Autore: redazione2

9 Ottobre 2010 0

Lotta al randagismo educando i cittadini di Frosinone.

Di redazione2
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Nero su bianco arrivano gli impegni del comune di Frosinone per contrastare il fenomeno del randagismo nel territoiro del comune. I cani randagi catturati saranno sterilizzati. Compresi quelli di proprietà di cittadini in situazioni di disagio sociale ed economico. La piaga del randagismo secondo l’assessorato all’ambiente del comune di Frosinone è causata dalla cattiva consuetudine di abbandonare i propri cani e di non iscrivere gli stessi all’anagrafe canina.

Nonostante tutti i presupposti curati per contrastare il fenomeno in passato non si è arrivati ad una soluzione. I randagi sono in aumento e creano un pericolo sulle strade e allarme sociale ne è convinto l’assessore Francesco Raffa che passa al contrattacco. A breve parte una campagna pubblicitaria per sensibilizzare i cittadini sulla necessità di registrare i propri cani, non abbandonarli e se qualcuno non ne è in possesso e ne desideranno uno di rivolgersi al più vicino canile. L’aspetto più complicato della vicenda è la sterilizzazione. Saranno impiegati i funzionari dlela asl per la gestione tecnicoamministrativa ed i medici veterinari che realizzeranno le sterilizzazioni.

Tamara Graziani

9 Ottobre 2010 0

Attentati incendiari ai danni di una erboristeria di Fiuggi, arrestato l’esecutore e denunciato il mandante

Di redazione2

Attentati incendiari ad un’erboristeria di Fiuggi. Arrestato l’esecutore e denunciato il mandante.In mattinata la Squadra Mobile di Frosinone ha eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di un quarantatreenne di Sora.Emessa dal G.I.P. del Tribunale di Frosinone, la D.ssa Marzano, va dal reato per estorsione alla rapina ed incendio doloso.Denunciato a piede libero un 38enne romano, residente nella cittadina termale mandante degli attentati a scopo intimidatorio.

Le indagini. Le indagini, coordinate dal Sostituto Procuratore dott. Di Bona, risalgono al mese di febbraio scorso quando una nota erboristeria di Fiuggi è stata oggetto di tre attentati incendiari, uno nella notte del 6 e due, a breve distanza l’uno dall’altro, la notte del 12. La scrupolosa attività investigativa condotta dalla Squadra Mobile di Frosinone ha consentito di individuare l’autore ed il mandante dei suddetti episodi.

I precedenti. Da diverso tempo il titolare dell’erboristeria subiva richieste estorsive dal pregiudicato sorano incaricato dal compagno della sua ex socia. Per rafforzare il carattere intimidatorio delle richieste il sorano millantava l’appartenenza ad una associazione malavitosa campana nota per i suoi metodi violenti nel recupero crediti. L’attività intimidatoria aveva lo scopo di costringere la vittima alla cessione, in sede di divisione del patrimonio societario, dell’immobile di maggior valore alla sua ex socia.

Tamara Graziani

8 Ottobre 2010 0

Azienda farmaceutica interra reflui chimici sotto campo di mais, la segnalazione di un operaio di Frosinone gravemente malato

Di redazione2

E’ attesa la nomina di un perito da parte della magistratura per capire il grado di tossicità degli scarti chimici dissotterrati in un terreno adiacente l’autostrada del sole ad Anagni. Dieci ettari di terreno sui quali per ore hanno lavorato I Vigili del fuoco del nucleo batteriologico e radioattivo dei comandi provinciali di Roma e Frosinone e gli agenti della sotto-sezione A1 di Frosinone. L’area e’ stata individuata grazie alla denuncia presentata da un ex operaio dello stabilimento farmaceutico inquisito. L’uomo oggi è gravemente malato e si è deciso a parlare segnalando agli operatori l’ennesima bomba ecologica della Ciociaria. Gli scavi sono stati effettuati per 4 metri in profondità dove è emerso il misterioso materiale. Si tratterebbe di resine a scambio ionico usate come filtraggio per la lavorazione degli antibiotici il cui principio attivo è quello della cefalosporina. Ad occhio nudo è apparso agli operatori come materiale granuloso tipo terriccio di colore beige. Reflui chimici che dopo aver esaurito il ciclo produttivo devono essere regolarmente smaltiti. Sembrerebbe però, che per abbattere i costi, questi rifiuti venissero interrati sotto un campo di mais della stessa azienda farmaceutica. IL magistrato, titolare dell’inchiesta, il dott. Misiti incaricherà un perito di analizzare questo materiale sottoposto a doppia campionatura. Si tratterebbe da prime indiscrezioni di sostanze nocive interrate negli anni 70. Un tempo assai lungo per sedimentare a pochi metri dalle acque del fiume sacco.

Tamara Graziani

6 Ottobre 2010 0

Rapinatori assaltano ricevitoria in campania e cercano la fuga in autostrada a Frosinone

Di redazione2

Hanno cercato la fuga attraverso l’autostrada in Ciociaria. Sono stati prontamente identificati e bloccati dagli agenti di polizia stradale sottosezione A1 della di Frosinone. Si tratta di sei persone che hanno tentato di mettere a segno una rapina martedì sera in una ricevitoria di un piccolo centro della Campania. Sono stati i familiari del titolare a dare l’allarme e ad innervosire a tal punto i malviventi che si sono scagliati contro l’uomo picchiandolo selvaggiamente. Durante la fuga a bordo di un’auto, uno dei rapinatori ha tentato anche di investire un carabiniere in pensione. Sono tutti romeni i responsabili di questo fatto di cronaca che ha interessato due provincie quella campana e quella Ciociaria. Uno di loro è stato bloccato a Napoli. Gli altri 6, quattro donne e due uomini, sono stati intercettati e bloccati nei pressi del casello autostradale Ferentino in Ciociaria. Stavano per uscire dall’autostrada quando sono stati fermati dalla pattuglia di agenti coordinati dal sostituto commissario Fabrizio Di Giovanni. Quasi certamente la banda di romeni, domiciliata in un campo rom nella capitale, aveva intenzione di mettere a segno qualche altro colpo in terra ciociara. Le donne sono state rinchiuse nel carcere di Rebibbia, gli uomini in quello di Frosinone.

Tamara Graziani

11 Settembre 2010 0

Volpe sale al quinto piano di una palazzina e morde una 15enne

Di redazione2

Volpe sale al 5° piano di una palazzina e morde una 15enne.

L’incredibile vicenda è accaduta intorno alle 10.30 in una delle tante palazzine di viale San Domenico.

E’ intervenuta una pattuglia della polizia provinciale ed una squadra dei vigili del fuoco unitamente al servizio veterinario della Asl.

L’adolescente sotto choc per l’accaduto è stata medicata tempestivamente ed ora sta bene anche se il morso è stato violento. I vigili del fuoco stanno ancora cercando di tirare fuori la volpe dall’appartamento.

Tamara Graziani

7 Settembre 2010 0

“Licenziati” invece che stabilizzati, protestano i docenti della scuola Frosinone formazione

Di redazione2

Protestano i docenti del centro Frosinone formazione. Questa mattina hanno manifestato dinanzi all’amministrazione provinciale. Sono in tutto 36 i docenti licenziati che invece chiedono di essere assunti a tempo indeterminato. Un diritto che avrebbero maturato in anni di lavoro presso il centro. Di diverso avviso però il presidente della provincia Antonello Iannarilli secondo il quale non vi sarebbero i presupposti per procedere alla loro stabilizzazione: “il percorso per la loro stabilizzazione era irregolare- afferma il presidente Antonello Iannarilli – a breve convocherò i docenti per spiegare loro i motivi dell’illecito.” Intanto l’incontro coi rappresentanti sindacali in programma per oggi è stato posticipato a giovedì 9 settembre. Tamara Graziani

1 Settembre 2010 0

Bimbo di tre anni schiacciato dal televisore elitrasportato al Goretti di Latina

Di redazione2

Incidente domestico presso la casa famiglia Linus di Monte San Giovanni Campano.

Un bambino di 3 anni, alle 8 del mattino, mentre si intratteneva nella sala ricreativa della struttura, è stato accidentalmente colpito alla testa da un televisore.

Il bimbo è stato immediatamente soccorso dai responsabili che hanno allertato i sanitari ares118.

Una volta sul posto il personale sanitario ha diagnosticato un trauma cranico al bimbo che per accertamenti è stato elitrasportato al Goretti di Latina. Le sue condizioni non sono gravi.

Sul luogo dell’incidente si sono portati anche i carabinieri del posto che hanno ascoltato i responsabili della struttura per chiarire la dinamica di quanto accaduto.

Si sarebbe trattato di un incidente dal momento che il mobile sul quale era posizionato il televisore ha ceduto e l’elettrodomestico è caduto addosso al bimbo. Nessun altro utente della struttura è stato coinvolto nell’incidente.

Il minore adesso è fuori pericolo e sarà trattenuto per 24 ore nella struttura ospedaliera di Latina.

Tamara Graziani

4 Agosto 2010 0

La sanità della provincia di Frosinone va rifondata, il commissario straordinario, dott. Mirabella traccia il bilancio del suo mandato

Di redazione2

Consegna anticipata dei locali del nuovo ospedale di Frosinone e possibile apertura entro la fine dell’anno.

Queste le dichiarazioni del commissario straordinario della sanità Carlo Mirabella a 15 giorni di distanza dal suo insediamento. Il dott. Mirabella ha esposto le criticità della sanità frusinate e quelle che sono le priorità da affrontare per sbrogliare una matassa intricata.

Due sono gli ostacoli che si possono frapporre all’apertura del nuovo ospedale nei tempi previsti: da una parte il ricorso per risarcimento danni presentata dalla ditta, seconda classificata, nella gara d’appalto per la consegna del materiale per la sala rianimazione e quella operatoria, e dall’altra parte, l’attesa per il collaudo finale della struttura da parte del genio civile.

Sul primo problema il legale dell’azienda sanitaria ha proceduto a far anticipare l’udienza di discussione dal 30 novembre al 30 agosto ma i tempi del procedimento legale sono imprevedibili. Questa la situazione relativa agli ostacoli che si frappongono alle aspettative di vedere aperto il nuovo ospedale entro l’anno. I problemi poi in generale sono diversi. In primis il precariato.

Nel Lazio altre aziende sanitarie hanno trovato soluzioni valide, Frosinone resta indietro. Il commissario si è trovato davanti al bivio di confermare o interrompere i contratti per 250 persone. Ha scelto la proroga per altri sei mesi e poi si passa al confronto con la regione Lazio per decidere. Mancano i primari. Tanti professionisti sono andati in pensione. Motivo per il quale si darà seguito all’art.18 che prevede un avviso pubblico per rimpiazzare i posti vacanti con contratti rinnovabili di sei mesi in sei mesi.

I numeri del personale che manca sono consistenti. Il passaggio dal vecchio ospedale al nuovo comporta l’introduzione di cento persone in più. In un periodo di tagli pensare a nuove assunzioni è anomalo dice Mirabella per questo si pensa ad una razionalizzazione del personale: in pratica saranno prese circa 100 persone per avviare la struttura e poi non è detto che restino. Il trasloco sarà un processo complesso e costoso in cui sarà comunque garantita l’operatività. Solo per questo sono previsti 40 giorni. Alla fine Mirabella ha ammonito, risolte le grane più grandi in 90 giorni, chi succederà al comando della Asl dovrà rifondare la sanità frusinate, manca lo scheletro ovvero la struttura amministrativa che fa da collante tra il personale ed i vertici della struttura.

Tamara Graziani

3 Agosto 2010 0

Rapina con il mitra all’ufficio postale, bottino da 30 mila euro

Di redazione2

Rapina a mano armata intorno alle 9 presso l’ufficio postale di Colli frazione di monte san giovanni campano. Ad agire tre persone con il volto travisato. Secondo una prima ricostruzione sembra che in due siano entrati armati di pistola all’interno dei locali. Uno è rimasto fuori a fare da palo con in mano un arma tipo mitra. Il bottino è di circa 30 mila euro. I malviventi avrebbero agito subito dopo lo scarico del portavalori. Negli uffici c’erano persone anziane per il ritiro della pensione, la rapina soprattutto per le modalità in cui si è consumata ha destato non poco scalpore e qualche malessere tra i pensionati. L’auto con la quale i tre sono fuggiti è stata rinvenuta dai carabinieri a poca distanza dall’ufficio postale. Si tratta di un’utilitaria grigia risultata rubata. Sono partite le indagini per capire chi si possa nascondere dietro questo colpo. I carabinieri hanno interrogato anche i dipendenti presenti agli sportelli. Massimo riserbo per ora sul contenuto delle dichiarazioni. Tamara Graziani

29 Luglio 2010 0

Cassiere del supermercato picchiate durante la rapina

Di redazione2

Sono state minacciate e picchiate con una pistola puntata alla tempia le due cassiere del supermercato Freschi Sapori di via marittima a Frosinone dove è stata messa a segno una rapina. L’esercizio commerciale era pieno di clienti e si sono vissuti attimi di terrore quando in due hanno fatto irruzione all’interno dei locali scagliandosi contro le cassiere aggredite e tenute sotto scacco per ottenere il denaro. Ad agire sembra siano stati due uomini di giovane età con il volto travisato da passamontagna. I due indossavano anche i cappellini per non farsi riconoscere. Dopo aver arraffato 1500 euro i malviventi sono fuggiti a piedi. Il titolare dell’esercizio commerciale ha dato l’allarme. Sul posto sono intervenute le volanti della polizia e si sospetta che ad agire siano persone del posto. Non si esclude neanche che siano gli stessi che hanno agito la scorsa settimana nell’altro punto commerciale Freschi Sapori sulla variante Casilina. Il bottino in quell’occasione ha fruttato ben 7 mila euro. I rapinatori oltre al denaro delle casse portarono via anche quello contenuto in una piccola cassaforte. Si tratta dei locali dello stesso imprenditore. Tamara Graziani