pubblicato il30 aprile 2016 alle 16:57

Il parco Baden Powell di via Verdi “invaso” da un motoraduno e dagli immancabili paninari

Moto parcheggiate sulla vecchia pavimentazione dell’ex campo boario

Cassino – Il parco “Baden Powell” di via Verdi “invaso” da un motoraduno e dagli immancabili paninari
Il parco “Baden Powell” di via Verdi trasformato in un raduno di moto, con tanto di mezzi di ristoro, tavoli e, soprattutto, motociclette di grossa cilindrata “accampate” sulla vecchia pavimentazione dell’ex campo boario. Una parte di quel parco che è di particolare pregio storico e che dovrebbe essere tutelata e conservata. Questa la situazione che caratterizza in questo weekend il secondo polmone verde di Cassino. La domanda che molti cittadini, frequentatori abituali di quel parco con figli o nipoti, si sono posti sembra scontata: perché si è autorizzato un raduno del genere in quel luogo? Quali sono le motivazioni che hanno permesso un simile scempio? Si potrebbe aggiungere a quel legittimo interrogativo. Certo è che solitamente il parco Baden Powell nei fine settimana ospita le attività di associazioni scoutistiche, improntate al rispetto della natura e farlo accanto ad un evento motoristico, con tanto di ‘paninari’, inoltre chi provvederà a ripulire l’area occupata dai rifiuti? Tutto ciò qualche perplessità sacrosanta la suscita. Come sia potuto accadere tutto questo è da chiarire, così come è da capire chi abbia potuto autorizzare una manifestazione del genere, per giunta promossa, sembra, da un circolo del Capoluogo. Qualcuno dovrà rispondere ai dubbi dei cittadini! E speriamo che lo faccia al più presto!
F. Pensabene
IMG-20160430-WA0017 IMG-20160430-WA0019 IMG-20160430-WA0020 IMG-20160430-WA0021 IMG-20160430-WA0022

© ilpuntoamezzogiorno.it - vietata la riproduzione anche parziale di testi e immagini



Ultime notizie

... sto caricando ...

Mostra più notizie

Direttore responsabile: E. Amedei - © Ilpuntoamezzogiorno.it - Tutti i diritti riservati - Iscrizione registro stampa tribunale di Cassino n° 3/07 - decreto n° 78/07