Tag: aziendale

30 novembre 2017 0

Ideal Standard: Zingaretti scrive a Calenda “Decisione aziendale inaccettabile”

Di redazionecassino1
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Roma – “Gentile Ministro, sin dal nostro insediamento abbiamo seguito con particolare attenzione la società Ideal Standard di Roccasecca (FR) partecipando a tutti gli incontri tenuti presso il Ministero dello Sviluppo Economico con l’obiettivo sia di tutelare la salvaguardia del Gruppo Ideal Standard sul territorio nazionale sia di creare opportunità di rilancio per il sito di Roccasecca. Nel 2014, a seguito della scelta aziendale di procedere alla chiusura del sito di Orcenico (Friuli Venezia Giulia), la società garantiva la continuità produttiva presso i siti di Trichiana (Veneto) e Roccasecca (Lazio) mettendo in atto una ristrutturazione organizzativa – contenuta nel Piano Industriale 2015-2017- che prevedeva investimenti idonei a rinnovare l’offerta dei prodotti e a migliorare la performance di processo. Nel frattempo, al fine di salvaguardare l’occupazione, l’azienda ha fatto ricorso al Contratto di Solidarietà per i lavoratori del sito di Roccasecca (terminata nel 2014) e ha sottoscritto un contratto di secondo livello (il cui rinnovo avrebbe dovuto esserci a dicembre 2017) per ridurre il costo di lavoro. Lo stabilimento di Roccasecca, con un organico di 316 lavoratori, è il fiore all’occhiello di Ideal Standard. Si posiziona come centro di eccellenza Europeo per la produzione di modelli complessi dedicati a vasi e bidet su tecnologia gesso. In occasione dell’ultimo incontro tenutosi presso il Ministero dello Sviluppo Economico il 13 novembre u.s., abbiamo invitato l’azienda a fornirci il piano industriale necessario per sostenere il gli investimenti sullo stabilimento. Apprendiamo oggi che l’azienda ha cambiato idea: anziché procedere con gli investimenti ha deciso di chiudere lo stabilimento. Questa decisione è inaccettabile perché toglie ogni prospettiva agli oltre 300 lavoratori attualmente occupati. Ritengo, a questo punto, importante un ulteriore intervento delle istituzioni per provare a trovare soluzioni alternative al licenziamento. Ti scrivo quindi per chiedere la disponibilità del Ministero che presiedi a promuovere un nuovo incontro con i vertici aziendali per trovare insieme una soluzione positiva”. Questo il testo della lettera inviata dal Presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti al Ministro dello Sviluppo economico, Carlo Calenda in merito alla vertenza Ideal Standard di Roccasecca.

23 novembre 2016 0

D’Alessandro: “Ho votato contro atto aziendale perche’ non soddisfa esigenze Santa Scolastica”

Di redazionecassino1

Cassino – “Non c’erano le condizioni per la città di Cassino di votare a favore dell’approvazione dell’atto di autonomia aziendale della Asl di Frosinone. Pur riconoscendo la validità del percorso che potrebbe portare all’istituzione del Dea di II Livello a Frosinone per garantire servizi e prestazioni all’avanguardia di cui potrebbe beneficiare tutto il territorio, infatti, non sono stati previsti interventi consoni per il funzionamento dell’ospedale Santa Scolastica di Cassino, che, in quanto Dea di I Livello dovrebbe avere in assoluto tutte le caratteristiche per offrire i servizi derivanti da questo status”. Lo ha dichiarato il Sindaco del Comune di Cassino, Carlo Maria D’Alessandro. “Visto il sistema di razionalizzazione messo in atto dalla dirigenza Asl, avevo richiesto, con l’ausilio dell’assessore alla Sanità, Carmelo Palombo, tre interventi molto semplici sulla nostra struttura sanitaria di riferimento: la riattivazione delle unità operative semplici di Urologia e neonatologia e l’ampliamento a 24h del servizio di emotrasfusione. In pratica erano soltanto delle accortezze per reparti che l’ospedale ha sempre avuto e gestito in modo efficace. Siamo, comunque fermamente convinti che l’ospedale Santa Scolastica andava e vada potenziato, perché cosi com’è non riesce a garantire servizi e prestazioni consoni a soddisfare le richieste del grandissimo bacino d’utenza che quotidianamente si rivolge nel presidio ospedaliero della città martire. In sostanza, quindi, l’atto di autonomia aziendale della Asl di Frosinone proposto non soddisfa le esigenze della nostra struttura sanitaria a cui serve ben altro per essere effettivamente un Dea di I livello. Pertanto, non potevamo che votare contro questo tipo di provvedimento”. Ha concluso il Sindaco del comune di Cassino, Carlo Maria D’Alessandro.

2 marzo 2010 1

Sicurezza e competizione aziendale, Taviano: “Un equilibrio che diventi patrimonio”

Di redazione

La sicurezza sui luoghi di lavoro è l’argomento affrontato da Paolo andrea Taviano, giudice del tribunale di Cassino, nella rubrica Il Punto di Vista (clicca). Un equilibrio, quello del dover investire sulla sicurezza dei dipendenti e quello di far quadrare i conti mostrandosi ompetitivi sul mercato, difficile da raggiungere e che, unitamente alla crisi, ha lasciato sul campo, nel corso del 2009, il 23% di aziende (fallite) rispetto all’anno precedente. “L’esigenza di mantenere alti e di migliorare sempre di più gli standards di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro – dice taviano nel suo scritto – è un segno di grande civiltà, ma questo deve coniugarsi necessariamente con il radicamento di una cultura della sicurezza che diventi patrimonio di tutti e che trasformi ciò che oggi è considerato un costo, in un investimento dell’impresa sotto il profilo qualitativo sia del prodotto che del ciclo produttivo”.

26 gennaio 2010 1

Da Confindustria un seminario sulla salvaguardia del patrimonio aziendale

Di redazione

Confindustria Frosinone in collaborazione con l’Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti contabili di Frosinone e AIM Italia, ha organizzato un pomeriggio formativo su tematiche di particolare interesse per le Piccole e Medie Imprese. Il seminario si sofferma soprattutto sulle opportunità offerte da AIM Italia, il mercato della Borsa Italiana dedicato alle PMI e sull’adozione e l’adeguamento dei modelli organizzativi ai sensi del D. Lgs 231/01 come salvaguardia del patrimonio aziendale”. L’incontro si terrà presso la sede dell’Associazione in via del Plebiscito 15 a Frosinone, venerdì 29 gennaio con inizio alle 14.30 e prevede, per gli iscritti all’Ordine, l’acquisizione di crediti formativi. Dopo i saluti del Presidente di Confindustria Frosinone Marcello Pigliacelli e di Umberto Lombardi Presidente dell’Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti contabili di Frosinone, seguirà una breve introduzione ai temi da parte di Rosario Zoino, Dottore Commercialista e componente della Giunta di Confindustria. Le conclusioni saranno a cura di Davide Papa, Presidente del Comitato Piccola Industria di Confindustria Frosinone. Il programma è suddiviso in due sessioni di lavoro, una dedicata all’incontro con l’Alternative Investment Market (AIM) Italia, mercato della Borsa Italiana dedicato alle PMI, per il quale interverrà Vittorio Benedetti, mentre Paolo Verna e Franco Gaudenti rappresenteranno la Partners Event srl. Attraverso l’AIM Italia le PMI hanno l’opportunità di proporsi ad un sistema di investitori internazionali di cui l’AIM Italia può essere considerata la porta d’accesso. Nel corso della sessione si approfondiranno tutti i vantaggi di tale mercato nonché il processo di quotazione. La seconda sessione, strettamente collegata alla prima in termini di crescita di impresa, introduce il tema dei Modelli organizzativi ai sensi del Decreto Legislativo 231/01, la cui adozione da parte delle aziende rappresenta un elemento di tutela in occasione della commissione di reati da parte di propri dipendenti e collaboratori. Interverrà Massimo Fulvio Campanelli, socio PKF Italia SpA. Da anni Confindustria è impegnata su tale argomento, predisponendo già nel 2002 le Linee guida che racchiudono i criteri generali di redazione dei codici, utili alle aziende per la predisposizione dei singoli modelli organizzativi. Anche Confindustria Frosinone, al fine di sensibilizzare le proprie aziende sui rischi insiti nella gestione aziendale, in passato ha già promosso occasioni di approfondimento sulla tematica.

23 settembre 2009 0

Aladino, un progetto per promuovere la crescita aziendale

Di redazione

Si terrà domani mattina alle ore 10.00 il Convegno finale, presso la sala Convegni di Confindustria, del “Progetto Aladino: il genio per crescere, innovare e formare”. Coronato da un grande successo in termini di adesioni ha visto la partecipazione in qualità di capofila di INNOVA – Azienda Speciale della Camera di Commercio di Frosinone e come partner Frosinone Industria Perform e Italconsulenze.it. L´obiettivo, che ci si è posti, afferma il Presidente di INNOVA, Florindo Buffardi è stata la diffusione presso le aziende del territorio di un´ulteriore opportunità di formazione per i propri dipendenti, al fine di contribuire al consolidamento del sistema produttivo locale e della competitività dello stesso. Il piano formativo Aladino, ha spiegato Tommaso De Santis, Presidente di Frosinone Industria Perform, ha permesso alle aziende partecipanti di usufruire di una formazione puntuale, specialistica e, aspetto di fondamentale rilievo gratuita. Il progetto si è articolato in una serie di 44 percorsi formativi, divisi in 8 aree tematiche, per un totale di 3124 ore di formazione. Al Convegno interverranno il Presidente della Camera di Commercio di Frosinone, Mario Papetti, il Presidente di Confindustria Frosinone, Marcello Pigliacelli, il Presidente di INNOVA, Florindo Buffardi. L´apertura dei lavori è affidata a Tommaso De Santis, Presidente di Frosinone Industria Perform, seguirà la presentazione dei risultati a cura di Alessandro Silvestri, Università degli Studi di Cassino. Inoltre interverranno l´Assessore provinciale alla Formazione e Politiche del Lavoro, Ernesto Tersigni, Tommaso Spinosa, Presidente di Italconsulenze.it ed Anita Tarquini in rappresentanza di CGIL-CISL-UIL. Il ruolo di moderatore è affidato a Maurizio Carboni, Vice Direttore di Confindustria Frosinone e le conclusioni al Dott. Lignola Michele, Direttore Generale di Fondimpresa. Nell´ambito del Convegno sono previste testimonianze a cura dei titolari d´azienda e dei dipendenti che hanno usufruito dei percorsi formativi.