pubblicato il3 febbraio 2015 alle 15:46

Un video porno su facebook infetta i computer

Una nuova minaccia corre sul web, questa volta a farne le spese è il più diffuso dei social network:facebook. Un virus su Facebook che si diffonde attraverso un video porno sta infettando migliaia di pc degli utenti. Più di 110.000 gestori hanno aperto il link che porta al presunto video e si è concluso con il proprio account infettato.
Nell’ottica di tutela dei consumatori e degli utenti di internet, Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, porta all’attenzione del pubblico un ulteriore attacco alla sicurezza della rete di rilevanti proporzioni che, al momento, è sfuggito ai media italiani. L’ultimo video che circola sul colosso statunitense della rete Facebook, con cosiddetti contenuti pornografici, è riuscito a infettare 110.000 utenti ed avrebbero apparentemente diffuso malware che inficiano le operazioni sui computer infetti e potrebbero fornire agli intrusi l’accesso ad informazioni private.. Ha dare l’allarme sulla sicurezza il blog Threatpost, che ha analizzato le prestazioni del virus nel social network e ha dato il numero dei dati infetti. Il virus sarebbe collegato al Profilo di un amico su Facebook per essere visibile per un numero limitato di persone. In esso si può vedere una scena porno pubblicata su Youtube, già pubblicata da un altro sospetto. Tuttavia, la scena non si vede. Quando l’utente tenta di visualizzare il video, può solo guardare alcuni secondi finché non viene visualizzato un messaggio. I Paesi più colpiti sono la Francia, la Gran Bretagna, Italia e la Romania. Gli autori dell’attentato non sono noti, ma sono chiaramente finanziariamente motivati e hanno i loro servizi offerti ad altri attori.

faccedivita.it
© ilpuntoamezzogiorno.it - vietata la riproduzione anche parziale di testi e immagini



Ultime notizie

... sto caricando ...

Mostra più notizie

Direttore responsabile: E. Amedei - © Ilpuntoamezzogiorno.it - Tutti i diritti riservati - Iscrizione registro stampa tribunale di Cassino n° 3/07 - decreto n° 78/07