovanni D’Agata riceviamo e pubblichiamo.

Ha diritto ad essere risarcito sia del danno biologico, che di quello morale ed esistenziale il lavoratore privato ingiustamente di tutte le sue mansioni. Lo ha stabilito la sezione lavoro della Corte di Cassazione con la sentenza 16413 depositata lo scorso 28 giugno che ha anche precisato che nella fattispecie non sussiste alcuna duplicazione del ristoro in quanto il pregiudizio riguarda diversi aspetti ed in particolare: l’immagine professionale, la salute psicofisica e la sofferenza interiore.

I giudici della Suprema Corte, nel caso in questione hanno respinto il ricorso di un’azienda che aveva alle sue dipendenze un lavoratore che, trasferito presso un’altra sede, era stato privato di ogni incarico lavorativo e completamente isolato, tanto da ammalarsi di depressione.

La società aveva impugnato la decisione della Corte d’Appello di Lecce che aveva a sua volta confermato la precedente sentenza del tribunale di Taranto che aveva riconosciuto la sussistenza sia del danno biologico nella misura del 35% (oltre 80mila euro) che di quello morale nonché di quello esistenziale (quantificati in più di 15mila euro). Il datore di lavoro aveva proposto ricorso davanti ai giudici di legittimità ribadendo che la corte di merito non aveva attribuito rilevanza alla circostanza che lo stato di parziale inattività non era addebitabile a una scelta volontaria della società, ma era piuttosto l’effetto di ragioni tecnico produttive obiettive, fatte nell’ambito di una manovra tesa a consentire la salvaguardia di alcuni profili professionali ed il risultato di una consensuale valutazione per mantenere la posizione lavorativa del lavoratore a Taranto.

Ma i giudici del Palazzaccio non hanno ritenuto fondate le doglianze dell’azienda ed hanno ribadito le necessità di integrale tutela del lavoratore.

Ricordano gli Ermellini che, in tema di liquidazione del danno non patrimoniale, al fine di stabilire se il risarcimento sia stato duplicato o sia stato erroneamente sottostimato, “rileva non il nome assegnato dal giudicante al pregiudizio lamentato dall’attore (biologico, morale, esistenziale) ma unicamente il concreto pregiudizio preso in esame dal giudice”. Si ha, quindi, duplicazione di risarcimento solo quando il medesimo pregiudizio sia stato liquidato due volte, sebbene con l’uso di nomi diversi. In altri termini, non si riscontra alcuna duplicazione laddove le voci risarcitorie hanno distintamente riguardato il danno biologico (inteso come mera lesione della integrità psicofisica), il danno morale (inteso come sofferenza interiore temporanea causata dalla commissione di un fatto illecito), il danno esistenziale (inteso come umiliazione delle capacità ed attitudini lavorative con pregiudizio all’immagine del dipendente sul luogo di lavoro).

Per Giovanni D’Agata, presidente e fondatore dell’associazione “Sportello dei Diritti”, che da anni si batte per la tutela dei lavoratori dai soprusi datoriali, si tratta di un’importante decisione che offre un significativo contributo di riflessione a tutti quei dipendenti che si sentono umiliati nelle loro legittime aspirazioni e diritti, con particolare riferimento a quello di svolgere le mansioni a cui dovrebbero essere assegnati in ragione delle loro capacità e del contratto di lavoro sottoscritto.

1 luglio 2013 0

Sermoneta: Tufette vince il 7° Torneo delle Borgate

Di redazionecassino1

Il Tufette ha vinto la settima edizione del Torneo delle Borgate, che si è disputato per tutto il mese di giugno presso il campo sportivo di Le Prate. La squadra capitanata da Patrizio Fiaschetti ha sconfitto in finale per 5 a 0 il Doganella. A premiare il team vincente sono stati il Sindaco Giuseppina Giovannoli, il delegato allo sport Giuseppe Corelli e l’organizzatore Paolo Cargnelutti.

Premi anche per il miglior allenatore del torneo, Angelo Coluzzi del Doganella, il miglior portiele Matteo Martellacci, il giocatore più giovane Andrea Micolani del Sermoneta Scalo, il più “anziano” Patrizio Fiaschetti. Il premio fair play è andato alla squadra del Pontenuovo: la coppa è stata offerta da Fausto Quattrini del Gruppo Sportivo Pontino. Riconoscimenti infine per l’Anc di Sermoneta che ha presenziato per tutta la durata del torneo, e per il factotum dell’Asd Sermoneta Calcio Giorgio Musolino. Nel tardo pomeriggio sono stati premiati anche i “piccoli amici” che si sono esibiti prima della finale delle borgate e i bambini del Sermoneta della categoria “esordienti” che hanno vinto la finale del torneo contro la Polispotiva Carso. Il Sermoneta categoria “pulcini” è infine risultata vincitrice della finale contro Agora FC.

 

Ma per Sermoneta Giugno è stato un mese intenso dal punto di vista sportivo. Oltre al calcio, si sono alternati tornei di basket e beach volley. Grazie alle iniziative intraprese dalla Polisportiva Sermoneta presieduta da Antonio Aprile, circa 700 ragazzi hanno gravitato nel centro di Le Prate, con i tornei organizzati dalle varie società. Durante tutto il mese di iniziative è stato in funzione presso lo stadio uno stand gastronomico.

 

“Dopo il Lazio Cup che ha reso Sermoneta protagonista del calcio internazionale, ora questa serie di appuntamenti che hanno dato risalto a tutte le discipline sportive, dal torneo estivo di calcio al basket, fino al beach volley, vera novità del 2013 – hanno spiegato il Sindaco Giuseppina Giovannoli e il delegato allo sport Giuseppe Corelli. “La Polisportiva sta perseguendo gli stessi obiettivi di questa Amministrazione Comunale: offrire ai ragazzi un ambiente sano, stimolarli al contatto con il prossimo facendo attività sportiva all’aria aperta, lontano dai pericoli. Lo sport è una scuola di vita, a prescindere dalla disciplina praticata”.

 

Per il 2014, Paolo Cargnelutti insieme a Gelasio Gnessi e all’Asd Sermoneta Calcio hanno già tante idee in mente: creare un campetto di calcio in sabbia per un torneo estivo da svolgersi parallelamente al torneo delle borgate, coinvolgendo centri anziani e associazioni parrocchiali, per continuare a dare linfa vitale a questo impianto sportivo che, come ha detto Cargnelutti, “non è né dell’Amministrazione né del Sermoneta calcio, ma di tutta la comunità e per questo deve essere vissuto dalla popolazione, grandi e piccoli”.

1 luglio 2013 0

L’Estate Ciociara in mostra all’Isola Tiberina, la rassegna cinematografica romana

Di redazionecassino1

Grande successo, sull’Isola Tiberina a Roma, nello spazio del Lounge Bar Terrazza Be Free,  per l’evento “Ciociaria in Festival”, organizzato dalla  Camera di Commercio di Frosinone nell’ambito dell’Isola del Cinema, la rassegnacinematografica che da 19 anni caratterizza l’estate romana con una ricca  programmazione nazionale e internazionale. Sabato sera sulle sponde del Tevere, in una cornice naturale suggestiva, il presidente dell’Ente camerale Marcello Pigliacelli ha accolto sulla terrazza, in occasione dell’evento inaugurale, gli illustri ospiti: autorità, personaggi del mondo della cultura e del giornalismo.   “Cultura: motore di sviluppo della Ciociaria” il titolo scelto per la conferenza stampa di presentazione delle bellezze della Ciociaria e dei cinque festival di qualità, su cui la Camera di Commercio punta  per rafforzare l’identità, migliorare l’immagine del territorio, attrarre turisti e distribuire ricchezza, cioè:  “Liri Blues Festival”, “Atina Jazz Festival”, “Veroli festival. Fasti Verolani”, “Festival delle Storie”  e “Festival del Teatro Medievale e Rinascimentale” . Arte, storia, cultura, musica, spettacoli, ma anche degustazione di prodotti tipici: questa la vetrina allestita per promuovere il brand Ciociaria, nel prestigioso ed esclusivo salotto dell’Isola Tiberina fino al prossimo 1° settembre.  Ospite della conferenza la consigliera regionale Daniela Bianchi.  Ai lavori hanno partecipato anche i responsabili dei cinque Festival, che animeranno l’estate della provincia di Frosinone richiamando un gran numero di visitatori.  Nel corso della conferenza è stato presentato “Dagli eventi del territorio al territorio degli eventi”,  il protocollo d’intesa sottoscritto tra la Camera di Commercio e i responsabili dei Festival. L’intesa, oltre a rappresentare un eccellente esempio di partenariato territoriale e di politiche sinergiche, riqualifica  la variegata offerta culturale e turistica del territorio. “Siamo qui – ha esordito il presidente Pigliacelli – perché il territorio è una scommessa che vogliamo vincere. Vogliamo dare una visione del nostro territorio diversa, nuova rispetto al passato.  Vogliamo eliminare  gli stereotipi cinematografici che, in passato, hanno svilito la Ciociaria dando un’immagine diversa rispetto a quella che è. La nostra è una terra di grande cultura, di grandi tradizioni, di grandi idee e

voglia di innovare e di rinnovare. La partecipazione a Roma è un primo passo, un nuovo modo di proporci nella scommessa che vogliamo vincere. Il nostro è un territorio che sta tentando di  cambiare. La vera sfida, che inizia questa sera, è quella di tentare di dare una visione diversa, in particolare, puntando sulla cultura che diventa un grande veicolo  di sviluppo. Un plauso – ha detto infine Pigliacelli – lo rivolgo    ai cinque organizzatori dei festival  che hanno creduto con noi in questa iniziativa”. Dopo Pigliacelli ha preso la parola la consigliera Bianchi. “Fare sistema in questo momento è l’unica opportunità che abbiamo per superare un momento di crisi così difficile e complessa” – è quanto affermato la consigliera regionale, che ha sostenuto ancora: “Arrivare a Roma sull’isola Tiberina, nel pieno dell’estate romana, per promuovere la nostra estate è un passo in più  che porta il nostro territorio al di fuori dei propri confini geografici. Io credo che questa sia la leva con cui dobbiamo immaginare il futuro  del nostro territorio, da qui ai prossimi anni, all’interno di questa regione, che intende determinare la crescita del proprio territorio alla luce di un nuovo sviluppo. Sviluppo che è anche e soprattutto sviluppo culturale. Credo che sia necessario essere a Roma questa sera. E’ un cambio di paradigma  per cui sono i festival, le nostre eccellenze a promuovere il territorio” – ha puntualizzato la consigliera regionale Daniela Bianchi.  “Per noi è un palcoscenico stimolante che speriamo di sfruttare al meglio per promuovere il nostro territorio e le nostre manifestazioni” – ha sottolineato l’organizzatore di Atina Jazz, Maurizio Ghini. “Voglio ringraziare il presidente Marcello Pigliacelli e Daniela Bianchi perché per la prima volta ci hanno aiutato a far guardare il nostro territorio con occhi diversi. Un ribaltamento di prospettiva fondamentale per un rinnovamento di questi cinque festival che, così, possono rigenerarsi”.  Ha invece sostenuto Germano Caperna, assessore al Comune di Veroli organizzatore dei Fasti Verulani. Nell’esprimere i ringraziamenti ai promotori dell’iniziativa il direttore artistico del Festival Medievale e Rinascimentale di Anagni, Giacomo Zito, ha detto: “Il nostro festival rappresenta un’esclusiva di questo genere”. Ha poi ricordato i rapporti internazionali che intercorrono tra il Festival di Anagni e analoghe manifestazioni che si tengono in Spagna e Marocco, al fine di allargare la rete di rapporti. “Quest’anno celebreremo la ventesima edizione del festival che, negli scorsi anni, ha visto la partecipazione di artisti del calibro di Giorgio Albertazzi, Beppe Barra, Fabrizio Gifuni” – ha sottolineato Zito.   E’ stata, poi, la volta di una rappresentante del Festival delle storie della Valcomino, che ha presentato l’edizione di quest’anno. Si tratta di un festival letterario nato da un’idea di Vittorio Macioce dove ognuno ha una storia da raccontare, da condividere. Nove giorni, sette paesi della Valcomino coinvolti con laboratori creativi.  Al termine la cena  a base  di prodotti tipici. Gli invitati hanno degustato e apprezzato   salumi, prosciutto, pane, acqua, vino e dolci  della Ciociaria. Con l’intermezzo musicale di Chyma duo con Valerio D’Anna e Danila Monfreda, come anticipazione di Atina Jazz, e la proiezione dello spot sulla Ciociaria è calato il sipario sulla serata dedicata alla Ciociaria nel cuore di Roma. 

1 luglio 2013 0

Straordinario intervento col robot due équipe chirurgiche al lavoro per salvare un paziente con tumore al colon e al rene

Di redazionecassino1

Un nuovo primato per l’ospedale di Chieti, che offre un contributo importante alla letteratura scientifica grazie alla capacità di coniugare innovazione tecnologica e qualità tecnica.  Nei giorni scorsi un paziente di 65 anni, affetto da una doppia neoplasia del colon destro e del rene destro, è stato sottoposto a un complesso e delicato intervento chirurgico eseguito dalle équipe di Chirurgia generale a indirizzo oncologico e di Urologia, rispettivamente dirette da Pierluigi Di Sebastiano e Luigi Schips. Tutto l’intervento è stato effettuato con tecnica robotica, un aspetto questo che ne sottolinea l’interesse scientifico, visto che in letteratura si contano pochi casi di approccio combinato robotico.

Più che soddisfacente il decorso post operatorio del paziente, dimesso dopo appena sei giorni di degenza, senza complicazioni e senza necessità di compensare le perdite ematiche con trasfusioni. La ridotta invasività della tecnica robotica ha permesso un rapido recupero e la riabilitazione precoce del malato, che ha subito solo cinque piccole incisioni utilizzate per introdurre nella cavità addominale gli strumenti operatori del robot. Indubbi vantaggi, dunque, rispetto alla tecnica tradizionale, che avrebbe comportato un taglio di proporzioni ben diverse, maggiori rischi di infezioni e una ripresa più lenta delle funzioni vitali. 

 

«L’utilizzo del robot consente la chirurgia organ preserving – sottolinea Di Sebastiano – possiamo cioè risparmiare il tessuto sano grazie all’estrema precisione dello strumento e alla visione magnificata e tridimensionale, che tra l’altro è utile anche a contenere le perdite di sangue nel corso dell’intervento».

 

La valenza conservativa della tecnica robotica viene evidenziata anche da Schips: «Abbiamo salvato il rene – tiene a precisare l’urologo – asportando solo la parte infiltrata dalla lesione neoplastica. Un risultato che non sarebbe stato possibile facendo ricorso ad altre tecniche. È comunque stata un’esperienza  assai positiva, un bel lavoro di équipe, che ha visto due gruppi di lavoro coordinarsi nella tecnica robotica». All’intervento, oltre ai due Direttori delle rispettive unità operative, hanno preso parte anche Francesco Di Mola, per la parte di chirurgia generale, e Luca Cindolo, per la parte urologica.

 

Il robot chirurgico “Da Vinci” è in dotazione all’ospedale di Chieti dall’inizio dell’anno. Finora è stato impiegato in circa 30 interventi, per la maggior parte di chirurgia urologica e generale.

1 luglio 2013 0

Grossi: “Il 31 agosto Notte Bianca della Cultura a Cassino”

Di redazionecassino1

 “Nella giornata di domani alle ore 15 è fissato un incontro con le associazioni di commercianti, con invito esteso a tutti i commercianti della città, cui ne farà seguito un altro mercoledì alle ore 19, cui sono invitati gli artisti del territorio e le associazioni che voglio collaborare presso gli uffici di Cassino Turismo all’Historiale, nel corso del quale avrà inizio la fase operativa ed organizzativa in vista della notta bianca della cultura che si terrà a Cassino il prossimo 31 agosto.” A dichiararlo è stato l’assessore alla cultura del Comune di Cassino, Danilo Grossi, che ha annunciato la due giorni organizzativa per l’evento di fine agosto. “La notte bianca della cultura – ha continuato Grossi – vuole essere un evento importante che va a garantire il livello qualitativo dell’offerta culturale per la città, attraverso proposte interessanti che mirano a coinvolgere di tutti i soggetti di Cassino che solitamente operano in questo ambito.  Proprio per questo abbiamo voluto questa due giorni organizzativa, che si terrà nella giornata di domani e di dopodomani, nel corso della quale continueremo il dialogo con le associazioni culturali di e di categoria al fine di organizzare al meglio una manifestazione che vuole differenziarsi dalla canonica notte bianca a cui siamo solitamente abituati, avendo come esempio da seguire la grande notte bianca di Roma e quella molto originale di Parigi. La notte bianca della cultura, infatti, è innanzitutto una vetrina per tutte quelle associazioni culturali che avranno modo in questa occasione di vedere coronato il lavoro che svolgono nel corso dell’anno sul territorio. Un discorso questo che vale anche per le attività commerciali della città alle quali proporremo l’allestimento di vetrine a tema, in modo che anche i negozi del centro potranno essere protagonisti e contribuire in maniera fattiva alla buona riuscita della manifestazione. La fase organizzativa, quindi, è partita e va a completare un lavoro portato avanti alla pro loco di Cassino, i cui referenti sono Domenico Durante ed Antonio De Rosa, e con le associazioni del territorio, con l’istituzione di un vero e proprio gruppo di lavoro che vedrà concentrata la sua attività proprio sull’organizzazione della notte bianca. Questo è un ulteriore passo su quel percorso intrapreso qualche mese fa al fine di creare una vera e propria rete tra istituzioni, cittadini ed associazioni con l’obiettivo di migliorare sempre di più l’offerta culturale della nostra città. Nonostante il momento di crisi che purtroppo penalizza fortemente anche il settore culturale come testimoniano le grandi difficoltà che molte città italiane, anche importanti, hanno nell’allestire una programmazione estiva di livello, Cassino è in controtendenza rispetto all’andamento nazionale ed anche quest’anno offrirà ai suoi cittadini ed ai tanti che sicuramente arriveranno in città richiamati dal tipo di offerta culturale, un’estate di altissimo profilo che si chiuderà proprio, tralasciando per un attimo gli appuntamenti di settembre, il 31 agosto con la notte bianca della cultura; un evento che come si evince stiamo costruendo tutti insieme a partire proprio da domani.”

1 luglio 2013 0

Parcheggio di piazza Garibaldi gratuito per tutta la durata del “Beer Festival”, fino al 7 luglio

Di redazionecassino1

“In occasione del festival beer, che si concluderà il prossimo 7 luglio, abbiamo deciso di rendere libero il parcheggio della stazione per venire incontro alle esigenze dei numerosi pendolari che nel periodo interessato non possono usufruire né di piazza Nicholas Green nel del piazzale del mercato che sono occupati dagli stand e dal palco per gli spettacoli della manifestazione.” A dichiararlo è stato l’assessore alla Polizia Municipale del Comune di Cassino Emiliano Venturi che ha aggiunto: “nei giorni scorsi ho convocato personalmente i vertici della Tmp per ribadire, in accordo con il comandante della Polizia Locale Giuseppe Acquaro, la necessità di rendere gratuito il parcheggio della stazione per l’intera durata del festival beer in modo da venire incontro a quanti ogni mattina per ragioni lavorative prendono il treno. A seguito di quell’incontro, quindi, riscontrata la disponibilità da parte della ditta che gestisce le strisce blu abbiamo provveduto ad emanare l’ordinanza con la quale fino al sette luglio si potrà usufruire gratuitamente del parcheggio della stazione. Venendo meno, infatti, i parcheggi liberi assicurati dalle aree in cui in questi giorni si sta tenendo la manifestazione, mi riferisco in particolare a piazza Nicholas Green, si è voluto trovare una soluzione per non penalizzare eccessivamente i numerosi pendolari che ogni giorno si spostano per ragioni lavorative. Come Amministrazione abbiamo subito voluto dare una risposta concreta e fa piacere constatare la disponibilità della ditta che, capendo l’esigenza del momento, ha accettato immediatamente la nostra proposta venendo incontro alle esigenze di una gran fetta di cittadini.”