Tag: scene

9 marzo 2017 0

La Ciociara porno, Salieri: “Il film non contiene scene di stupro a Ciociare” – IL VIDEO

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Frosinone – “Il concetto di promozione del film era stato ben chiarito in tutti gli aspetti a cominciare anche dalla fotografia che nulla avevano a che vedere con gli episodi drammatici accaduti in quei territori d’Italia e che nulla avevano a che fare con gli episodi di stupro o delle marocchinate”.

Il regista Mario Salieri risponde così, da Budapest, alle polemiche successive all’annuncio della prossima diffusione del film pornografico La Ciociara, ispirato al romanzo di Moravia.

“Ho chiesto scusa a chi ha vissuto momenti di dolore attraverso i propri familiari o persone conoscenti. Naturalmente ritengo che possa essere comprensibile che il titolo evochi dei ricordi che aprano delle ferite. Nel film, però, c’è tutta la storia dalla fase iniziale a Roma, lo sfollamento in Ciociaria ma poi i risvolti sono diversi rispetto al romanzo di Moravia e al successivo film di De Sica.  Non sono contenuti stupri all’interno del film anche perché la nostra industria non lo consente”.

Ermanno Amedei

4 agosto 2010 0

Fanno sesso in chiesa e riprendono le scene hot con i videofonini

Di redazione

Diciotto anni lei, 15 i due ragazzetti; sono i protagonisti di video porno girati niente poco di meno che, all’interno di una chiesa a Imperia. Il set cinematografico è quello della chiesa del Cristo Risorto dove i tre si incontravano e, approfittando di momenti in cui il luogo sacro era vuoto, si prodigavano in amplessi sessuali davanti ai loro telefonini impostati in modalità telecamera. Le voci in paese si facevano però insistenti e i carabinieri hanno iniziato ad indagare e hanno trovato negli archivi fotografici di alcuni social forum ma soprattutto sui telefonini dei ragazzi, le prove che quelle dette in paese non erano solo voci. Per questo i tre sono stati denunciati per atti osceni in luogo pubblico. Er. Amedei