I Guerrilleri universitari in azione per dire “Stop a pregiudizi e discriminazioni sulla disabilità”

20 maggio 2014 1 Di redazionecassino1

Torna a colpire Guerrilla Marketing e questa volta lo fa su un tema importante e di impegno sociale: le disriminazioni sulla disabilità. Lo fa di buon mattino, intorno alle 6, ed ai primi automobilisti, che percorrono corso della Repubblica a Cassino, appaiono le gabbie con dei ragazzi al loro interno. Sicuramente avran pensato a qualche diavoleria messa in atto da qualche buontempone in vena di scherzi, ma non era così. Si tratta di un esperimento sulla sensibilità verso il tema della disabilità. Un progetto di ricerca sperimentale “Guerrillando”, attivo presso il corso di Laurea In Scienze della Comunicazione, Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale, che ha ideato un’azione di Guerrilla Marketing con il centro Cudari, Centro Universitario Diversamente Abili Ricerca Innovazione, per sostenere il tema sociale della disabilità e sensibilizzare l’opinione pubblica. L’azione pubblicitaria si svolge in pieno centro nella Città Martire, per tutta la mattina. Scopo dell’iniziativa quello di dare un nuovo volto al tema della disabilità nel contesto sociale. “E se fossimo tutti disabili?” questo l’interrogativo che i ‘guerrilleri’ hanno voluto porre ai cittadini con la loro azione. La disabilità rappresenta ancora oggi un arcaico pregiudizio d’inferiorità, spesso relegata all’ultimo gradino della scala sociale. L’azione di Guerrilla Marketing nasce dalla volontà e dall’interesse costante di riscoprire il valore della disabilità all’interno della società per renderla parte integrante del suo tessuto esistenziale. L’obiettivo dei “Guerrilleri” è quello di porre la disabilità al centro della società come forza vitale di cui spesso se ne ignora la portata, nella frenesia del nostro quotidiano. Le modalità studiate per trasmettere il messaggio si adattano al contesto nel quale si è scelto di ideare l’azione e cercano di essere – come vuole una giusta azione di Guerrilla Marketing – di forte attrazione e impatto emotivo.
L’azione è rivolta a tutte le fasce sociali, alla eterogenea moltitudine di persone che compongono la nostra società, un tema che non può essere racchiuso in determinate fasce d’età. L’obiettivo, infatti, è proprio quello di coinvolgere l’intera cittadinanza, dai più giovani ai più anziani e di rappresentare senza filtri il disagio che tutti i disabili provano, nella quotidianità e nelle difficoltà del loro inserimento sociale.
L’azione messa in atto dai giovani “Guerrilleri” questa mattina su corso della Repubblica, prevede la costruzione di otto gabbie giganti distribuite lungo tutta questa strada principale della città. Ogni gabbia sarà occupata da uno degli studenti del corso di Guerrilla Marketing, con lo scopo di rappresentare le disabilità nel loro complesso dai non vedenti, agli autistici, ai disabili con difficoltà motoria, a quelli affetti da disabilità sensoriale come i sordomuti. Sarà quindi allestito un percorso che collegherà le varie gabbie attraverso anche l’utilizzo della tecnica dello Street art per rendere più efficace il messaggio.
L’azione ideata dagli studenti del corso di Guerrilla Marketing si prefigge lo scopo di instaurare un confronto con la reale percezione della disabilità e con le prospettive che il tema dovrebbe far nascere in ogni cittadino, cercando di evidenziare quelle tante mancanze che la società attuale mostra e con cui ogni diversamente abile è costretto a combattere. L’azione mira a catturare l’attenzione dei cittadini penetrando “aggressivamente” nella città, sconvolgendo il pubblico e il ritmo quotidiano della vita.
Il progetto sperimentale “Guerrillando” nato presso l’Università degli studi di Cassino e del Lazio Meridionale, in particolar modo dal Polo didattico di Sora, sede del Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione, all’interno del Laboratorio di Psicologia della Pubblicità, durante l’anno accademico 2012/2013, è un progetto sperimentale di ricerca del laboratorio di Psicologia della Pubblicità. Un momento di studio che coinvolge studenti, docenti e professionisti sulla creazione di forme di marketing alternativo e che è seguito al Prof. Filippo Petruccelli, titolare di cattedra: Laboratorio di Psicologia della Pubblicità, Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione. Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale, dalla prof.ssa Fiorenza Taricone: Coordinatrice del Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione, e Presidente del centro Cudari, Centro Universitario Diversamente Abili Ricerca Innovazione, UNICLAM e dalla dott.ssa Michela Paglia, esperta in Strategie di Comunicazione e Pubblicità non convenzionali, Ideatrice e coordinatrice del Progetto sperimentale di Ricerca “ Guerrillando” oltre a numerosi studenti che hanno questa mattina, fin dalle prime luci dell’alba realizzato il progetto.
F. Pensabene