Tag: splendida

1 ottobre 2017 0

IV edizione della “Cavendish road”, una splendida giornata di sole, fra storia, natura e memoria

Di redazionecassino1
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Cassino – Si è svolta questa mattina la quarta edizione di “Alla riscoperta della Cavendish Road”. Partenza alle 8.30 dal Monacato a Caira alla volta di Montecassino. Il lungo serpentone si è mosso sulla strada costruita dai genieri neozelandesi durante il secondo conflitto mondiale, utilizzata poi durante la ricostruzione dell’Abbazia per il passaggio dei lavoratori e delle donne che fungevano da logistica per il trasporto degli attrezzi, per poi divenire un percorso religioso in occasione della Pentecoste. Il sentiero della Cavendish Road, rimasto incolto e abbandonato per lungo tempo, è stato ripulito e reso fruibile nuovamente nel 2013 con grande impegno da parte dell’Associazione Cassino Città per la Pace che organizza la tradizionale camminata. Oggi in migliaia hanno ripercorso quel sentiero carico di storia e dai panorami naturalistici unici. Una storia di sofferenza, di guerra e di morte, ma che oggi, e da qualche anno, ospita una marcia di pace nel ricordo dei tanti caduti per liberare Cassino e tutto il territorio dalla guerra fratricida che ha seminato morte, distruzione e povertà in tutta Europa. In molti oggi, complice anche il sole e la temperatura mite in questo primo giorno di ottobre hanno percorso quei sentieri con rispetto, riflessione, ma soprattutto di pace. Luoghi carichi, a chi ha vissuto gli anni del conflitto, emozione, ricordi e dolore, ma anche esperienze e significati fondamentali ai tanti giovani che li hanno scoperti per la prima volta e su cui si è costruita, a caro prezzo, la pace di questi anni. Vero motivo ispiratore di questa giornata. All’Albaneta il punto ristoro e poi la possibilità di continuare con visite storiche nei luoghi più significativi. Un momento di svago immersi nella natura e nella storia di questo territorio.

F. Pensabene

Foto A. Ceccon