Giorno: 9 novembre 2015

9 novembre 2015 0

Picchia un 26enne che ruba legna, 60enne di Cervaro denunciato dal malvivente

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Cervaro – Ruba legna da ardere e denuncia per lesioni e minacce l’uomo intervenuto a difesa della derubata. Sì. Avete capito bene, il ladro che denuncia il derubato o chi difende il derubato. È accaduto a Cervaro dove i carabinieri della stazione si sono trovati ad occuparsi dell’intricata vicenda che ha visto alcuni giorni fa un 26enne pregiudicato entrare nel giardino di casa di una vedova di Cervaro e rubare circa quattro quintali di legna da ardere. Alle urla della donna era intervenuto in aiuto il vicino di casa 60enne il quale, al fine di far allontanare il ladro che continuava ad arraffare legna, lo ha colpito e minacciato. Ritenendo ingiusta l’irruenza del vicino di casa dell’anziana vedova, e temendo delle ritorsioni da parte dello stesso, senza alcun ritegno, il ladro due giorni dopo si è recato presso il Comando Stazione Carabinieri di Cervaro per denunciare il 60enne per lesioni e minaccia nei suoi confronti. I militari operanti, forse anche loro sbigottiti per l’ardire del giovane, hanno comunque assolto al loro dovere sequestrando in maniera cautelativa sei fucili da caccia, regolarmente detenuti dal 60enne. Il giovane, invece, è stato denunciato per furto aggravato.

Ermanno Amedei

9 novembre 2015 0

Il Vescovo Antonazzo canta i brani di Morandi con i giovani a Posta Fibreno

Di redazione

Poteva essere un sabato sera come tanti in discoteca, al pub o in giro senza meta ma non è stato così per oltre cento giovani che sabato 7 novembre hanno completamente riempito la Pizzeria Holiday a Posta Fibreno.

Una serata di musica, gioia e tanta tanta allegria dal titolo ‘Musichiamoci’, giunta alla sua seconda edizione, fortemente voluta dal Maestro Rino Troiani che ha raccolto tutti i cori parrocchiali della città di Sora. “Noi, anche se non ci pensiamo, siamo una famiglia e la musica è il nostro modo di esprimere l’affetto e la stima che ci lega”. Queste le parole di Rino, da sempre impegnato nella pastorale giovanile e che anche tramite la musica fornisce alternative ai giovani del nostro territorio per aiutarli nel loro difficile cammino di crescita e provare a formare una coscienza cristiana e sociale.

La pizzeria allestita con la strumentazione degna dei migliori service ha visto il susseguirsi dei ragazzi cimentarsi in canti GEN e Gospel fino ai classici della musica rock e pop, accompagnati dai ‘Dear Gerry’ la band della Pastorale Giovanile Diocesana di cui Rino è il responsabile. Ma la sorpresa e l’emozione più grande è stato l’inaspettato apparire tra i tavoli del Vescovo accompagnato dal giovanissimo neo rettore del Seminario don William Di Cicco. Il Vescovo Gerardo, anche dopo una dura settimana di impegni istituzionali, non ha voluto far mancare il suo affetto e soprattutto la sua vicinanza ai tanti giovani che quotidianamente si impegnano per animare le celebrazioni nelle varie chiese della città ciociara. Con il suo paterno affetto ma soprattutto con spirito sempre giovanile, il Vescovo non ha esitato, come già accaduto in qualche altra occasione, a cimentarsi personalmente insieme ai ragazzi nel brano di Morandi ‘C’era un ragazzo che come me amava i Beatles e i RollingStones’. Molto toccante è stato il saluto finale dei ragazzi al Vescovo, cantando tutti insieme il brano di Paolo Migani ‘Con un’ala soltanto’, sul testo di una preghiera di don Tonino Bello, conterraneo e Padre Spirituale del Vescovo, le cui parole rappresentano al meglio il senso della serata: ‘vivere non è trascinare la vita, non è strapparla, non è rosicchiarla: vivere è abbandonarsi come un gabbiano all’ebbrezza del vento; vivere è assaporare l’avventura della libertà’

Riccardo Petricca

foto Alberto Ceccon

9 novembre 2015 0

Presunto pestaggio di minore in piazza a Cassino, su facebook minacce di vendetta

Di redazione

Cassino – La segnalazione di una furibonda rissa tra giovani è arrivata in piena notte tra sabato e domenica alla centrale della polizia di Cassino. Il testimone raccontava che alcuni ragazzi si stavano picchiando in piazza Labriola a Cassino ma che, all’arrivo degli agenti, si sono dileguati. Su i social si è diffusa la notizia di un ragazzino, pare fosse 15enne, picchiato selvaggiamente da uno o più adulti. Alcuni post riportavano loe intenzioni dei parenti del ragazzino di vendicarlo. Del caso se ne stanno occupando gli agenti del Commissariato di Cassino diretto dal vice questore Cristina Rapetti

Er. Amedei

9 novembre 2015 0

Razzia di radici di Genziana sui Monti Simbruini a Filettino, tre Ciociari multati

Di redazione

Filettino – Stavano estirpando piante di Genziana, al secolo Gentiana lutea, un piccolo arbusto che cresce in altura, ed in particolare nel parco regionale dei Monti Simbruini. Le radici della pianta, che però è una specie protetta, sono particolarmente ricercate perché se ne ricava un prelibato amaro: l’amaro di Genziana. I carabinieri della stazione di Filettino hanno sorpreso tre ciociari che aveva già sradicato 20 chili di radici. I tre sono stati sanzionati.

9 novembre 2015 0

Spacciatore arrestato a Frosinone, nel borsello aveva droga e lista dei clienti

Di redazione

Frosinone – Si disfa del borsello che conteneva droga, documenti e blok notes in cui annotava le consegne ai clienti. A finire in carcere ieri sera è stato un 38enne di Frosinone particolarmente noto alleforze dell’ordine. L’uomo è stato notato dagli agenti della squadra mobile mentre parlava nei pressi del parcheggio di una palazzina e, alla vista dei poliziotti, si è dato alla fuga. L’inseguiomento a piedi si è protratto per diverse centinaia di metri prima che il 39enne si disfacesse di un borsello recuperato successivamente. Fermato e immobilizzato è stato portato in commissariato insieme al borsello che conteneva 36 grammi di cocaina, circa 125 grammi di hashish e circa 55 grammi di marijuana, già suddivisi in numerose confezioni ed ovuli pronti per essere piazzati tra i suoi “clienti”. Il valore dello stupefacente è stato stimato dalla polizia aggirarsi intorno ai settemila euro. Difficile per lui negare la proprietà della droga dato che lo stesso borsello conteneva la patente di guida, il tesserino sanitario, un block notes finanche le chiavi della sua auto ritrovata dagli agenti poco lontano dal luogo in cui era stato notato parlare con un consumatore. Le attenzioni degli investigatori si sono soffermati sulle annotazioni riportate sul block notes utili per ricostruire la mappatura dei consumatori a Frosinone.