Giorno: 11 dicembre 2017

11 dicembre 2017 0

Castro dei Volsci, “Il paese diventa Presepe”

Di redazionecassino1
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Castro dei Volsci –  Da 23 anni il Natale in Ciociaria è caratterizzato dal tradizionale appuntamento che si svolge ogni anno in uno dei “Borghi più belli d’Italia”. Oltre cento figuranti che animano una quarantina di scene e fanno rivivere, in questa piccola Betlemme nostrana, scorci di vita quotidiana di una comunità contadina ciociara tipica dei primi anni dell’Ottocento. Tutta la rappresentazione è inserita all’interno dello scenario naturale del centro storico dove vicoli, archi, stradine, cantine, stalle, angoli caratteristici e locali in disuso rivivono grazie al Presepe e sono resi ancora più suggestivi da luci e fiaccole romane.

Durante il caratteristico percorso è d’obbligo l’assaggio delle tradizionali frittelle, delle salcicce castresi, delle pizze fritte, delle cotiche con i fagioli e dei dolci annaffiati da buon vino locale. Per la realizzazione di questo originale presepe nulla è tralasciato: tutto è curato con estrema attenzione, fino a rendere ogni piccolo particolare importante e caratteristico. Vengono allestiti scenari che ripropongono e fanno rivivere gli antichi mestieri, sono ricreate scene di vita contadina e artigianale, fino alla mangiatoia in cui è deposto il Bambino, un vero neonato con tanto di mamma e papà accanto.

In occasione dell’Epifania sarà possibile assistere al suggestivo arrivo dei Re Magi a dorso di cammello raggiungendo il centro storico con il servizio navetta gratuito messo a disposizione per l’occasione.

Dal balcone della Ciociaria inoltre sarà possibile ammirare il suggestivo panorama della Valle del Sacco e del Liri grazie a due potenti cannocchiali di recente installazione.

Per i camperisti sarà in funzione un’area sosta camper attrezzata

11 dicembre 2017 0

Intensa attività di controlli per carabinieri nel weekend

Di redazionecassino1

Anagni – Il personale della Compagnia di Anagni, nel decorso fine settimana ha eseguito un servizio di controllo del territorio che ha visto coinvolti i militari della Stazioni dipendenti e del Nucleo Operativo e Radiomobile, procedendo a:

–    deferire in stato di libertà un 61enne residente nel capoluogo ciociaro, già censito per reati contro il patrimonio, poiché inosservante del provvedimento di rimpatrio con F.V.O. e divieto di ritorno in quel comune per anni 3 emesso a suo carico dalla locale Questura;

–    segnalare alla Prefettura di Frosinone un giovane ferentinese poiché trovato in possesso di gr.1 di sostanza stupefacente del tipo cocaina, sottoposta a sequestro;

–    avanzare proposto per l’irrogazione della misura di prevenzione del rimpatrio con F.V.O. nei confronti di sei giovani, gravati da pregiudizi penali per reati contro il patrimonio, la persona e gli stupefacenti, poiché a seguito del controllo non erano in grado di giustificare la loro presenza nel territorio della Compagnia.

Nel corso del dispositivo venivano altresì controllati numerosi veicoli ed i relativi occupanti, elevando anche nr.6 contravvenzioni al C.D.S..

11 dicembre 2017 0

Carabinieri in alta uniforme, durante le feste, nel centro storico di Anagni

Di redazionecassino1

Anagni – L’iniziativa dei Carabinieri di indossare l’Uniforme da rappresentanza nella città dei Papi nel corso delle festività natalizia, oltre a dare maestosità ai luoghi d’arte del luogo, suscita ammirazione e gioia tra i giovani, turisti e residenti della zona. I servizi di rappresentanza, con la sfarzosa uniforme dell’Arma usata da oltre duecento anni dai militari per le cerimonia, che verranno svolti nel periodo di natale, non fanno che accrescere la stima verso la divisa e l’Arma dei Carabinieri che vigila alla salvaguarda del bene comune.

L’obiettivo dell’iniziativa è quello di potenziare la sicurezza, soprattutto attraverso l’opera di prevenzione contro ogni tipo di delitto, durante le festività di Natale e Capodanno.

11 dicembre 2017 0

Basket serie C Silver: Sconfitta per Veroli sul parquet di Albano Basket Club

Di redazionecassino1

La gara contro Albano termina con la sconfitta dei giallorossi e con il risultato finale di 82 – 60. Albano dopo 2 sconfitte di fila, vince nettamente lo scontro diretto per il secondo posto con Veroli in un match sempre condotto. Una partita molto complicata per Veroli che ospite di Albano viene sconfitta al termine di una gara molto intensa. Veroli incontra un Albano concentrato e convinto come nelle migliori serate, con un Loggia ispiratissimo e dominatore del pitturato, top scorer di serata con 23 punti. Albano, sin dalle prime battute alza il ritmo della gara costringendo i ciociari a correre per superare il pressing dei padroni di casa. Il piano partita preparato da Coach Cipriani prevedeva un gioco molto dinamico in attacco ed una difesa a uomo “faccia a faccia” sugli esterni giallorossi. La squadra di coach Rotondo fatica molto a trovare la via del canestro (solo in 5 a referto), soprattutto sotto canestro dove i lunghi romani hanno fatto veramente la differenza. Nonostante ciò, i ciociari non hanno mai mollato e solo negli ultimi 4 minuti di gioco è maturato il punteggio finale (82-60), ingeneroso rispetto a quanto si è visto in campo. La Pallacanestro Veroli 2016 resta nelle posizioni alte della classifica e questa sconfitta non arresta l’entusiasmo di una squadra neopromossa in Serie C Silver che contro ogni aspettativa sta affrontando il percorso nei migliori dei modi: «Consapevoli che ci aspettava una partita dura con una squadra completa che affrontiamo già da due anni. Il risultato è bugiardo e non rispecchia certamente quello che si è visto in campo dato che fino a 6 minuti dalla fine eravamo in piena partita. Questa sconfitta esalterà ancor di più la forza del nostro gruppo – dichiara il capitano Velocci – e ci faremo trovare subito pronti per l’importante sfida di domenica in quel di Ciampino. Andremo ovviamente a cercare la vittoria per continuare a restare tra le prime tre della vetta. Abbiamo bisogno dei nostri tifosi in questo momento e colgo l’occasione per invitare tutti a partecipare alla cena di Natale che si terrà venerdì 15 dicembre».

 

Prossimo appuntamento dell’anno, il 17 Dicembre, sul campo capitolino di Ciampino. Ricordiamo invece l’appuntamento del 15 Dicembre con la “Cena di Natale con la Pallacanestro Veroli 2016” presso l’Hotel Relais Filonardi per lo scambio di auguri.

Albano Basket Club 82 – Pallacanestro Veroli 2016 60

Pall. Veroli 2016: Fiorini M. 20, Fiorini G. 14, Mauti 8, Frusone 9, Velocci 9, Iannarilli, Celani, Igliozzi, Lella, Lauretti. All. Rotondo.

11 dicembre 2017 0

Il settimo sigillo della Virtus Cassino, non sbaglia e supera Patti

Di redazionecassino1

“Una buona partita, certo potevamo incorrere nel pericolo di sottovalutare l’impegno, ma non lo abbiamo fatto. Siamo stati bravi a prepararla così come andava fatto e soprattutto a non incorrere in rischi che altre volte abbiamo corso in modo non consono a quelle che sono le nostre possibilità e le nostr capacità” queste le parole al termine del vittorioso incontro contro Patti del Team Manager della  Virtus Cassino, Furio De Monaco. Vero , verissimo.

E dunque la Virtus inanella il settimo sigillo consecutivo di questa stagione. La settima vittoria consecutiva, la terza in questa settimana di fuoco per gli uomini di Luca Vettese che raggiungono quota 18 in classifica e si preparano alla trasferta delicata in terra molisana, dove domenica prossima affronteranno Isernia.

La gara di questa sera non ha avuto storia, oggettivamente. Cassino ha vinto le prime tre frazioni di gioco cedendo di misura nella quarta, ma la sensazione è stata sempre quella di un dominio assoluto delle operazioni di gioco da parte di Panzini e compagni.

“Noi abbiamo fatto quello che potevamo fare, sapevamo benissimo che avevamo pochissime chance di venire a vincere su questo parquet” le parole al termine della gara del coach dei siciliani, Sidoti “perché sapevamo che si sarebbero affrontate due squadre con obiettivi completamente diversi e soprattutto due team strutturati in modo completamente diverso. Facciamo oggettivamente due campionati diversi pur militando nello stesso girone. Da quello che ho visto stasera, ma mi manca ancora Barcellona per avere una visione d’insieme globale delle pretendenti al salto di categoria, penso che Cassino se la possa giocare con tutti fino in fondo. Poi devo sottolineare come io abbia incontrato nel giro di 72 ore sia Palestrina che Cassino e devo dire che oggi i cassinati mi hanno decisamente impressionato rispetto ai prenestini” queste le impressioni post gara del coach dei messinesi.

Una gara come detto a senso unico per tutti i quaranta minuti ma che in realtà ha avuto un inizio abbastanza anomalo nel corso del quale le due compagini non hanno realizzato segnature per ben 2 minuti e 35 secondi allorquando gli ospiti sono passati in vantaggio con una conclusione dalla lunga distanza di Busco. E’ l’unico vantaggio di serata degli ospiti e dura lo spazio di 20 secondi perché sul capovolgimento di fronte Lorenzo “Lollo” Panzini pareggia con una conclusione dai 6,75.

Da questo momento inizia il progressivo allungo della BPC Virtus Cassino che si concretizza con il + 9 del finale di primo quarto grazie all’assist al bacio di Enzo Cena per un liberissimo Biagio Sergio dal fatidico arco dei tre punti. Il cassinate implacabile insacca tra il tripudio generale il canestro del 21 a 12 proprio sulla sirena.

La BPC resta in controllo delle sorti del match anche nel corso del secondo quarto di gioco che scorre via senza particolari sussulti. Gli ospiti non riescono ad impensierire minimamente i padroni di casa che iniziano a ruotare tutti gli effettivi a disposizione di coach Luca Vettese.

Da segnalare uno spettacolare “pick’n’roll” giocato dal duo Carrizo – Bagnoli che lascia esterrefatta la difesa ospite e scatena l’entusiasmo in tribuna tra i sostenitori della Virtus Cassino i quali si spellano le mani per il passaggio no-look dell’argentino con la maglia 99 sulle spalle.

Bagnoli comincia finalmente a far sentire il suo peso sotto le plance per le “V” rossoblù e soprattutto Vettese comincia ad utilizzarlo con minutaggi più consistenti. Progressiva crescita sostanziale del lungo cassinate che chiuderà da top scorer la gara con 15 punti realizzati in 16 minuti effettivi di gioco. Insomma non è ancora il vero Simone Bagnoli ma al momento la sua stazza e la sua presenza comincia a farsi sentire.

La seconda frazione di gioco si chiude con i cassinati avanti per 44 a 30.

Si va al riposo lungo con Sergio e compagni in assoluto controllo del match.

Alla ripresa si ha subito l’impressione però che la Virtus Cassino abbia intenzione di accelerare attraverso l’aumentare dell’intensità difensiva. E’ così è.

Carrizo e compagni hanno voglia di chiudere le porte ad ogni minima velleità di rimonta da parte degli ospiti. E’ così piazzano un micidiale 21 a 6 di parziale.

Di Poce sostituisce egregiamente Panzini che viene fatto riposare da coach Vettese. Sugli scudi capitan Del Testa con una azione difensiva clamorosa condita da un tuffo sul parquet per aprire il contropiede virtussino di Di Poce che con un assist di rara bellezza pesca Cena il quale conclude a canestro per il + 17, 50 a 33, tra gli applausi del pubblico.

Carrizo è implacabile e con una tripla delle sue firma il +20. Banach su assist di Cena segna i primi due punti di serata per il 63 a 33 massimo vantaggio dei padroni di casa. Successivamente il giovane lungo cassinate proprio in chiusura di quarto si esibirà in una schiacciata a difesa schierata di rara bellezza. + 29 per i virtussini cassinati 65-36.

La quarta frazione è una vetrina per gli under cassinati. Patti arriva fino al -21 con un canestro di Ettaro a metà tempo. 72-51.

Bagnoli trascina i quattro giovani cassinati, 79 -51, che Vettese gli ha affiancato. Non si intravvedono possibilità di reazione per gli ospiti. La gara volge al termine sui due tiri liberi di Bagnoli che fissa il risultato finale sull’83 a 57.

Dunque la BPC Cassino conquista la settima vittoria di fila e si appresta ad affrontare la settimana che porterà alla complicata gara di Isernia . “Restiamo umili” predica laconico Vettese a fine gara “ e andremo lontano”.

I tifosi rossoblù concordano.

   

 Virtus Cassino – Basket Patti 83-57

Parziali 21-12, 23-18, 21-6, 18-21

BPC Virtus Cassino: Simone Bagnoli 15 (7/9, 0/0), Niccolò Petrucci 13 (2/3, 3/5), Lorenzo Panzini 10 (1/2, 2/4), Manuel Carrizo 8 (1/1, 2/3), Robert Banach 8 (3/3, 0/0), Enzo Cena 6 (2/4, 0/3), Fabrizio De Ninno 6 (1/3, 0/0), Maurizio Del Testa 5 (1/2, 1/5), Biagio Sergio 5 (1/2, 1/3), Fabio Guglielmo 4 (0/1, 1/3), Giuseppe Di Poce 3 (1/2, 0/1)

Tiri liberi: 13 / 18 – Rimbalzi: 39 8 + 31 (Biagio Sergio 8) – Assist: 26 (Simone Bagnoli, Niccolò Petrucci, Lorenzo Panzini, Enzo Cena 4)

All. Luca Vettese Ass. Serena Incelli

Basket Patti: Locci 13 (6/13, 0/0), Fowler 12 (3/8, 2/3), Busco 10 (3/6, 1/1), Legnini 8 (1/5, 2/7), Dispinseri 8 (2/5, 1/4), Sidoti 3 (0/2, 1/4), Ettaro 2 (1/1, 0/1), Piperno 1 (0/0, 0/0), Mazzullo 0 (0/2, 0/0), Pappalardo 0 (0/0, 0/0), Pekovic 0 (0/0, 0/0)

Tiri liberi: 4 / 6 – Rimbalzi: 28 8 + 20 (Locci 7) – Assist: 13 (Fowler, Busco, Legnini 3)

All. Sidoti

11 dicembre 2017 0

Basket serie C Silver: Pessimo primo tempo, Serapo ’85 cade a Frosinone

Di redazionecassino1

Nell’undicesima giornata del campionato di Serie C Silver, il Basket Serapo 85’ esce sconfitta dalla trasferta che la vedeva opposta allo SCUBA Frosinone con il punteggio di 70-64. Con i se e con i ma non si risolve niente, però l’impressione avuta è quella che ha accompagnato la squadra Gaetana in questo inizio di stagione: l’approccio alla gara non è stato dei migliori e la squadra locale ne ha subito approfittato mettendo un gap importante già alla fine del primo quarto ( 23-13) quando, in particolare, a Ceccarelli gli è stata concessa fin troppa libertà per mettere in evidenza le sue doti ( 16 punti nel solo primo quarto). il secondo quarto registra una miglioria in fase difensiva ma quello che di buono vien fatto da una metà campo viene vanificata nell’altra: gioco troppo compassato e molti errori banali. In  tutto ciò l’impressione di iniziare ad entrare in partita seppur allo scadere viene regalata la doppia opportunità a Meschino ( determinante per la sua formazione) di segnare la tripla del 39-26.

La strigliata di Coach Cianciaruso negli spogliatoi serve a qualcosa, visto che la squadra Biancoverde torna in campo in maniera più aggressiva e trascinata da Niccolai e Valente si porta sul -4 ( 52-48) quando mancano 10’ alla conclusione. Anche l’inizio dell’ultimo quarto la squadra gaetana si fa preferire ma le triple di Ceccarelli, Renzi e Meschino  allontano il pericolo. A 2’ dalla fine il Basket Serapo 85’ ha anche la palla del possibile sorpasso ma Valente si fa pescare in un fallo intenzionale che regala a Ceccarelli la possibilità di ricacciare indietro gli ospiti. L’uscita per 5 falli di Niccolai e Valente e la serata negativa di Porfido non permettono ai gaetani di provare un recupero ancora possibile.  lo Scuba Frosinone porta a casa la gara e di fatto blinda per lo meno il quarto posto, mentre il Basket Serapo 85’ dovrà continuare a lavorare duro per cercare di eliminare dei black out iniziali che, come successo questa sera, possono essere pagati a caro prezzo.

Scuba Frosinone – Basket Serapo 85’ 70-64 (23-13;39-26;52-48)

Scuba Frosinone: Meschino 16, Grazzini 2, Marrocco n.e., Ghinet n.e., Andreozzi 2, Stazi 2, Rocchi 12, Tricarico 4, Bianchi n.e, Renzi 7, Ceccarelli 25. Coach: Calcabrina

Basket Serapo 85’: Di Dia n.e., Niccolai 15, Wissel, Scampone 8, Leccese 15, Santaniello n.e., Treglia n.e., Valente F., Antetomaso J., Antetomaso M. 3, Valente L. 12, Porfido 11. Coach: Cianciaruso

Ufficio Stampa Basket Serapo 85’

11 dicembre 2017 0

Labbirra vince e si riprende la vetta della classifica, Ducato Sora si conferma capolista

Di redazionecassino1

Undicesima giornata di Eccellenza, la penultima prima della sosta per le festività natalizia, che vede saldamente al vertice della classifica del torneo Ducato di Sora (nella foto), nonostante il pareggio esterno, 1 a 1, sul terreno della diretta inseguitrice, Tordoni Pontecorvo, nello scontro diretto. Sconfitta casalinga per Caira, la seconda dopo quella rimediata proprio contro la capolista la scorsa settimana, contro Isotopi Pontecorvo per 3 a 4 che relega la formazione cassinate al terzo posto in classifica a cinque lunghezze dalla capolista. Vittoria esterna, 0 a 1, anche per l’altra formazione volsca, Canceglie, ottenuta nel match che la vedeva impegnata contro Sordella. Ancora una sconfitta per la Sangermanese, 2 a 1, contro i padroni di casa di Tibia e Peroni. facile vittoria, 1 a 4, di Cerreto sul terreno di DS Dodici. Torna a riprendersi la vetta della classifica di Promozione Labbirra che vince, 6 a 5, contro il Real Castelnuovo ed approfitta del pareggio di Collecedro. Proprio la formazione santangelese non va oltre il 2 a 2 sul terreno di Janula. Non c’è storia nel confronto fra DrinkTeam Duff e Terelle, del resto il risultato, 0 a 8, parla chiaro e consente alla formazione di Terelle di godersi il terzo posto in classifica per il turno di riposo di Moscuso. Vittoria anche per l’altra formazione aurunca, Amatori Castelnuovo, che supera ampiamente, 4 a 0, Sant’Ambrogio City.

F. Pensabene

11 dicembre 2017 0

Natale in casa Comarco, l’incanto della festa più attesa dell’anno, fra luci e addobbi suggestivi

Di redazionecassino1

Cassino – Il Natale è la festa più attesa dell’anno non solo sotto l’aspetto religioso, ma per tutta l’atmosfera che si respira. Preparare l’albero o il presepe è il momento di maggior intensità per grandi e piccoli. Gli addobbi alla propria abitazione rappresentano una festa nella festa, un rito magico a cui nessuno rinuncerebbe. C’è chi ci lavora per un anno intero per preparare ciò che serve e all’avvicinarsi della ricorrenza non bada a spese dà il meglio della propria creatività. È quello che hanno fatto a casa Comarco, in via Campo dei monaci a Cassino. Oltre agli addobbi interni, anche l’esterno dell’abitazione viene adornata di luci, alberi di Natale, luminarie nel giardino e persino lungo la strada di accesso. Nulla è lasciato al caso, addirittura non solo il tradizionale albero, ma un presepe, con la mangiatoia, le figure di San Giuseppe, della Madonna e stella cometa, con la culla vuota, in attesa della mezzanotte del 25 prossimo, per completarla con il Bambino Gesù. Immancabile la slitta di Babbo Natale trainata dalle renne rigorosamente illuminata di luci multi colori come tutto il resto. Una vera opera d’arte che incanta chi si trovi a passar da quella via e chi accorre a vedere tanta bellezza e uno spettacolo ricco e suggestivo per grandi e piccoli. E allora buon Natale a tutti!

F. Pensabene

11 dicembre 2017 0

L’albero di Natale che raccoglie i desideri e intrattiene i viaggiatori

Di admin
ROMA – Leggere i desideri degli altri e scriverne di propri. È il passatempo che sembra raccogliere le maggiori preferenze tra i viaggiatori in attesa alla stazione ferroviaria di Roma Termini. L’albero di Natale, alto una decina di metri, decorato con soli led, posizionato da alcuni giorni davanti l’ingresso principale della stazione in piazza dei 500, calamita l’attenzione di pendolari e turisti, italiani e stranieri, in attesa della partenza del proprio treno. La lettura delle centinaia di biglietti-lettera per babbo Natale “trafitti” dai led usati per assicurarli all’albero, invogliano a scriverne di nuovi. Se ne leggono in tutte le lingue e contengono messaggi e desideri di ogni genere. Numerosi sono quelli amorosi: “Caro Babbo Natale ti chiedo solo di continuare a farmi stare vicino al mio ragazzo e renderlo felice”. C’è pure chi combina i desideri e chiede a Santa Claus di salvaguardare il rapporto sentimentale ma anche di portare soldi e lavoro. C’è chi lascia a Babbo Natale il suo codice Iban e c’è anche chi gli rivolge un pensiero di tipo più sociale chiedendogli come un bambini chiederebbe un giocattolo, di regalargli una classe politica che abbia a cuore più gli interessi della gente che i propri. Questo, mentre intorno all’albero, i primi senza tetto cominciano a stendere sui cartoni le coperte preparandosi a passare la notte in stazione. Ermanno Amedei