pubblicato il21 ottobre 2013 alle 18:57

Tedeschi:”Questa crisi la stanno pagando i più deboli”

 

Questa crisi la stanno pagando i più deboli. Questo è ormai innegabile: precari, disoccupati, cassaintegrati, piccole e medie imprese. Ma c’è anche un’altra categoria: quelli che continuano a lavorare, anche a pieno ritmo, pur non essendo pagati. In un certo senso potremmo definirli i veri, nuovi benefattori ed in effetti è così anche se hanno urgente bisogno di riavere quanto spetta loro: lo stipendio, così come previsto dal contratto che hanno firmato. Questi “nuovi e veri” benefattori lavorano senza essere più pagati da svariati mesi  in tanti  settori, uno per tutti: l’informazione. A fronte di una RAI che firma contratti ultra milionari e conta centinaia di dirigenti nella sua struttura, c’è un’editoria locale, in particolare in Provincia di Frosinone, con giornalisti che non ricevono lo stipendio quasi da un anno. I fondi  già assegnati in effetti ci sarebbero, ma risultano essere bloccati in via cautelativa. La cautela è d’obbligo, ma non possono farne le spese i giornalisti che certo non gestiscono risorse, ma solo informazioni. Allora se da una parte tutti auspichiamo che si esca dalla crisi, dall’altra parte sembra interessare a pochi una ripartenza davvero giusta e solidale che non calpesti i diritti dei lavoratori. 
 
© ilpuntoamezzogiorno.it - vietata la riproduzione anche parziale di testi e immagini



Ultime notizie

... sto caricando ...

Mostra più notizie

Direttore responsabile: E. Amedei - © Ilpuntoamezzogiorno.it - Tutti i diritti riservati - Iscrizione registro stampa tribunale di Cassino n° 3/07 - decreto n° 78/07