Tag: furto abitazione

8 maggio 2017 0

Ceccano- 21enne tenta il furto in una casa, mentre i proprietari festeggiano le nozze della figlia

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Nel pomeriggio del 6 maggio, a Ceccano, i militari della locale Stazione traevano in arresto, nella flagranza di reato, un 21enne del luogo (censito per reati contro il patrimonio) per tentato furto in abitazione in concorso. Gli operanti, allertati da privati cittadini e con l’ausilio di una pattuglia del locale Comando dei Vigili Urbani, sorprendevano il giovane mentre, unitamente ad altro complice, tentava di entrare all’interno di un’abitazione della città fabraterna, approfittando dell’assenza dei proprietari, che ignari, festeggiavano il matrimonio della loro figlia. Alla vista dei militari i malfattori si davano immediatamente alla fuga, venendo però prontamente inseguiti dagli operanti che riuscivano a bloccare il prevenuto, mentre il complice si dileguava per le campagne circostanti facendo perdere le proprie tracce. Nel corso del sopralluogo venivano rinvenuti nelle vicinanze di una finestra alcuni arnesi da scasso sottoposti a sequestro. L’uomo, a seguito di rito direttissimo svoltosi nella mattinata odierna presso il Tribunale di Frosinone, veniva posto in libertà con obbligo di presentazione alla P.G.. Proseguono le indagini tese all’identificazione del complice. Immagine d’archivio

8 maggio 2017 0

Venafro- Rubò in un’abitazione e poi appicco` un incendio con altri complici. Arrestato

Di redazione

I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Venafro, hanno arrestato un 21enne di Minturno, che lo scorso anno insieme ad altri quattro complici fu colto in flagranza dopo aver perpetrato un furto all’interno di un’abitazione di proprietà di un imprenditore venafrano. La banda di malviventi, dopo aver commesso il furto, prima di lasciare l’abitazione appiccò un incendio danneggiando gran parte dei locali. A bordo dell’auto su cui i malviventi si stavano allontanando dal luogo, i Carabinieri rinvennero anche la refurtiva per un valore di svariate centinaia di euro, due passamontagna ed alcuni arnesi da scasso, utilizzati verosimilmente per forzare serrature e scardinare porte e finestre. Nel frattempo il 21enne era stato sottoposto alla misura dell’obbligo di dimora, ma avendo più volte violato le prescrizioni imposte dall’Autorità Giudiziaria, nei suoi confronti è scattata una ordinanza di custodia cautelare in carcere, eseguita questa mattina all’alba dai Carabinieri di Venafro. Immagine d’archivio

3 dicembre 2016 0

San Vittore del Lazio-57enne in manette per furto in abitazione

Di redazione

Proseguono incessanti i servizi di prevenzione e controllo attuati dal Comando Compagnia di Cassino sotto il coordinamento del Comando Provinciale di Frosinone. In tale contesto ed in occasione del fine settimana, venivano i incrementati i servizi per la prevenzione dei reati in genere ed in particolare quelli contro il patrimonio. A Cassino, i militari del NORM, traevano in arresto per il reato di “furto in abitazione” un 57enne di San Vittore del Lazio, già censito e noto per analoghi reati. L’uomo, notato davanti all’ingresso di un’abitazione con una busta di plastica in mano, alla vista dei Carabinieri cercava di sottrarsi al controllo allontanandosi velocemente. Rincorso e bloccato, veniva sottoposto a perquisizione personale che consentiva di rinvenire all’interno della busta, una statua in ceramica raffigurante Sant’Antonio con in braccio un bambinello, un volto raffigurante Santa Rita, una piccola statua della Madonna, un bossolo di proiettile da guerra ed un orologio antiquariato di legno, nonché dall’interno di una tasca dei pantaloni, un portafoglio in pelle contenente documenti. La refurtiva, che dagli accertamenti esperiti sul posto risultava essere stata asportata dall’interno di un abitazione di proprietà di una 76enne, veniva immediatamente restituita all’avente diritto. L’arrestato, dopo le formalità di rito, veniva accompagnato davanti al Giudice Monocratico di Cassino per il giudizio per direttissima, così come disposto dal P.M. inquirente.