Tag: appartamenti

15 Novembre 2018 0

Furti in dieci appartamenti a Fondi, identificato e denunciato il ladro

Di Ermanno Amedei
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

FONDI – I carabinieri di Fondi hanno identificato e denunciato per furto in abitazione e ricettazione un 38enne del luogo. L’uomo è ritenuto responsabile di una decina di furti in abitazione perpetrati, negli ultimi mesi, ai danni di immobili ubicati lungo la fascia costiera.

Sono stati rinvenuti e sequestrati venti orologi da uomo, venti bracciali in oro/argento, otto paia di orecchini in oro/argento, tre smartphone, alcune carte di credito, borse e capi di abbigliamento griffati, vario materiale informatico e strumenti atti allo scasso. Il tutto è stato sottoposto a sequestro.

20 Marzo 2018 0

Predoni di appartamenti e ville, con 21 arresti stroncata a Roma banda di Rom

Di Ermanno Amedei

ROMA – Dalle prime luci dell’alba, i Carabinieri della Compagnia di Roma Trionfale stanno notificando un’ordinanza  custodia cautelare nei confronti di 9 persone (7 in carcere, 2 agli arresti domiciliari), emessa dal locale Ufficio G.I.P. del Tribunale Ordinario di Roma a seguito degli sviluppi di un’articolata e complessa attività di indagine coordinata e diretta dalla Procura della Repubblica di Roma. Si tratta di soggetti , tutti “rom” di seconda generazione, di origine slava, ma nati e cresciuti in Italia, dimoranti nel comune di Roma e in quelli limitrofi, ritenuti responsabili, a vario titolo, dei reati di associazione per delinquere finalizzata ai furti e rapine in abitazione. Un indagato deve anche rispondere del tentativo di fare abortire una ragazzina minorenne, della stessa etnia.

L’indagine, avviata nel mese di ottobre 2016 e conclusa nel mese di maggio 2017, condotta dai Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Roma Trionfale, ha già determinato l’arresto di 12 persone in flagranza di reato ed il recupero di refurtiva di ingente valore, restituita alle vittime di reato. L’attività investigativa ha consentito inoltre di identificare gli indagati che erano dei veri e propri “predoni” professionisti che svaligiavano le case, prevalentemente dei quartieri più ricchi di Roma, con una destrezza ed un’abilità assolutamente fuori dal comune; introducendosi facilmente all’interno, anche ai piani superiori, grazie alla loro agilità ed abilità acrobatica e portavano via dalle abitazioni denaro, oggetti in oro e qualsiasi oggetto di valore.

I Carabinieri hanno individuato la base operativa e logistica del citato gruppo delinquenziale ove venivano pianificate le attività criminose da compiere; comprendere il modus operandi utilizzato nel perpetrare furti in abitazione e reati ad essi correlati. Di ingente valore la refurtiva recuperata e già restituita ai proprietari.

14 Novembre 2016 0

La Asl certifica l’antigienicità dei mini appartamenti di via Vaglie. Sgomberati per la salute degli ospiti

Di felice pensabene

Epilogo quasi sconato della vicenda che aveva visto occupati alcuni alloggi in via Vaglie a Cassino. Questa mattina è arrivato il parere dell’Asl di Frosinone che ne decreta l’anti igienicità, tale da rappresentare pericolo e pregiudizio per la salute dei migranti che avrebbero dovuto usufruirne. Dall’esame delle abitazioni risulta, secondo quanto accertato dai tecnici Asl, il mancato allaccio alla rete fognaria cittadina e la insufficiente superficie abitativa di ciascun appartamento pari a 45 mq circa, tali da considerarli non idonei ad essere utilizzati. Le decisioni della Asl di Frosinone erano arrivate su richiesta e sollecitazione del sindaco D’Alessandro, all’indomani dell’occupazione degli appartamenti ad opera della cooperativa “Formland” di Qualiano (NA) come indicato in una nota dello steso Primo Cittadino di Cassino. “Ho scritto una lettera alla Prefettura di Frosinone al comando Carabinieri di Cassino ed al Commissariato Polizia Stradale della città martire, in quanto dopo il sopralluogo effettuato in data odierna presso le palazzine di Via Vaglie si evince che le strutture sono ancora occupate dai migranti. A supporto dell’ordinanza n. 299 dell’8 novembre 2016 in cui si concedevano 48 ore per lo sgombro, ho trasmesso alle autorità la nota ricevuta questa mattina dall’Azienda USL- Servizio Igiene e Sanità Pubblica Distretto D di Cassino con la quale vengono esplicite le risultanze delle verifiche sugli immobili in questione”. lo ha dichiarato il Sindaco del Comune di Cassino, Carlo Maria D’Alessandro. “Le conclusioni della comunicazione attestano che “vista la normativa vigente nazionale e regionale, in ragione dell’accertato sovraffollamento degli appartamenti ispezionabili, gli scriventi ritengono antigienici i miniappartamenti in questione”. Pertanto, tutte le mie perplessità sulle condizioni igienico sanitarie sono state confermate dall’organo preposto. A ciò si aggiunge la mancanza dei certificati di agibilità e abitabilità e dell’autorizzazione allo scarico delle acque reflue accertata durante il sopralluogo e gli accertamenti effettuati dai tecnici del Comune. Pertanto, credo sia indispensabile, soprattutto per la salute delle persone ospitate, che le autorità competenti si adoperino per l’immediato sgombro degli edifici di Via Vaglie, visto e considerato che trascorse 48 le strutture sono ancora occupate. Non mi stancherò mai di ripeterlo: accoglienza si, ma nel pieno rispetto delle regole. Norme che esistono e vanno rispettate, non per limitare la libertà delle persone, ma per garantire la libertà di tutti”. Ha concluso il Sindaco Carlo Maria D’Alessandro.

26 Ottobre 2016 0

Emergenza scuola a Montelanico, il sindaco requisisce appartamenti privati

Di Ermanno Amedei

Montelanico – Alcuni appartamenti appartenenti ad una ditta di costruzioni che ancora non li aveva venduti, sono stati requisiti a Montelanico per insediarvi la scuola media ed elementare.

Lo ha stabilito, con una ordinanza comunale, il sindaco di Montelanico Raffaele Allocca. Il provvedimento si è reso necessario dopo che la scuola comprensiva del paese è stata oggetto, il 15 ottobre, di un atto vandalico che ne ha compromesso l’agibilità strutturale.

Non trovando altre soluzioni per permettere il ritorno tra i banchi degli studenti, il sindaco ha deciso di far valere il principio secondo cui, in caso di grave necessità, il comune può disporre di proprietà private

Per questo sono state requisiti gli appartamenti a Montelanico di un complesso immobiliare  in via Giovanni XXIII. Le classi della media e della elementare, quindi, faranno lezione in quegli appartamenti almeno fino alla pausa natalizia.

 

30 Luglio 2009 0

Furti negli appartamenti, 3 persone ai domiciliari ed altre 3 arrestate

Di Ermanno Amedei

I militari della Compagnia di Cassino, a conclusione dell’operazione convenzionalmente denominata “ZORRO”, condotta da personale del NORM, hanno tratto in arresto: FUSO Maurizio di Casaluce (CE); TORTORA Nunzio di Napoli; GOLINO Giuseppe di Aversa (CE); MAJALOVIC Zeliko, di origine serba residente in Napoli; MAJALOVIC Dejan, residente a Napoli; SELAKOVIC Sasa, di origine Croata residente a Napoli ed altro giovane, sempre di origine serba, all’epoca dei fatti minorenne. I predetti, tutti pluripregiudicati, già detenuti per la stessa causa a seguito di fermo del PM D.ssa Perna, operato in data 9 luglio u.s., nei confronti dei quali, il GIP del Tribunale di Cassino, concordando con le risultanze investigative conseguite dai carabinieri, emetteva l’ordinanza di custodia cautelare in carcere, ritenendoli responsabili dei reati ascritti, in particolare “furti in abitazione”, commessi nella provincia di Frosinone ed altre località del territorio nazionale – periodo febbraio – giugno 2009. Ad espletate formalità di rito, 3 degli arrestati sono stati sottoposti alla misura cautelare degli arresti domiciliari, altri 3 associati presso la Casa Circondariale di Santa Maria Capua Vetere (CE) ed uno associato presso la Casa Circondariale di Lucera (FG).