Giorno: 25 marzo 2015

25 marzo 2015 0

Formia ricorda Pietro Mennea, appuntamento domenica al Centro di Preparazione Olimpica

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

“Formia abbraccia Pietro Mennea”. E’ il titolo della grande serata in programma domenica 29 marzo presso l’Aula Magna del Centro di Preparazione Olimpica “Bruno Zauli” di Formia. L’evento, organizzato dall’Amministrazione comunale in collaborazione con “Formia Basketball” ed “Università Popolare Riviera di Ulisse”, accompagna e prepara la proiezione della prima puntata di “Pietro Mennea – La freccia del sud”, la miniserie dedicata alla vita del mitico recordman di Città del Messico che andrà in onda domenica sera su Rai 1 alle ore 21.10 (seconda puntata lunedì 30 alla stessa ora).

“La fatica non è mai sprecata. Soffri, ma sogni”. Le parole di Mennea accompagnano il programma della serata a lui dedicata. Appuntamento alle ore 19 col saluto delle autorità e il seminario di Nicola Candeloro dal titolo “La lunga strada dei sentimenti”. Alle 20 il ricordo del campione attraverso la voce di chi lo conobbe, negli anni trascorsi sulla pista dello stadio degli Aranci dove Mennea costruì la gran parte dei suoi straordinari trionfi

Al tavolo di presidenza siederanno il Sindaco Sandro Bartolomeo, l’Assessora allo Sport Eliana Talamas; Marta Aceto, di Rai Fiction; Mario Arceri e i moderatori Maria Solis (Basketball inVITA) e Giuseppe Santoro (UniPRU).

Al microfono si alterneranno amici come Franco Zanotto (che leggerà una lettera della moglie di Mennea); Umberto Brunetti (manager Fiat distaccato da Torino a Formia proprio per gestire l’immagine dell’atleta); Elio Papponetti (manager sportivo). E ancora: Sandro Giovannelli, manager ed ex braccio destro di Primo Nebiolo; il velocista Simone Collio, medaglia d’argento nel 2010 ai campionati europei di Barcellona con la staffetta 4×100 (in quell’occasione fu battuto il record italiano stabilito nel 1983 dal quartetto Tilli, Pavoni, Simionato, Mennea); Giuseppe Gibilisco, oro nel salto con l’asta ai mondiali del 2003 a Parigi; Mario Arceri, l’ultimo giornalista ad aver intervistato Mennea, due mesi prima della morte.

Saranno inoltre proiettati i videosaluti di Sara Simeoni (l’altra grande stella dell’atletica italiana cresciuta sulle piste del Centro Coni di Formia), Erminio Azzaro e Carlo Vittori, storico allenatore di Mennea. Interverrano via Skype anche l’attore Michele Riondino (Mennea nella fiction di Rai 1), il regista e la sceneggiatrice del film, Ricky Tognazzi e Simona Izzo.

Conclusioni affidate al primo cittadino Sandro Bartolomeo. La cittadinanza è invitata a partecipare.

Alle 21.10 partirà la proiezione della miniserie Tv che tanto spazio dà a Formia, al CPO “Bruno Zauli” e al ricordo di un atleta inimitabile che tanto lustro ha dato e continua a dare alla città.

25 marzo 2015 0

Dalla Romania manda la figlia minore a prostituirsi a Roma e si fa spedire soldi, madre arrestata insieme ad altre quattro persone

Di admin

Cinque persone, (B.N. 45 anni, P.M. 38 anni, G.F. 26 anni, M.A. 25anni e A.M. 53anni), alcune residenti a Roma, altri in Romania, sono state arresta perché ritenute responsabili, a vario titolo, dello sfruttamento e del favoreggiamento della prostituzione esercitata in strada, da una ragazza romena di 16 anni. Le ordinanze per l’applicazione di misure cautelare emessa dal GIP presso il Tribunale di Roma, Luigi Balestrieri, su richiesta dei PM della Procura della Repubblica di Roma, Maria Monteleone e Cristiana Macchiusi, sono state eseguite dai carabinieri den nucleo investigativo del reparto operativo di Roma.

Le indagini sono state avviate dai militari di via in Selci a seguito della denuncia di scomparsa presentata, nel luglio del 2014, presso un Comando Stazione Carabinieri, da una zia della minore residente in provincia di Bergamo. Nella circostanza, la donna aveva riferito di essere stata contattata telefonicamente dalla nipote che le aveva confidato di essere stata portata in Italia da un connazionale, il quale la stava costringendo a prostituirsi in strada nei pressi di Roma.

Le indagini eseguite sulla vicenda dai carabinieri del Nucleo Investigativo di Roma hanno consentito di acquisire gravi elementi di responsabilità nei confronti di cinque persone che, a vario titolo, hanno sfruttato e/o favorito l’attività di prostituzione esercitata dalla minore, nonché indentificare numerosi clienti della giovane ragazza romena che sono stati denunciati all’A.G. per violazione dell’art. 600 bis c.p. (prostituzione minorile).

Tra le persone arrestate figurano la madre e il compagno della minore, raggiunti in Romania dal mandato di arresto europeo, i quali, consapevoli dell’attività svolta dalla giovane, si facevano inviare parte dei proventi del meretricio tramite servizi di trasferimento di denaro.

La minore, rintracciata mentre si stava prostituendo lungo una strada del quartiere EUR, è stata affidata ad una struttura di prima accoglienza.

25 marzo 2015 0

Picchia la madre con una mazza da baseball, 33enne arrestato a Piglio

Di admin

Stanca di vederlo tornare ubriaco ha osato lamentarsi e ha ricevuto in cambio una serie di bastonate dal figlio. E’ accaduto a Piglio dove un 33enne del posto, alle legittime rimostranze della madre, ha imbracciato una mazza da basebool con la quale non ha esitato a colpire il genitore. L’intervento dei carabinieri è stato provvidenziale perché alla donna non venisse fatto ulteriormente male. Al loro arrivo i militari si sono trovati di fronte il 33enne che, ancora armato, ha opposto energica resistenza. Alla fine è stato arrestato per maltrattamento in famiglia, lesioni personali, minacce aggravate, danneggiamento e resistenza a pubblico ufficiale. La donna, ferita per i colpi rivcevuto, è stata trasportata in ospedale ad Alatri.

Er. Amedei

25 marzo 2015 0

Duemila tifosi del Latina per il derby con il Frosinone

Di admin

A Frosinone saranno duemila i tifosi del Latina che potranno assistere al derby laziale tra le due squadre che militano in serie B. Lo ha stabilito ieri nel corso del G.O.S. con cui il coordinamento per l’ordine pubblico sta trovando strategie per evitare problemi nel corso dell’incontro. Domani si svolgerà un’altra riunione del G.O.S. per mettere a punto il sistema di sicurezza. Tutto è stato organizzato per assicurare il dispositivo di sicurezza la cui eventuale rimodulazione sarà determinata da un cambiamento dell’attuale situazione relativa all’impianto sportivo su cui determineranno gli organi di giustizia sportiva.

Er. Amedei

25 marzo 2015 0

Marina di Castellone, da night della camorra a rifugio per senzatetto, sgomberato dalla polizia

Di admin

Ex night sequestrato alla Camorra a Formia e diventato ritrovi di extracomunitari e mendicanti è stato sgomberato questa mattina dagli agenti della polizia del commissariato di Formia diretti dal vice questore Paolo Di Francia (nella foto). Si tratta della struttura nota come Marina di Castellone, sottratta anni fa agli interessi dei clan campani ma mai riutilizzata. Alcune segnalazioni indicavano che la struttura era abitata da strane figure e, per questo, stamattina, gli agenti di polizia e quelli della municipale, hanno effettuato un accesso all’ex night trovando conferme a quelle segnalazioni. Infatti all’interno sono state sorprese tre persone tra cui una donna di origine campana, del suo compagno di nazionalità polacca e di un nigeriano, proveniente da Roma, in età compresa tra i 30 ed i 50 anni. Tutti con precedenti polizia, in particolare l’uomo di origine africana, già tratto in arresto per reati in tema di stupefacenti. Gli stessi si erano ricavato un ricovero di fortuna, all’interno dei locali dell’ex night club sequestrato alla criminalità, ove avevano trascorso la notte precedente. Vi erano segni evidentio che non fossero solo loro ad abitare in quel luogo. E’ questo il risultato di ritardi nell’assegnare strutture sottratte alla criminalità a finalità sociali.

Er. Amedei

25 marzo 2015 0

Taccheggiatore di salmone sorpreso all’uscita del supermarket. Denunciato 40enne a Frosinone

Di admin

Ladro di salmone fermato dalla polizia in pieno centro a Frosinone. E’ accaduto ieri sera quando gli agenti di una volante hanno notato un uomo che cammina nascondendo qualcosa sotto la giacca. Lo fermano e scoprono che il rigonfiamento del giubbino era dovuto a sei confezioni di salmone insolitamente trasportati. Un riscontro presso l’adiacente supermercato, svela il mistero. Il responsabile dell’attività commerciale ha confermato agli agenti la sottrazione di sei confezioni uguali a quelle rinvenute, della cui marca sono tra l’altro gli unici venditori su Frosinone. Alla luce dei fatti il quarantenne frusinate, con diversi precedenti penali a carico, è stato denunciato per furto aggravato mentre la refurtiva è stata restituita al proprietario dell’esercizio commerciale. Er. Amedei

25 marzo 2015 0

Droga, soldi e violenza (contro i carabinieri), due giovani arrestati a Minturno

Di admin

Due etti di hashish sono stati sequestrati ieri dai carabinieri di Formia a due giovani, nel corso di un controllo scattato a Minturno. D.M.G. 28 anni di Minturno e S.A. 24 anni di Formia, alla vista dei militari hanno gettato dal finestrino l’involucro che conteneva la droga ma i carabinieri l’hanno recuperata e mentre procedevano alla perquisizione dell’auto, il 24enne si è scagliato contor i militari rimediando, così, oltre alla contestazione del reato di detenzione ai fini dello spaccio per entrambi, anche quello di violenza, minaccia, resistenza e oltraggio a Pubblico Ufficiale. Nelle perquisizioni domiciliari sono stati sequestrati altre modiche quantità di droga, e la somma di 500 euro, tutto sequestrato mentre i due giovani sono stati arrestati.

25 marzo 2015 0

Il parco letterario Tommaso Landolfi presentato alla fondazione Dante Alighieri

Di admin

Il parco letterario ispirato a Tommaso Landolfi muove i primi passi. Sarà presso la Fondazione Dante Alighieri di Roma a Palazzo Firenze che si terrà l’iniziativa che vede il Comune di Pico protagonista.

Il parco letterario “Tommaso Landolfi e Il Paese del P.” è stato tenuto a battesimo dal critico d’arte più famoso d’Italia Vittorio Sgarbi nel corso di una manifestazione riuscitissima che si è tenuta pochi mesi fa nella suggestiva cornice della chiesa di Santa Marina nel cuore del centro storico. Da quel momento è iniziato un percorso di valorizzazione del borgo che intreccia la sua storia, le sue leggende e le sue peculiarità territoriali alla scrittura di uno degli autori più significativi del ‘900 italiano.

Tommaso Landolfi non ha mai fatto mistero di trovare nell’atmosfera di Pico le condizioni ideali per poter scrivere. Quel luogo che fa da sfondo ai suoi romanzi, a tratti fantastici, diventa nelle opere di Landolfi “Il Paese del P.” ed è proprio questo il nome scelto per il parco letterario.

Il 1° aprile presso la prestigiosa sede della società Dante Alighieri in piazza Firenze a Roma, i riflettori saranno puntati sul percorso storico-culturale realizzato a Pico: il Parco letterario® Tommaso Landolfi e “Il Paese del P.” e sulle opportunità insite nel progetto.

La manifestazione prenderà il via alle 17.30 nella sala di Palazzo Firenze, sede dell’associazione Dante Alighieri, con i saluti da parte del presidente della rete dei parchi letterari Stanislao De Marsanich e del sindaco di Pico Ornella Carnevale. Subito dopo sarà Luigi Falcone, referente del progetto presso la società Dante Alighieri, a presentare concretamente l’iniziativa legata a Pico. L’attenzione si concentrerà su Tommaso Landolfi con gli interventi degli studenti del professor Muzzioli e per finire spazio all’enogastronomia locale con una degustazione di prodotti tipici.

25 marzo 2015 0

Micitto, il gatto che apre la finestra – guarda il video

Di admin

Un professionista dell’arrampicata capace di straordinari equilibrismi. Ma soprattutto capace di stupire anche gli scettici. Ogni mattina, appena percepisce che gli abitanti dell’appartamento sono svegli si mette all’opera. Anticipa la sua evoluzione con un fioco miagolio tanto per essere certo che i suoi amici umani siano in casa. Micitto, questo il nome di un bel gattone tigrato, ogni mattina si esibisce in uno spettacolo che ha dell’incredibile.

L’esperienza gli ha permesso di affinare la tecnica e ogni suo gesto è diventato impeccabile e la riuscita della missione è sempre certa. Basta aprire leggermente i listelli di un’anta della persiana per vedere Micitto mettersi all’opera. Uno scatto felino, non serve dirlo, gli consente con uno solo balzo di issarsi sulla persiana e poi armato di pazienza e mettendo a frutto la sua mole significativa infila il muso tra i listelli e li apre forzandoli con il suo peso.

A quel punto entra all’interno dell’intercapedine tra la finestra chiusa e la persiana altrettanto chiusa. Raggiunto l’equilibrio necessario e conquistata la giusta posizione con alcuni colpi di zampa sicuri e ben assestati ruota la maniglia della persiana aprendola. D’inverno la sua evoluzione finisce con un miagolio davanti la finestra chiusa, in estate quando i vetri sono di solito spalancati si gusta felicemente l’ingresso nell’appartamento e si gode il successo direttamente sul divano.

Paola Lombardi

25 marzo 2015 0

Sequestrati, picchiati e rapinati in casa, assaltata villa di un imprenditore di Pontecorvo

Di admin

Un vero assalto nel cuore della notte e in Ciociaria torna l’incubo delle rapine in villa. A farne le spese è stata, alle 2.30 della notte appena trascorsa, la famiglia di un imprendiutore edile che abita in via Ravano a Pontecorvo insieme alla famiglia della figlia, questa, madre di due bambine in tenera età.  Cinque o forse sei malviventi, con volto travisato e armati di pistole, si sono introdotti nella casa mentre  tutti dormivano. Tutti sono stati presi ostaggio per oltre due ore, il figlio e il genero dell’imprenditore sono stati anche picchiati e hanno avuto bisognmo delle cure ospedaliere. Ottenuti circa duemila cinquecento euro, alcune motoseghe, fucili da caccia e le auto di grossa cilindrata, sono scappati. Lasciando la famiglia terrorizzata e con l’unica possibilità utile, quella di chiamare i carabinieri. Poco lontano sono state ritrovate le due auto con i fucili ma della banda nessuna traccia. Nessuna ipotesi sulla provenienza, neanche sulla nazionalità. Si indaga a 360 gradi.

Ermanno Amedei