Tag: confronti

9 Ottobre 2019 0

Terracina, arrestato 49enne per maltrattamenti nei confronti della compagna

Di Comunicato Stampa
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

TERRACINA (LT) – Nella giornata del ieri gli agenti del Commissariato di Terracina, nell’ambito di preordinati servizi di controllo del territorio, hanno tratto in arresto nella flagranza del reato di maltrattamenti in famiglia, lesioni personali plurime con l’utilizzo di un’arma impropria e minacce aggravate, S.M. 49enne terracinese. Gli Agenti del Commissariato erano intervenuti su richiesta formulata al 113 dalla compagna del predetto che riferiva di trovarsi presso il luogo di lavoro ove gestisce un’impresa agricola. La donna, terrorizzata, descriveva una violenta aggressione in atto, in cui era rimasta vittima da parte del compagno e che secondariamente aveva visti coinvolti il proprio figlio, avuto da una precedente relazione, ed un amico di questi. Sul posto intervenivano equipaggi della Squadra Volante e della Squadra Anticrimine che a fatica riuscivano a contenere l’uomo dai suoi propositi nei confronti dei due giovani, colpevoli di essere accorsi in difesa della donna. L’uomo annovera precedenti per gli stessi reati per i quali già in passato era stato destinatario di un allontanamento dalla casa familiare. Per quanto ricostruito dagli investigatori, avendo udito le grida della madre, il figlio era accorso a verificare cosa stesse accadendo accompagnato da un amico con cui si trovava in quel momento in azienda. Non appena i due giovani raggiungevano la donna la trovavano dolorante e terrorizzata mentre l’uomo sfasciava ogni suppellettile ed arredo scaraventando a terra prodotti e cassette. Alla vista dei due soccorritori l’aggressore incentrava le sue violente condotte sugli stessi che si difendevano come potevano cercando d’impedire all’uomo, armatosi di un piccone, di avvicinarsi nuovamente alla donna. Non appena veniva ristabilita la sicurezza, gli operatori di polizia garantivano a tutti le cure mediche mentre ascoltavano la testimonianza dei numerosi presenti e repertavano la scena del crimine sequestrando il piccone utilizzato. Stante la manifesta pericolosità sociale evidenziata dal soggetto, concordemente con il P.M. di turno della Procura della Repubblica di Latina, veniva arrestato e tradotto presso la Casa Circondariale di Latina ove tuttora si trova a disposizione dell’A.G. giudicante.

Foto di repertorio

10 Novembre 2017 0

Pubblica su “facebook” un post offensivo nei confronti dell’Arma dei Carabinieri. 23enne deferito

Di Comunicato Stampa

Nel tardo pomeriggio di ieri, in Ferentino, i militari della locale Stazione al termine dei prescritti accertamenti, deferivano in stato di libertà un 23enne del capoluogo, censito per reati in materia di stupefacenti (attualmente sottoposto agli arresti domiciliari per essere stato tratto in arresto lo scorso 6 novembre per detenzione illecita di sostanze stupefacenti), per il reato di vilipendio delle Forze Armate. Gli operanti, raccoglievano univoci e coincidenti elementi di colpevolezza a carico del predetto identificandolo quale responsabile della pubblicazione su social network “facebook” di un post offensivo nei confronti dell’Arma dei Carabinieri.

8 Ottobre 2017 0

Atti persecutori e molesti nei confronti della ex: la Polizia denuncia un altro stalker nel Capoluogo

Di felice pensabene

Frosinone – Ancora un’altra vittima di stalking, ancora un altro uomo che non si rassegna alla fine di un amore.

Coinvolta nella triste vicenda, di cui si sono occupati gli inquirenti della Divisione Anticrimine della Questura di Frosinone, diretta dal Primo Dirigente dr. Antonio Giordano, è una 50enne della provincia di Frosinone, mentre il suo stalker è un 64enne.

La donna, agli agenti, racconta il suo calvario fatto di molestie sessuali e condotte persecutorie tali da rendere la sua vita impossibile: post sui social, volantini distribuiti in ogni angolo del paese dove la donna viveva, telefonate, messaggi, lettere anonime, indirizzate anche a parenti ed amici della stessa con l’unico obiettivo di denigrarla.

Non contento del “tormento” procurato alla donna, il “cuore infranto” decide che è il momento di far sentire più forte la sua “vicinanza” e pertanto decide di farle visita: ricopre il giardino della vittima  con  immagini dal tenore alquanto offensivo.

Dopo gli opportuni e tempestivi accertamenti, su delega della Procura della Repubblica di Frosinone – dr.ssa Rita Caracuzzo -, viene disposta la perquisizione presso l’abitazione dell’uomo e presso il suo ufficio nella capitale.

Con i poliziotti della Questura di Frosinone hanno collaborato i colleghi del Commissariato capitolino “Esposizione”.

Nel corso dell’attività è stato posto sotto sequestro tutto il materiale utilizzato per mettere in atto le persistenti azioni persecutorie.

Oltre alla tutela offerta dalla legge, che va dagli strumenti dell’ammonimento al divieto di avvicinamento fino ai domiciliari e al carcere per i casi più gravi, la battaglia più importante si gioca sul campo della prevenzione in cui la Polizia di Stato è impegnata, non solo nel contribuire attraverso l’informazione al superamento di una mentalità di sopraffazione, ma a fare da sentinella per intercettare prima possibile comportamenti violenti e intimidatori.

In questa prospettiva si muove l’adozione dall’inizio dell’anno del protocollo E.V.A. (Esame delle Violenze Agite) con la compilazione di checklist che, anche in assenza di formali denunce da parte delle vittime, spesso impedite dalla paura di ancor più gravi ritorsioni.

 

 

2 Marzo 2017 0

Alatri- Estorsione ed usura, provvedimento di confisca di tre immobili nei confronti di tre persone

Di Comunicato Stampa

Ieri, il personale del N.O.R.M – Aliquota Operativa – della Compagnia di Alatri, ha eseguito un provvedimento di confisca di tre immobili siti nel comune di Fiuggi  nei confronti  di  un 37 enne, una 32 enne ed un 39 enne tutti del luogo.

La vicenda è l’epilogo finale di una complessa attività  info-investigativa che gli uomini dell’Arma intrapresero nel 2015 a carico dei predetti poiché ritenuti responsabili in concorso tra loro,  dei reati di “estorsione ed usura”. La vicenda pone ancora una volta alla ribalta l’infido reato dell’usura che i Carabinieri di Alatri stanno contrastando con ottimi risultati e che recentemente hanno anche consentito l’arresto di un uomo.

 

12 Agosto 2009 0

Atteggiamento ossessivo nei confronti di una 22enne, 37enne in manette

Di Comunicato Stampa

Con un atteggiamento minaccioso ha creato uno stato d’ansia tale costrigere una ragazza a ricorrere alle cure ospedaliere. I militari della Stazione Carabinieri di Giulianova agli ordini del Maresciallo Piero Olivieri, nella serata di ieri, hanno tratto in arresto in flagranza di reato di violenza privata e lesioni personali, I. S., 37enne residente in Montesilvano (PE). Verso le ore 18.00 una giovane donna di Giulianova D.M.F. di 22 anni stava rientrando a casa a bordo della propria autovettura e mentre eseguiva la manovra di parcheggio, nota un giovane sconosciuto, che fermo dinanzi al portone di ingresso della propria abitazione, che la fissa con uno sguardo a dir poco “strano ed insistente”. La ragazza allora decide di spostare la sua autovettura alcuni metri più avanti e nel fare nuovamente manovra di parcheggio, nota che l’uomo la segue a piedi e si posiziona a pochi metri di distanza, mentre continua a fissarla con lo sguardo. Inizia ad avere un po’ di timore e scesa dalla macchina si incammina su Viale Orsini tra la gente che ignara di quanto stesse accadendo, affolla il viale. La ragazza attraversa più volte la strada spostandosi da un marciapiede all’altro, ma il giovane continua ad andarle dietro ed in più occasioni, correndo e “sfiorandola” le passa dinanzi per poi aspettarla. La situazione si fa sempre più critica, la ragazza inizia ad avere davvero paura e mentre scappa, sempre inseguita, chiede aiuto al fratello, il quale le va incontro e nota quanto stesse accadendo. Ma l’uomo continua ad andarle dietro e quindi sempre più impaurita, chiama i Carabinieri che giungono rapidamente sul posto, bloccando l’uomo. Si va tutti in Caserma. Qui la giovane accusa un lieve malore. Viene accompagnata presso il Pronto Soccorso di Giulianova dove le viene diagnosticato un stato d’ansia, provocato da quanto si era verificato poco prima. Intanto i Carabinieri perquisiscono l’uomo, trovandolo in possesso di grammi 1.5 di cocaina, sequestrata, che in stato di arresto ha trascorso la notte nelle camera di sicurezza della Caserma dei Carabinieri e questa mattina verrà processato per direttissima dal Tribunale di Teramo.