Tag: 38enne

3 Agosto 2019 0

Pedone investito a Velletri, 38enne con un ginocchio rotto

Di Ermanno Amedei
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

VELLETRI – Stava attraversando la strada quando l’auto guidata da un anziano lo ha centrato in pieno scaraventandolo sull’asfalto. E’ accaduto mercoledì pomeriggio, poco prima delle 19, in via dei Volsci a Velletri.

La Opel Astra guidata da un 82enne del posto, forse a causa di un momento di distrazione o forse per qualche altro motivo su cui gli agenti della polizia locale di Velletri stanno ancora indagando, ha travolto il 38enne colpendolo ad una gamba.

L’uomo dolorante è caduto sul manto stradale ed è stato immediatamente soccorso dai passanti e dallo stesso automobilista. Poco dopo sono arrivati gli agenti della polizia locale che hanno che hanno aiutato il ferito a sedersi su un marciapiedi in attesa dell’ambulanza e hanno veicolato il traffico per evitare il verificarsi di altri incidenti oltre che per ridurre la coda di auto che si era creata dovuta ai curiosi.

Il 38enne lamentava forti dolori al ginocchio e, per questo è stato trasportato in ospedale a Velletri dove, i medici gli avrebbero riscontrato diverse fratture per una prognosi diversi giorni.

30 Luglio 2019 0

Frosinone, arrestato dai carabinieri un 38enne per “tentato omicidio e minaccia con l’utilizzo anche di armi”

Di felice pensabene

FROSINONE – Nella tarda serata di ieri, a Frosinone, i Carabinieri del Nucleo Investigativo e della Compagnia di Frosinone hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dall’Ufficio G.I.P. presso il Tribunale di Frosinone, su richiesta del locale Procura, dott. Samuel Amari, nei confronti di B.E., originario di Frosinone, cl. 81, disoccupato, pluricensurato, nei cui confronti vengono ipotizzati i reati di “tentato omicidio e minaccia con l’utilizzo anche di armi”.

L’odierno provvedimento restrittivo è l’esito dell’attività di indagine, condotta dai sopra citati reparti, da circa tre mesi, all’indomani del danneggiamento ad opera di ignoti di un’attività commerciale, sita in Frosinone, a scopo tipicamente intimidatorio mediante deflagrazione di una bomba carta e successiva esplosione di colpi di arma da fuoco, ha consentito di acquisire a carico dell’arrestato gravi indizi di reità in ordine ai gravi delitti su richiamati ed in particolare di far emergere la sua responsabilità, in concorso con altri soggetti da individuare, su precedenti aggressioni fisiche e minacce, anche con l’utilizzo di armi, in danno dei proprietari dell’attività commerciale.

Dopo le formalità di rito, l’arrestato è stato associato presso la Casa Circondariale di Frosinone.

foto di repertorio

2 Aprile 2019 0

Gli trovano armi e segni identificativi di polizia, poi 38enne si scaglia contro i carabinieri e viene arrestato

Di Ermanno Amedei

ESPERIA – I Carabinieri della Stazione di Esperia unitamente i colleghi dell’Aliquota Operativa della Compagnia di Pontecorvo hanno arrestato il 38enne C.F. di Esperia per il reato di resistenza oltraggio, minaccia e lesioni a Pubblico Ufficiale, inoltre è stato denunciato anche per il reato di fabbricazione o detenzione di materie esplodenti e per il possesso di segni distintivi contraffatti. 

L’uomo, già censito per reati contro la Pubblica Amministrazione, contro la persona, contro il patrimonio e in materia di armi, era stato controllato a Ripi da una pattuglia della Sezione Radiomobile della Compagnia di Frosinone e trovato in possesso di un coltello.

I militari di Frosinone hanno allertato immediatamente i colleghi della Compagnia di Pontecorvo che procedevano ad Esperia alla perquisizione domiciliare d’iniziativa effettuata per la ricerca di armi. Presso la casa dell’umo, nella camera da letto, è stato rinvenuto diverso materiale illegalmente detenuto: una cartuccia a pallini e una a palla per fucile, 15 cartucce a salve, una pistola scacciacani posta all’interno del comodino, priva della parte finale della canna dipinta di rosso, il simulacro di una bomba a mano tipo “ananas”, un machete con una lama di 49 centimetri, uno spadino con lama lunga 25 centimetri riportante lo stemma delle “SS”, un coltello con due lame intercambiabili di 12 e 15 centimetri con applicato un tirapugni artigianale, un pugnale con lama di 15 centimetri, un coltello con lama di 15 centimetri, un fucile ad aria compressa senza matricola, un cofanetto in pelle contenenti numerosi “spadini” di varie misure generalmente utilizzati per l’apertura delle serrature, una mazza in legno riportante la scritta fatta a mano “88 Adolf Hitler” ed una svastica, un candelotto artigianale contenente polvere da sparo ed un artifizio contenente polvere da sparo.

Durante la perquisizione sono stati rinvenuti anche quattro porta tessera di cui due riportanti la placca della Polizia di Stato, una il simbolo delle Forze Armate ed un’altra la scritta Ministero della Difesa e relativa placca, un lampeggiante blu, come quello utilizzato dalle Forze dell’ordine, una paletta bianca con un adesivo rosso con la scritta “minis” nonché un paio di manette.

Sollecitato dai Carabinieri il 38nne ha dichiarato che buona parte del materiale era stato acquistato su internet, ma non ha fornito una spiegazione sul motivo per il quale deteneva tutto il sopracitato armamentario.

Successivamente il soggetto è stato invitato presso la Stazione Carabinieri di Esperia per le formalità di rito ma giunto nelle prossimità della caserma, andando in escandescenza, ha aggredito verbalmente e fisicamente un militare del Comando Carabinieri di Esperia tanto da richiedere l’intervento di altri colleghi ivi giunti sia per riportare alla calma il 38enne che per accompagnare il militare in ospedale a seguito delle lesioni riportate giudicate guaribili in 5 giorni di prognosi. L’A.G. di Cassino nella mattinata odierna ha convalidato l’arresto con obbligo di presentazione presso il Comando Compagnia Carabinieri di Pontecorvo.

19 Febbraio 2019 0

Vola giù nel dirupo con il bobcat, muore 38enne di Lariano

Di Ermanno Amedei

CIAMPINO – Si capotta in un fossato con il bobcat e muore schiacciato. La tragedia si è consumata ieri pomeriggio alle 17 circa in località Patanona a Ciampino e ha trovato come sfortunata vittima Massimo Abbafati, 38 anni di Lariano.

L’uomo stava ripulendo da rovi e canne un terreno che terminava su un fossato quando qualcosa è andato storto, forse il terreno è franato trascinandolo giù per circa 15 metri.

L’uomo è rimasto schiacciato ed ucciso nell’abitacolo del mezzo. Inutili ogni tentativo di soccorso. Sul posto sono arrivati i vigili del fuoco del comando provinciale di Roma che hanno recuperato la salma per permetterne il trasporto nell’obitorio di Tor Vergata. La vittima lascia la moglie e tra pochi mesi sarebbe diventato padre.

22 Ottobre 2018 0

Cade dalla bicicletta a Veroli, 38enne soccorso da eliambulanza e Soccorso Alpino

Di Ermanno Amedei

VEROLI – Una caduta dalla bicicletta e la bella domenica iniziata sui monti a Veroli finisce con un volo in eliambulanza a Roma.

E’ accaduto ieri quando i tecnici del Soccorso Alpino del Lazio sono dovuti intervenire nel comune di Veroli per prestare soccorso ad un uomo di 38 anni caduto dalla mountain bike in una zona impervia.

L’uomo, raggiunto anche dal personale medico del 118 e dall’eliambulanza della Regione Lazio con a bordo il tecnico di elisoccorso del Soccorso Alpino, è stato elitrasportato a Roma.

11 Luglio 2018 0

Incidente stradale sulla Cassino Sora, muore madre 38enne e ferita gravemente bimba di due anni

Di Ermanno Amedei

CASSINO – E’ pesantissimo il bilancio dell’incidente stradale avvenuto nella tarda mattinata di oggi sulla superstrada Cassino Sora nel comune di Sant’Elia Fiumerapido. A perdere la vita è stata una mamma di 38 anni originaria di Pontecorvo ma residente a Formia. Gravissime le condizioni della figlia di appena due anni che lotta tra la vita e la morte nell’ospedale Gemelli di Roma.

La tragedia si è consumata alle 12 circa, poco dopo l’ospedale di Cassino in direzione Sora, quando una Lancia Ypsilon guidata dalla vittima, S. P., su cui viaggiava anche la bambina assicurata al seggiolino posteriore, si è schianta contro un camion che procedeva in direzione Cassino. L’impatto è stato violentissimo e all’arrivo dei soccorsi, per la 38enne non c’era nulla da fare.

Anche la bambina sembrava spacciata dato che non aveva battito. Poi, dopo i primi tentativi di rianimazione, il suo cuore ha ripreso a pulsare e in eliambulanza è stata trasportata a Roma. Sul posto i carabinieri della compagnia di Cassino diretti dal capitano Ivan Mastromanno hanno effettuato i rilievi per risalire alle cause della tragedia.

Ermanno Amedei

29 Giugno 2018 0

Si sostituisce ad un connazionale all’esame di italiano, 38enne senegalese arrestato dai carabinieri

Di felice pensabene

ROMA – Lo scorsa mattina, i Carabinieri della Stazione Roma piazza Farnese hanno arrestato con l’accusa di false dichiarazioni sulla propria identità, un cittadino del Senegal di 38 anni, senza fissa dimora e con precedenti, e hanno denunciato per il medesimo reato un connazionale di 54 anni, irreperibile.

Lo straniero si è presentato la scorsa mattina, in corso Vittorio Emanuele II, presso il centro Provinciale Istruzione per adulti (C.P.I.A.), presso la commissione esaminatrice con i documenti di un connazionale, per sostenere l’esame di lingua italiana di secondo livello, per stranieri, al fine di poter ottenere il permesso di soggiorno di lunga durata. L’uomo è stato però smascherato dalla commissione che ha scoperto che l’esaminato non era lo stesso del documento ed hanno chiamato immediatamente i Carabinieri della vicina caserma, di piazza Farnese.

All’arrivo dei militari l’uomo è stato prelevato ed accompagnato in caserma dove è stato identificato compiutamente ed arrestato mentre il connazionale presente sul documento non è stato al momento ancora rintracciato, nel frattempo è stato denunciato per il concorso nel medesimo reato. Il 38enne è stato trattenuto in caserma in attesa di essere processato con il rito direttissimo presso il Tribunale di Roma.

12 Giugno 2018 0

Spacciatrice casa e bottega a Sora, arrestata 38enne

Di Ermanno Amedei

SORA – Ieri sera i Carabinieri di Sora hanno arrestato una 38enne del luogo, residente nel quartiere Pontrinio, già censita per il reato di invasione di terreni o edifici, nella flagranza di reato di traffico e detenzione illecita di sostanze stupefacenti e psicotrope.

Dopo un lungo appostamento nei pressi dell’abitazione della donna, i militari operanti, avendo notato l’ingresso di un 66enne del posto, già noto per spaccio di sostanze stupefacenti, resistenza e violenza a P.U., truffa, reati di falso e reati contro la persona, hanno fatto irruzione nell’appartamento sorprendendo la 38enne mentre cedeva all’uomo una dose di cocaina, ricevendo come corrispettivo la somma di 20 euro.

Sottoposta immediatamente a perquisizione personale, le sono state trovate indosso altre 39 dosi di crack ed 500 euro in banconote di vario taglio, provento dell’attività illecita.

La successiva perquisizione domiciliare ha permesso di rinvenire ulteriori 16 dosi di cocaina, già confezionate e pronte per essere immesse sul mercato, nonché materiale atto al suo confezionamento. Il tutto è stato sequestrato. L’arrestata, su disposizione dell’A.G.,è stata sottoposta al regime degli arresti domiciliari mentre l’acquirente segnalato alla locale Prefettura quale assuntore di sostanze stupefacenti.

21 Maggio 2018 0

Violenza e minacce alla ex moglie, divieto di avvicinamento per 38enne di Cassino

Di Ermanno Amedei

CASSINO – Divieto di avvicinarsi alla casa della ex; questa la misura cautelare notificata oggi ad un 38enne di Cassino. L’uomo, già noto alle forze dell’ordine per reati contro il patrimonio e la persona, ha fatto vivere la sua ex compagna in un clima di continue violenze e minacce, giungendo perfino a sottrarle la figlia minore, tanto da costringerla più volte a richiedere l’intervento delle Forze dell’Ordine.

La donna, seppur terrorizzata, trovava la forza di denunciare quanto accaduto agli investigatori del Commissariato di Cassino che, dopo gli opportuni accertamenti, hanno riferito alla Procura della Repubblica con proposta di applicazione di misura cautelare.

Il GIP presso il Tribunale di Cassino dopo aver vagliato la richiesta del Pubblico Ministero, ha emesso la misura del divieto di avvicinarsi alla ex compagna ed ai luoghi dalla stessa frequentati.

La misura cautelare è stata eseguita nella mattina dagli agenti del Commissariato di casino, che hanno rintracciato l’uomo presso la sua nuova dimora.

27 Aprile 2018 0

Trasportava cocaina tra Frosinone e Latina, 38enne arrestato in operazione congiunta

Di Ermanno Amedei

LATINA – Una operazione congiunta tra carabinieri del reparto investigativo di Frosinone, agenti della Squadra Mobile di Frosinone e Latina ha permesso di arrestare, nel primo pomeriggio di oggi, uno spacciatore che operava tra le due province. Le forze dell’ordine hanno lavorato insieme per accertare la fondatezza di una notizia riservata “raccolta” nel frusinate in base alla quale era stata segnalata una Fiat Punto di colore rosso che sarebbe stata utilizzata, oggi, per trasportare droga,  dalla Capitale verso la zona di Latina.

Alle ore 13 circa la macchina è stata rintracciata e fermata. Alla guida c’era Adriano Battista 38 anni originario di Fondi (Lt) ma residente a Ferentino e domiciliato a Torrice, il quale in evidente stato di agitazione è stato sottoposto a perquisizione personale e veicolare che consentiva agli operanti di rinvenire all’interno della vettura e precisamente nella tasca posteriore del sedile lato passeggero, 62 grammi di cocaina, nonché delle placche metalliche di carrozzeria con impressi dei numeri di telaio e due targhe alfanumeriche di autovettura.

Battista è stato arrestato per il reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente.