Tag: capolavoro

4 maggio 2018 0

La puntura di Ultimo… alla legge elettorale “capolavoro”

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

LA PUNTURA DI ULTIMO – “La legge elettorale ha sortito l’effetto voluto da chi l’ha ideata: nessun vero vincitore, nessuno sconfitto che possa essere ritenuto emarginato, volontà popolare ostaggio della partitocrazia. Nel paese dell’ immobilismo, non c’è che dire, è stata un capolavoro”.

Ultimo

16 aprile 2018 0

Capolavoro Basket Serapo, superata la capolista Fortitudo Roma. Continua la corsa ai play off

Di redazionecassino1

Il capolavoro è servito. Dopo esserci andata parecchie volte vicino, il Basket Serapo 85’ sciorina la migliore prova stagionale contro la capolista Fortitudo Roma, che prima di ieri sera aveva perso solo una gara in tutta la stagione, e continua la sua corsa per approdare ai play off.

Eppure la vigilia a questa gara era vista con un po’ di preoccupazione dallo staff biancoverde vista l’assenza di Leccese ( che aveva da scontare la seconda giornata di squalifica), di Varga ( impegnato con il Basket Scauri) e con Matteo Antetomaso a mezzo servizio per via di un problema alla caviglia. Però anche questa volta la voglia di stupire e di divertirsi hanno avuto la meglio alle situazioni negativi a cui bisogna far fronte.

I ragazzi di Coach Cianciaruso iniziano forte la gara e la Fortitudo Roma viene tenuta a galla dall’ esperienza di Barraco e da Pedemonte. Lucarelli inizia forte la gara, Scampone e Porfido fanno girare ottimamente la squadra e Francesco Valente si fa trovare pronto quando deve sostituire il fratello Luca, gravato subito di 3 falli. Si va così al secondo quarto con la squadra gaetana avanti con il punteggio di 21-17. Secondo quarto che vede un leggero predominio della squadra ospite trascinata da Tommaso Rossetti che riesce finalmente ad entrare in partita. Il Basket Serapo 85’ passa il momento più difficile della gara, va sotto anche di 5 lunghezze ma ha la forza di non mollare ed a fine quarto si rifà sotto grazie alle giocate di Porfido ed alla tripla di Scampone. Si va così al riposo lungo sul punteggio di 37-38 per la compagine capitolina.

Il terzo quarto rappresenta il capolavoro della serata firmato Basket Serapo 85’: Porfido prende per mano i compagni e gli trascina sin dall’inizio del quarto a conquistare un margine di vantaggio che supera anche la doppia cifra, i giovani Di Dia e Santaniello sono sacrificati ad un lavoro oscuro ma preziosissimo in fase difensiva, Antetomaso seppur non in perfette condizioni fisiche riesce a dare il suo contributo difensivo ed a procurarsi tanti falli a favore e  Luca Valente, dopo il problema di falli, entra in partita ed inizia ad essere un problema per la difesa Capitolina che si sostiene grazie all’esperienza dei sui giocatori. La voglia di portare a casa questa clamorosa e meritatissima vittoria è tanta e la squadra gaetana non si spaventa alla reazione della squadra romana, anzi riesce a gestire senza molti affanni la doppia cifra di vantaggio fino alle battute finali quando l’uscita per falli di Lucarelli e Porfido permettono alla Fortitudo di ridurre il disavanzo al -6 finale grazie a due triple negli ultimi istanti di gara da parte di Barraco.

Basket Serapo 85’ – Fortitudo Roma 89-83 (21-17;37-38;62-56)

Basket Serapo 85’: Di Dia 2, Niccolai n.e., Scampone 12, Santaniello, Lucarelli 16, Valente F. 3, Antetomaso j. n.e., Antetomaso M. 3, Valente L. 15, Spignese n.e., Porfido 38. Coach: Cianciaruso

Fortitudo Roma: Rossetti T. 24, Mabor, Martinelli 4, Pedemonte 14, Poccioni 6, Ghirlanda 9, Ciancaglini 2, Bellucci n.e., Barraco 22, Buscaglione 2. Coach: Baiardo.

Ufficio Stampa Basket Serapo 85’

19 aprile 2017 0

Capolavoro della Virtus Cassino, Scauri ko: 82 – 70

Di redazionecassino1

Cerotti a go-go, ma il cuore e la forza oltre l’onore della BPC Virtus Cassino sono senza limiti. Esultano e fanno festa alla sirena dei 40 minuti di gioco gli oltre cento, 100, tifosi che affollano il settore ospiti del Palasport del litorale di Scauri, frazione di Minturno, provincia di Latina.

La penultima di ritorno della regular season del Campionato Nazionale di Serie B, girone C, edizione 2016-17, poneva di fronte in un match caldissimo i delfini del Basket Scauri ed i lupi della BPC Virtus Cassino. La gara si disputava al Palazzetto dello Sport di Scauri, il PalaBorrelli, ed era una sorta di dentro o fuori per i padroni di casa che si giocavano al cospetto del proprio pubblico, gran parte delle chance di agguantare la post – season dei playoff, che invece sulla sponda cassinate era stata conquistata con largo anticipo per il terzo anno consecutivo.

Ma la BPC Virtus Cassino aveva ancora l’obbligo di continuare a salire in classifica nella speranza, l’ultima a morire, di poter agguantare il quarto posto in classifica occupato da Valmontone.

Ed i risultati provenienti dagli altri campi confermavano, a mano a mano che si andava avanti nel corso della gara che bisognava raggiungere la vittoria per alimentare l’esile fiammella della improbabile più che possibile scalata al gradino più basso del podio del girone C.

E Birindelli e compagni non hanno mollato di un solo centimetro andando a conquistare i due punti in un catino infuocato e pieno di passione che sommati agli altri , fanno 40 punti in classifica con una giornata di anticipo sul previsto termine della stagione regolare.

La Virtus Cassino era giunta all’appuntamento di Scauri piena di incertezze che provenivano dallo stato di salute dei propri effettivi.

Una lunga serie di contrattempi con giocatori recuperati all’ultimo minuto mentre altri assolutamente non in grado di scendere in campo. Ma andiamo con ordine. Non sono della partita Gianluca Valesin (10.27 punti di media a partita in stagione, 52% dalla media e 42% da oltre l’arco dei 6.75 in 24 gare disputate con oltre 24 minuti di impiego da parte dell’allenatore dei lupi rossoblù) e Valerio Marsili ( 4.41 punti di media in stagione, 48 % dalla media in 27 gare disputate con quasi cinque rimbalzi di media a partita 14 minuti di impiego da parte di coach Vettese) per problemi fisici e anche Bagnoli parte dalla panca per gli stessi problemi che condizioneranno la sua incolore prestazione.

Pertanto coach Vettese deve effettivamente far “girare” il roster a sette con il prezioso contributo dalla panca anche se per soli 8 minuti di Serra.

La cronaca della gara si potrebbe racchiudere in un avvio pazzesco di Cassino che allorquando il cronometro segnava 6’ 08” al termine della prima frazione di gioco conduce per 18-0, frutto di una difesa di ferro ”… a proposito e c’era chi diceva che Luca Vettese non curasse e non sapesse allenare questo aspetto… mi viene solo da sorridere “dichiarerà al termine della gara il DS dei cassinati, Leonardo Manzari, con una malcelata e sottile ironia.

E’ proprio qui che gli ospiti costruiscono il proprio bottino di sopravvivenza per resistere alla foga agonistica della Scauri dei canestri.

Coach Sabatino Renatino schiera a questo punto dalla panca, J.Giammò che scuote i suoi compagni e rende meno doloroso il tabellone per i padroni di casa al termine del primo quarto, Scauri 7 – Cassino 19.

Nel secondo quarto gli ospiti cassinati riprendono a macinare gioco allungando e raggiungendo in un amen quello che può essere considerato il massimo vantaggio della partita, +22 (11-33 dopo 3’15”). Il sigillo, con un canestro dalla lunga distanza, è quello di uno degli artefici della stagione rossoblù , Biagio Sergio. Il quintetto scaurese però a questo punto del match deve essere in grado di reagire anche perché è spinto da un tifo incessante, grazie all’orgoglio riesce a trovare finalmente il filo di Arianna nel labirinto di un attacco asfittico, che permette di piazzare un parziale di 18-11 con cui si chiude il primo tempo, + 15 per i cassinati, 29-44.

Sin qui Cassino si è aggiudicato i primi due quarti. Ma è al rientro dallo spogliatoio del lungo intervallo che il “capolavoro” tattico di Sabatino, zona 2-3, riesce a imbrigliare, complice uno svogliato Bagnoli che perde 3 palloni di fila, l’attacco cassinate. I tre palloni persi dallo svogliato centro cassinate rappresenteranno il gap con cui si chiude la frazione a favore di Scauri, 20 a 13. 57 a 59, + 8 per i viaggianti.

Ultima frazione mai realmente in bilico, timido tentativo di portarsi a – sei con Luca Antonietti da tre, 67 – 73, quando siamo a meno di tre minuti dal termine ma Birindelli ricaccia subito indietro i padroni di casa, 76 – 67, con due incursioni delle sue, una finalizzata, l’altra con un uno su due dalla linea dei liberi. La gara è ai titoli di coda, vincono gli ospiti. 82-70 il risultato finale.

A nulla sono valsi i 16 liberi a favore dei padroni casa contro i soli 7 per i virtussini, a nulla sono valsi i 19 falli fischiati a favore dei padroni di casa contro i soli 11 per Del Testa e compagni. Nonostante le situazioni tecnico/ambientali oggettivamente a vantaggio dei padroni di casa, lo strapotere tattico messo in campo da coach Vettese ha avuto la giusta ricompensa.

La BPC Virtus Cassino tornerà in campo sabato prossimo 22 aprile alle ore 20.30 al PalaVirtus di Cassino per affrontare Teramo.

Nel frattempo la Virtus Cassino ha indetto una conferenza stampa per il giorno 24 aprile alle ore 17.00 presso la Sala San Benedetto della Banca popolare del Cassinate in Cassino.

 

Basket Scauri – BPC Virtus Cassino 70-82

Parziali: 7-19, 22-25, 20-13, 21-25

Basket Scauri: Antonietti 20 (7/11, 2/4), Giammo 18 (4/4, 2/9), Boffelli 13 (1/6, 1/4), Richotti 10 (4/6, 0/3), Merella 9 (3/4, 1/6), Osmatescu 0 (0/4, 0/0), Varga 0 (0/1, 0/0), Pimpinella 0 (0/0, 0/0), Pensiero 0 (0/0, 0/0), Scampone 0 (0/0, 0/0)

Tiri liberi: 14 / 16 – Rimbalzi: 30 5 + 25 (Boffelli 10) – Assist: 6 (Richotti 6)

All. R.Sabatino

BPC Virtus Cassino: Biagio Sergio 18 (3/4, 4/6), Simone Bagnoli 18 (9/15, 0/0), Nicolò Petrucci 15 (1/4, 4/9), Duilio ernesto Birindelli 10 (4/6, 0/0), Lorenzo Panzini 8 (1/3, 2/6), Maurizio Del testa 5 (1/2, 1/4), Renato Quartuccio 4 (2/4, 0/2), Filippo Serra 4 (1/3, 0/0), Valerio Marsili 0 (0/0, 0/0), Gugliemo Fabio 0 (0/0, 0/0)

Tiri liberi: 5 / 7 – Rimbalzi: 38 7 + 31 (Simone Bagnoli, Lorenzo Panzini 9) – Assist: 10 (Simone Bagnoli, Lorenzo Panzini 3)

All. L.Vettese

MVP : LUCA VETTESE