Tag: amatrice

4 Dicembre 2017 0

Terremoto, la neve e le scosse tornano ad Amatrice

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

AMATRICE – Una forte scossa di terremoto è stata registrata questa notte tra le province di Rieti e L’aquila con epicentro tra i comuni di Amatrice, Accumoli e Campotosto. La zona, che ieri ha visto la neve cadere per tutto il giorno lasciando un manto di circa 5 centimetri, questa notte a mezzanotte e 34 minuti, ha tremato con una magnitudo di 4.2. Gli abitanti di Amatrice, la maggior parte abitano nei moduli abitativi, sono stati svegliati ma senza nessun danno.

I dipartimento di protezione civile ha emesso una comunicazione nella quale si legge: “A seguito dell’ evento sismico registrato dall’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, tra le province di Rieti e L’Aquila, alle ore 00.34 con magnitudo 4.2, la Sala Situazione Italia del Dipartimento della Protezione Civile si è messa in contatto con le strutture locali del Sistema nazionale di protezione civile.  Dalle verifiche effettuate, l’evento – con epicentro tra i comuni Amatrice (RI), Accumoli (RI) e Campotosto (AQ) – è risultato avvertito dalla popolazione, ma non sono stati segnalati al momento danni a persone o cose”.

Ermanno Amedei

19 Maggio 2017 0

Terremoto, sequenza sismica nel cratere di Amatrice: 3.3 la scossa più forte

Di admin

Amatrice – Il terremoto torna a bussare nelle zone di Amatrice. Questa mattina alle 6.46 circa, una scossa di magnitudo 3.3, è stata registrata dai sismografi dell’Ingv nel cratere già duramente colpito il 24 agosto dell’anno scorso.

L’epicentro è stato individuato ad Arquata del Tronto. Ai vigili del fuoco di Rieti non risultano danni o telefonate di persone allarmate. Evidentemente la gente, quella rimasta nelle zone terremotate, comincia a convivere con il fenomeno tellurico.

Quella di stamattina è stata l’ultima e la più forte di una sequenza cominciata poco dopo la mezzanotte di ieri: quattro scosse di magnitudo compreso tra i 2.0 e i 2.6.

Ermanno Amedei

19 Febbraio 2017 0

Amatrice, recuperata la campana della torre del museo civico

Di admin

Amatrice – Recuperata, questa mattina ad Amatrice, la campana della torre del museo civico. L’operazione di recupero è stata resa complessa dal rischio di crolli della struttura gravemente compromessa su cui era posta.

Ad operare sono stati i vigili del fuoco del Nucleo Interventi Speciali di Latina che partecipano alle operazioni di soccorso e consolidamento delle zone colpite dal sisma già dalle prime ore successive alla scossa del 24 agosto.

Con l’ausilio di un’autoscala, si sono calati sul manufatto, imbragando la campana, staccandola dagli ancoraggi e portandola al sicuro.

Ermanno Amedei  

 

19 Gennaio 2017 0

Neve e terremoto ad Amatrice, da Velletri offerta di terreno per pascolo ad allevatori di amatrice allevatori

Di admin

Velletri – Offre un appezzamento di terra per ospitare gli animali che stanno patendo il freddo nelle zone colpite dal terremoto ad Amatrice.

E’ una delle mille facce della solidarietà verso chi abita nelle zone tristemente colpite da terremoti e maltempo.

Sono migliaia i capi di bestiame che rischiano di morire di freddo a causa delle stalle distrutte dalle scosse di terremoto e dalle abbondanti nevicate degli ultimi giorni.

Massimiliano Marchi ha affidato il suo messaggio di solidarietà ai social mettendo a disposizione dei pastori un pascolo di 16mila metri quadrati di sua proprietà a Velletri. Sull’area, oltre a piante di ulivo ha una casa che può ospitare gli allevatori.

“Purtroppo non ci sono stalle ma quantomeno a Velletri non c’è neve. La metto a disposizione gratuitamente di chi volesse approfittarne”.

19 Gennaio 2017 0

Amatrice – Prigionieri della neve, 15 cani da caccia aspettano di essere salvati

Di admin

Amatrice – L’emergenza neve è ancora lontana dall’essere superata nel cratere di Amatrice. Sono le Frazioni quelle più colpite dai disagi perché difficili da raggiungere.

Tra queste Collegentilesco, un piccolo centro di una quindicina di case che da stamattina sono senza corrente.

Inoltre si spera di poter salvare 15 cani da caccia che il padrone manteneva riparati in una baracca non molto lontano dal centro abitato, ma irraggiungibile per via della neve alta oltre un metro. Si è in attesa di una fresa che apra un varco nella neve.

19 Gennaio 2017 0

Da Frosinone due turbine per rimuovere la neve dalle strade di Amatrice

Di admin

Frosinone – Due turbine del settore viabilità della Provincia di Frosinone sono state messe a disposizione dell’Astral Lazio dal presidente dell’amministrazione provinciale Antonio Pompeo.

I due mezzi saranno impiegati per sgomberare la neve dalle arterie di collegamento ad Amatrice duramente colpita da terremoto e forti nevicate. Ad annunciarlo è stato lo stesso Pompeo dopo lo scambio di comunicazioni ufficiali tra gli uffici competenti della Provincia e dell’Astral.

La prima turbina è stata già messa a disposizione dell’Astral, la seconda verrà consegnata nelle prossime ore.

 

19 Gennaio 2017 0

Amatrice, anziano salvato dai pompieri di Cassino e Frosinone – VIDEO –

Di admin

Amatrice – Deve la sua vita ai vigili del fuoco e, in particolare, a due uomini del comando provinciale di Frosinone che lo hanno letteralmente strappato dalla morsa del ghiaccio.

Quasi un miracolo quello avvenuto ieri sulla via Salaria ad Amatrice bloccata dalla neve.  Un 86enne è stato ritrovato e salvato dall’assideramento da due vigili del fuoco, uno del comando provinciale di Frosinone e l’altro del distaccamento di Cassino  arrivati nella zona del cratere prima per il terremoto, poi per l’emergenza neve.

I due stavano percorrendo con il loro fuoristrada la Salaria che già dalla notte era stata chiusa al traffico quando hanno notato in mezzo ad un metro di neve qualcosa che si muoveva. Immediatamente uno di loro, intuendo cosa potesse essere, si è lanciato nel muro bianco raggiungendo l’uomo ormai completamente bloccato. Con grande fatica hanno scavato la neve aiutati da personale dell’Anas liberandolo e trascinadolo ormai privo di forze al mezzo.

L’anziano ha raccontato di aver abbandonato la sua casa in località Casali quando ha sentito la forte scossa delle 10.30. Dopo il terremoto del 24 agosto, vive a Roma con la moglie e torna saltuariamente nella casa che gli ha lasciato in eredità il padre. Lo aveva fatto qualche giorno fa per sincerarsi delle condizioni della struttura già lesionata dai terremoti precedenti. Quando ha sentito la scossa, nonostante la neve alta oltre un metro, ha preso una giacca ed è scappato intenzionato a raggiungere la Salaria per tornare a Roma.

Non poteva sapere che era bloccata. Le strade per raggiungerla erano coperte dalla neve, per cui ha camminato in mezzo alla coltre bianca per circa un’ora arrivando alla Salaria esausto e scoprendo che non transitavano mezzi. A quel punto le gambe hanno ceduto. Poi, per sua fortuna, sono passati gli angeli, i vigili del fuoco di Frosinone.

Ermanno Amedei

18 Gennaio 2017 0

La neve copre la faglia (nella foto) ma non ferma il terremoto, l’inferno di Amatrice – VIDEO E FOTO –

Di admin

Amatrice – Il metro di neve che ha quasi coperto interamente la faglia lunga 25 chilometri sui monti Sibillini nel reatino, nata in seguito alla scossa di terremoto del 24 agosto, non è servita a scongiurare le altre scosse che hanno seminato panico nel reatino e in tutto il centro Italia.

La mattinata, nel territorio di Amatrice, era cominciata con la convinzione che la neve fosse l’unica emergenza con cui il sistema si sarebbe dovuto confrontare nel corso della giornata.

Nel corso della nottata di inferno bianco nella zona del cratere la neve è caduta come non accadeva da decenni. Da Antrodoco fino ad Amatrice ed Accumuli, si sono riscontrati grossi problemi per la viabilità ed era impossibile, come lo è ancora adesso,raggiungere alcune località. La via Salaria è stata a lungo bloccata e accessibile solo ai mezzi di soccorso. In nottata a Saletta, vigili del fuoco e polizia sono dovuti intervenire per soccorrere alcuni automobilisti bloccati nel furgone in mezzo alla tormenta di neve sulla Provinciale 20.

Le tende crollano sotto il peso della neve e ci sono persone bloccate nei container da muri bianchi. E’ complessa la situazione ad Amatrice e nel territorio colpito dal sisma del 24 agosto. Con difficoltà si muovono i mezzi di soccorso dei vigili del fuoco, della protezione civile e delle forze di polizia. Un metro di neve rende impossibile le manovre anche ai potenti fuoristrada con ruote motrici e con catene. Quasi tutte le località sono irraggiungibili dal resto della provincia e gli unici che stanno intervenendo sono i soccorritori che sono già nelle zone colpite. In tutto questo,, le altre scosse di terremoto che hanno provocato ulteriori crolli ma, a quanto sembra, in strutture rese instabili da altre scosse.

Ermanno Amedei

18 Gennaio 2017 0

Neve e terremoto ad Amatrice. Altra scossa avvertita nel centro Italia

Di admin

Amatrice – Scossa di terremoto nitidamente avvertita nelle zone del cratere di Amatrice distrutta dal sisma del 24 agosto e dove si sta combattendo anche con la neve. Questa notte, ne è caduta quasi un metro.

La scossa che ha avuto epicentro nelle zone tra L’Aquila e Rieti, ha avuto una magnitudo di 5.3, ma è stata avvertita in tutto il centro Italia e, nitidamente, anche a Roma, Frosinone e Latina.

Una situazione complessa per il territorio martoriato dal terremoto e dalle condizioni climatiche che raramente si erano viste così avverse negli ultimi decenni.

8 Dicembre 2016 0

Acceso un albero di Natale davvero speciale…Luci e speranze ad Amatrice

Di redazione

Oggi in ogni casa la tradizione vuole che vengano accese le luci dell’albero di Natale. Ci sono tante famiglie che non potranno farlo perché una casa non ce l’hanno più. Perché ora è un cumulo di macerie e i sogni sono rimasti lì nel dolore del 24 agosto. Amatrice è il simbolo del terremoto che ha distrutto paesi, vite, storie. Un albero di Natale è stato posizionato in un campo dove adesso c’è tanta voglia di ripartire. Dove quelle luci, accese stasera, riscaldano e consolano. Nel campo Lazio ad Amatrice da stasera c’è una speranza in più a riempire anime svuotate ma che con dignità stanno cercando di ricostruire il loro futuro. A loro in questa giornata di inizio delle festivita natalizie va il nostro pensiero. Un albero di Natale è magia in ogni famiglia. Amatrice è anche la nostra famiglia. N.Costa