pubblicato il1 agosto 2016 alle 11:11

Musica ad alto volume in auto? Ora sanzioni pesantissime per i “disturbatori”

Cassino A chi non piace ascoltare la musica? I guai, però, cominciano quando questo avviene ad un volume poco consono e rispettoso della tranquillità altrui. Non è difficile, del resto, anche a Cassino, imbattersi in auto che somigliano più a delle discoteche viaggianti che a mezzi di trasporto. Un malcostume che non risparmia le ore del giorne e, peggio ancora, della notte, sia il centro cittadino che le periferie. Ancor più grave è quando la musica la si “spari ad alto volume” nel cuore della notte in campo Miranda o qualsiasi altra zona, tanto da far tremare i vetri e il letto dei malcapitati residenti.
Bene, questi maleducati sappiano che “la musica”, sotto questo aspetto, è finita e potrebbero essere condannati e sanzionati a dovere con conseguente confisca dell’impianto da discoteca con cui vanno scorrazzando per la città a rompere i timpani. Lo ha stabilito una sentenza della Corte di Cassazione (sentenza n.7543 del 2016 ) pubblicata sul portale di un noto studio legale, che ha condannato un automobilista siciliano in giro con tre amplificatori da concerto da 200 a 1500 Watt sulla propria autovettura. Fermato dalla polizia, si è visto non soltanto sanzionare, ma anche sequestrare l’impianto stereo. L’incivile, inoltre, si è beccato una condanna, confermata in Cassazione, per “disturbo del riposo e delle occupazioni delle persone”, oltre a dover pagare un’ammenda di 300 euro, più altri mille euro a favore della Cassa della ammende e le spese processuali. E speriamo che la lezione possa essere di monito anche a qualche nostro concittadino…!
F. Pensabene

© ilpuntoamezzogiorno.it - vietata la riproduzione anche parziale di testi e immagini



Ultime notizie

... sto caricando ...

Mostra più notizie

Direttore responsabile: E. Amedei - © Ilpuntoamezzogiorno.it - Tutti i diritti riservati - Iscrizione registro stampa tribunale di Cassino n° 3/07 - decreto n° 78/07