Tag: noleggia

23 gennaio 2018 0

Noleggia Maserati in Germania e simula rapina a Cassino, denunciato 24enne

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

CASSINO – Ha noleggiato in Germania una Maserati di 70 mila euro e, arrivato a Cassino, ha denunciato di essere stato rapinato dell’auto e di essere stato lasciato in strada. Un racconto disperato, quello del 24enne campano a cui, però, gli agenti del commissariato di Cassino diretti dal vice questore Alessandro Tocco non hanno creduto. Troppe le incongruenze.

Il giovane ha raccontato che, mentre si trovava a bordo dell’auto in giro per Cassino, il veicolo che lo seguiva gli ha segnalato, con l’utilizzo degli abbaglianti, di fermarsi.

Nel momento in cui accostava, due uomini incappucciati lo avrebbero minacciato con una pistola e intimandogli di consegnare la costosa berlina.

Rubata l’auto, però, gli “sbadati” rapinatori avrebbero dimenticato di privare il conducente del telefonino, che comunque non ha utilizzato per allertare le Forze dell’ordine, preferendo arrivare a piedi al più vicino posto di Polizia.

A questo sospetto si sono uniti i risultati di altri accertamenti che hanno portato gli agenti di polizia a denunciare il 24enne per simulazione di reato.

6 settembre 2016 0

Noleggia auto in Germania e non la restituisce, cassiante arrestato per truffa

Di admin

Cassino – Ha noleggiato in Germania un’auto da 50mila euro e non l’ha restituita, per questo un 56enne del cassinate è stato colpito da un mandato di arresto europeo e per questo arrestato dagli uomini del commissariato di polizia di Cassino.

Le indagini sono iniziate circa un anno fa, quando la competente autorità tedesca aveva segnalato l’uomo, che si era reso responsabile del reato di truffa.

Ad Amburgo aveva, infatti, noleggiato un’autovettura dal valore di circa 50mila euro e non l’aveva restituita nei termini previsti.

Agli investigatori, dopo averne accertato l’identità e verificato le informazioni dei colleghi tedeschi, non resta che far scattare le manette ai polsi dell’uomo che è posto a disposizione della Corte d’appello di Roma.