Tag: carabinieri

28 Giugno 2019 0

Diverbio tra vicini finisce con un arresto a Veroli. Disaccordo sul confine

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

È finito con l’arresto di un 33enne una accesa discussione tra vicini. Tutto è avvenuto nella serata di ieri a Veroli dove i Carabinieri della locale Stazione hanno arrestato l’uomo per “resistenza e lesioni a pubblico ufficiale”. I militari operanti intervenivano in località Sant’Angelo a seguito di un acceso diverbio tra vicini per questioni inerenti i confini delle rispettive proprietà, ma giunti sul posto il 33enne, nel tentativo di eludere il controllo dei Carabinieri, si scagliava contro un militare procurandogli lesioni al braccio ed alla spalla poi refertate dai sanitari dell’Ospedale di Alatri. L’uomo pertanto veniva tratto in arresto per “resistenza e lesioni a pubblico ufficiale”. Nei suoi confronti è poi stata disposta la misura degli arresti domiciliari in attesa del rito per direttissima. Foto d’archivio

28 Giugno 2019 0

Con 43 dosi di cocaina negli slip, arrestato un 25enne a Paliano

Di redazione

Nella serata di ieri a Paliano i Carabinieri della locale Stazione hanno tratto in arresto, in flagranza di reato, un 25enne residente a Colleferro, per “detenzione di sostanza stupefacente ai fini di spaccio”, già censito per specifici reati. I militari operanti, nel corso di un servizio per il controllo del territorio fermavano un’auto con due giovani a bordo. Il passeggero mostrava nervosismo al controllo, motivo che induceva i Carabinieri, insospettiti, ad effettuare un controllo più accurato del veicolo e degli occupanti. A seguito di perquisizione personale, nascosto negli slip del passeggero, veniva rinvenuto un involucro contenente sostanza stupefacente del tipo cocaina pari a 15 grammi, suddivisa in 43 dosi, nonché la somma di euro 170, provento dell’attività delittuosa. Lo stupefacente e il denaro venivano sequestrati, mentre l’arrestato veniva condotto presso la propria abitazione in regime degli arresti domiciliari in attesa del rito direttissimo disposto dall’Autorità Giudiziaria.

27 Giugno 2019 0

FOTO e VIDEO – La scuola carabinieri di Velletri forma 655 nuovi marescialli dell’Arma

Di admin

VELLETRI – Schierati, sotto il sole cocente di fine giugno, ieri mattina, nella Scuola dei Carabinieri di Velletri, in 655 hanno preso il grado di maresciallo.

A passarli in rassegna è stato il ministro della difesa Elisabetta Trenta e il comandante generale dell’Arma dei Carabinieri Giovanni Nistri. Alle 8 circa, nel Piazzale della Bandiera, il Battaglione di formazione su tre Compagnie Allievi era perfettamente schierato  mentre le note della Fanfara appiedata del 4° Reggimento Carabinieri a Cavallo dettava i tempi della cerimonia.

Anche l’appuntamento di Ieri rientra nelle celebrazioni dei 50 anni dalla fondazione della scuola carabinieri di Velletri. Non sono mancati i labari delle associazioni combattentistiche, il gonfalone di Velletri e, ovviamnte, le famiglie dei neo marescialli.

Non si tratta propriamente di forza fresca quella introdotta ieri nell’organico dell’Arma, ma di una forza maggiormente qualificata. I 655 ero già carabinieri da lungo tempo con grado inferiore ma vincitori di concorso e per questo, dopo tre mesi di corso, sono stati elevati al grado di maresciallo.

Il Ministro e comandante Generale, hanno consegnato il grado ai quattro allievi più anziani e l’attestato di merito ai tre Allievi primi classificati, in rappresentanza dei 655 che lì erano schierati e nei loro interventi hanno ricordato gli uomini e le donne caduti o feriti nell’adempimento del loro dovere.

 

 

 

17 Giugno 2019 0

Torna dalla vacanza in Spagna e trova i carabinieri ad aspettarlo in aeroporto

Di admin

FIUGGI – Finiscono le ferie, rientra in Italia e, appena mette piede a terra in aeroporto a Fiumicino, trova i carabinieri che lo arrestano.

Il 18enne di Fiuggi, è passato così dalla spiaggia di una località spagnola, alle “cure” di una comunità educativa nella provincia di Viterbo. Ad eseguire l’Ordinanza di Custodia Cautelare emessa dal Tribunale dei Minorenni di Roma sono stati i carabinieri della stazione di Fiuggi comandati dal colonnello Fabio Cagnazzo nei confronti del diciottenne, ritenuto responsabile di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacenti in concorso, quando era ancora minorenne.

L’esecuzione della misura cautelare rientra nella più vasta ed articolata attività investigativa condotta da Carabinieri e Finanzieri della città termale nell’ambito dell’operazione convenzionalmente denominata Synergie che ha sgominato una banda dedita allo spaccio di sostanze stupefacenti nell’aria nord della provincia di Frosinone e che ha portato all’arresto di 10 persone due dei quali minori nonché il sequestro di oltre 15 chili di droga tra hashish e marijuana è la somma contante di oltre 40mila euro.

14 Giugno 2019 0

Incendia l’auto del suo rivale e si scaglia contro i carabinieri, arrestato 25enne

Di admin

CASSINO – Ha dato fuoco alla macchina di un avversario ed è scappato. Per questo, stamattina i carabinieri di Cassino sono intervenuti nei pressi di Viale Pertini per un’autovettura in fiamme. Gli operanti giunti sul posto hanno accertato che nel parcheggio del palazzo effettivamente vi era una utilitaria in fiamme. Sul posto sono intervenuti prontamente una squadra dei Vigili del fuoco di Cassino che provvedeva a domare l’incendio.

Gli immediati accertamenti testimoniali hanno permesso di risalire all’autore dell’incendio, tale D. M. F., 25enne del luogo, già censito per reati contro la persona, il patrimonio ed in materia di stupefacenti, che dopo aver commesso il fatto si è rifugiato all’interno della propria abitazione. Si accertava altresì che il motivo di tale azione delittuosa era dovuta a precedenti dissidi del 25enne con il proprietario dell’auto.

I militari operanti dopo aver rintracciato l’uomo, ed in considerazione del fatto che ancora emanava un forte odore di benzina, lo hanno identificato e condotto in Caserma, nonostante cercasse di sottrarsi al controllo mediante minacce e resistenza fisica. Una volta bloccato, l’interessato è stato arrestato per l’incendio dell’autovettura e per resistenza a P.U..

Foto repertorio

13 Giugno 2019 0

Il generale Andrea Rispoli in visita al comando provinciale dei carabinieri di Frosinone

Di admin

FROSINONE – Il Generale di Divisione dei Carabinieri Andrea RISPOLI, Comandante della Legione Carabinieri “Lazio”, in occasione del suo prossimo trasferimento al M.A.E. (Comando Carabinieri Ministero Affari Esteri, con sede a Roma nel Palazzo della Farnesina dipendente dal Comando delle Unità Mobili e Specializzate Carabinieri “Palidoro” e funzionalmente dal medesimo Ministero, è il reparto dell’Arma preposto alla tutela della sicurezza nelle sedi del Ministero degli Affari Esteri, delle rappresentanze diplomatiche d’Italia, la prevenzione e la repressione delle violazioni alle leggi speciali sull’emigrazione) ha visitato ieri il Comando Provinciale di Frosinone.

L’Alto Ufficiale, ricevuto dal Comandante Provinciale, Colonnello Fabio Cagnazzo, nell’occasione ha incontrato tutti gli Ufficiali, una cospicua rappresentanza di Comandanti di Stazione e personale della sede. Erano inoltre presenti membri della rappresentanza militare Co.Ba.R. (Consiglio di Base di Rappresentanza) e dell’Associazione Nazionale Carabinieri in congedo.

Il Generale RISPOLI, durante la riunione tenuta al personale, si è soffermato sull’importante funzione svolta dai Carabinieri nella costante presenza e visibilità sul territorio attraverso i Comandi di Stazione, il cui obiettivo primario è quello di garantire sicurezza anche e soprattutto attraverso il costante contatto con i cittadini. Nella circostanza ha elogiato l’operato dei reparti per i brillanti risultati conseguiti.

Il Comandante Provinciale, Colonnello Fabio Cagnazzo, dopo aver ringraziato il Comandante della Legione per la sensibilità e la vicinanza manifestata nei confronti del personale nonché per l’attenzione all’attività operativa che i Carabinieri svolgono in Ciociaria, ha formulato al Generale Rispoli i migliori auguri, anche al nome di tutto il personale del Comando Provinciale, per il nuovo prestigioso incarico che andrà a ricoprire.

12 Giugno 2019 0

Fiuggi; operazione “Sinergy” di carabinieri e guardia di finanza contro il traffico di droga. Dieci arresti

Di redazionecassino1

FIUGGI –  I Carabinieri della Stazione di Fiuggi congiuntamente, ai militari della Tenenza della Guardia di Finanza della città termale, nell’ambito delle attività finalizzate al contrasto del traffico di sostanze stupefacenti, hanno disarticolato una complessa organizzazione dedita allo spaccio di droga nella provincia di Frosinone.

Le ordinanze applicative di misure cautelari personali sono state emesse, dal G.I.P. del locale Tribunale e dal Tribunale per i Minorenni di Roma, nei confronti di 6 persone, appartenenti ad unico gruppo criminale dedito allo spaccio di sostanze stupefacenti, diviso in tre fazioni, che operava nei comuni dell’alta Ciociaria e, precisamente, nei territori compresi tra Alatri, Fiuggi, Acuto, Torre Cajetani, Trivigliano, Vico nel Lazio e Frosinone.

Le indagini svolte, coordinate dai pubblici ministeri, Dott. Adolfo Coletta e Dott.ssa Maria Teresa Leacche, rispettivamente, della Procura della Repubblica di Frosinone e della Procura per i minorenni di Roma, che si sono protratte per lungo tempo, da febbraio 2018 al marzo 2019, al fine di ricostruire la struttura della gang, hanno evidenziato i ruoli degli indagati, i quali avevano creato una florida piazza di spaccio proprio nella centralissima piazza Spada di Fiuggi (FR).

In particolare, si accertava che le plurime cessioni avvenivano, previ accordi telefonici e successivi incontri, in luoghi di maggiore aggregazione giovanile dei comuni interessati.

Sei le misure cautelari: 4 in carcere (di cui due al carcere minorile), due obblighi di presentazione alla polizia giudiziaria: è quanto disposto dal gip del Tribunale di Frosinone e dal Tribunale per i Minorenni di Roma, i quali, confermando il quadro probatorio rappresentato dai militari operanti e formalizzato dalla richiesta dei pubblici ministeri inquirenti, hanno emesso apposite ordinanze applicative di custodia cautelare nei confronti di n. 6 persone fisiche, di cui due, all’epoca dei fatti, minorenni.

I provvedimenti restrittivi hanno riguardato soggetti, di età compresa tra i 20 e 46 anni, residenti nei comuni di Fiuggi, Alatri, Trivigliano.

Contestualmente all’esecuzione dei provvedimenti cautelari sono state eseguite n. 29 perquisizioni domiciliari nei territori interessati, nei confronti di soggetti coinvolti, a vario titolo, nella vicenda giudiziaria in questione. L’operazione ha interessato le province di Frosinone, Roma, Latina e Perugia, e sono stati impiegati complessivamente 150 militari della Guardia di Finanza e Carabinieri, con il supporto di un mezzo aereo della Sezione Aerea della Guardia di Finanza di Pratica di Mare (RM) e l’ausilio di n. 5 unità cinofile delle Fiamme Gialle e dell’Arma dei Carabinieri.

Nel corso delle predette perquisizioni sono state tratte in arresto, in flagranza di reato, altre 4 persone per il reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, tutte di giovane età, trovate in possesso, complessivamente, di 15,2 chili tra hashish e marijuana, materiale per il confezionamento, bilancini di precisione. Medesimo contesto, in tre delle predette abitazioni venivano rinvenute le somme contanti, rispettivamente di euro 20.000, euro 16.000 ed euro 3.500, poste sotto sequestro poiché ritenute provento dell’attività di spaccio e scoperto un laboratorio adibito al confezionamento dello stupefacente.

E’ stato altresì deferito all’A.G. una ulteriore persona, per il medesimo reato e, segnalate alla Prefettura di Frosinone altre 6, trovate in possesso, complessivamente di 5.8 grammi di hashish, 14 grammi di marijuana e 0,20 grammi di cocaina.

Nel corso della meticolosa attività investigativa, oltre ad aver individuato in provincia di Roma e Latina i canali di approvvigionamento delle sostanze stupefacenti, erano state già arrestate complessivamente, in flagranza di reato, 4 persone per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, deferite 6 persone all’A. G. competente e 16 segnalati alla Prefettura di Frosinone nonché sottoposti a sequestro:

–     gr.150 di hashish;

–     gr. 13 di marijuana;

–     gr.6 di cocaina;

–     gr. 2 di crack;

–     materiale per il confezionamento e la pesatura della sostanza stupefacente;

–     denaro contante costituente provento dell’attività di spaccio.

La sinergia e la collaborazione di tutto il personale delle Forze dell’Ordine intervenuto, ha consentito di portare a termine con successo la brillante operazione antidroga.

La lotta ai traffici di stupefacenti svolta nella circostanza dalla Guardia di Finanza e dai Carabinieri di Fiuggi, dimostra la particolare attenzione posta in essere dalle due Forze di Polizia, che mira alla salvaguardia della vita umana, soprattutto di giovane età, per garantire sempre maggiore sicurezza nella città termale e nei territori limitrofi.

 

12 Giugno 2019 0

Frosinone; Carabinieri Forestali eseguono arresti e perquisizioni per traffico illecito di rifiuti

Di redazionecassino1

FROSINONE – Nelle prime ore di questa mattina il personale del N.I.P.A.A.F. e delle Stazioni forestali

dipendenti dal Gruppo di Frosinone hanno dato esecuzione, in provincia di Frosinone, a tre misure

personali cautelari di cui due arresti domiciliari ed un arresto in carcere emesse dal G.I.P. del

Tribunale di Roma per i reati di traffico illecito di rifiuti, gestione illecita di rifiuti, violazione sulle

prescrizioni delle autorizzazioni sulla gestione dei rifiuti ed in materia di emissione in atmosfera.

Nella stessa operazione sono stati eseguiti due sequestri e quattordici perquisizioni.

I dettagli saranno resi noti in un comunicato stampa ed in una conferenza stampa alla ore 12:30 presso il Gruppo di Frosinone.

 

15 Maggio 2019 0

Evade dai domiciliari presso una comunità terapeutica, arrestato dai carabinieri un 53enne

Di redazionecassino1

PONTECORVO –  I Carabinieri del NORM della locale Compagnia, traevano in arresto per “evasione” un 53enne originario della provincia di Pescara, già censito per reati contro il patrimonio e sottoposto alla misura degli arresti domiciliari presso una comunità terapeutica di Roccasecca per furto e rapina commessi a Pescara nel 2018.

I militari operanti, durante un servizio di controllo del territorio, incuriositi da un soggetto che camminava per una via del paese con dei borsoni, procedevano alla sua identificazione appurando che si era allontanato dalla citata comunità senza alcuna autorizzazione. Il soggetto veniva dichiarato in arresto e, come disposto dall’A.G., veniva trattenuto nella camera di sicurezza della Compagnia di Pontecorvo in attesa di giudizio.

Nella serata di ieri, inoltre, i Carabinieri della Stazione di Pontecorvo, in ottemperanza all’ordine di esecuzione di carcerazione, emesso dall’Ufficio Esecuzioni Penali della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Cassino, traevano in arresto un 42enne residente a Pontecorvo, già censito per reati contro il patrimonio, contro la persona e in materia di stupefacenti. Lo stesso dovrà  scontare una pena residua di mesi sette, poiché responsabile di un furto in abitazione commesso nel giugno del 2009 a Pontecorvo. L’arrestato, al termine delle formalità di rito, veniva associato presso la Casa Circondariale di Cassino.

foto di repertorio

14 Maggio 2019 0

Alatri, rubano profumi per 60 euro, denunciati dai carabinieri due minori

Di redazionecassino1

ALATRI –  Personale dell’Aliquota Radiomobile del locale Comando Compagnia Carabinieri, al termine di specifica attività info-investigativa,  deferiva in stato di libertà,  alla Procura della Repubblica presso il Tribunale per i  Minorenni di Roma,  due minori  di nazionalità albanese e domiciliati nel predetto comune, poiché resisi responsabili  in concorso tra loro del reato di “furto aggravato”.

Le attività investigative permettevano ai militari operanti, intervenuti immediatamente presso una profumeria del luogo a seguito di richiesta pervenuta alla Centrale Operativa,  di individuare tramite le testimonianze e le immagini  riprese dal sistema di video sorveglianza istallate nell’esercizio pubblico stesso che i due minori, poco prima,  avevano  asportato  una confezione di profumo (del valore di 60 Euro circa) dandosi poi ad una precipitosa fuga nonostante  fosse  avvenuta l’ attivazione del sistema  d’allarme finalizzato all’ antitaccheggio.

Avvenuta la loro identificazione venivano poco dopo  rintracciati dai militari operanti sempre nel predetto comune e, contestualmente,  la refurtiva rinvenuta veniva restituita all’avente diritto.