Tag: ottava

19 Novembre 2018 0

Notte fonda al Casaleno per la Virtus, arriva l’ottava sconfitta

Di redazionecassino1
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Una grande partita, quella andata in scena per l’ottava giornata della Serie A2 Girone Ovest al PalaSport ‘Città di Frosinone’ tra la BPC Virtus Cassino e la Bertram Tortona.

Un match dalle grandi emozioni e dai grandi valori in campo, ma che ha visto per l’ottava volta in altrettante partite, sconfitta la Virtus Cassino.

Una crisi nera per la squadra di coach Vettese, che per l’ennesima volta va vicinissima alla vittoria finale, non riuscendo però a capitalizzare le occasioni che il match ha saputo offrire, e non dimostrando quella solidità mentale nell’arco dei quaranta minuti che lo staff tecnico rossoblù aveva richiesto in settimana per l’intera gara.

Difatti, questa volta è stato lo svantaggio accumulato nella seconda frazione di gioco a determinare poi la sconfitta finale, nonchè la poca lucidità offensiva nei momenti topici quando il match si era rifatto punto a punto.

Delusione e amarezza nell’ambiente rossoblù, che hanno determinato l’annuncio da parte della società di un ‘silenzio stampa’ fino a data da destinarsi, nell’intento di invertire il trend negativo attraverso l’impegno e l’intenso, incessante lavoro da parte di tutte le componenti associative, partendo dallo staff, passando per la dirigenza e finendo con i giocatori.

Passando alla cronaca del match, la Virtus Cassino parte subito con due sorprese in quintetto, Ingrosso e De Ninno, che prendono il posto di Paolin e Bagnoli, mentre Tortona schiera dall’inizio il recuperato Alibegovic, affiancato da Tuoyo, Ndoja, Viglianisi e Gergati.

Parte meglio Tortona, nonostante un inizio di gara dove il canestro sembra stregato per entrambe le squadre, e al 4’ di gioco, è proprio Alibegovic che con un gioco da tre punti, firma il 9-5.

Cassino non ci sta, e coach Vettese mette mano alla panchina; Ingrosso non fornisce apporto alcuno alla gara, e scatta quindi il momento di capitan Bagnoli, che con l’ausilio del solito Raucci piazza un mini-parziale di 6-2. Il risultato è di 11-11 all’ottavo minuto. Si segna molto poco, ed in due minuti vengono messi a referto soli 6 punti, che portano la firma in ordine cronologico di Claudio Ndoja (4 pt, ndc) e di Dario Masciarelli, su una banale palla persa dalla rimessa nella metà campo difensiva da parte di Ganeto a due secondi dalla fine del quarto.

Si va al primo mini-riposo sul risultato di 13-15.

Raucci, penalizzato da 3 falli commessi nel primo quarto, viene fatto uscire da coach Vettese e non farà ritorno nella gara prima dell’inizio della terza frazione di gioco. Il numero 20 rossoblù appare particolarmente in giornata, mentre il numero 1 Ingrosso, in una delle sue ‘giornate no’, ed è proprio nel secondo quarto che si consuma la sconfitta virtussina.

Al 14’ Gergati, infatti, firma il 26-17 per gli ospiti, e su un blocco irregolare di Ingrosso, al 15’ Tortona sembra essere scappata. Nonostante Tuoyo esca dalla partita per un tecnico più antisportivo, la compagine di coach Ramondino, riesce a ricavare dall’accaduto energie positive da spendere sul parquet, e costringe coach Vettese a chiamare time-out. La musica, purtroppo per il coach di casa, non cambia, e all’intervallo lungo la Bertram conduce di 15 lunghezze, 21-36.

Si rientra dall’intervallo lungo, e Tortona tocca anche il +18, ma Raucci non ci sta, recupera palla e serve a Paolin la palla del -14, che trova il fondo della retina. La Virtus, a questo punto, decide di schierare una difesa a zona 3-2 per risalire la china, ed i risultati sono più che soddisfacenti; 8-2 di parziale, -8 e time-out per coach Ramondino. Dopo il time-out, è l’esperienza degli uomini in maglia Bertram ad uscire fuori, con il solito Gergati a suonare la carica.

Il 7-0 di parziale questa volta è di Tortona, ed è Cassino che al 28’ chiama time-out. Si va verso la fine del quarto, e a regnare sono l’equilibrio, le palle perse, ma soprattutto Tortona, che amministra il vantaggio. All’ultimo mini-break, il risultato è di 49-35 per gli ospiti.

Cassino a questo punto tenta il tutto per tutto, rientrando fino al -4, grazie ai canestri di Jackson, Pepper, Bagnoli e Raucci.

Tortona, però, nei momenti clou, ed in particolar modo in quelli di difficoltà, riesce a rimanere calma e lucida. Con il 4/4 ai tiri liberi nell’ultimo minuto di gioco di Gergati, si spengono le speranze della prima vittoria cassinate, e sono i leoni piemontesi al quarantesimo a gioire.

Finisce il match: BPC Virtus Cassino 54 – Bertram Tortona 60.

Top-scorer della gara, Simone Bagnoli con 13 punti e 15 rimbalzi da una parte, Klaudio Ndoja con 16 punti ed 11 rimbalzi dall’altra.

Ancora tanto da lavorare in casa Virtus Cassino, attesa adesso da un ostico impegno contro la Benacquista Latina, compagine in grande fiducia a seguito della vittoria conquistata dopo un tempo supplementare contro la Fortitudo Agrigento.

 

BPC Virtus Cassino – Bertram Tortona 54-60  Parziali 13-15, 8-21, 14-13, 19-11 BPC Virtus Cassino: Simone Bagnoli 13 (4/10, 0/0), Davide Raucci 12 (5/9, 0/1), Antino Jackson 9 (3/6, 1/6), Dalton Pepper 8 (1/9, 1/6), Francesco Paolin 5 (2/2, 0/4), Dario Masciarelli 4 (2/3, 0/0), Fabrizio De ninno 3 (0/2, 1/2), Tommaso Ingrosso 0 (0/2, 0/1), Filippo Rossi 0 (0/0, 0/0), Marco Gambelli 0 (0/0, 0/0), Davide Bianchi 0 (0/0, 0/0) Tiri liberi: 11 / 15 – Rimbalzi: 41 11 + 30 (Simone Bagnoli 15) – Assist: 14 (Antino Jackson 4) All. Luca Vettese Bertram Tortona: Ndoja 16 (4/7, 1/4), Alibegovic 15 (3/7, 2/8), Gergati 15 (5/10, 0/2), Blizzard 7 (2/5, 1/1), Tuoyo 5 (1/1, 1/1), Viglianisi 1 (0/3, 0/0), Ganeto 1 (0/2, 0/0), Lusvarghi 0 (0/1, 0/0), Spizzichini 0 (0/0, 0/1), Ugolini 0 (0/0, 0/0), Cremaschi 0 (0/0, 0/0), Buffo 0 (0/0, 0/0) Tiri liberi: 15 / 22 – Rimbalzi: 34 6 + 28 (Ndoja 11) – Assist: 6 (Gergati 2) All. Ramondino

 

18 Dicembre 2017 0

La Virtus Cassino corsara ad Isernia, ottava vittoria consecutiva

Di redazionecassino1

Una vera e propria battaglia “sportiva”, una gara vissuta sul filo dell’equilibrio per 35 minuti e risolta solo negli ultimi minuti dalla voglia e dal carattere degli uomini in maglia rossoblù.

Una partita difficile da raccontare a chi non era al Palazzetto dello Sport di Isernia perché il tifoso o l’appassionato assente, alla visione del risultato sarebbe portato a pensare ad una facile affermazione degli uomini di coach Luca Vettese.

Ed in effetti non è stato affatto così. Le “V” rossoblù hanno dovuto patire e sudare le proverbiali sette camicie per venire a capo di un avversario che al termine del terzo quarto era ad un solo possesso, 46-43, dalla Banca Popolare del Cassinate e che soprattutto si era aggiudicata i primi due quarti della gara andando al riposo lungo avanti di 4 lunghezze, 36-32.

“Noi lo sapevamo” esordisce Leonardo Manzari, il direttore sportivo della BPC Virtus Cassino “lo sapevamo ma questo tipo di incontri non sono prevedibili. Intanto perché alla vigilia inevitabilmente alla vigilia guardi la classifica e pensi …. andare lì sarà una passeggiata , loro sono ultimi e quindi…. Ma non è così. Isernia occupa una posizione di classifica non veritiera e soprattutto aveva messo in difficoltà Valmontone, Salerno e tante altre formazioni. Eravamo consapevoli di ciò e difatti ci hanno messo alla frusta “continua il dirigente cassinate.

Alla domanda poi se può essere considerata come una vera e propria prova di maturità della sua squadra, Manzari risponde “Ovviamente sì, ma di prove di maturità questa squadra ne ha fornite e può annoverarne tante. Sicuramente per come si era messa non era semplice venirne fuori con i due punti ma i ragazzi ed il tecnico sono stati bravi a venirne a capo con calma e con la forza dei nervi saldi” afferma ancora il DS rossoblù.

Dunque la BPC Virtus Cassino sale sull’ottovolante e l’ottava vittoria consecutiva certifica l’ascesa del team benedettino anche in classifica. Infatti la concomitante sconfitta della capolista Barcellona sul parquet di Salerno ha di fatto “accorciato” le distanze tra la Virtus e la testa della classifica a sole quattro lunghezze.

Ma in casa BPC aumenta e monta il rammarico per la sconfitta patita il 1 novembre scorso sul parquet del Pala Virtus “Sì, è proprio così, quello scellerato quarto quarto ci ha impedito di fatto di partecipare alle Final Eight di Coppa Italia. Adesso con due punti in più avremmo potuto celebrare e certificare la partecipazione alla manifestazione del prossimo mese di marzo, ma la storia è questa e non si può cambiare. Ci consolida il fatto che abbiamo ricucito il gap con la vetta della classifica ed ora ci apprestiamo a giocare la prossima in casa contro un avversario ostico che già ci ha battuti in pre-season e dunque sappiamo che non sarà una passeggiata, noi la guardia non l’abbassiamo di certo” conclude il responsabile dell’area tecnica della formazione cassinate.

La BPC Virtus Cassino dunque ha vinto l’ottava gara di fila per 67 a 50 dando spettacolo nell’ultima frazione di gioco per la gioia incontenibile di un bel contingente di tifosi giunti dalla Città Martire al Pala Fraraccio di Isernia in questa fredda serata di dicembre. La Cassino dei canestri ha avuto ragione di un Isernia tostissima che aveva impostato la gara su ritmi non troppo alti e soprattutto aveva proposto una zona classica “due –tre” come variante tattica per quasi tutta la gara. Una variante difensiva che Panzini e compagni hanno con pazienza letto e poi scardinato e che complice l’ennesima serata monstre del duo Carrizo – Sergio hanno volto a proprio favore.

Ma è una “bomba” di Petrucci al terzo minuto di gioco dell’ultima frazione a sancire la prima fuga degli ospiti per il +9 del 54-45. Non si arrendono i padroni di casa e reagiscono subito con la tripla di Murolo del 54 a 48. Isernia non molla e la partita vive di errori da una parte e dall’altra. Per lunghi 4 minuti non si segna …. Un solo punto a referto, un tiro libero di Carrizo, 55-48, partita oggettivamente brutta ma viva dal punto di vista agonistico.

A tre minuti e mezzo dalla sirena dei 40 minuti ci pensa però il solito Biagio Sergio (MVP di serata, qualcuno aveva dubbi? con 14 punti, 8 rimbalzi e soprattutto una presenza costante e decisiva sotto le plance per un 24 di valutazione finale) a muovere il punteggio sul tabellone con due punti dalla linea della carità che fissa il punteggio sul 57 a 48. Isernia prova a reagire ma le maglie della difesa cassinate appaiono insormontabili.

La partita la chiude Enzo Damian Cena che firma il vantaggio in doppia cifra 60 a 48 con una “bomba” dall’arco dei 6.75. Per i padroni di casa ci vorrebbe un miracolo perché il tabellone racconta che mancano meno di due minuti al termine. Canzano chiama i suoi a raccolta in un time out da ultima spiaggia.

Murolo realizza il meno dieci, 50 a 60, a un minuto e dieci secondi dalla fine della gara. Sull’altro fronte la firma del solito Lorenzo Panzini che mette una delle sue mortifere conclusioni da oltre l’arco per il boato di gioia dei tifosi rossoblù, 63 a 50.

Siamo praticamente ai titoli di coda. Cambi a gogo da una parte e dall’altra e siamo praticamente, repetita iuvant, alle battute finali. I giovani cassinati, Banach- De Ninno- Di Poce e Guglielmo allungano ulteriormente il gap tra le due formazioni. +17 al termine della gara e i rossoblù agguantano la loro ottava soddisfazione consecutiva. Una gara sofferta, lottata ma portata a casa con la forza dei grandi.

Adesso testa all’ultima di ritorno, alle 18 del 23 dicembre al PalaVirtus cassinate arriva la Tiber Roma dell’ex di giornata e capocannoniere del girone D del Campionato Nazionale di serie B, Filippo Bertoldo, “ e non sarà affatto semplice” chiosa il coach dei cassinati , Luca Vettese, a fine gara “ dovremo restare umili per continuare a regalarci queste soddisfazioni in questa bella stagione”.

Isernia Basket – BPC Virtus Cassino 50-67

Parziali : 17-14, 19-18, 7-14, 7-21

Isernia Basket: Murolo 16 (3/7, 3/7), Razzi 13 (2/3, 3/7), Riccio 7 (0/2, 1/8), Piazza 6 (3/3, 0/2), Patani 4 (2/6, 0/1), Smorra 4 (1/2, 0/4), Iovinella 0 (0/0, 0/0), Antonicelli 0 (0/0, 0/1), Cicchetti 0 (0/0, 0/0), Russo 0 (0/0, 0/0), Scardino 0 (0/0, 0/0), Vanacore 0 (0/0, 0/0)

Tiri liberi: 7 / 9 – Rimbalzi: 34 6 + 28 (Murolo 9) – Assist: 13 (Murolo 5)

All. Canzano

BPC Virtus Cassino: Manuel Carrizo 15 (2/5, 3/8), Biagio Sergio 14 (5/7, 0/1), Lorenzo Panzini 11 (1/2, 3/5), Niccolò Petrucci 9 (3/5, 1/8), Simone Bagnoli 6 (2/7, 0/0), Enzo Cena 5 (0/3, 1/4), Maurizio Del Testa 3 (1/2, 0/5), Fabrizio De Ninno 2 (1/1, 0/0), Robert Banach 2 (1/1, 0/0), Giuseppe Di Poce 0 (0/0, 0/0), Fabio Guglielmo 0 (0/0, 0/0)

Tiri liberi: 11 / 14 – Rimbalzi: 33 9 + 24 (Simone Bagnoli 9) – Assist: 12 (Enzo Cena 4)

All. Vettese Ass. Incelli

MVP : Biagio Sergio

5 Agosto 2009 0

“Arte sotto la pineta”, al via l’ottava edizione

Di redazione

A Roseto degli Abruzzi si rinnova l’appuntamento con “Arte sotto la Pineta”. La manifestazione, giunta all’ottava edizione, sta riscuotendo un ampio successo: tante sono le adesioni e, soprattutto, le novità. Quella del 2009 sarà una maratona di 15 ore giornaliere non stop (dalle 9,00 alla mezzanotte) della durata di due giorni, che movimenterà con gli artisti provenienti da tutta Italia la fresca, riposante e centralissima, pineta Raffaello Celommi di Roseto degli Abruzzi. Le adesioni per la mostra dell’Estate Rosetana vanno ben oltre le aspettative prefissate dagli organizzatori, che per questo motivo annunciano un successo di presenze. Gli artisti che prenderanno parte alla kermesse artistica arriveranno dal nord Italia (Venezia, ma anche dalla capitale Roma e dalla inimitabile Napoli, addirittura una pittrice allestirà un suo stand sotto le chiome dei pini di Roseto facendo arrivare i suoi dipinti per posta da Parma). L’associazione Terra e Mare che ha progettato l’evento “Arte sotto la Pineta”, grazie alla Segreteria organizzativa, ha commentato: “messa con estrema soddisfazione, in archivio l’edizione 2008 quest’anno con l’ottava, si vuole omaggiare la città di Roseto degli Abruzzi ripercorrendo la sua storia tramite cartoline d’epoca. Saranno riprese alcune immagini e un angolo della pineta Celommi sarà ritagliato per dare lustro a Saluti da … Roseto, che mostrerà la cittadina della riviera teramana negli anni ‘50 e ‘60. Non mancheranno momenti dedicati alla musica, alla televisione, alla fotografia e a quelli di solidarietà, sempre all’interno della kermesse artistica. Appuntamento con l’arte, quindi, a Roseto degli Abruzzi sabato 8 e domenica 9 agosto 2009. Per maggiori informazioni: 085.8944374 – sito internet http://www.artesottolapineta.com.