Tag: sinergie

24 marzo 2017 0

Piedimonte al voto. Ferdinandi: “Sul gas necessarie sinergie fra Sindaci e Atem Frosinone 2”

Di redazionecassino1
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Piedimonte San Germano – Cresce di giorno in giorno il progetto civico del candidato a Sindaco di Piedimonte San Germano, Gioacchino Ferdinandi. Sempre più cittadini si stanno avvicinando al gruppo, composto da giovani preparati, con idee chiare e pronti a governare la città nel bene e nell’interesse di tutti. Il “Tour dell’Ascolto, giunto ormai alla sua venticinquesima tappa, sta producendo ottimi frutti e il contatto diretto con i cittadini sta portando a far emergere problematiche ma soprattutto idee nuove necessarie per stilare il programma di governo del centro pedemontano. Giovedì pomeriggio il trentacinquenne avvocato ha incontrato cittadini e residenti in via Termini Piumarola, zona di Piedimonte a confine con la frazione Piumarola di Villa Santa Lucia. Ad accompagnare l’aspirante Sindaco vi era il candidato alla carica di consigliere, Leonardo Capuano. Tanti sono stati gli attestati di stima e di fiducia di persone che, anche in questa occasione, hanno voluto ribadire con forza il loro impegno a sostenere il progetto civico che vede un gruppo di giovani e giovanissimi protagonisti in una competizione elettorale basata su rinnovamento e voglia di cambiare pagina. Nel corso dell’incontro diversi sono stati gli argomenti e le criticità che i residenti hanno espresso al candidato Sindaco Ferdinandi. Ma i temi su cui si ci si è soffermati in particolar modo sono stati: la pericolosità dell’intersezione fra via Capo di Lago e via Termini Piumarola e la possibilità di far allacciare tutti i cittadini del posto alla rete del metano. “Questo incrocio è pericolosissimo – ha detto un residente intervenuto – manca lo spartitraffico e la segnaletica orizzontale e verticale. Ogni settimana è teatro di un incidente stradale più o meno grave. Vogliamo aspettare che ci scappa il morto prima di fare qualcosa? E Poi, come se non bastasse, c’è l’illuminazione pubblica che funziona a targhe alterne”. All’incontro era presente anche un tecnico che vive in zona, il quale ha dato la sua disponibilità a redigere e presentare gratuitamente un progetto di sistemazione purché venga risolto il problema che non interessa solo il Comune di Piedimonte ma anche quello di Villa Santa Lucia e l’Amministrazione provinciale. Ma l’argomento più caldo che ha interessato maggiormente i cittadini intervenuti è stata la questione degli allacci alla rete del metano. “Alcuni che vivono proprio a ridosso del confine con Piumarola sono riusciti ad avere l’allaccio – ha ricordato un altro residente – quelli che vivono verso Ruscito e Via Cesarelle sono rimasti senza. Bisogna assolutamente fare qualcosa perché il gas è un servizio necessario a tutti”. “Da questa campagna di ascolto fra la gente – ha sottolineato Ferdinandi – ci stanno arrivando tantissimi contributi per la costruzione del programma che sarà lo strumento fondamentale per andare a governare Piedimonte nell’interesse dei cittadini e per il bene comune. Gli abitanti di questa zona hanno perfettamente ragione nel lamentare la mancanza degli allacci alla rete del metano. Una volta al governo della città – ha sottolineato il candidato Sindaco – cercheremo di colmare questa lacuna nel miglior modo possibile. Ma è altrettanto fondamentale che su queste tematiche vi sia anche una convergenza fra tutti i cinquantanove Sindaci che hanno aderito all’Atem Frosinone 2 Est (Ambito territoriali del settore della distribuzione del gas naturale); solo se resteranno uniti e si faranno scelte condivise si potranno in futuro evitare errori come quelli commessi sulla gestione dell’acqua”.

23 marzo 2017 0

Piedimonte al voto. Ferdinandi: “Subito sinergie concrete con Provincia e Regione”

Di redazionecassino1

Piedimonte San Germano – Il “Tour dell’Ascolto” promosso dal candidato sindaco Gioacchino Ferdinandi e dai suoi sostenitori per raccogliere idee, proposte e progetti per redigere il programma di governo per Piedimonte San Germano, sta per giungere alle sue battute finali. Nel pomeriggio di mercoledì scorso il trentacinquenne avvocato pedemontano ha incontrato i residenti di Parco Margherita, nella zona alta del Paese, con i quali ha intrattenuto un dibattito incentrato soprattutto sulle problematiche che interessano l’intera zona a ridosso del centro storico. Ad accompagnare l’aspirante primo cittadino vi erano i candidati: Leonardo Capuano, Valerio D’Alessandro e Marilisa Tomassi. Diversi sono stati gli argomenti affrontati nel corso dell’appuntamento politico-elettorale. Ma il tema che maggiormente ha interessato i residenti è stata: la scarsa manutenzione della strada provinciale, che comprende viale Regina Margherita fino a via Pagliuchella. Gli abitanti hanno lamentato la necessità di interventi sul manto stradale e la insufficiente attenzione rivolta alla pulizia di cigli e cunette dell’importante arteria che connette la parte basa del Paese con quella alta e che giunge fino al Comune di Villa Santa Lucia. “Con l’arrivo delle stagioni più calde – ha raccontato un residente – l’erba e gli arbusti lungo la strada crescono più velocemente e in alcuni tratti riducono la visibilità soprattutto nei tornanti. In questo periodo dell’anno la strada diventa più pericolosa perché non vi transitano solo le auto ma anche autobus di linea e scolastici e mezzi pesanti. Non è possibile che chi gestisce la manutenzione di questa strada passi una sola volta l’anno a pulire e poi se ne riparla forse l’anno successivo. Per non parlare del fatto che – ha continuato lo stesso residente di Parco Margherita – ci sono voluti ben dieci anni per avere uno specchio stradale e un palo dell’illuminazione pubblica all’incrocio fra la strada di uscita del nostro complesso abitativo e la Provinciale”. La strada in questione è di competenza dell’Amministrazione provinciale di Frosinone. Di conseguenza le manutenzioni sul tratto dovrebbe essere a carico del medesimo Ente. Ma, a quanto sembra, non è mai esistita una programmazione degli interventi, forse a causa della scarsa comunicazione fra gli amministratori municipali del passato e la Provincia di Frosinone. Dopo il residente è stata la volta dell’intervento di Gioacchino Ferdinandi, che ha rassicurato i presenti e si è impegnato, una volta eletto, a portante avanti e risolvere con la sua squadra di governo le problematiche segnalate. “E’ per motivi come questo – ha detto Gioacchino Ferdinandi – che ritengo che un’Amministrazione locale debba lavorare per essere sempre più forte, concreta ed avere maggiore autorevolezza nel creare e saper mantenere i rapporti con gli altri Enti preposti al bene comune. Nella nostra idea di governo per Piedimonte ci sarà sicuramente un punto fondamentale che riguarderà proprio il rafforzamento dei rapporti con l’Amministrazione Provinciale di Frosinone e la Regione Lazio, al fine di programmare insieme interventi e strategie sul territorio. Abbiamo – ha concluso Ferdinandi – il dovere di portare avanti questo discorso il più rapidamente possibile, perché solo così saremo in grado di dare risposte concrete ai nostri concittadini”.