Tag: spacciatrice

12 giugno 2018 0

Spacciatrice casa e bottega a Sora, arrestata 38enne

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

SORA – Ieri sera i Carabinieri di Sora hanno arrestato una 38enne del luogo, residente nel quartiere Pontrinio, già censita per il reato di invasione di terreni o edifici, nella flagranza di reato di traffico e detenzione illecita di sostanze stupefacenti e psicotrope.

Dopo un lungo appostamento nei pressi dell’abitazione della donna, i militari operanti, avendo notato l’ingresso di un 66enne del posto, già noto per spaccio di sostanze stupefacenti, resistenza e violenza a P.U., truffa, reati di falso e reati contro la persona, hanno fatto irruzione nell’appartamento sorprendendo la 38enne mentre cedeva all’uomo una dose di cocaina, ricevendo come corrispettivo la somma di 20 euro.

Sottoposta immediatamente a perquisizione personale, le sono state trovate indosso altre 39 dosi di crack ed 500 euro in banconote di vario taglio, provento dell’attività illecita.

La successiva perquisizione domiciliare ha permesso di rinvenire ulteriori 16 dosi di cocaina, già confezionate e pronte per essere immesse sul mercato, nonché materiale atto al suo confezionamento. Il tutto è stato sequestrato. L’arrestata, su disposizione dell’A.G.,è stata sottoposta al regime degli arresti domiciliari mentre l’acquirente segnalato alla locale Prefettura quale assuntore di sostanze stupefacenti.

13 aprile 2017 0

Spacciatrice e usuraia, aveva stretto “cappio” a tossicodipendente e alla famiglia

Di admin

Cassino – Cedeva dosi di droga e stringeva il cappio dell’usura al tossicodipendente e a tutta la sua famiglia. Per questo i carabinieri di Cassino hanno arrestato una giovane donna per usura ed estorsione che cedeva dosi a credito, facendo lievitare il tasso di interesse annuo sul debito fino al 400%.

Le indagini svolte dai militari ha permesso di raccogliere elementi sulla attività malavitosa dell’indagata di estrazione Rom. Approfittando dello stato di tossicodipendenza di un giovane del Cassinate, vendeva droga a credito, facendo lievitare in pochi mesi il debito a decine di migliaia di euro e sottoponendo l’usurato e la sua famiglia a continue minacce e pressioni psicologiche.

La presunta usuraia si era fatta consegnare oggetti preziosi dalla famiglia dell’usurato, a garanzia dell’estinzione del debito per un valore di 40mila euro circa. Nel corso dell’operazione sono stati recuperati preziosi e la somma in contanti di circa 10.000 euro frutto del reato di usura e probabilmente di attività di spaccio.

Foto repertorio