Tag: approvazione

31 ottobre 2017 Non attivi

Di Mambro: “Approvazione della Commissione Sanità della Regione del regolamento registro tumori altro passo verso la meta”

Di redazionecassino1
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

“Questa mattina la commissione Sanità della Regione Lazio ha approvato all’unanimità il regolamento attuativo del Registro Tumori. Un altro successo anche per la Provincia di Frosinone”. Lo dichiara un entusiasta Carmine Di Mambro, consigliere del Comune di Cassino e principale sostenitore della campagna a favore del Registro dei Tumori.

“Stiamo parlando di uno strumento che dovrebbe essere già presente da tempo su tutto il territorio è rimasto nell’oblio per troppo tempo punto il mezzo necessario per fornire una mappatura delle patologie oncologiche nella nostra provincia e in tutta la regione così da poter fornire i mezzi necessari al personale medico per affrontare campagne di prevenzione adatte e mirate per le fasce di età e per i cittadini in base alla loro residenza e agli eventuali rischi ai quali sono esposti.

Il registro dei Tumori non è un documento scritto e chiuso in un cassetto rappresenta uno strumento in continua evoluzione a disposizione di tutta la cittadinanza non soltanto delle persone che vivono quotidianamente la malattia, non soltanto a disposizione dei familiari che con silenzio e sofferenza sostengono i loro cari ma di tutta la cittadinanza senza differenze di politica cultura età o contesto sociale. È un traguardo raggiunto per il bene della comunità. Oggi è stato compiuto un altro passo verso la meta”.

La battaglia del consigliere Di Mambro è stata condotta fin da subito con tenacia e passione non solo per questioni personali ma proprio a tutela e in difesa di tutte le voci che sono rimaste inascoltate per anni nonostante le urla di disperazione di madri che hanno perso figli, mariti che hanno perso mogli e famiglie che si sono spezzate. “Ora si può fare la differenza il registro dei Tumori può aiutare nella prevenzione. Un passo alla volta per raggiungere l’obiettivo , un percorso difficile da fare tutti quanti insieme che lasceremo in eredità ai nostri figli affinché possano avere i mezzi necessari per affrontare la vita in questo territorio con maggiore consapevolezza”. ha concluso il.consigliere comunale Carmine Di Mambro.

21 febbraio 2017 0

Secondino: Nella prossima seduta approvazione patto gemellaggio Cassino-Norcia-Subiaco

Di redazionecassino1

Il presidente del consiglio comunale, Dino Secondino, ha convocato, oggi, la prossima seduta della massima assise cittadina che si svolgerà il giorno 27 febbraio alle ore 19. “L’ordine del giorno prevederà una serie di interrogazioni presentate dai consiglieri comunali di opposizione mentre l’ultimo tema da trattare sarà quello relativo all’approvazione del patto di gemellaggio tra le città di Cassino, Norcia e Subiaco. Tra i suddetti comuni è stato già ratificato un “Patto di Amicizia”, approvato con deliberazione del consiglio Comunale nella seduta dell11 luglio 2013. A seguito dei recenti contatti i comuni benedettini, anche a seguito degli eventi sismici che hanno colpito le comunità dell’Italia Centrale, tra cui quella di Norcia hanno stabilito di rafforzare il loro legame di amicizia trasformandolo in quello più profondo di fratellanza. In sostanza il consiglio comunale si dovrà esprimere sull’istaurazione di un rapporto di gemellaggio tra tutti e tre comuni, che pochi giorni fa si sono ritrovati a Roma presso la sede del Parlamento Europeo in Italia per presentare l’itinerario della Fiaccola Benedettina. Ovviamente questo atto è, appunto, fondato sulle radici storiche, culturali e religiose confluenti nella figura del Santpo Patriarca e Patronio Primario d’Europa, San Benedetto. Sarà dato mandato al Sindaco, Carlo Maria D’Alessandro, di sottoscrivere insieme ai primi cittadini di Norcia e Subiaco, rispettivamente, Nicola Alemanno e Francesco Pelliccia, il Patto di Gemellaggio in cui le città di impegnano a instaurare rapporti di cooperazione e di fraterna amicizia, costanti e sempiù intensi, per un’armoniosa crescita umana, sociale, culturale delle proprie comunità e per la solidarietà ed unità nazionale, coinvolgendo tutte le parti sociali”. Ha concluso Dino Secondino.