Tag: fognaria

5 settembre 2016 0

Gallinaro – Sequestrata rete fognaria e impianto di depurazione in costruzione

Di Antonio Nardelli
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Gallinaro  – Nei giorni scorsi il personale del Comando Stazione del Corpo Forestale dello Stato di Atina ha effettuato un accertamento su lavori di realizzazione di una rete fognaria che parte dalla struttura “Casa Serena del Bambino Gesù” e termina a valle in un impianto di depurazione in costruzione. Tutti i lavori rientrano in area boscata e sono stati eseguiti in assenza dell’autorizzazione paesaggistica.

Pertanto le opere sono state poste sotto sequestro e deferiti all’A.G. il committente dei lavori e il progettista nonché direttore dei lavori. Prosegue incessantemente l’attività di polizia ambientale da parte del Corpo forestale dello Stato per la tutela della salute pubblica e del paesaggio.

15 maggio 2010 0

Liquami escono dalla rete fognaria, il sindaco attacca Ato5

Di redazione

Il Sindaco di Serrone, Maurizio Proietto, ha firmato una dura ordinanza contro Acea Ato 5 per porre riparo “alla notevole fuoriuscita di liquami” dalla rete fognante in località Oripo. Nell’atto il sindaco prende atto della “grave situazione igienico-sanitaria, data dalla presenza di numerose abitazioni nelle immediate vicinanze delle perdite, aggravata dalle condizioni climatiche di questo periodo” e chiede ad Acea Ato 5 “di effettuare un’urgentissimo intervento sulle 2 zone ripetutamente segnalate per eliminare la fuoriuscita di liquami dalla rete fognaria, entro e non oltre 72 ore dal ricevimento della presente”. Per l’occasione il sindaco, dopo la grande risposta avuta dalla cittadinanza con oltre 200 firme nella prima uscita del gazebo, rilancia a livello istituzionale la raccolta firme per i tre referendum per il mantenimento dell’acqua pubblica. “I cittadini della Provincia di Frosinone – spiega il sindaco Proietto – conoscono cosa significa affidare al privato la gestione del servizio idrico. La qualità dell’acqua è peggiorata e il servizio crea danni al territorio e alle condizioni di vita e di salute dei cittadini”. “Oltre 200 cittadini di Serrone – scrive nel comunicato alla cittadinanza – hanno già firmato i tre referendum – e ora puoi firmare anche tu presso la sede comunale – per bloccare la privatizzazione di un bene pubblico come l’acqua! Vieni subito in Comune e avrai tutte le spiegazioni e i chiarimenti che desideri, per far sì che non si continui a pagare sulla nostra pelle i profitti di società private che gestiscono l’acqua pubblica. Tre firme per ribadire il principio che l’acqua non è una merce e nessuno deve fare profitto su di essa”.