Ponte dell’Industria, la procura di Roma indaga sull’incendio che lo ha devastato

Ponte dell’Industria, la procura di Roma indaga sull’incendio che lo ha devastato

3 Ottobre 2021 Off Di Ermanno Amedei

Roma – La procura di Roma indaga sull’incendio che, scorsa notte ha devastato il ponte dell’Industria Roma. Un atto dovuto anche in considerazione della rilevanza e dei danni causati dalle fiamme domate solamente dopo la mezzanotte.

L’attraversamento del fiume Tevere conosciuto anche come ponte di Ferro, perchè in larghissima parte costituito di metallo, collega i quartieri Ostiense e Portuense, unendo via del Porto Fluviale a via Antonio Pacinotti.

Ancora da stabilire le cause di quello che all’alba di oggi è apparso come un vero disastro. Le fiamme si sono alimentate dalle linee dei servizi, gas ed energia elettrica, che passano sotto la sede stradale e non è chiaro se si siano innescate proprio da una fuga di gas da una delle tubature oppure da uno degli insediamenti di fortuna che c’erano da tempo sulle due rive. Al momento però, l’ipotesi più probabile sembra essere quella del corto circuito sulla linea elettrica.

Le temperature altissime raggiunte hanno fatto staccare parte delle strutture ai margini del ponte facendole cadere in acqua. La parte portante della struttura, sorretta da pilastri, sembra reggere ma dovrà essere sottoposta ad una attenta verifica per la staticità.

Per stabilire le cause indagheranno i vigili del fuoco e i carabinieri sotto il coordinamento della procura capitolina che ha aperto un fascicolo contro ignoti.

I primi ad intervenire sono stati i militari della Stazione Roma Porta Portese e Compagnia Roma Trastevere. Nell’immediatezza i carabinieri, polizia e polizia locale intervenute hanno evacuato tre locali adiacenti al ponte. Vaste aree della città sono rimaste senza utenze. inevitabili le ripercussioni al traffico che resta chiuso da via Antonio Pacinotti a via del commercio.

La viabilità alternativa è costituita da via Ostiense, viale Marconi, via Ettore Rolli.

Ermanno Amedei