Tag: tensioni

3 maggio 2017 0

Migranti a Vellerotonda, tensioni tra i residenti: danneggiati contatori

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Vallerotonda – La notizia dell’arrivo di un gruppo di 20 stranieri ha fatto salire la tensione nel comune di Vallerotonda. I migranti sarebbero stati sistemati da un privato in un immobile del centro storico abitato d’inverno da alcune decine di italiani. Questa notte qualcuno ha danneggiato i contatori dell’Enel che servivano gli alloggi destinati ai migranti.

“Ho parlato con il privato che aveva in progetto di far arrivare stranieri a Vallerotonda e sono riuscito a fargli cambiare idea. – ha detto il sindaco Gianfranco Verallo – Non è una questione di razzismo, in quanto italiani abbiamo nel dna  la migrazione perché migranti lo sono stati i nostri notti e molti nostri genitori. Ma a 650 metri di altitudine, lontani da centri più grandi, senza possibilità di svago o di soluzioni per arrotondare la giornata con piccoli lavoretti, non ci sono le condizioni per poterli ospitare o sperare in una loro integrazione. Motivazioni che hanno convinto l’imprenditore privato a cambiare obiettivo e trovare una soluzione diversa”.

Ermanno Amedei 

6 aprile 2017 0

Tensioni ad Alatri, la polizia intensifica controlli a bar e locali pubblici

Di admin

Alatri – La tensione ad Alatri resta alta e le forze dell’ordine mantengono alto il livello dei controlli. Ieri sera gli agenti della polizia amministrativa coadiuvati dalla Squadra Volante e dalle pattuglie del Reparto Prevenzione Crimine Lazio 6, si sono concentrati sugli esercizi pubblici, in modo particolare  pub e bar.

E’ stato verificato il rispetto della normativa vigente e sono stati identificati  gli avventori, circa 40.

Inoltre, in posti di controllo istituiti in punti strategici della città dei Ciclopi, è stata verificata la regolarità di 25 veicoli, identificando 58 persone.

27 marzo 2017 0

Omicidio di Alatri, terzo giorno di attesa. Tensioni in centro

Di admin

Alatri – Anche il terzo giorno  dal pestaggio assassino di Emanuele Morganti è trascorso senza sostanziali novità giudiziarie.

Certamente, però, prosegue l’indagine dei carabinieri condotta dalla procura di Frosinone. Gli uomini del maggiore Antonio Contente hanno passato al setaccio fotogramma per fotogramma, il video registrato dalla telecamera della videosorveglianza comunale di via Regina Margherita che ha ripreso solamente una parte di quel pestaggio.

Sicuramente ci sono persone iscritte nel registro degli indagati, ma il balletto dei numeri va dai cinque ai nove. Il “tribunale” di Facebook, però, ha già fatto nomi e cognomi di chi ha avuto parte attiva nel vile pestaggio di gruppo.

Per questo il clima ad Alatri è incandescente. Testimoni raccontano di “presunti colpevoli” rincorsi in centro questa mattina. La speranza, quindi, è che i risultati investigativi possano dare quanto prima le risposte che la gente attende.

Ermanno Amedei

29 novembre 2016 0

Cassino – Tensioni in consiglio comunale, proteste per il diritto alla casa

Di Antonio Nardelli

Cassino – Sì sposta in consiglio comunale il problema housing sociale. A Cassino questa sera i rappresentanti delle sette famiglie in housing sociale hanno rivendicato il diritto di un tetto durante lo svolgimento del consiglio comunale, che è anche stato rinviato di mezz’ora a causa delle proteste. Attimi tesi anche tra maggioranza ed opposizione riguardo la struttura di Cappella Morrone. Rino Tarallo, rappresentante di alcune di loro e sindacalista di Asia Usb ha detto: “Nonostante diversi incontri tenuti con l’amministrazione comunale l’unica proposta è quella di un sostegno all’affitto per queste famiglie. Ma per usufruirne bisogna avere un regolare contratto di affitto che a sua volta è legato ad un contratto di lavoro. Queste persone però sono tutte disoccupate quindi non potranno avere un regolare contratto di affitto e fra tre settimane si troveranno senza un tetto sulla testa. Sono famiglie altamente vulnerabili, ci sono malati oncologici, un bambino tetraplegico e diversi minori, non hanno nessuna possibilità di trovare una casa in affitto, figuariamoci trovarla in tre settimane. Nonostante siamo stati cacciati dal consiglio comuanle continueremo con veemenza la nostra protesta per il diritto inalienabile per ogni essere umano, ovvero il diritto alla casa”.

Ant. Nard.