Categoria: Bar dello sport

11 Ottobre 2019 0

Match impegnativo per la Virtus Cassino contro Salerno

Di Comunicato Stampa
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Altro test impegnativo, dunque, per la BPC Virtus Cassino, che nell’incontro valevole per la 3° giornata del campionato nazionale di Serie B Girone D, affronterà la favorita ‘numero 1’ alla vittoria della competizione cadetta, ovvero la Virtus Arechi Salerno. Patron Renzullo, per la stagione 2019/20, ha allestito una formazione di tutto rispetto, composta da elementi di grande affidabilità, già in maglia Virtus Arechi lo scorso anno, e da nuovi innesti che hanno implementato di gran lunga la qualità della compagine blaugrana. Una vittoria all’attivo per i ragazzi di coach Benedetto, che dopo aver superato tra le mura amiche il proibitivo ostacolo Nardò, hanno avuto modo di riposare settimana scorsa, dopo il rinvio della gara contro Sant’Antimo per la convocazione in nazionale 3×3 della guardia campana Provenzani. Ritornerà in campo, allora, Salerno, e lo farà con il suo ‘starting five’ classico: Carlo Cantone in cabina di regia, affiancato dalla coppia di guardie, Diomede-Potì, mentre ad agire sotto le plance ci saranno il duo Tortù-Visnjic. Dalla panchina, partiranno: Babacar Seye, Naddeo, Gallo, il giovane ed interessante prospetto Mark Czumbel, Di Domenico, Corvo Giuseppe, Corvo Mario, Gianmarco Leggio e Antonio Guariglia. Per presentare il prossimo match dei lupi virtussini, di seguito le parole del DS Manzari: “Affronteremo domenica la formazione più forte del campionato. Una squadra lunga, di grande esperienza e con un grande coach in panchina. Sarà una sfida davvero complicata. Abbiamo preparato la gara in settimana con grande attenzione, ma limitare la forza della compagine campana sarà davvero un’impresa ardua e difficile. Ci proveremo con tutte le nostre forze. I ragazzi si sono allenati bene. Abbiamo recuperato inoltre Fioravanti e Manzo, che speriamo possano essere a disposizione per il fine settimana al 100%, perchè sono per noi due rotazioni molto importanti. Ripeto, sarà una sfida impegnativa e molto fisica, ed avere tutti a disposizione nella migliore condizione possibile, sarà un fattore importante ai fini del risultato finale dell’incontro”. Appuntamento, allora, al PalaSport di Capriglia, frazione di Pellezzano, cittadina in provincia di Salerno, casa della Virtus Arechi, domenica 13 ottobre alle ore 18:00. Per gli appassionati e tifosi che vorranno seguire i propri beniamini in terra campana, è stato predisposto da parte della società di casa, ingresso gratuito per la visione del match. La partita sarà trasmessa, in alternativa, in diretta audio-streaming sul canale Spreaker della società, Virtus Cassino Radio (https://www.spreaker.com/show/lo-show-di-virtus-cassino); aggiornamenti dai canali ufficiali Facebook (www.facebook.com/VirtusCassino), Twitter (@VIRTUSTSB) ed Instagram (@virtuscassino). Differita dell’incontro sulle emittenti locali EXTRA TV (CANALE 94 del DIGITALE TERRESTRE) e MEDIACENTRO TV (CANALE 191 e 605 del DIGITALE TERRESTRE). Arbitreranno la gara i signori MARZO PIERLUIGI di LECCE (LE) e SCHENA COSIMO di CASTELLANA GROTTE (BA).

BPC VIRTUS CASSINO: Alberto Puccioni, Matteo Fioravanti, Alessio Vorzillo, Riccardo Callara, Marco Gambelli, Simone Manzo, Samuele Montagner, Alessandro Cecchetti, Riccardo Rovere, Michele Magini, Michele Pacitto, Alessio Punzi, Filippo Lauria, Simone Lasagni, Mauro Liburdi.

VIRTUS ARECHI SALERNO: Carlo Cantone, Manuel Diomede, Alessandro Potì, Lorenzo Tortù, Njegos Visnjic, Babacar Seye, Vincent Naddeo, Antonio Gallo, Mark Czumbel, Cristian Di Domenico, Giuseppe Corvo, Mario Corvo, Gianmarco Leggio, Antonio Guariglia.

8 Ottobre 2019 0

Finalmente si rivede la Virtus, battuta Bisceglie 94-77

Di Comunicato Stampa

“Grande partita a distanza di ben 9 mesi dalla nostra ultima vittoria in una competizione ufficiale (11 gennaio 2019, Virtus Cassino batte Virtus Roma, serie A2 2018-19, ndc). Coincisa con il rientro tra le mura amiche” questo il sunto della gara, parole e musica del DS dei lupi rossoblù cassinati, Leonardo Manzari. Lupi rossoblù che hanno prevalso sui leoni pugliesi di Bisceglie saliti a Cassino per fare propria tutta la posta in palio dall’alto di certezze tattiche e tecniche che fanno dei pugliesi una delle favorite alla vittoria finale nel Campionato Nazionale di Serie B, 2019-20. Tra l’altro tra i pugliesi si è distinto un ex cassinate, quel Filiberto Dri ( 14 punti e 15 di valutazione, ndc) che è stato osannato dal pubblico cassinate a centrocampo prima della gara. Ma stasera la Virtus Cassino, targata Banca Popolare del Cassinate, ha sciorinato una prestazione da incorniciare vincendo ben tre su quattro delle frazioni di gioco, la prima per 26 a 21, la terza per 29 a 22 e la quarta per 23 a 16. Segno di un crescendo emotivo e tattico esaltato dal ritrovato calore del pubblico di casa. Insomma una bella serata, come da tempo non si respirava da queste parti. “Ed il ritorno al PalaVirtus di Cassino è coinciso con una vittoria quasi simile nel punteggio a quell’ultima gara che giocammo proprio qui tra le mura amiche (gara tre di finale vs Barcellona, Campionato Nazionale di Serie B 2017-18, ndc)” conclude il DS dei rossoblù Leonardo Manzari. Insomma una serata che ci voleva. Nonostante tutto, però, la Virtus Cassino nei primi due quarti ha dovuto fronteggiare davvero una grande rivale. Partenza al fulmicotone per entrambe le compagini con Rovere che spariglia l’equilibrio al 4’ di gioco con una tripla delle sue, 13-9 per i padroni di casa che iniziano a prendere le redini dell’incontro. Rovere è il migliore tra i suoi in questa fase e soprattutto appare molto concentrato allorquando su assist di Lasagni, un minuto dopo, condisce con un jumper il +5 per i padroni di casa, 19-14. È in vena il n°32 cassinate, terminerà la gara con 16 punti all’attivo con coach Vettese che praticamente non lo toglie mai dal campo, in 38 minuti giocati con all’attivo ben 9 rimbalzi difensivi. Insomma alle spalle dei giganti cassinati, Magini–Cecchetti, sta emergendo una solida realtà rappresentata da questo atleta pescato dal DS Manzari a Domodossola. La prima frazione di gioco si conclude con un Cecchetti in gradissimo spolvero, 31 punti per lui a fine gara, e Cassino resta sul vantaggio di 5 lunghezze, 26 a 21. La seconda frazione di gioco si apre con una situazione praticamente di stallo tattico che viene minato dapprima da un tentativo di allungo rossoblù con Callara 28-21. Poi una tripla di Chiriatti, 28-24, e dopo due minuti nel corso dei quali si assiste al festival degli errori con palle perse da una parte all’altra del campo ecco tirar fuori dal cilindro di una prestazione sontuosa , la prima di tre triple consecutive da parte di “Cecco” Cecchetti. 31-25, per i padroni di casa. Ma gli ospiti non ci stanno e vanno al riposo con una convincente seconda frazione di gioco vinta per 18-15 che significa sul tabellone del PalaVirtus di Cassino un 41-39 per le “V” rossoblù. La terza frazione di gioco è il capolavoro degli uomini allenati da Luca Vettese. ‘Mago’ Magini con la sua bacchetta dirige a dovere una sinfonia godibilissima. La Virtus realizza ben 29 punti e gli spettatori del Palazzetto di Viale De Feo sono estasiati. 70-61 al 30’. Il quarto periodo è una sorta di passerella, con Cassino in completo controllo delle operazioni, e Bisceglie che alza ben presto bandiera bianca. L’allungo decisivo porta la firma di Simone Lasagni, che dapprima realizza con una incursione il vantaggio del +13 per il 79-66, nell’altra metà campo, stoppa Dri e nel rovesciamento di fronte realizza il +15 per l’81-66. Cassino ha oramai il vento in poppa, e conclude il match con il risultato di 94-77. Una prestazione davvero di gran livello, quella dei lupi virtussini, che vedono l’esordio in serie B di due giovanissimi atleti del vivaio cassinate, Pacitto e Gambelli. Il commento post-partita dell’MVP dell’incontro, Alessandro Cecchetti: “Abbiamo disputato davvero una gran bella gara. Lo staff tecnico ha preparato in maniera egregia il match, e le scelte fatte hanno poi pagato in termini di risultato finale. Sono davvero soddisfatto per la prestazione della squadra, che ha ripreso a lavorare questa settimana con intelligenza e abnegazione, dimenticando in fretta il passaggio a vuoto di Pozzuoli. Stiamo crescendo notevolmente, sia come amalgama di squadra, che come intese tra noi compagni. Siamo una formazione giovane, con tanti volti nuovi per questo campionato e di gran talento, che stanno maturando in fretta e per fortuna questa sera si sono fatti trovare pronti. Dobbiamo continuare su questa strada, lavorando a testa bassa, senza pensare a quanto siamo stati ‘belli’ questa sera. Non possiamo permetterci di farlo, anche perchè adesso affronteremo un’altra formazione impegnativa e accreditata alla vittoria finale del campionato come Salerno, che vorrà senza dubbio confermare il trend positivo tra le mura amiche, dopo la bella vittoria contro Nardò”. Domenica prossima, per i lupi rossoblù, dunque, la regina delle montagne, quella Salerno super favorita per la vittoria finale.

BPC Virtus Cassino – Lions Bisceglie 94-77 (26-21, 15-18, 29-22, 24-16) BPC Virtus Cassino: Alessandro Cecchetti 31 (10/17, 3/5), Riccardo Rovere 16 (1/3, 4/6), Michele Magini 15 (2/3, 3/4), Simone Lasagni 11 (3/4, 1/3), Mauro Liburdi 9 (4/7, 0/0), Riccardo Callara 9 (3/3, 0/1), Alberto Puccioni 3 (0/0, 1/1), Filippo Lauria 0 (0/0, 0/0), Simone Manzo 0 (0/0, 0/0), Michele Pacitto 0 (0/1, 0/0), Marco Gambelli 0 (0/0, 0/0), Matteo Fioravanti 0 (0/0, 0/0) Tiri liberi: 12 / 16 – Rimbalzi: 34 3 + 31 (Riccardo Rovere 9) – Assist: 26 (Michele Magini 11) Lions Bisceglie: Marco Rossi 18 (3/5, 1/6), Filiberto Dri 14 (2/5, 2/6), Mathias Drigo 12 (2/3, 2/5), Gianni Cantagalli 8 (0/3, 2/5), Edoardo Maresca 7 (3/3, 0/2), Andrea Chiriatti 7 (1/2, 1/1), Leonardo Marini 4 (2/8, 0/3), Cesare Zugno 4 (1/2, 0/0), Danilo Mazzarese 3 (1/4, 0/2), Federico Lopopolo 0 (0/0, 0/0) Tiri liberi: 23 / 30 – Rimbalzi: 25 6 + 19 (Marco Rossi 6) – Assist: 12 (Marco Rossi, Mathias Drigo 3)

7 Ottobre 2019 0

Iniziati i tornei Csi del “25° anno” fra vecchie certezze e nuovi agguerriti arrivi

Di felice pensabene

Prima giornata di incontri e gare dei tornei targati 25 anni del Csi-Cassino. Tre gironi di quaranta sei squadre. Nel girone di Eccellenza vincono Vairos contro Janula 3 a 1, Caira che inizia con 4 a 1 ad Amatori PSG, Real Nuova Piedimonte che supera 2 a 0 Cassino Ovest Doc, Rocca D’Evandro contro Juvenalis per 2 a 0. Due le vittorie esterne Atletico Pontecorvo, 4 a 1 a Chimera/Tinaia e Atletico Benito con un 1 a 2 contro Canceglie. Un solo pareggio quello fra Angione Football Club e Marzano Appio chiuso con un 2 a 2. Ventotto le reti segnate e sette squadre, dopo la prima giornata, a punteggio pieno. Nel girone di Promozione tre le vittorie esterne Cerreto, 3 a 1, a Friends for Football, DS Dodici, 1 a 4 contro Collecedro e Belmonte 1 a 3 contro Virtus Scauri. Vittorie casalinghe per Niemoslive, 2 a 1, a Football Club Spigno e Cervaro che ha la meglio, 4 a 1, su AM Piedimonte. Il derby tra Villa S. Lucia e Central Bar Piumarola si chiude con un pareggio 2 a 2. Stesso risultato fra Pignataro e Aquino, 2 a 2. Nel girone sono cinque le formazioni a punteggio pieno e, in questa prima giornata, ben ventinove le reti messe a segno. Sembrerebbe più equilibrato il girone Amatori con quattro vittorie esterne. Caffè Reale supera i padroni di casa del Real Castelnuovo 2 a 1. Viticuso batte 1 a 2 Al Capone, stesso risultato per Felcese Pignataro che supera i padroni di casa S. Ambrogio City 2 a 1, mentre Sordella supera di misura 0 a 1 Monticelli. Due pareggi quelli fra Drink Team Duff (NELLA FOTO), 1 a 1, contro Terelle e quello fra AM Castelnuovo e Saggese Football Club chiuso sul 2 a 2. Anche nel girone Amatori cinque le formazioni a punteggio pieno e diciannove reti messe a segno. È ancora presto per fare dei pronostici, ma sicuramente l’edizione numero 25 dei tornei Csi- Cassino si presenta combattivo e agguerrito fin dall’inizio.

30 Settembre 2019 0

Ripartono i tornei Csi-Cassino edizione 2019-20, festeggiano le 25 candeline con un boom di iscrizioni

Di felice pensabene

CASSINO – Tutto pronto per i nuovi Campionati Csi-Cassino di calcio ad 11. L’attesa è finita, riprendono i tornei del sodalizio cassinate giunto ad un importante traguardo, quello delle 25 candeline e con alcune novità. La prima di queste il numero delle formazioni iscritte ai vari campionati dell’edizione 2019-20 saranno ben quarantasei, suddivise in tre gironi, a differenza degli anni scorsi. Sedici in Eccellenza, con il “Trofeo Città di Cassino” il più importante ed impegnativo che vedrà la vincitrice partecipare alle fasi regionali e in caso di vittoria anche a quelle nazionali il prossimo giugno. Secondo girone quello di Promozione, con il “Trofeo Telaro” anche qui a sedici formazioni a cui è stato aggiunto, in questa edizione, il girone “Amatori”, a cui verrà assegnato il “Trofeo CSI” composto di quindici squadre. Nel weekend scorso è tenuta la presentazione ufficiale dell’edizione del venticinquennale, sono state presentate le squadre e si è proceduto ai sorteggi per fissare il calendario delle gare. Due le fasi di ciascun torneo, come sempre una di andata ed una di ritorno. Fischio d’inizio sabato 5 ottobre, alcune gare invece lo avranno domenica 6 ottobre. Anche quest’anno, quindi, si riparte, tutto è pronto per una nuova avventura di patron Mario Scuro, la venticinquesima, un traguardo importante, pronto a regalare altre pagine gloriose dello sport più amato, nel rispetto, come ha ribadito, il presidente Scuro, dello spirito di sano agonismo che da sempre li ha contraddistinti in questo quarto di secolo. Perché lo sport è disciplina, sacrificio, fratellanza, ma soprattutto uguaglianza e rispetto per l’avversario. Ideali da sempre ispiratori dei tornei targati CSI Cassino e diretti magistralmente da Mario Scuro.

Non ci resta che augurare un ‘in bocca al lupo’ a tutti e buon divertimento anche per questa edizione 2019-2020!

23 Settembre 2019 0

La Virtus Cassino chiude in bellezza la pre-stagione, battuto ancora Valmontone 93-91

Di felice pensabene

Un’altra vittoria per i lupi cassinati, che, dopo la vittoria di martedì scorso contro il Basket Isernia, si impongono nuovamente sul parquet amico del PalaVirtus, con il punteggio di 93-91, nonostante le importanti assenze del playmaker titolare, Michele Magini, e dell’ala piccola da quintetto, Matteo Fioravanti. Una Virtus, quella scesa in campo nel penultimo sabato di settembre, che non approccia nel migliore dei modi al match, subendo particolarmente l’energia e la verve agonistica della squadra di Righetti. Un parziale mortifero ad inizio gara di 3-15 per gli ospiti, costringe dopo neanche 5 minuti di gioco, lo staff tecnico cassinate al time-out. Cassino, dopo la pausa, con il passare dei minuti si sblocca e riesce a trovare con più continuità la via del canestro, chiudendo sul -8 la prima frazione, 15-23. Nel secondo quarto, Valmontone, però, con Casale sugli scudi, riallunga nuovamente sugli avversari, con coach Vettese che è costretto nuovamente a chiamare ‘sospensione’. È una Virtus, tuttavia, in controtendenza rispetto al DNA solito delle formazioni costruite negli anni dal DS Manzari, una squadra caparbia, viva, unita, vogliosa di buttarsi su ogni pallone nonostante, è bene ricordarlo, si tratti solo di una gara amichevole. Liburdi e compagni, dunque, strigliati a dovere, rientrano sul parquet e rosicchiano un altro punto agli avversari, andando all’intervallo lungo sul -7, 39-46. È nel terzo periodo che Cassino trova la parità, guidata dal terzetto Liburdi, Lasagni, Rovere; il risultato è sul 63-63 prima dell’ultima frazione di gioco. Il finale è di quelli al cardiopalmo, Valmontone scappa con Casale e Bisconti, ma la Virtus non ci sta, e nonostante l’uscita dai giochi di Lasagni per falli, MVP fino a quel momento del match, i giovani Manzo, Lauria e Puccioni non fanno in alcun modo sentire l’assenza della guardia titolare rossoblù, e guidati da un super Cecchetti, che alla fine scriverà ben 30 punti a referto, riescono a trovare nuovamente la parità. Nell’ultimo minuto di gioco è l’asse Misolic-Casale a riportare sul +4 la formazione ospite, ma i punti di Manzo e Rovere al termine della gara, rimettono tutto in discussione. È Overtime al PalaVirtus, 81-81 il risultato. Nel tempo supplementare, sono Rovere e Cecchetti a guidare la compagine di Vettese verso la vittoria, e nonostante qualche chiamata arbitrale rivedibile, gestiscono bene il vantaggio acquisito da inizio quarto e si portano a casa il match con il risultato di 93-91. Le dichiarazioni a fine gara del DS Manzari: “Sono contento del risultato e dello spirito dei ragazzi in campo. Nonostante la gara amichevole, è stata partita vera, un match giocato su ritmi alti, dove entrambe le squadre ci tenevano per motivi diversi a portare la vittoria a casa. C’è tanto ancora da migliorare e da lavorare, ma sono fiducioso. Il valore e l’attaccamento alla maglia che hanno questi ragazzi, non l’ho mai visto in nessuna altra squadra che ho allestito negli anni. Questo mi fa ben sperare per il futuro, perché il gruppo è unito, si è creata una grande intesa con tutta la società e con lo staff tecnico, insomma ci sono tutti i presupposti per fare bene. Sono certo che questi ragazzi, con il tempo e con il lavoro in palestra, avranno l’intelligenza di colmare le lacune tecnico-tattiche che adesso ci sono. Penso che possiamo essere soddisfatti del pre-campionato disputato. Dovremo essere bravi questa settimana a caricare i ragazzi e a preparare bene la partita con Pozzuoli”. Dopo la presentazione del roster avvenuta in piazza Labriola nella ‘Notte Bianca dello Sport’, riposo per i lupi virtussini, che riprenderanno gli allenamenti da lunedì pomeriggio. Primo appuntamento della regular season rossoblù, settimana prossima nell’anticipo del sabato alle ore 19.00, contro la Virtus Pozzuoli.

BPC Virtus Cassino – Virtus Valmontone = 93-91

BPC Virtus Cassino: Liburdi 12, Cecchetti 30, Rovere 18, Lasagni 21, Lauria 2, Manzo 6, Callara 4, Gambelli, Punzi, Pacitto, Montagner, Vorzillo.

23 Settembre 2019 0

Rally della Ciociaria 2019: Giannetti e Lepore fanno tris con la Skoda Fabia R5

Di felice pensabene

E’ stata una sfida a due sin dai primi metri di gara. La sesta edizione del rally della Ciociaria è stata incentrata sugli equipaggi delle due Skoda Fabia R5 di casa Colombi. Il vincitore delle ultime due edizioni della gara Emanuele Giannetti con il fido Lepore alle note e Antonio Bucciarelli con Riccardo Silvaggi sul sedile di destra. Al pronti è via della prima speciale della gara, la “Monte S.G. Campano di 8.64 chilometri, Antonio Bucciarelli, nonostante qualche problema di ‘ambientamento’ con la vettura, staccava il miglior tempo, con Giannetti che si girava al primo tornante, perdendo secondi preziosi, accusando un ritardo di 5,1 secondi. Seguivano ‘Mattonen’ autore di un super tempo con Mitsubishi Evo X con Giulia Taglienti alle note. Poi: Daniele Scaccia (Clio S16), Gianluca Bailonni con la bellissima Hyundai I20 R5 con il poliedrico quanto spettacolare Francesco Bucciarelli con la 207 S2000, per un totale di 44 equipaggi. La replica del piesse di “Monte” vedeva questa volta Giannetti precedere A. Bucciarelli di pochissimo, con la classifica della prima giornata che lo incoronava leader provvisorio della gara, con ‘Mattonen’ e Giulia Taglienti sempre ottimi terzi assoluti. A fine giornata il campione di Ceccano soddisfatto ci dichiarava: “Più di così non si può fare contro le due Skoda”. Domenica mattina risveglio sotto la pioggia per gli equipaggi che si dirigevano dal riordino notturno verso il parco assistenza. La prima sfida con il cronometro della seconda giornata era lungo la ‘piesse’ “Isola-Arpino” con i suoi 8,36 chilometri che si snodava lungo la provinciale e arrivava fino alla Torre di Cicerone in località Civitavecchia di Arpino. La classifica della prova, vedeva Bailonni buon quarto, seguito da A. Bucciarelli (Peugeot 207 S2000), Scaccia (Clio S16), Speranzini (Clio R3C), Trotta (Clio S16) e Luca Santoro (Mitsubishi Evo IX). In classifica generale il podio cambiava nuovamente con Giannetti che passava al comando della gara precedendo A. Bucciarelli di 1,6, terzo ‘Mattonen’ a 42.1, con Gianluca Bailonni subito alle sue spalle seguito da: F. Bucciarelli (Peugeot 207 S2000), Scaccia (Clio S16), Trotta (Clio S16), Santoro (Mitsubishi Evo IX), Fiorella (Peugeot 207 S2000) e Speranzini. Intanto la pioggia non dava scampo agli equipaggi, causando non pochi problemi all’economia della gara, costringendo la direzione gara all’annullamento della piesse 4 “Fontana Liri” per motivi di sicurezza, visto che la pioggia aveva trasportato dalla montagna detriti lungo la sede stradale. All’inizio del secondo giro sulle prove speciali del mattino, gli equipaggi affrontavano la ripetizione della “Isola Liri-Arpino” con una situazione metereologica un tantino migliore, ha visto primeggiare che con il successo di prova, balzava al comando della gara con Giannetti che pagava un ritardo di undici secondi, per via dell’appannamento del parabrezza. Terzo posto per ‘Mattonen’ insidiato da F. Bucciarelli con la sempre valida 207 S2000. Su questa prova lo stop forzato di Gianluca Bailonni, Fiorella, Trotta e A. D’Avelli. La nuova classifica generale vedeva quindi la coppia Antonio Bucciarelli e Riccardo Silvaggi precedere Emanuele Giannetti di 9,7 secondi, terzo ‘Mattonen’ a poco più di un minuto. Alle loro spalle: F. Bucciarelli; Luca Santoro; Scaccia, Massa, Speranzini e Graziano Taglienti con la sua Clio Williams. Dopo lo stop della ‘Fontana Liri 1’ nel primo giro dovuto alla sede stradale invasa da detriti per la pioggia caduta. Il secondo passaggio vedeva la prova accorciata (8,46 Km) con Giannetti che vinceva la prova con un distacco di 6,3. Saldamente terzo ‘Mattonen’. La generale, quando manca soltanto la prova della “Bagnara” che gli equipaggi dovranno percorrere due volte, vede A. Bucciarelli al comando della gara con un margine di 3,4 secondi su Giannetti, con ‘Mattonen’ sempre terzo. La top ten si completava con F. Bucciarelli quarto, seguito da Santoro, Scaccia, Speranzini, Massa, G. Taglienti e Ciotoli (Saxo). Ancora una volta il rally della Ciociaria, si è deciso con l’ultimo giro di prove speciali che corrispondono alla lunga ed insidiosissima “Bagnara” con i suoi quasi tredici chilometri e mezzo. La piesse che attraversa ben quattro comuni del rally della Ciociaria, ha cambiato la classifica, Emanuele Giannetti, vinceva la piesse staccando di ben 12,5 secondi Antonio Bucciarelli entrambi al volante di una Skoda Fabia R5 con i colori di Colombi Team. Con il successo in prova, Giannetti tornava al comando della gara con un margine di vantaggio di undici secondi ad una prova dal termine. Cambio anche sul gradino più basso del podio occupato fino a due prove dal termine da ‘Mattonen’ e Giulia Taglienti, a vantaggio di Francesco Bucciarelli con la Peugeot 207 S2000. Alle loro spalle un ottimo Alessandro Speranzini al debutto con la Clio R3C della HP Sport quinto assoluto. Seguivano Scaccia, Massa, G. Taglienti, Matteo Roma e Dimitri Mattone decimo. L’ultimo atto della gara, il secondo passaggio sulla “Bagnara” vedeva al via 23 equipaggi con Emanuele Giannetti al comando, che manteneva anche dopo l’ultima sfida con il cronometro sulla speciale della “Bagnara” dove precedeva di 5,4 secondi Antonio Bucciarelli con la vettura gemella del team Colombi. Terzo posto per l’altro Bucciarelli, Francesco infatti sulla doppia sfida della “Bagnara” strappava il gradino più basso del podio a ‘Mattonen’. CLASSIFICA ASSOLUTA 1) Giannetti-Lepore (Fabia R5) in 45’54.8; 2) Bucciarelli-Silvaggi (Fabia R5) a 16.7; 3) Bucciarelli F.-Roma V. (Peugeot 207 S2000) a 1’39.5; 4) Mattonen-Taglienti (Mistubishi Evo X) a 2’06.2; 5) Speranzini-Maini (Clio R3C) a 4’23.9; 6) Scaccia-Scaccia (Clio S1600) a 4’55.7; 7) Massa-d’Alessandro (Clio Rs N3) a 5’19.5; 8) Taglienti-Mariani (Clio Will. A7) a 5’50.7; 9) Ciotoli-Pietrobono (Saxo N2) a 6’31.0; 10) Vona-Vona (6’49.1

23 Settembre 2019 0

La Scuba si aggiudica il Torneo “Città di Frosinone”

Di felice pensabene

FROSINONE – La prima edizione del Torneo “Città di Frosinone” va alla Scuba, vincitrice con pieno merito della semifinale con Colleferro (93-67) e della finalissima con la Pallacanestro Veroli (89-73). Due belle affermazioni per la squadra allenata da Francesco Calcabrina che si proietta nel migliore dei modi al quarto di finale di Coppa Lazio, in programma domani (martedì 24 Settembre) a San Cesareo contro la SS Lazio.

Ad aprire il torneo la sfida fra Anagni e Veroli: una partita vera, vinta dai giallorossi per 77-75 al termine di quattro periodi in perenne equilibrio. Successivamente il rotondo successo (93-67) di Frosinone su Colleferro, in una gara sempre condotta dai gialloblù. Il 19-8 del primo quarto, infatti, testimonia il buon approccio avuto dai padroni di casa e sembra il preludio a una gara in archivio già all’intervallo. I ragazzi di Avenia, però, riescono a limitare i danni al 43-34 con cui si torna negli spogliatoi e si riportano addirittura a -2 nel corso della terza frazione. La Scuola Basket risponde subito e torna oltre la doppia cifra di vantaggio grazie a Ceccarelli, poi sono Rocchi e Grazzini a far scorrere i titoli di coda con le loro accelerazioni all’inizio dell’ultimo quarto.

Sul gradino più basso del podio si piazza Anagni che supera Colleferro 71-81 grazie alle ottime prove di Di Mambio e Coluzzi (50 punti in coppia), mentre dall’altra parte non bastano i 20 di Odigie e i 15 di Bagni. Nella finalissima è Veroli a partire meglio grazie a Vinci, capace di arrivare in doppia cifra dopo pochi minuti. Frosinone però ribalta ben presto l’inerzia della gara con Rocchi e Cara, trovando il primo vantaggio e poi il +5 grazie alla tripla di Ceccarelli sulla sirena del primo quarto. Nel secondo periodo anche Stazi e Bondatti forniscono ottime indicazioni a coach Calcabrina, la Scuba arriva così fino al +13, trascinata da Briglianti, e torna negli spogliatoi sul 44-35. Nel terzo periodo i verolani rosicchiano qualche punto ma i padroni di casa scaldano la mano da dietro l’arco e scappano via: a segno Rocchi, Ceccarelli e Stazi per il +19 che, di fatto, chiude l’incontro. La truppa di De Rosa prova a rientrare ma non torna mai realmente a contatto, anche perché Ceccarelli rispedisce al mittente ogni tentativo di rimonta.

“Siamo contenti di aver vinto il torneo – afferma l’allenatore della Scuba, Francesco Calcabrina – perché ci tenevamo, da società organizzatrice, a portare a casa la prima edizione. La partita con Veroli è stata migliore di quella con Colleferro, ho avuto buone risposte dalla panchina con l’ottimo impatto di Fassiotti e Bondatti. Andiamo ancora a sprazzi: a volte la difesa gira bene e ci permette di andare in contropiede, in altri momenti fatichiamo nelle rotazioni, negli aiuti e nei rimbalzi. In tal senso giocare tre partite in quattro giorni non aiuta: martedì infatti troveremo un avversario più fresco, anche per l’età media molto bassa del roster, ma comunque arriviamo alla sfida dei quarti di Coppa con il morale alto e con l’obiettivo di vincere per accedere alle Final Four”.

“In questo torneo abbiamo iniziato a mettere in campo le indicazioni del coach – dichiara il play Davide Grazzini -, in particolare contro Veroli siamo andati molto bene, tutti hanno dato un ottimo contributo in attacco e in difesa, anche i ragazzi che di soliti giocano meno. Ora ricarichiamo le batterie, martedì daremo tutto per centrare l’obiettivo Final Four”.

Semifinali Pallacanestro Veroli 77 – Fortitudo Anagni 75 Veroli: Iannarilli 12, Fiorini G. 27, Galuppi 12, Vinci 4, Fontana, Biasini n.e., Iannozzi n.e., De Francesco 8, Fiorini M. 14, Iannozzi n.e., Moraldi. Coach: De Rosa Anagni: Pasqualoni 2, Ruggieri 5, Coluzzi 17, Capotorto 20, Neccia n.e., Santucci 15, Di Mambo 6, Morrea, Fontana 3, Faraoni. Coach: De Simoni

Scuola Basket Frosinone 93 – Pallacanestro Colleferro 67 Frosinone: Bondatti 2, Grazzini 7, Efficace 6, Stazi 9, Rocchi 14, Briglianti 21, Fassiotti 1, Malizia, Bosco, Lepore, Ceccarelli 22, Cara 11. Coach: Calcabrina, ass. coach: Gattabuia Colleferro: Ricchiuto 11, Chelucci 5, Bagni, Cancia 11, Petri 2, Preti 4, Rossi, Tucci 2, Odigie 22, Iadicola 6, Alessandrini, Ruszczuk 4. Coach: Avenia

Finali 3°/4° posto Pallacanestro Colleferro 71 – Fortitudo Anagni 81 Colleferro: Ricchiuto 2, Chelucci 9, Bagni 15, Cancia 11, Preti n.e., Petri, Rossi n.e., Tucci, Odigie 20, Alessandrini 14. Coach: Avenia Anagni: Capotorto 4, Ruggeri 10, Coluzzi 21, Neccia 4, Santucci 4, Di Mambro 29, Morrea 7, Faraoni n.e., Fontana 2. Coach: De Simoni

Finale 1°/2° posto Scuola Basket Frosinone 89 – Pallacanestro Veroli 73 Parziali: 23-18, 21-17, 23-13, 22-25 Frosinone: Bondatti 5, Grazzini 6, Efficace 2, Stazi 6, Rocchi 11, Briglianti 20, Fassiotti, Malizia 2, Bosco, Lepore 2, Ceccarelli 26, Cara 9. Coach: Calcabrina Veroli: Mauti 10, Iannarilli 4, Fiorini G. 10, Vinci 20, Fontana, De Francesco 10, Iannozzi D., Moraldi, Iannozzi L., Fiorini M. 19. Coach: De Rosa.

15 Settembre 2019 0

La Virtus, in amichevole, passa 81-74 al Palatenda contro Valmontone

Di felice pensabene

Cresce ancora la Virtus Cassino, che dopo la vittoria in settimana contro Frosinone, si conferma in costante miglioramento anche contro la formazione romana della Virtus Valmontone, prossima avversaria dei lupi rossoblù nel campionato di Serie B Girone D 2019/20, superando al termine della gara i bianconeri con il risultato di 81-74. ‘Partenza a razzo’ per gli uomini di Vettese, che concludono grazie alle triple di Lasagni e ai punti di Liburdi, il primo quarto in vantaggio sul punteggio di 26-13. Nel secondo periodo, sono Fioravanti e Callara a realizzare i punti che mantengono il vantaggio dei benedettini, ma i canestri di Caridà e Bisconti, accorciano il gap, e si va all’intervallo lungo sul risulto di 48-40 per Cassino. Nel terzo quarto, Lasagni sale in cattedra, supportato da uno staordinario Alessandro Cecchetti, 20 saranno i suoi punti al termine della gara, e da Riccardo Rovere, che nonostante le non ottimali percentuali al tiro, cattura importanti rimbalzi in attacco e in difesa, e recupera possessi che permettono alla Virtus di arrivare all’ultimo mini-break, sul risultato di 63-54. Nell’ultimo periodo, parte bene la Virtus, che piazza subito un 9-0 di parziale, prima di farsi recuperare dagli avversari e di perdere il quarto di una sola lunghezza, con la tripla allo scadere di Caridà. Il risultato finale, però, sorride alla compagine rossoblù, che si porta a casa la gara con il risultato di 81-74. Le parole di Simone Lasagni al termine del match: “Sono molto contento della prova mia e dei miei compagni di quest’oggi. Siamo partiti veramente bene, intensi, solidi e avendo chiaro in testa cosa dovevamo fare in campo. Abbiamo sciorinato un basket spumeggiante, ed infatti abbiamo chiuso sul +13 a fine primo quarto. Poi è naturalmente emersa la qualità di Valmontone, che si è rifatta sotto e ci ha messo in difficoltà. Siamo stati bravi, però, a non farci prendere dallo spavento e a tenere la gara sui nostri binari. Non solo offensivamente, ma anche difensivamente, abbiamo disputato una discreta partita. È stato un buon test in vista della prima di campionato”. Ripresa degli allenamenti lunedì, per i ragazzi di coach Vettese, che disputeranno la prossima amichevole di questo pre-campionato, martedì tra le mura amiche del PalaVirtus di Cassino, contro Isernia.

VIRTUS VALMONTONE – BPC VIRTUS CASSINO = 74-81 (13-26; 40-48; 54-63)

BPC VIRTUS CASSINO: Puccioni 1, Fioravanti 15, Cecchetti 20, Rovere 4, Lasagni 20, Callara 13, Liburdi 8, Lauria, Gambelli, Pacitto, Montagner, Manzo.

foto di repertorio

14 Settembre 2019 0

Cassino; successo al “VII Mennea Day” festa dello sport e di campioni

Di felice pensabene

CASSINO – Era il 12 settembre 1979 quando Pietro Mennea a Città del Messico riscrisse il record mondiale dei 200 metri, portandolo a 19”72. Oggi, a oltre sette anni dalla scomparsa, il 12 settembre è ancora il Mennea Day.Anche a Cassino, soprattutto a Cassino, dove la “Freccia del Sud” ha frequentato gli studi all’Isef. Un grande successo anche quest’anno la manifestazione organizzata dal Cus Cassino. Ai nastri di partenza si sono presentati in ben 430 per percorrere i 200 metri. Ha iniziato le “ostilità” la medaglia d’oro nel getto del peso dei recenti campionati europei paralimpici colonnello Giuseppe Campoccio, sempre simpaticamente presente a stimolare tutti a un maggiore impegno motorio, a testimonianza, ancora una volta, che lo sport è inclusione sociale e che il Cus Cassino è da sempre sensibile a queste tematiche. Campoccio, meglio conosciuto come Joe Black, ha quindi passato il testimone al neo sindaco di Cassino Enzo Salera, al suo esordio al “Mennea day”. Il primo cittadino ha quindi fatto la staffetta con il presidente del Cus Cassino Carmine Calce. A portare gli onori dell’amministrazione comunale, oltre che il sindaco Salera, anche i consiglieri Edilio Terranova, Iemma e Consales e l’assessore Luigi Maccaro che ha migliorato la sua performances. Staffetta simbolica anche tra l’ex consigliere regionale del Pd Marino Fardelli e l’attuale consigliere regionale di centrodestra Pasquale Ciacciarelli: a dimostrazione che lo sport supera con agilità tutte le barriere politiche. Questa settima edizione del Mennea day è stata dunque l’edizione dei record, sotto tutti i punti di vista, a partire da quello dei partecipanti: “Ricordo che alla prima edizione facevamo fatica ad arrivare a 200 atleti, ieri eravamo più del doppio”, commenta con entusiasmo il presidente del Cus Cassino Carmine Calce che ringrazia poi tutti i partecipanti. Oltre le associazioni – tra cui la comunità Exodus, Camminare insieme, l’Aprocis, la Poligolfo di Formia, Primavera Studentesca, Guardiani University, l’Istituto “Medaglia d’Oro” presente con il dirigente Marcello Bianchi, i docenti Rega e Riccardi e l’alternanza scuola lavoro e ovviamente l’Unicas con Scienze Motorie e i ragazzi di attività in campo: presente la signora Calise e la professoressa Cortis Cristina presidente del Comitato per lo Sport Unicas e il presidente del Cassino calcio Nicandro Rossi – Calce ringrazia anche i campioni olimpionici che hanno dato lustro e prestigio alla manifestazione. Ha fatto il suo esordio al “Mennea day” il due volte olimpionico Tizzano dirigente del centro preparazione olimpica di Formia che vuole così instaurare una sinergia tra le due realtà, Laurent Ottoz detentore della miglior prestazione mondiale nella disciplina non olimpica dei 200 metri ostacoli con il tempo di 22″55 e tre volte consecutive a medaglia ai Giochi del Mediterraneo e Samuele Cerro campione nel salto triplo. Ma aldilà dei numeri e delle medaglie, a vincere, anche quest’anno, al “Mennea Day” è stato il calore e l’entusiasmo dei tanti partecipanti, la passione e l’abnegazione del presidente del Cus Carmine Calce che insieme ad Agostino Terranova con tenacia continua a promuovere iniziative per sensibilizzare giovani e meno giovani all’atletica. Coloro che hanno partecipato al “Mennea day”, con l’attestato ricevuto avranno diritto a un mese gratis alla palestra Unifitness proprio per avvicinare i giovani allo sport. “Pietro Mennea andrebbe insegnato a scuola come grande testimone di impegno, passione, sacrificio e coerenza. I giovani italiani hanno bisogno di grandi testimoni”, ha spiegato l’assessore Luigi Maccaro ai microfoni di Radio City di Egidio Franco che con la sua diretta social ha permesso a tutti di assistere all’evento. E il sindaco Salera ha chiosato: “E’ stato è stato davvero un bel momento quello organizzato dal Cus Cassino proprio sulla pista di Cassino”. A supporto della manifestazione c’è stata come sempre la Banca Popolare del Cassinate, che ha dato il via alla staffetta con il funzionario Giuseppe Pittiglio. Frutta gratis per tutti offerta dall’ortofrutticola Perrotta. Al termine della manifestazione sono stati consegnati due premi speciali a nome del rettore Betta impegnato all’università di Firenze. Il sigillo Unicas è stato donato a al Ten. Col. Giuseppe Campoccio, atleta d’onore paraolimpionico, che con il suo impegno ha saputo trasmettere l’amore per lo sport e la convinzione che volontà, sacrificio e determinazione, si possono sconfiggere tutte le barriere fisiche e mentali e a Samuele Cerro, che con l’impegno, la passione per lo sport e il sacrificio, è diventato l’esempio che è possibile raggiungere dei grandi risultati per volare verso un grande sogno.

14 Settembre 2019 0

La Virtus vince la prima in casa contro la Scuba Frosinone

Di felice pensabene

Arriva finalmente la prima vittoria per la compagine di coach Vettese, che al termine del quarto scrimmage stagionale contro lo Scuba Frosinone, si porta a casa il match con il risultato di 80-51 (97-58, se si considera il mini extra-time concordato tra le due società di 5 minuti, ndc). Buon test per Cecchetti e soci, che nonostante una partenza non brillantissima, hanno saputo ben gestire la gara, malgrado l’assenza del playmaker Michele Magini, infortunatosi in allenamento lo scorso martedì ad una mano, e della condizione fisica di alcuni elementi, come sottolineato nelle scorse uscite, non ancora delle migliori. Per la cronaca, inizia subito bene la Virtus, che grazie alle triple di Lasagni e alle incursioni nel pitturato di Fioravanti, va al primo mini-intervallo sul risultato di 18-13. Nel 2° periodo, sono invece i lunghi rossoblù a prendersi la scena, con Liburdi (7), Cecchetti (4) e Rovere (3), che firmano il 18-16 del quarto antecedente all’intervallo lungo. Nel 3° quarto, sono invece Callara, Fioravanti e Lasagni, che colpiscono ripetutamente la difesa di coach Calcabrina, chiudendo le maglie in maniera ottimale anche in difesa, riuscendo a subire soli 9 punti alla fine dei 10’ di gioco. Il risultato del periodo è di 22-9 per Cassino. Nel 4° quarto, la Virtus è sempre in controllo e vince anche questa frazione con il parziale di 20-13. Da segnalare sullo scadere del tempo, i primi punti tra i “senior” del giovane prodotto del vivaio cassinate, Marco Gambelli, che sulla sirena realizza la tripla dell’80-51, risultato con il quale si conclude la gara. Nell’ultimo mini-tempo di gara concordato tra le due società di 5 minuti, è sempre la Virtus in controllo dell’incontro, con un Callara strepitoso che realizza 9 dei 17 punti di squadra dei rossoblù. Risultato finale del periodo 17-7 (aggregato finale: 97-58, ndc). Le parole di Alessandro Cecchetti al termine della gara: “Siamo parzialmente soddisfatti della prestazione. È stata una partita vera, intensa e che ci ha visto fare ulteriori passi avanti in vista dell’impegno di campionato del 29 settembre contro Pozzuoli. Non siamo ancora senza dubbio in condizione. Una squadra che consta di tutti elementi nuovi, giovani e con una preparazione intensa sulla spalle, è difficile che trovi un’amalgama di gioco perfetta in maniera così celere ed immediata. Certamente abbiamo fatto dei sensibili miglioramenti, ma sono convinto che possiamo fare decisamente di di più”. Ripresa degli allenamenti oggi per i lupi cassinati, che affronteranno sabato in amichevole, la Virtus Valmontone.

BPC Virtus Cassino – Scuba Basket Frosinone= 97-58 (18-13; 18-16; 22-9; 20-13; 17-7)

BPC Virtus Cassino: Liburdi 12, Lasagni 14, Cecchetti 8, Gambelli 3, Callara 17, Puccioni 4, Montagner, Pacitto, Vorzillo, Fioravanti 13, Rovere 13, Manzo 2, Lauria 8.