Tag: proclama

17 novembre 2017 0

Si proclama “referente della criminalità” per estorcere denaro ad un’impresa, ma finisce ai domiciliari

Di redazionecassino1
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Aversa (CE) – I Carabinieri della Stazione di Gricignano di Aversa, in quel centro, al termine di un’articolata attività d’indagine le cui risultanze sono state condivise appieno dall’Autorità Giudiziaria competente, hanno notificato l’ordinanza di esecuzione della misura cautelare in regime degli arresti domiciliari, emessa dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Napoli Nord nei confronti di  Caiazzo Carmine, cl. 1979, residente a Teverola (CE).

L’uomo, autoproclamatosi referente della criminalità nella zona industriale di Teverola-Carinaro (CE), dal luglio 2013 all’ottobre 2017, attraverso ripetute minacce di morte, aveva costretto i titolari di un’impresa consortile della zona ASI del comune di Carinaro, ad assumerlo come guardiano della loro azienda, ed a corrispondergli somme variabili dai 500€ ai 1000€ al mese a titolo estorsivo.

In una circostanza il malvivente ha addirittura minacciato, con una bottiglia di vetro, uno dei responsabili del cantiere di un centro di proprietà degli stessi titolari della citata impresa, affermando che se non avessero pagato la somma di 1000€ al mese, sarebbe tornato per ammazzare tutti con un’ascia.

 

27 maggio 2010 0

Bimbo morto per caramella, Serrone proclama il lutto cittadino

Di redazione

Il Sindaco di Serrone, Maurizio Proietto, ha dichiarato il lutto cittadino per la morte del piccolo Enrico Prili, il bambino di un anno e mezzo morto per una tragica fatalità che getta nel dolore l’intera collettività del piccolo centro della Ciociaria. Nell’ordinanza il primo cittadino rivolge un deciso invito a “i cittadini e le Organizzazioni sociali, culturali e produttive del paese ad esprimere, in forme decise autonomamente, il dolore dei serronesi e l’abbraccio dell’intero paese per i familiari; ad osservare un minuto di silenzio e raccoglimento a mezzogiorno in uffici pubblici, negozi e in tutti i luoghi di lavoro; commercianti e titolari di attività produttive ad abbassare le saracinesche dei negozi in segno di lutto; i titolari dei pubblici esercizi, se necessario, a svolgere regolarmente la loro attività per garantire i servizi essenziali”. “Siamo tutti sgomenti – commenta il sindaco – e il minimo che possiamo fare è quello di dimostrare, con un atto ufficiale, la vicinanza dell’Amministrazione alla famiglia per un dolore, quello della scomparsa di un figlio, che non è paragonabile a nulla. Una famiglia serena su cui, per un’assurda fatalità, stanotte è calato gelo e dolore”. I funerali del piccolo Enrico si svolgeranno sabato 29 alle ore 11.