Categoria: Terracina

9 Ottobre 2019 0

Terracina, arrestato 49enne per maltrattamenti nei confronti della compagna

Di Comunicato Stampa
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

TERRACINA (LT) – Nella giornata del ieri gli agenti del Commissariato di Terracina, nell’ambito di preordinati servizi di controllo del territorio, hanno tratto in arresto nella flagranza del reato di maltrattamenti in famiglia, lesioni personali plurime con l’utilizzo di un’arma impropria e minacce aggravate, S.M. 49enne terracinese. Gli Agenti del Commissariato erano intervenuti su richiesta formulata al 113 dalla compagna del predetto che riferiva di trovarsi presso il luogo di lavoro ove gestisce un’impresa agricola. La donna, terrorizzata, descriveva una violenta aggressione in atto, in cui era rimasta vittima da parte del compagno e che secondariamente aveva visti coinvolti il proprio figlio, avuto da una precedente relazione, ed un amico di questi. Sul posto intervenivano equipaggi della Squadra Volante e della Squadra Anticrimine che a fatica riuscivano a contenere l’uomo dai suoi propositi nei confronti dei due giovani, colpevoli di essere accorsi in difesa della donna. L’uomo annovera precedenti per gli stessi reati per i quali già in passato era stato destinatario di un allontanamento dalla casa familiare. Per quanto ricostruito dagli investigatori, avendo udito le grida della madre, il figlio era accorso a verificare cosa stesse accadendo accompagnato da un amico con cui si trovava in quel momento in azienda. Non appena i due giovani raggiungevano la donna la trovavano dolorante e terrorizzata mentre l’uomo sfasciava ogni suppellettile ed arredo scaraventando a terra prodotti e cassette. Alla vista dei due soccorritori l’aggressore incentrava le sue violente condotte sugli stessi che si difendevano come potevano cercando d’impedire all’uomo, armatosi di un piccone, di avvicinarsi nuovamente alla donna. Non appena veniva ristabilita la sicurezza, gli operatori di polizia garantivano a tutti le cure mediche mentre ascoltavano la testimonianza dei numerosi presenti e repertavano la scena del crimine sequestrando il piccone utilizzato. Stante la manifesta pericolosità sociale evidenziata dal soggetto, concordemente con il P.M. di turno della Procura della Repubblica di Latina, veniva arrestato e tradotto presso la Casa Circondariale di Latina ove tuttora si trova a disposizione dell’A.G. giudicante.

Foto di repertorio

10 Settembre 2019 0

Come Robinson Crusoe, per due giorni prigionieri del mare nelle Grotte del Circeo

Di Ermanno Amedei

TERRACINA – Per quasi due giorni sono rimasti bloccati in una delle Grotte del Circeo. E’ l’odissea vissuta da una coppia di escursionisti in canoa, marito e moglie entrambi di 41 anni.

Nella giornata di domenica, i due si erano avventurati in canoa in prossimità del promontorio del Circeo, per vedere le belle grotte, nonostante le stesse siano interdette per il pericolo di caduta massi. Ma i due improvvidi canoisti, si facevano sorprendere dal peggioramento delle condizioni del mare, che con onde di quasi 3 metri, bloccava la coppia in una spiaggetta sottostante la scogliera che rendeva impossibile il passaggio via terra.

Dopo aver atteso e sperato, invano, che il mare si calmasse, decidevano di passare la notte accampati nella Grotta dei Prigionieri.

Il giorno dopo, nel tardo pomeriggio,dopo una notte all’addiaccio e una giornata sotto il sole, i due turisti hanno deciso di chiedere aiuto, chiamando i Carabinieri e la Guardia Costiera di Terracina.

La motovedetta in servizio di ricerca e soccorso, sotto il coordinamento della sala operativa della Guardia Costiera di Terracina raggiungeva la spiaggetta, dove avevano trovato rifugio i coniugi,ma la forte risacca ed il mare sempre più agitato ne impediva l’avvicinamento ed il recupero dei due malcapitati.

I vari tentativi effettuati dai militari si sono interrotti con il sopraggiungere della notte e la conseguente mancanza di luce in un tratto di mare particolarmente insidioso per la presenza di scogli.  Accertatisi delle buone condizioni di salute dei due malcapitati e della disponibilità di viveri, i militari rinviavano le operazioni di recupero a questa mattina.

Alle prime luci dell’alba, il Gommone della Guardia Costiera di San Felice Circeo con l’ausilio della Motovedetta di Terracina, sono riusciti a recuperare la coppia di coniugi, nonostante il permanere di un mare agitato che rischiava di far infrangere le unità navali della Guardia Costiera sulla vicina scogliera: i militari recuperavano subito il marito con l’ausilio della Speed Line, una cima che viene sparata da bordo a terra per circa 250 mt..

Per salvare la signora, ormai terrorizzata dalla forza del mare, invece si è reso necessario l’intervento di un sergente della Guardia Costiera di Terracina che, vistala criticità della situazione, si è gettato in mare, con le dotazioni di sicurezza,per raggiungere la spiaggia. Dopo aver fatto indossare le dotazioni di sicurezza alla donna ed averla rassicurata, si lanciavano in mare e riusciva a trarla in salvo accompagnandola a bordo dell’unità navale della Guardia Costiera.

Sebbene molto provati dalla avventura che poteva avere un diverso epilogo, i due coniugi risultavano in buono stato di salute

20 Febbraio 2019 0

Latina, prosegue l’iniziativa della polizia “Scuole sicure”, al setaccio gli istituti di Terracina

Di felice pensabene

LATINA – La Polizia di Stato – Questura di Latina è stata impegnata in preordinati servizi volti al contrasto e alla repressione dei reati di spaccio di sostanze stupefacenti nell’ambito scolaresco, denominati scuole sicure. Le attività, svolte dagli uomini del Commissariato Distaccato di P.S. di Terracina, coadiuvati dal Reparto Prevenzione Crimine della Polizia di Stato e dai rispettivi uffici investigativi, hanno riguardato in particolare perquisizioni all’individuazione dei pusher di riferimento tra i giovanissimi. Tra gli obiettivi controllati particolare attenzione è stata dedicata a coloro che, da attività info investigativa, sono indicati come dediti allo spaccio destinato ai giovanissimi frequentatori delle scuole di Terracina. In tale ambito sono stati segnalati alla Prefettura di Latina M.P. 19enne di Priverno e R.C. 18enne di Fondi, entrambi incensurati. Gli stessi sono stati trovati in possesso, rispettivamente di 1,2 grammi di marijuana e 3,1 grammi di hashish.

Peraltro, i servizi straordinari di controllo del territorio hanno permesso di individuare ed identificare due giovani donne di etnia rom che si aggiravano tra le vie di questo centro cittadino e, con fare sospetto osservavano abitazioni private e esercizi commerciali, con ogni probabilità pronte aa entrare in azione. Le stesse, già ricercate da numerose Procure della Repubblica per la notifica di atti inerenti precedenti procedimenti penali per i numerosi furti di cui si erano rese protagoniste, sono state munite di foglio di via obbligatorio con il divieto di fare ritorno nel comune di Terracina per anni tre.

14 Dicembre 2018 0

Peschereccio affondato a Terracina, la barca trovata a 24metri di profondità

Di Ermanno Amedei

TERRACINA – Il Motopeschereccio Claudio Padre di Terracina è stato individuato a 24 metri di profondità sul fondale a circa un miglio da Terracina.

L’imbarcazione che si è inabissata questa mattina è stata trovata dagli uomini della Capitaneria di Porto di Terracina e Gaeta e dai vigili del fuoco che, insieme ad altri pescherecci, hanno battuto lo specchio di mare dove, poco prima, era stato recuperato un superstite.

Intanto nessuna traccia ancora del 63enne disperso per trovare il quale si continua a cercare.

Ermanno Amedei 

13 Dicembre 2018 0

Terracina, fucili a pompa e pistole mitragliatrici oltre a passamontagna ritrovati in un borsone vicino all’ospedale

Di Ermanno Amedei

TERRACINA – I Carabinieri del Norm della Compagnia di Terracina hanno sequestrato una vera e propria Santa Barbara. In particolare, i militari sono stati allertati della presenza di alcuni borsoni nella vegetazione alta nei pressi del parcheggio antistante il locale ospedale Fiorini e, recatisi sul posto, hanno rinvenuto un vero e proprio arsenale costituto da un fucile a pompa, una pistola mitragliatrice, due fucili semiautomatici, 3 pistole semiautomatiche, 1 revolver, 1 bomba artigianale e due artifizi pirici, nonché passamontagna e un lampeggiante artigianale.

Già da tempo i Carabinieri erano a conoscenza dell’esistenza di alcune bande dedite a furti e rapine che avevano nella loro disponibilità armi e munizioni che sicuramente non avrebbero avuto remore ad utilizzare in prossimità delle festività natalizie nel sud pontino, a Latina e nei dintorni del capoluogo. Infatti, negli ultimi tempi sono state poste in essere diverse perquisizioni mirate e molto probabilmente i malfattori, sentendo il fiato dei Carabinieri sul collo, hanno deciso di sbarazzarsi di tutto il materiale.

I militari dell’Arma continueranno ad intensificare i controlli soprattutto in vista delle prossime festività per prevenire e reprimere reati predatori.

26 Novembre 2018 0

Voragine a Terracina, continuano le ricerche del 68enne disperso

Di Ermanno Amedei

TERRACINA – Continuano sulla via Pontina tra Terracina e San Felice Circeo le operazioni di ricerca del 68enne inghiottito con la sua auto, ieri mattina, dalla voragine che si è aperta a causa del maltempo.

La Fiat Tipo su cui viaggiava insieme ad un 64enne riuscito a sfuggire alla trappola mortale, è stata recuperata con una autogru dei vigili del fuoco dal fondo della voragine ma del 68enne nessuna traccia.

I solco scavato dall’acqua sulla pontina è ampio circa 15 metri ed è profondo tra i 5 e gli otto metri. Coinvolta anche una seconda vettura in transito al momento del cedimento, la cui occupante è rimasta ferita ma è riuscita a mettersi in salvo. Ermanno Amedei

25 Novembre 2018 0

Voragine sulla pontina, recuperata l’auto: ancora in cerca del disperso – VIDEO

Di Ermanno Amedei

TERRACINA – Ancora si cerca la persona dispersa questa mattina nella voragine che si è aperta sulla via Pontina a San Felice Circeo e che ha inghiottito un’auto in transito.

I rottami della vettura sono stati recuperati con l’ausilio di una autogru dei vigili del fuoco. Vigili del fuoco che hanno cercato lo scomparso fin dai primi momenti del loro intervento in zona.

La voragine è profonda circa 5 metri e interrompe la Pontina per un tratto di circa 20 metri. Un torrente che l’acqua, nella sua corsa verso il mare, si è scavata nell’asfalto.

Ermanno Amedei

15 Novembre 2018 0

Minaccia di dar fuoco alla casa se la ex non apre, arrestato a Terracina marito violento

Di Ermanno Amedei

TERRACINA – Gli Agenti del Commissariato di Terracina hanno arrestato nella flagranza del reato di maltrattamenti in famiglia S.B. 48enne di origine indiana. L’uomo, in fase di separazione dalla moglie, aveva cercato di introdursi all’interno dell’abitazione della stessa per aggredirla, così come già aveva fatto numerose volte. Le violenze a cui, negli anni di convivenza con il marito, la donna è stata sottoposta l’avevano persuasa circa tre mesi fa a rivolgersi alla Polizia di Stato. Oltre ai soprusi sulla moglie, l’uomo noncurante della presenza della figlia di 7 anni faceva vivere nel terrore l’intero nucleo familiare. Dopo la prima denuncia sporta in Commissariato dalla vittima e le continue richieste d’intervento formulate al 113, l’aguzzino aveva deciso di allontanarsi spontaneamente dall’abitazione di famiglia. Purtroppo quella che sembrava essere una nuova pagina nel corso della vita delle due sventurate vittime si è poi rivelata solo una breve pausa. L’uomo infatti, pur non coabitando più nell’abitazione di famiglia, aveva cominciato a presentarsi ad ogni ora del giorno e della notte minacciando di dare fuoco all’abitazione se non gli fosse stato aperto. I suoi raid, finalizzati a generare terrore, erano fulminei, tanto che le Volanti del Commissariato non riuscivano a coglierlo in flagranza di reato né a rintracciarlo. A questo punto veniva predisposto un servizio a tutela delle vittime, con Agenti anche in borghese, nella certezza che l’uomo si sarebbe ripresentato presso quell’abitazione. In effetti egli si presentava di buon ora, intorno alle 7 del mattino, quando, deciso ad accedere nella casa e ad aggredire la moglie, cominciava a danneggiarne il portone d’ingresso. Deciso a tutto, pronunciava frasi che tradotte da un connazionale, vicino di casa, stavano a significare che avrebbe fatto “un cimitero”. Grazie al tempestivo intervento di due equipaggi del Commissariato l’uomo veniva colto in flagranza e bloccato. La donna e la bambina in stato di shock venivano soccorse e rassicurate. Dopo le formalità di rito il cittadino indiano veniva tatto in arresto per il reato di maltrattamenti in famiglia, imputazione per la quale annovera già precedenti specifici sempre nei confronti della moglie, quando anni addietro erano residenti in un’altra città e le sue condotte erano le medesime. In questi anni la donna, percossa con calci e pugni era finita anche in Ospedale a causa di una ferita lacero contusa che le venne suturata su una gamba quando il marito in preda ad uno dei suoi raptus l’aveva percossa con un piatto. Su disposizione dell’A.G. lo stesso verrà giudicato con rito ordinario presso il Tribunale di Latina, restando a disposizione ristretto presso la Casa Circondariale di Latina per l’udienza di convalida.

2 Novembre 2018 0

Maltempo, Salvini a Terracina per i funerali delle vittime

Di Ermanno Amedei

TERRACINA – “Il ministro dell’Interno Matteo Salvini, domenica 4 novembre, sarà a Terracina per testimoniare la vicinanza alle popolazioni colpite duramente dall’eccezionale ondata di maltempo che in questa città ha provocato due morti”. Lo si legge in una nota del Viminale.

“Salvini sarà alle ore 10.00 nella Cattedrale di piazza Municipio dove assisterà alla Santa Messa.

Subito dopo si recherà in visita nei luoghi della città colpiti dalla tragedia (centro storico alto e centro storico basso, viale della Vittoria e piazzale Aldo Moro)”.

29 Ottobre 2018 0

Terracina, un morto ed un ferito per la caduta di alberi sulle auto

Di Ermanno Amedei

TERRACINA – Una tromba d’aria violentissima quella che si è abbattuta su Terracina nella centralissima via Roma. Pochi minuti di inferno sono costate una vita, quella della persona rimasta schiacciata in un’auto dal peso di un grosso pino, il ferimento di una seconda persona e danni per centinaia di migliaia di euro.

Del caso se ne stanno occupando i carabinieri della compagnia di Terracina. La situazione delle strade è a tratti tragica. L’appia è ostruita in più punti e in piiù punti si è sfiorata la tragediua come sulla Migliara 45 dove un grosso albero è caduto su una autocisterna che trasportava Gpl ma colpendo il cabinato e non la cisterna.

Intanto la protezione civile della Regione Lazio ha inviato dieci quadre per liberare le strade e mettere in sicurezza le aree più colpite. Sono decine gli alberi che si sono schiantati al suolo nella sola via Roma schiacciando auto e arrecando danni a strutture.