Giorno: 10 settembre 2017

10 settembre 2017 0

Si ferma ancora il depuratore in zona Cerro, residenti infuriati, pronti alle vie legali

Di redazionecassino1
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Cassino – Non c’è pace per i residenti di Cerro che vivono nei pressi del depuratore Cosilam. Ancora una volta l’impianto Is2 gestito dalla società AEA si sarebbe fermato sversando, come già avvenuto più volte in passato, nel Rio Fontanelle i liquami. “Ogni sabato e domenica – riferiscono i residenti – l’impianto smette di funzionare, non si sa per quali motivi, e i miasmi e gli odori nauseabondi si fanno sentire”. Una situazione che ha visto anche l’intervento deile Forze dell’ordine di Cassino, chiamati proprio da chi abita in quella zona stanco di sopportare di convivere con questo problema ormai da troppo tempo. Gli abitanti della zona puntano il dito contro la cattiva gestione di “chi dovrebbe depurare le acque provenienti dalle attività industriali e invece non lo fa”. Forte preoccupazione è stata espressa dai cittadini per le possibili conseguenze ambientali e per la loro salute. Non basta.  Gli abitanti sono sul piede di guerra e, oltre alla società di gestione del depuratore colpevole di una gestione “non a regola d’arte”, chiamano in causa anche il sindaco di Cassino, Carlo Maria D’Alessandro che a loro giudizio: “Deve intervenire senza se e senza ma”. Sono esasperati e pronti a dare mandato a legali di loro fiducia per vedere tutelati non soltanto i loro diritti di cittadini continuamente minacciati da problemi ambientali, ma soprattutto per la tutela della loro salute da una situazione divenuta insostenibile.

 

10 settembre 2017 0

 Strutture sportive abbandonate a Sant’Apollinare, Neri: “Non lasciamoci scappare un’altra opportunità”.

Di redazionecassino1
Sant’Apollinare – Che i luoghi di svago siano una parte fondamentale per la comunità è indiscutibile, strutture ludiche che contribuiscono al benessere dei cittadini e in particolare alla formazione dei più piccoli. Quando queste manchino, o siano danneggiate, è altresì indiscutibile che sia l’amministrazione comunale, per quanto concerne gli edifici pubblici, ad occuparsi di relativa manutenzione. Tanto più quando le disponibilità pecuniarie del solo Comune siano sostenute da stanziamenti economici della Regione. Ma partiamo dall’inizio. Sant’Apollinare, comune di 1800 abitanti, immerso nello splendido panorama della campagna ciociara ben visibile dal complesso di strutture sportive cittadino. O quello che ne resta, a ben guardare. Dei due campetti di calcio, rispettivamente uno destinato al calcio a 11 e l’altro a quello a 5, non restano che briciole di asfalto lì dove il terreno più adatto a questo genere di sport – per la sicurezza dei calciatori – dovrebbe essere ricoperto da un tappeto d’erba. E che dire delle porte, ormai arrugginite e accartocciate fra loro, utilizzabili ormai dai soli rovi come propria base d’appoggio. Una desolazione che certamente scoraggia gli sportivi e persino i più piccoli, i quali non possono godere della possibilità della zona per la quale basterebbe la semplice e costante manutenzione. Non meno disastrosa la situazione in cui versa l’adiacente campo da tennis, con una pavimentazione sconnessa, sfregiata e sommersa dalle erbacce. La sola idea di fare un match al suo interno fa presagire la spiacevole sensazione delle ginocchia sbucciate alla prima caduta e tiene quindi lontani quanti vorrebbero dedicarsi all’attività sportiva sicuramente salutare rispetto a quella effettuata in un centro cittadino più grande proprio grazie alla qualità dell’aria della zona. “L’interesse del sindaco, Enzo Scittarelli, sembra limitarsi a porzioni di strada del paese – afferma il coordinatore giovani di Forza Italia Francesco Neri – mentre sulle strutture pubbliche la sua attenzione sembra ancora lontana. In particolar modo risultano degradati non solo i campi sportivi ma anche la pista ciclabile”. E di fatto l’intera lunghezza del percorso ciclabile risulta interamente danneggiata, ritroviamo di fatto anche qui erbacce che sporgono dalla pavimentazione resa irregolare dall’usura del tempo, con l’aggiunta di pietruzze grezze provenienti in parte dallo sgretolamento stesso della pista e in parte dal terreno con la quale essa limita. “Abbiamo l’opportunità di ridare decoro alle strutture sportive del nostro paese, attirando nuovamente investitori nel settore calcistico come già avveniva anni fa. Risanare i campi sportivi e la pista ciclabile equivarrebbe quindi non solo a rendere ai cittadini i giusti luoghi di svago bensì creerebbe un business tale da attirare nuovi investitori così come possibili residenti e il paese ne risulterebbe accresciuto, culturalmente e fisicamente” conclude Neri, “L’auspicio è che il sindaco comprenda questa necessità dei suoi concittadini e non si lasci sfuggire una tale occasione, economicamente parlando”. Giulia Guerra
10 settembre 2017 0

Formia: allerta meteo per le giornate di domenica e lunedì. L’invito del sindaco alla prudenza.

Di redazionecassino1

Sulla base del Bollettino di Vigilanza Meteorologica Nazionale emesso dal Dipartimento della Protezione Civile, la Regione Lazio ha diramato l’allerta meteo per le giornate di domenica 10 e lunedì 11 settembre.

Previste precipitazioni diffuse, prevalentemente a carattere di rovescio o temporale, temperature in sensibile diminuzione, venti da forti a burrasca sulle zone costiere e mari da molto mossi ad agitati.

“Prego i concittadini di essere particolarmente attenti perché sono previste precipitazioni importanti – è l’invito del sindaco, Sandro Bartolomeo – valuteremo se sarà opportuno o meno tenere manifestazioni pubbliche. L’invito che rivolgo ai cittadini è comunque di andare in giro il meno possibile e di uscire solo se strettamente necessario”.