Cassino – Presentata la seconda edizione del “Festival del fumetto e della cultura del nuovo millennio”

Cassino – Presentata la seconda edizione del “Festival del fumetto e della cultura del nuovo millennio”

26 Aprile 2022 Off Di Redazione

Presentato questa mattina, in sala “Restagno”, il programma del secondo “Festival del fumetto e della cultura del nuovo millennio” che si terrà questo fine settimana, il 30 aprile e il primo maggio, presso il museo Historiale.

Presente una nutrita schiera di studenti dell’Artistico, il sindaco, Enzo Salera, l’assessore alla Cultura , Danilo Grossi, il presidente della Banca Popolare, Vincenzo Formisano, il responsabile organizzativo della manifestazione, Giorgio Messina.

Assente per motivi di salute la dinamica assessora alla Pubblica Istruzione, Maria Concetta Tamburrini, alla quale sono stati fatti gli auguri “da remoto”.

L’assessore Grossi ha sottolineato la grandissima opportunità per la cultura locale, dopo il notevole successo riscosso dall’iniziativa lo scorso anno e la vivacità culturale di cui è portatrice.

“L’ambizione – ha detto – è di aprirci su una dinamica più vasta, di respiro nazionale. Lo spazio che abbiamo riservato al “Festival” presso l’Historiale, che siamo riusciti a riaprire e a mettere a disposizione dei visitatori, è di tutto rispetto e di notevole richiamo”.

Anche il Sindaco ha richiamato il bel successo della manifestazione dello scorso anno e si è detto certo che quest’anno verrà replicato, favorito dal particolare interesse che si rinnova con il ritorno alla normalità.

“Siamo lieti, orgogliosi e onorati di ospitare questo evento in un luogo della cultura qual è il nostro museo”, ha aggiunto. Ha salutato poi i giovani presenti in sala e la Banca Popolare che in tali iniziative ci mette lodevole attenzione e “concreto” impegno. Ha annunciato poi l’intento di un progetto di educazione civica a fumetti per i nostri studenti.

“La Città chiama, le istituzioni rispondono: presente!”, ha detto in avvio del suo intervento il presidente della Banca Popolare, Vincenzo Formisano. “ La cosa che mi colpisce è la vivacità culturale di questa nostra città, dove si mettono in piedi tante iniziative che vedono protagonisti tanti giovani al cui fianco vogliamo stare, rappresentando essi la speranza di continuità nel tempo”.