Tag: musicisti

5 luglio 2010 0

Oltre 350 musicisti per ricordare Francesco alviti

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Sì, l’amicizia! Non c’è altra ragione per spiegare il successo di una manifestazione musicale che ha visto avvicendarsi per 7 giorni in Piazza S. Giovanni a Ceccano oltre 350 musicisti, cantanti, ballerini. Tutti venuti senza alcun compenso, soltanto per amicizia nei confronti di quel giovane coraggioso e sfortunato ma che aveva vissuto la sua pur breve vita in modo talmente bello da avere un numero incredibile di amici. E’ stato questo il modo per ricordare Francesco Alviti: una grande festa della musica che ha riempito Piazza S. Giovanni a Ceccano per 7 sere di seguito dal 25 giugno al 1° Luglio. Il coro Josquin Des Pres e l’orchestra Francesco Alviti, diretti da Mauro Gizzi, con la lirica, la Banda di Villa S. Stefano, diretta da Luigi Bartolini, l’Orchestra di fiati di Ferentino, diretta da Alessandro Celardi, gli Ica brothers, l’Ensemble di percussioni del Conservatorio Resonant, diretto da Antonio Caggiano e da Carlo Di Blasi, l’Harmony show band di Amaseno, diretta da Natalino Como, fino alla Banda di Ceccano, diretta da Adamo Bartolini, hanno regalato 7 bellissime serate di musica ma anche rinforzato nel foltissimo pubblico presente a ciascuna delle seratel’idea di quante cose belle il nostro territorio riesca a far emergere pur nelle difficoltà del momento presente. E il Festival è stato anche un messaggio per la classe politica: la musica va sostenuta, non è possibile essere persone colte senza un’adeguata cultura musicale e ci sono tanti talenti tra i ragazzi che vanno valorizzati. Nell’ultima serata erano presenti tutti i direttori delle formazioni che si erano avvicendate nei giorni precedenti, in una specie di gara di bravura, fondata sull’amicizia e sull’emulazione reciproca. A loro è andato il grazie sentito del pubblico e l’auspicio di far diventare il Festival Francesco Alviti un evento stabile. Il Festival ha spinto alla composizione: il m° Luigi Bartolini ha composto la trascrizione di Nuovo Cinema Paradiso per orchestra di fiati, mentre il m° Massimo Sarra ha composto un Kyrie eleison, entrambi naturalmente dedicati a Francesco.

14 maggio 2010 0

Let’s swing, il nuovo lavoro del M° Paolo Ormi con musicisti cassinati e le voci di Valentina Caira e Mimmo Miele

Di redazionecassino1

Dopo il grande successo ottenuto nel concerto del 17 aprile scorso al teatro Manzoni, adesso le musiche ed i brani di quella serata sono diventati un cd. Let’s swing, questo il titolo del lavoro del M° Paolo Ormi. Oltre novanta minuti di ottima musica e ventuno brani celebri tutti rigorosamente arrangiati in versione swing. Di tutto rispetto il gruppo di musicisti che, con il M° Ormi, hanno collaborato alla realizzazione della colonna sonora. Nino Viglietta, alle tastiere, Luciano Cicero al basso, Paolo Aluigi, alla chitarra, Walter Cipollletta alla batteria. Un disco bello da ascoltare con brani famosi e importanti che hanno fatto la storia della musica mondiale, sapientemente e magistralmente arrangiati da Paolo Ormi ed interpretati da Valentina Caira e Mimmo Miele. Due voci calde, dolci  e potenti che spaziano da ‘The lady is tramp’ a ‘Se stasera sono qui’ a cui la voce di Valentina dà un fascino particolare. Ma non basta, perché anche Mimmo Miele non è da meno, voce calda soprattutto nei duetti con Valentina nel brano: ‘Witchcraft’. Ma è in ‘Come fly with me’ che la sonorità calda della sua voce raggiunge l’apice. Un lavoro, quello di ‘Let’s swing’ in cui si alternano brani classici di swing, come ‘Unforgettable’ in cui Mimmo e Valentina duettano in modo magistrale passando per ‘Fly me to the moon’  in cui la calda voce di un vero swing-man come Mimmo Miele raggiunge sonorità indiscusse e davvero importanti. Molti anche i brani italiani sapientemente adattati in versione swing dal M Ormi come ‘Non amarmi’ o ‘Io non vivo senza te’ scritta dal M° Ormi, passando per ‘Il nostro concerto’ di Umberto Bindi senza dimenticare ‘You are the sunshine in my life’ di Steve Wonder. Un cd bello, da ascoltare tutto d’un fiato e che fa rivivere emozioni agli amanti della buona musica. Una garanzia di sicuro successo, firmata da un pilastro della musica italiana Paolo Ormi, tutto da ascoltare e da… sognare al ritmo travolgente dello swing.

F. Pensabene