Categoria: Lazio

19 Febbraio 2019 0

Individuato e multato ad Arpino 39enne straniero che scaricava rifiuti nei boschi

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

ARPINO – I carabinieri di Arpino hanno individuato e contravvenzionava un cittadino marocchino 39enne, (già gravato da vicenda penale specifica nonché da una vicenda penale per reato contro la persona) e da tempo residente a Casalvieri, poiché- resosi responsabile della violazione di “abbandono di rifiuti non pericolosi”, in una località di proprietà comunale. Nei giorni scorsi, nel corso di un normale servizio perlustrativo nel territorio del comune di Arpino, i militari operanti individuavano una sorta di discarica abusiva con oltre un metro cubo di rifiuti gettati in una scarpata. A seguito delle specifiche attività info-investigative, l’uomo veniva individuato quale autore dell’abbandono di rifiuti. Gli immediati accertamenti, consentivano inoltre di accertare che l’uomo era già stato deferito in tato di libertà – nel 2013 – dal personale del Comando Stazione Carabinieri di Casalvieri “per aver bruciato materiale plastico e di gomma provocando l’emissione di fumi densi e maleodoranti”. Nei suo confronti gli è stata contestata quindi la violazione di “abbandono di rifiuti non pericolosi” nonché la sanzione amministrativa di euro 600 con l’obbligo dell’immediata bonifica dell’area interessata.

19 Febbraio 2019 0

La super luna visibile anche nel cielo di Cassino

Di redazionecassino1

CASSINO – “Spunta la luna dal monte…” iniziava così un brano di qualche anno fa. È una luna speciale quella che molti cittadini di Cassino potranno ammirare salire piano piano nel cielo questa sera, spuntando dal monte che sovrasta Viticuso sede del parco eolico. Il nostro satellite si potrà ammirare più grande, luminoso e visibile ad occhio nudo da tutti. Un giallo intenso inizialmente con sfumature rossastre, uno spettacolo unico da lasciare in molti con il naso all’insù ad ammirare l’evento.

Scientificamente è definito perigeo lunare il momento del minimo avvicinamento della luna a Terra.

Una super luna, secondo la NASA, fino al 14% più grande e al 30% più luminosa di come appare durante la maggior parte delle volte. Il cielo continua a regalare spettacolo in questa sera del 19 febbraio 2019 una luna piena spettacolare considerata uno degli eventi astronomici più emozionanti dell’anno. La luna apparirà, infatti, più brillante e luminosa che mai perché si troverà esattamente nel punto della sua orbita più vicina alla Terra. La Luna raggiungerà il perigeo, ossia il punto della sua orbita più vicina alla Terra, alle 10:07 del mattino, mentre il plenilunio è atteso per le 16:53. Per godersi al meglio lo spettacolo, si consiglia di recarsi in un vasto spazio all’aperto e lontano dall’inquinamento artificiale. Quindi in campagna o in montagna, se possibile. “È un appuntamento da non perdere” perchè il nostro satellite disterà “solo” 356.761 chilometri dalla Terra. Di solito la distanza è di circa 30.000 km in più. Mai, per tutto il 2019, avremo una Luna piena più vicina di così.

Quella di stasera sarà la seconda Superluna del 2019, dopo la luna rossa della notte fra il 20 e il 21 gennaio scorso. Per vederne un’altra bisognerà attendere il terzo appuntamento, il prossimo 19 marzo, a ridosso dell’equinozio di primavera.

F. Pensabene

19 Febbraio 2019 0

Violenza in famiglia a Roccasecca, picchia la compagna e la figliastra: arrestato 47enne

Di admin

ROCCASECCA – I carabinieri di Roccasecca hanno arrestato un 47 enne del luogo (già gravato da vicende penali  per ingiuria e minaccia) poiché colto nella flagranza dei reati di “maltrattamenti in famiglia, lesioni personali e violenza o minaccia a P.U.” nei confronti della convivente e della figlia di quest’ultima.

I  militari operanti, a seguito di specifica richiesta giunta alla centrale operativa, intervenivano presso l’abitazione dell’arrestato, in quanto era stato segnalato un litigio con contestuale forte frastuono. Giunti sul posto i militari constatavano che l’arrestato stava malmenando sia la convivente 41enne, casalinga, che la figlia 16enne della donna, studentessa, verosimilmente per futili motivi. L’uomo alla vista dei militari andava in escandescenza tanto che quest’ultimi, visto il suo stato di forte agitazione, allontanavano immediatamente la moglie e i 4 figli riuscendo poi a calmarlo ed ad accompagnarlo negli uffici del Comando Arma .

Le due donne sono state poi trasportate presso il pronto soccorso dell’ospedale di Cassino ove, a seguito dei previsti accertamenti venivano dimesse, la convivente 41enne (che presentava vistosi lividi ed escoriazioni ed una contusione all’emitorace), con una prognosi di 10 giorni mentre la figlia 16enne ( che presentava solo alcuni lividi e uno stato ansioso), con una prognosi di 5 giorni.

Espletate le formalità di rito l’arrestato è stato accompagnato presso un’altra abitazione poiché sottoposto al regime degli arresti domiciliari.

L’intervento dei Carabinieri permetteva di interrompere dei maltrattamenti che, purtroppo,  andavano avanti da molto tempo e che non erano mai stati denunciati.

19 Febbraio 2019 0

Ferentino, picchia l’anziano padre con il suo stesso bastone: arrestato 52enne

Di admin

FERENTINO – Ha picchiato l’anziano padre a sangue rompendogli addosso il bastone e tentando di colpirlo anche con un martello. Per questo i carabinieri di Ferentino hanno arrestato ieri sera S.G. 52 anni del posto, accusandolo di tentato omicidio e maltrattamenti in famiglia.

I carabinieri sono intervenuti su richiesta della badante dei genitori dell’arrestato, bloccandolo, dopo un breve inseguimento. L’uomo, poco prima si era reso responsabile di aver percosso, per questioni ereditarie, l’anziano padre con calci, pugni e con il suo bastone da sostegno, che a seguito dei colpi inferti si è addirittura rotto in più parti, tentando inoltre di colpirlo con un martello da carpentiere e non riuscendoci per il pronto intervento della badante che ne impediva di fatto l’evento.

Nella circostanza la figlia della vittima, ha sporto denuncia nei confronti del fratello per ripetuti maltrattamenti nei confronti di suo padre, eventi mai denunciati cui produceva certificati medici a seguito del quale il padre colpito da figlio, è stato giudicato guaribile in 5 giorni per ferita lacero contusa legione orbitale sinistro. Il martello, il bastone da sostegno rotto sono stati posti sotto sequestro. L’arrestato dopo le formalità di rito, è stato tradotto presso la casa circondariale di Frosinone a disposizione dell’autorità giudiziaria.

19 Febbraio 2019 0

Cassino, la biblioteca ‘Pietro Malatesta’ trasloca al museo Historiale

Di redazionecassino1

CASSINO – Una delibera della Giunta comunale, del 7 febbraio scorso, ha disposto lo spostamento della biblioteca comunale “Pietro Malatesta” dagli attuali locali dell’ex galleria Arcobaleno, di via del Carmine, all’ex book shop del museo Historiale. Un trasloco che permetterà al Comune un risparmio di oltre 70mila euro l’anno di solo affitto. Il trasferimento della biblioteca era nell’aria da tempo. Inizialmente si era pensato al foyer del Teatro Manzoni. Opzione affascinante ma concettualmente difficile da mettere in atto. Infatti per “foyer” era inteso lo spazio attiguo alla struttura principale del Manzoni. L’operazione porterà un notevole risparmio per le casse del Comune e potrebbe far rinascere un’area, quella del museo Historiale, al momento sconosciuta ai più. E’ pur vero che un flusso massiccio di persone non c’è mai stato in biblioteca e che bisognerebbe ripensarla. L’area dove andrà a collocarsi la biblioteca sarà decisamente diversa da quella odierna visto che “sono stati ultimati i lavori di ristrutturazione dei locali dependance della superficie di circa 195 mg, finanziati con fondi regionali, e oggi la stessa è fruibile come piccola sala convegni e/o mostre anche nell’ambito del progetto ‘Atelier Arte Bellezza Cultura’” si legge nella relazione del dirigente allegata alla delibera di Giunta. Per l’Historiale vero e proprio “Sono in corso i lavori di manutenzione straordinaria dell’edifico museale che sarà, quindi, a breve riaperto per la fruizione pubblica”, mentre la biblioteca andrà ad occupare “un altro edificio della superficie di circa 293 mq, attualmente destinato a nessuna attività e, precedentemente, con destinazione di “Book shop”. Lo spazio è stato scelto non solo per l’importante risparmio economico per il Comune, quanto per l’ubicazione “nell’immediato centro cittadino nonché sul percorso pedonale e viario di collegamento dell’Università con la stazione ferroviaria e autobus” è inoltre “dotato di ampie aree a verde e pavimentate che ben si prestano per la fruizione delle persone”. Nei locali dell’Historiale troverà posto anche l’archivio storico. Per rendere l’edificio fruibile in tempi celeri sono necessari interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria come ad esempio la sistemazione delle pareti dei locali esistenti con opere di tinteggiatura e pulizia; la revisione e potenziamento degli impianti tecnologici esistenti; la manutenzione straordinaria alla copertura del fabbricato; la revisione degli infissi esistenti e la pulizia ed allestimento dei locali. Tutto per un importo stimato di poco meno di 30mila euro. Il via libera alla delibera, secondo le volontà dell’amministrazione, dovrebbe andare nella direzione di “valorizzare il patrimonio immobiliare disponibile”, “abbattere la spesa per i canoni di locazione passive, “ridurre i costi di gestione degli immobili e dei consumi energetici”; “finanziare le opere di manutenzione con le minori spese, già allocate nel bilancio stabilmente riequilibrato, da pagare per la locazione dell’attuale sede”; “allocare la biblioteca comunale in un contesto multi-culturale” secondo quanto indicato nella delibera adottata dalla Giunta.

F. P.

19 Febbraio 2019 0

Vola giù nel dirupo con il bobcat, muore 38enne di Lariano

Di admin

CIAMPINO – Si capotta in un fossato con il bobcat e muore schiacciato. La tragedia si è consumata ieri pomeriggio alle 17 circa in località Patanona a Ciampino e ha trovato come sfortunata vittima Massimo Abbafati, 38 anni di Lariano.

L’uomo stava ripulendo da rovi e canne un terreno che terminava su un fossato quando qualcosa è andato storto, forse il terreno è franato trascinandolo giù per circa 15 metri.

L’uomo è rimasto schiacciato ed ucciso nell’abitacolo del mezzo. Inutili ogni tentativo di soccorso. Sul posto sono arrivati i vigili del fuoco del comando provinciale di Roma che hanno recuperato la salma per permetterne il trasporto nell’obitorio di Tor Vergata. La vittima lascia la moglie e tra pochi mesi sarebbe diventato padre.

19 Febbraio 2019 0

Incendio nell’alloggio Ater a Frosinone, le fiamme divampano al quarto piano

Di admin

FROSINONE – Un incendio si è sviluppato ieri all’interno di un alloggio ATER in Corso Francia a Frosinone.  Al loro artrivo i vigili del fuoco hanno accertato che il rogo interessava il solo locale bagno, mentre nel resto dell’abitazione si erano propagati solo i fumi ed il calore.

Per accede ai locali le fiamme i pompieri sono intervenuti con l’autoscala e domate le fiamme hanno successivamente verificato le condizioni ambientali di tutti locali coinvolti dall’incendio.

Al momento dell’arrivo delle squadre VVF all’interno dell’abitazione non erano presenti gli occupanti, i quali erano già assistiti nel piazzale sottostante dai sanitari dell’ARES 118.

Dalla verifica condotta dopo l’ultimazione delle operazioni di spegnimento ed areazione dei locali, si ritiene che l’appartamento sia da ritenere inagibile per motivi di carattere igienico sanitario.

Foto repertorio

18 Febbraio 2019 0

Cassino, finita l’avventura D’Alessandro alla guida del Comune, i “quattro dissidenti” firmano le dimissioni

Di redazionecassino1

CASSINO – Non si attendeva altro che l’atto formale, arrivato oggi, per sancire la fine dell’amministrazione D’Alessandro. Questa mattina, infatti, sono arrivate le dimissioni dei quattro consiglieri ‘dissidenti’. Le loro dimissioni vanno ad aggiungersi a quelle degli altri dodici che avevano votato la sfiducia al Primo cittadino e firmato il registro dal notaio. A Petrarcone, Terranova, Grieco, Mignanelli, D’Ambrosio, Marsella, Salera, Mosillo, Di Rollo, Monticchio, si sono aggiunti Chiusaroli, Secondino, Valente, Grossi e Tartaglia: questo l’elenco dei consiglieri comunali che hanno decretato, con le loro dimissioni in massa, la conclusione anticipala della consiliatura ed il ritorno alle urne.

Solo due anni e sette mesi, tanto è durata l’avventura di D’Alessandro e la sua compagine. Una crisi annunciata e nell’aria da tempo, anzi a ben guardare già dal 2008 quando la Lega aveva chiesto, attraverso l’ex vicesindaco Palombo, trasparenza e condivisione prima del primo azzeramento dell’esecutivo. Palombo e la Lega non vollero tornare in Giunta. Da allora in poi il Primo cittadino ha lasciato anche il posto di vicesindaco vacante in attesa che il Carroccio nominasse il proprio referente. Cosa che non è mai avvenuta, rinunciando alla delega di vicesindaco e di assessore. Il resto è storia nota, litigi, ripicche, dimissioni, fibrillazioni continue, tra le quali spicca il contrasto sulla delega ai Lavori pubblici, assegnata al forzista Franco Evangelista, sulla quale si creò il gruppo dei dissidenti composto da Chiusaroli, Valente, Tartaglia e Secondino. Neppure le dimissioni di Benedetto Leone erano riuscite a ricomporre la frattura sfociate nell’epilogo di oggi.

Ora lo scenario che si aprirà sarà quello delle elezioni anticipate, probabilmente in primavera.

F. Pensabene

18 Febbraio 2019 0

Si arrampica sul cancello della caserma dei carabinieri di Alatri per protesta

Di admin

ALATRI – Si arrampica sul cancello della caserma dei carabinieri di Alatri per protestare contro un provvedimento giudiziario che riteneva ingiusto. Per questo i carabinieri di Alatri e i loro colleghi della stazione di Vico nel Lazio  e del N.O.R.M. hanno arrestato un 38enne di cittadinanza rumena  ma residente ad Alatri (fr), già gravato da vicende penali  per reati inerenti la prostituzione, furto, estorsione, oltraggio e violenza a p.u., lesioni ed attualmente sottoposto all’obbligo di dimora in Alatri poiché colto nella flagranza dei reati di  violenza e minaccia a pubblico ufficiale, danneggiamento aggravato su edifici pubblici e porto abusivo di armi od oggetti atti ad offendere.

L’uomo, sabato sera, si è presentato una prima volta presso gli uffici del Comando Stazione Carabinieri di Alatri lamentando l’avvenuta notifica di un atto giudiziario, decideva di andare via e, poco dopo faceva ritorno presso lo stesso Comando Arma, arrampicandosi  sul cancello di ingresso della caserma, chiuso in quel momento.

Nonostante i numerosi inviti da parte dei militari  presenti, si  rifiutava di scendere anzi, contestualmente  e  volontariamente, con dei  calci  spaccava le guide in gomma del cancello rendendolo non più funzionante. Nel corso della sua protesta, inoltre,  esibiva un foglio con la scritta “GIUSTIZIA PER ME” urlando, nei confronti dei militari intervenuti di non voler scendere dal cancello se non fosse stata annullata la disposizione notificatogli ed emessa dalla competente A.G. e minacciando  sia  militari  nonché il  personale del 118 e del 115 nel frattempo intervenuti, di non avvicinarsi  ne di tentare azioni risolutive,  facendo  intendere  che vi era la possibilità  che si sarebbe tolta la vita.

Solo dopo alcune ore,  i militari operanti,  riuscivano a calmarlo e lo convincevano a scendere dal cancello e, quindi, a trarlo in arresto.

Ad espletate formalità di rito, lo stesso veniva trasportato  presso la sua abitazione in regime di arresti domiciliari, così come disposto dalla competente A.G..

17 Febbraio 2019 0

Incidente stradale tra Badia di Esperia e Pontecorvo, tre feriti

Di admin

PONTECORVO – Tre macchine sono rimaste coinvolte questa mattina in un incidente stradale sulla strada provinciale tra la Badia di Esperia e Pontecorvo.

Nello schianto due persone sono rimaste ferite mentre una terza è rimasta contusa e spaventata. Una delle auto, dopo l’impatto, è uscita di strada e ha rischiato di capottarsi in una cunetta.

Sul palco sto sono accorsi i vigili del fuoco del distaccamento di Cassino e tre ambulanze. Ermanno Amedei