Tag: Frosinone

22 Agosto 2019 0

Strappò la maglietta di “Cinema America” ad un giovane di Frosinone, individuata la militante di estrema destra

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

FROSINONE – Identificata una delle componendi del gruppo di estrema destra che aggredì a Frosinone un giovane perchè indossava la maglietta di “cinema America”.

Il personale della D.I.G.O.S. della Questura di  Frosinone, in collaborazione con i colleghi di Arezzo, hanno eseguito nella provincia toscana una perquisizione  nei confronti di una giovane donna E.G., originaria di Arezzo, simpatizzante del movimento della destra radicale Casa Pound Italia.

A coronamento di una  complessa attività investigativa svolta dalla D.I.G.O.S. di Frosinone, la ragazza è stata   individuata come una componente del gruppo di estremisti che, lo scorso 27 luglio, durante un concerto di beneficenza che si stava svolgendo in piazza Sandro Pertini, con minacce ed intimidazioni costrinse uno degli spettatori  ad   allontanarsi dalla piazza soltanto perché indossava una t-shirt con il logo del noto “Cinema America”.  Una volta allontanatosi dalla piazza, il giovane fu nuovamente avvicinato dai simpatizzanti di Casa Pound e l’indagata, protetta dai suoi compagni, gli strappò la maglietta con l’intento di fargliela togliere.

La perquisizione ha consentito di trovare utili conferme alle indagini condotte nonché, supporti indiziari per l’identificazione degli altri corresponsabili.

17 Agosto 2019 0

Tavolo tecnico con il questore di Frosinone per i festeggiamenti della Madonna di Canneto

Di admin

SETTEFRATI – Il Questore di Frosinone dott. Leonardo Biagioli ieri mattina ha presieduto il tavolo tecnico per i festeggiamenti della Madonna di Canneto, cui hanno partecipato il sindaco di Settefrati  Riccardo Frattaroli, il dirigente del Commissariato di P.S. di Sora Paolo Gennaccaro, il Comandante  dei Carabinieri della stazione di San Donato Val Comino,  i Carabinieri Forestale di Picinisco  e di Pescasseroli, il Comandante della Tenenza  della Guardia di Finanza di Sora, il responsabile del Servizio di Sorveglianza del Parco Nazionale Abruzzo e Molise e i rappresentanti della Polizia Provinciale.

E’ stato in primo luogo  effettuato un sopralluogo lungo le strade  ove si snoderanno le processioni dei pellegrini e presso il Santuario che sorge nel territorio all’interno del parco nazionale. Dopodiché, presso la sala consiliare del Comune di Settefrati, è iniziato il tavolo tecnico dove sono stati definiti tutti  gli aspetti operativi per i giorni dei festeggiamenti.

In occasione delle manifestazioni religiose e per tutta la durata dei festeggiamenti saranno assicurati mirati ed articolati servizi di ordine e sicurezza pubblica per garantire ai numerosissimi pellegrini, che raggiungeranno la località anche da altre province una permanenza serena e sicura.

16 Agosto 2019 0

Legambiente premia il Nipaaf dei carabinieri Forestali di Frosinone

Di admin

FROSINONE – E’ stato assegnato da Legambiente al Nucleo Investigativo di Polizia Ambientale Agroalimentare e Forestale (N.I.P.A.A.F.) del Gruppo Carabinieri Forestale di Frosinone il premio nazionale “Ambiente e Legalità”. Il prestigioso premio è stato consegnato nell’ambito della manifestazione nazionale FestAmbiente organizzato da Legambiente all’interno del Parco naturale della Maremma in località Rispescia (GR), avente ad oggetto le tematiche ambientali. Il premio, assegnato per le rilevanti attività svolte sul territorio della provincia di Frosinone a difesa dell’ambiente, con particolare riguardo alle recenti operazioni legati all’indagine “Urban Waste”, è stato consegnato dal giornalista impegnato in reportage sulla camorra Sandro Ruotolo al Magg. Vitantonio Masi, Comandante del N.I.P.A.A.F. di Frosinone. Presenti alla cerimonia anche il fondatore di “Libera” Don Luigi Ciotti e il presidente +nazionale di Legambiente Stefano Ciafani. Il premio, motivo di orgoglio, rappresenta un riconoscimento per tutto il personale del Nucleo impegnato con abnegazione e con spirito di sacrificio nella lotta agli ecoreati che attanagliano il territorio frusinate”.

9 Agosto 2019 2

Discarica di rifiuti pericolosi sequestrata a Frosinone

Di admin

FROSINONE – Gli uomini della polizia provinciale di Frosinone comandati dal comandante Pietro D’Aguanno hanno sequestrato nei giorni scorsi una discarica di rifiuti pericolosi in via Vado del Tufo a Frosinone.

Nel corso di un servizio di controllo, che risponde a una precisa direttiva impartita dal presidente Pompeo e relativa al potenziamento dell’azione di monitoraggio del territorio per contrastare fenomeni criminosi nei confronti dell’ambiente, gli agenti della polizia provinciale, sotto il coordinamento del vicecomandante Pierfrancesco Vona, hanno scoperto e sequestrato un’area, di circa 1.000 metri quadrati, sulla quale erano stati abbandonati scarti edili, altri materiali e lastre di eternit.

È stata immediatamente inoltrata relativa segnalazione alla Procura della Repubblica di Frosinone e questa mattina il gip ha convalidato il sequestro.

Il comandante D’Aguanno sottolinea: “Abbiamo già elevato numerose sanzioni nei confronti di chi accende fuochi e inquina l’ambiente depositando qualsiasi tipo di rifiuto in aree non idonee. L’appello che rivolgiamo, costantemente, ai cittadini è quello di rispettare il territorio evitando comportamenti che possano compromettere la qualità del nostro ecosistema“.

7 Agosto 2019 0

Anagni, cinghiali devastano un campo di mais. Copagri Frosinone- Latina chiede l’apertura immediata della caccia

Di redazionecassino1

ANAGNI – Un campo di mais completamente devastato dalle scorribande dei cinghiali, danni da decine di migliaia di euro che si sommano a quelli già subiti nelle precedenti settimane. È quanto accade in località Centocelle di Anagni, area verde a ridosso dell’A1, dove l’azienda di Alfredo Viti subisce, come tante altre in quella zona, gli assalti dei cinghiali che stanno mandando in fumo tutto il lavoro di un intero anno.

L’azienda, attraverso Un campo di mais completamente devastato dalle scorribande dei cinghiali, danni da decine di migliaia di euro che si sommano a quelli già subiti nelle precedenti settimane. È quanto accade in località Centocelle di Anagni, area verde a ridosso dell’A1, dove l’azienda di Alfredo Viti subisce, come tante altre in quella zona, gli assalti dei cinghiali che stanno mandando in fumo tutto il lavoro di un intero anno. L’azienda, attraverso la Copagri Frosinone-Latina, ha inoltrato richiesta per il rimborso dei danni subiti ma certamente ciò non può bastare: “Occorre intervenire subito – sottolinea il presidente Copagri Fabrizio Neglia – aprendo immediatamente la caccia al cinghiale con abbattimento, per ridurre in maniera drastica il loro numero sul territorio. Non c’è più tempo da perdere perché giornalmente si sommano i danni che stanno mettendo in ginocchio le nostre attività agricole. Sarebbe già troppo tardi aprire la caccia ad ottobre, figuriamoci a novembre quando i cinghiali si saranno già ritirati nei boschi e non sarà più il tempo per le colture di mais. Si tratta di un’emergenza vera e propria che – conclude Neglia – va affrontata con determinazione e coraggio, quello fino ad ora mancato alle nostre istituzioni”., ha inoltrato richiesta per il rimborso dei danni subiti ma certamente ciò non può bastare: “Occorre intervenire subito – sottolinea il presidente Copagri Fabrizio Neglia – aprendo immediatamente la caccia al cinghiale con abbattimento, per ridurre in maniera drastica il loro numero sul territorio.

Non c’è più tempo da perdere perché giornalmente si sommano i danni che stanno mettendo in ginocchio le nostre attività agricole. Sarebbe già troppo tardi aprire la caccia ad ottobre, figuriamoci a novembre quando i cinghiali si saranno già ritirati nei boschi e non sarà più il tempo per le colture di mais. Si tratta di un’emergenza vera e propria che – conclude Neglia – va affrontata con determinazione e coraggio, quello fino ad ora mancato alle nostre istituzioni”.

7 Agosto 2019 0

Distributori automatici nelle scuole, la Prefettura di Frosinone richiama attenzione agli aspetti nutrizionali

Di admin

FROSINONE – “Nel corso delle visite ai pieni scolastici effettuate durante l’anno scolastico è stato possibile notare che non sempre vengono rispettate le buone regole e le linee guida aggiornate. E ciò è un vero peccato perché evidenzia dispendio di denaro ed arretratezza almeno sul piano culturale”.

Lo si legge in una nota della Prefettura di Frosinone in merito allo stato degli edifici.

“In previsione della preparazione del nuovo anno scolastico è apparso opportuno sinteticamente richiamare l’attenzione degli amministratori locali e del mondo scolastico principalmente su due aspetti.

Il primo attiene alle ristrutturazioni dei locali o alle costruzioni di nuovi immobili In ambedue le ipotesi è corretto tenere presenti le migliori regole ad iniziare, ad esempio, dai servizi igienici che devono possedere caratteristiche diverse in funzione del tipo di scuola e della età degli alunni. La materia è inizialmente normata, tra l’altro, dal d. m 18 dicembre 1975 “Nuove tecniche aggiornate relative all’edilizia scolastica, ivi compresi gli indici di funzionalità didattica, edilizia ed urbanistica da osservarsi nella esecuzione di opere di edilizia scolastica”: esiste, poi, una diffusa letteratura di norme tecniche — quadro, che potrà essere di aiuto nell’indirizzare anche le sole ristrutturazioni, ormai estese pure alla materia dell’efficienza e del risparmio energetico. Né si possono dimenticare le regole sull’abbattimento delle barriere ai portatori di handicap.

Tutti questi indirizzi progettuali aiutano a spendere bene, correttamente e meglio le somme comunque disponibili

Il secondo aspetto attiene ai distributori automatici di d’arie e di bevande negli ambienti scolastici. Dalla constatazione diretta è stato possibile osservare che molti dei prodotti in vendita non sono in linea con le indicazioni di riduzione degli zuccheri, del sale e dei grassi della Organizzazione mondiale della sanità (OMS), delle organizzazioni scientifiche nazionali ed internazionali, del Ministero della salute. Quest’ultimo ha poi diramato istruzioni con particolare attenzione alla popolazione infantile (3 —12 anni).

Nell’assicurare la buona alimentazione e l’educazione alimentare il mondo scolastico non può essere estraneo, per tale ragione sarebbe cin importante risultato se, anche ricorrendo al supporto della autorità sanitaria, venissero eliminate le vivande malsane. Sarebbe un risultato di enorme valore se la nostra provincia potesse migliorare anche su questi aspetti”.

6 Agosto 2019 0

Fine settimana all’insegna del superlavoro per la Polstrada sul tratto Frosinone Cassino

Di admin

CASSINO – Un fine settimana intenso nel traffico autostradale ed anche nelle attività svolte dagli agenti della polizia stradale  di Frosinone, Cassino e Sora.

L’esito dei controlli ha portato gli operatori ad intervenire nelle sole giornate di sabato e domenica per 53 richieste di soccorso di conducenti in difficoltà e per i rilievi di 4 incidenti stradali con solo danni a cose.

Complessivamente, nelle stesse giornate  sono stati fermati e controllati 195 veicoli e 275 persone , rilevate e contestate 98 infrazioni al Codice della Strada e decurtati 401 punti dalle patenti dei conducenti con il ritiro di 4 patenti e 9 carte di circolazione.

A seguito dei controlli mirati disposti, solo nella giornata di sabato, gli operatori del Distaccamento Polizia Stradale di Sora hanno contestato tra le altre infrazioni , 29 articoli 172 del C.d.S. per il mancato utilizzo delle prescritte cinture di sicurezza e diversi articoli 173 per l’uso di telefoni cellulari durante la guida.

Domenica mattina i controlli effettuati sull’itinerario di servizio sulla Strada Regionale 509 tra Sora e Forca D’Acero hanno impegnato gli operatori nel controllo dei numerosi motociclisti che ormai abitualmente, nei fine settimana, si dirigono in Abruzzo spesso creando situazioni di vero pericolo per manovre azzardate ed eccesso di velocità nella conduzione dei potenti motocicli.

Sono stati fermati e controllati circa 70 motoveicoli e contestate 56 infrazioni con ritiro di 4 patenti di guida e 8 carte di circolazione, decurtati 144 punti dalla patente. Le infrazioni più numerose hanno riguardato la velocità non commisurata in curva e la manomissione dei dispositivi in genere dei motoveicoli condotti. Numerosi sono stati gli automobilisti che si sono fermati per dimostrare il loro apprezzamento agli operatori per il servizio di controllo in atto.

6 Agosto 2019 0

Ruba un costoso cellulare a Frosinone. Rintracciato con un app di geolocalizzazione e arrestato

Di redazione

Guai per un 56enne che ieri è stato arrestato dai carabinieri in flagranza di reato. L’uomo, di origine polacca, dovrà rispondere di furto aggravato. Il fatto si sarebbe consumato tra Fiuggi e Frosinone. L’uomo, infatti, avrebbe rubato un telefono cellulare del valore di 600 euro in negozio di Frosinone e sj sarebbe allontanato rapidamente con la propria auto. Sfortunatamente per lui, il promoter del centro telefonico, utilizzando un’applicazione di geolocalizzazione presente sul telefono rubato, si è messo immediatamente all’inseguimento dell’uomo, finchè lo stesso, dopo aver attraversato il territorio di Ferentino, si è fermato in un piazzale a Fiuggi. La vittima ha chiamato quindi il 112, cosicchè la Centrale operativa della Compagnia Carabinieri di Alatri si è messa subito in azione. Il 56enne una volta bloccato e perquisito, è stato trovato in possesso della refurtiva che veniva restituita al legittimo proprietario.

L’arrestato, al termine delle formalità di rito, veniva sottoposto al regime degli arresti domiciliari a disposizione dell’A.G..

Foto d’archivio

5 Agosto 2019 0

Frosinone, la madre non lo sopporta in casa e lui evade dai domiciliari. Arrestato un 54enne

Di redazionecassino1

FROSINONE – Nella tarda notte di ieri il personale del Reparto Volanti ha tratto in arresto un 54enne del capoluogo perché evaso dai domiciliari.

Gli uomini della squadra volante intensificando i controlli alle persone sottoposte agli arresti domiciliari, nel perlustrare le zone più a rischio del capoluogo, individuano un pluripregiudicato, il quale era evaso dai domiciliari perchè la madre 70enne ormai esausta, mal sopportava la sua presenza in casa.

Il 54 enne scovato dalla volante è stato tratto in arresto e in attesa del rito direttissimo trattenuto presso le camere di sicurezza della Questura.

 

 

1 Agosto 2019 0

Frosinone, la giunta approva progetto ecocentro

Di redazionecassino1

FROSINONE – La giunta Ottaviani, nell’ultima seduta settimanale, ha approvato il progetto riguardante la realizzazione di un centro raccolta materiale, un’isola ecologica, in via delle Dogane, nei pressi dell’ex MTC. L’atto e la relativa documentazione saranno quindi inviati alla Regione Lazio ai fini dell’ottenimento della autorizzazione paesaggistica. L’assegnazione dell’area era stata già stipulata, mediante una convenzione tra Comune di Frosinone, per il tramite dell’assessore, Massimiliano Tagliaferri, e il Consorzio per lo sviluppo industriale: i terreni ricadono nella classificazione di “Zona a Servizi” del P.T.R. ASI vigente. L’amministrazione Ottaviani intende proseguire, così, nella valorizzazione ambientale finalizzata alla salvaguardia e alla tutela dell’ecosistema, mettendo in atto ogni azione volta alla ottimizzazione dell’attuale servizio di raccolta rifiuti, ossia il sistema porta a porta, attualmente esteso sull’intera superficie del capoluogo.

L’ecocentro è progettato nel pieno rispetto dell’ambiente e del paesaggio: la zona di conferimento del poggerà su platea impermeabilizzata e sarà protetta dagli agenti atmosferici mediante copertura metallica fissa, attrezzata con contenitori a tenuta stagna, facilmente identificabili grazie ad adesivi indicanti la singola frazione merceologica. L’impianto sarà dotato anche di un’area di trasbordo degli scarti annessa al servizio di raccolta comunale. La struttura è stata studiata e dimensionata in modo da rendere il più agevole possibile le varie operazioni di conferimento. Inoltre, lungo tutto il perimetro interno, è prevista una fascia piantumata con essenze arbustive e arboree. All’interno, saranno presenti gli operatori che supporteranno gli utenti, per un corretto e razionale raggruppamento dei materiali. Il sistema permetterà l’accesso a tutti i residenti dotati di apposita tessera magnetica nominale. Le utenze, dunque, saranno identificate tramite un software specifico; i rifiuti saranno quindi pesati mediante la piattaforma a ciò deputata. Sul display apparirà, quindi, la descrizione dello scarto selezionato e, una volta ricevuta la conferma da parte del cittadino, sarà generato lo scontrino con i relativi dati. L’ecopiazzola, dunque, non produrrà la formazione di polveri, né emissioni gassose, sonore o liquide. Questi i materiali che sarà possibile conferire: toner/cartucce stampa; imballaggi in carta e cartone; plastica; imballaggi misti (plastica, lattine) e in vetro; sostanze T e/o F; pneumatici; inerti; carta e cartone; sfalci e potature; organico; indumenti usati; RAEE R1, R2, R3, R4, R5 (apparecchiature refrigeranti, lavatrici, lavastoviglie, forni a microonde, TV e monitor, aspirapolvere, ferri da stiro, friggitrici, frullatori, computer, stampanti, fax, telefoni cellulari, neon…); oli vegetali e minerali; contenitori di vernici/residui solventi; medicinali scaduti; pile e batterie esauste; legno; materiali ferrosi; ingombranti.