Cancellata la “striscia” di spacciatori di droga che da Cassino univa Napoli a L’Aquila

Cancellata la “striscia” di spacciatori di droga che da Cassino univa Napoli a L’Aquila

6 Ottobre 2020 Off Di Ermanno Amedei

Cassino – Una “striscia” di droga che da Napoli arriva fino a L’Aquila, passando per Cassino.

Proprio dalla città martire sono partite le indagini coordinate dalla Dda di Roma, che hanno permesso, in queste ore, di eseguire numerose misure cautelari personali e reali in diverse città del centro-sud Italia, nelle province di Frosinone, Napoli e L’Aquila, nei confronti di appartenenti a due diversi sodalizi criminali operanti nel settore dello spaccio di stupefacenti e nella commissione di reati tributari, riciclaggio ed estorsione.

Nel corso dell’operazione la Polizia di Stato sta eseguendo anche alcuni fermi di indiziato di delitto per i reati di traffico di stupefacenti ed estorsione, su disposizione della Procura di Cassino, riconducibili ad un’altra indagine. Sono in corso di svolgimento decine di perquisizioni, con l’ausilio di elicotteri ed unità cinofile antidroga di Guardia di Finanza e Polizia di Stato, oltre che di equipaggi del reparto prevenzione crimine Campania della Polizia.

Le indagini hanno acceso i riflettori su un sofisticato sistema di spaccio di stupefacenti, ideato da due associazioni per delinquere, una locale ed una di origine campana radicata nella provincia di Frosinone ed operante nel centro-sud.

 

Condividi
  • 89
    Shares