Tag: ragione

2 Dicembre 2016 0

Frosinone, raccolta rifiuti: il Tar dà ragione alla De Vizia

Di redazionecassino1
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Frosinone – Il Tar di Latina, nella giornata di ieri, ha emesso la sentenza con cui ha accolto il ricorso proposto dal raggruppamento d’imprese guidato dalla De Vizia, che aveva impugnato l’aggiudicazione del servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani a favore dell’azienda Sangalli. I giudici amministrativi, infatti, hanno ritenuto che i requisiti soggettivi per la regolarità dell’aggiudicazione all’azienda di Monza fossero venuti meno nel momento in cui alcune sentenze di carattere penale risultavano passate in giudicato, in particolar modo in relazione alla posizione dell’azionista di maggioranza. Inoltre, il Tar di Latina non ha ritenuto, di fatto, sufficiente il principio della separazione tra la posizione giuridica del socio di maggioranza e l’interesse sostanziale della società, in buona sostanza coincidenti per una serie di profili analiticamente dedotti nel ricorso proposto dalla De Vizia. Il comune di Frosinone, sulla scorta della decisione assunta dal Tribunale amministrativo regionale, procederà ora all’aggiudicazione della gara in favore della De Vizia, mentre nel caso in cui non dovesse registrarsi alcuna sospensiva da parte del Consiglio di Stato, nei successivi 40 giorni, si potrà effettuare la stipula del contratto per il nuovo appalto. Il perno essenziale del nuovo servizio è costituito dalla modalità del ritiro dei rifiuti, nelle abitazioni e presso l’utenza, con il sistema del porta a porta, unitamente alla installazione di due isole ecologiche mobili, una nella zona alta, l’altra nella zona bassa, su cui punta l’amministrazione di Frosinone per aumentare la percentuale di raccolta differenziata, attualmente vicina alla soglia del 15%, all’interno del territorio comunale.

31 Ottobre 2016 0

L’ormone annebbia la ragione, sempre più Ciociari vittime di trappole sexy

Di admin

Frosinone – La trappola sexy imperversa in Ciociaria. Sono decine le vittime, tutti uomini, che ancora cascano nella trappola della videochiamata sessuale. Eppure il sistema è ormai considerato vecchio ma, nonostante lo si conosca è ampiamente trattato dai giornali, ci sono ancora tanti uomini che, probabilmente trainati dall’ormone, finiscono nella rete di malfattori.

Tutto ha inizio con la richiesta di amicizia su facebook da parte di una ragazza con la quale, magari, si condividono amici (di facebook). Sono bellissime e spesso straniere e hanno un approccio morbido e disinteressato. Prima solo post con complimenti e apprezzamenti, poi sempre di più, fino a quando, ottenuto il numero di telefono, arriva una videochiamata. Sembra un normale saluto ma l’aspetto libertino della ragazza emerge fino a quando comincia a spogliarsi e a simulare un orgasmo. A quel punto l’ormone prende il sopravvento e, quando la ragazza chiede di partecipare alla “cosa”, c’è chi, come per il richiamo delle sirene di Omero, cede e partecipa inquadrando il proprio “intimo”. A quel punto, il gioco erotico si interrompe e comincia l’incubo. In pochi minuti arriva il messaggio: “Ti chiami  Tizio, so dove abiti, dove lavori, chi sono i tuoi amici, chi è tua moglie/fidanzata. Questo è il codice iban su cui devi versare 5mila euro nei prossimi 15 minuti se non vuoi vedere pubblicato il video su facebook”.

Sbollito l’ormone resta il disastro. Se anche si decidesse di pagare, significherebbe rimandare la faccenda per qualche giorno dato che dopo poco tempo l’estorsione verrà riproposta. Non si paga sperando in un bluff, ma in pochi minuti il video è postato sui profili delle persone piu vicine. Serve del tempo prima che si riesce a inibire l’accesso a quelle immagini; uno bravo lo fa in un’ora, e fino ad allora bisogna sperare che a vederlo siano il minor numero di persone possibile. A quel punto serve comunque denunciare alle forze dell’ordine l’accaduto. Insomma, le trappole su internet sono tante e questa è quella che in provincia di Frosinone sta mietendo maggior vittime. Fatevene una ragione. Se una ragazza che non conoscete realmente vi fa degli apprezzamenti su facebook, è quasi certamente una trappola.

Ermanno Amedei

3 Ottobre 2016 0

Basket: 45′ bastano al Ferentino per aver ragione dell’Eurobasket Roma

Di redazionecassino1

Dopo 45′ di battaglia la FMC Ferentino riesce a battere l’Eurobasket Roma e a vincere la prima partita della stagione. Un match davvero al cardiopalma, che apre nel migliore dei modi la stagione e regala mille emozioni: i gigliati riescono a farlo loro con il punteggio di 86-77. La FMC parte con Imbrò, Musso, Gilbert, Raymond, Gigli; l’Eurobasket risponde con Stanic, Deloach, Malaventura, Bonessio, Easley. Sono Raymond con 5 punti in un amen e Deloach con due triple a trascinare le rispettive squadre in avvio ma la FMC prova ad operare il primo break a metà primo quarto grazie alle triple di Musso e Gilbert (13-6 dopo 5′ di gioco). L’Eurobasket però reagisce immediatamente trovando due jumper dalla media di Malaventura per tornare a un solo possesso di distanza, Gigli chiude il primo quarto sul 17-12 finalizzando un bel pick and roll orchestrato da Gilbert. Nel secondo periodo entrano in partita anche Easley e Righetti, quest’ultimo timbra la parità a quota 19 con un gioco da tre punti, poco dopo Deloach porta i romani in vantaggio per la prima volta ma Gigli tiene i ciociari a contatto: 23-23 a 6′ dall’intervallo sul timeout chiamato da coach Bonora. La sospensione fa bene ai padroni di casa che vengono scossi da Bernardo Musso: per il campione d’Argentina in carica tre bombe in rapida successione che ispirano il break di 12-2 con cui la FMC vola sul 35-27. Il distacco rimane praticamente invariato prima dell’intervallo, si torna negli spogliatoi sul 40-31.

Imbrò e Gilbert sono molto ispirati in avvio di terza frazione e colpiscono ripetutamente la difesa romana, portando Ferentino fino al massimo vantaggio sul +13. L’Eurobasket però si scuote grazie ai suoi americani e poco dopo entrano nel match anche Bonessio, abile a farsi largo sotto canestro e Stanic che scalda la mano dall’arco. I romani arrivano a -4 ma Imbrò li ricaccia indietro con una tripla frontale, nelle ultime battute però è nuovamente la coppia Stanic-Bonessio a trascinare la Roma Gas & Power fino al pareggio a quota 56. Il buzzer beater di Lorenzo Benvenuti permette ai gigliati di rimanere avanti all’ultima pausa: 56-58. Musso prova a lanciare di nuovo i ciociari con due triple in fila ma gli ospiti non mollano, riacciuffano nuovamente la parità e passano anche in vantaggio, stavolta con le conclusioni pesanti di Righetti e Malaventura. Ferentino però trova risposte importanti da Marcus Gilbert che riporta avanti la sua formazione sul 69-67 a metà quarto periodo. La gara continua a vivere di botta e risposta emozionanti, è il turno di Deloach e Righetti che firmano il nuovo sorpasso capitolino (71-69) a meno di 3′ dalla fine ma Gilbert aggancia di nuovo gli avversari. Nell’ultimo minuto Easley sbaglia una schiacciata comoda e lascia a Ferentino la palla della vittoria, ma sia Musso sia Raymond sbagliano e mandano la gara all’overtime. Nel supplementare sono ancora Gilbert e Raymond a bersagliare la retina dalla lunga distanza, domando così la resistenza dell’Eurobasket e regalando alla FMC la prima vittoria stagionale (86-77).

Ferentino: Capuani n.e., Musso 21, Gigli 8, Datuowei n.e., Sabbatino, Imbrò 19, Gilbert 18, Carnovali, Aatata n.e., Bertocchi n.e., Benvenuti 2, Raymond 18. Coach: Ansaloni Eurobasket: Belloni n.e., Deloach 19, Petrucci, Malaventura 16, Fanti 2, Stanic 10, Righetti 8, Easley 12, Vangelov n.e., Bonessio 10. Coach: Bonora Parziali: 17-12, 23-19, 18-25, 15-17, 13-4 Arbitri Tirozzi, Capurro, Catani

18 Settembre 2009 0

In preda ai fumi dell’alcool se le danno di santa ragione, sei persone in manette

Di admin

Alle ore 01,00 circa della notte scorsa i Carabinieri di Fossacesia, nell’ambito dei controlli notturni, hanno arrestato sei cittadini stranieri, tre albanesi e tre romeni. I predetti tutti abitanti nel comune di Rocca San Giovanni (CH), poco prima, davanti al bar della locale piazza, in preda ai fumi dell’alcool precedentemente ingerito, dopo aver infastidito per tutta la serata gli altri clienti del bar, per evidenti ragioni di campanilismo, si azzuffavano scendendo in una vera e propria scazzottata, tanto da mettere in fuga i presenti ed inducendo il proprietario del bar a chiudere il locale. La rissa sarebbe continuata oltre se non fossero giunti i Carabinieri della locale Stazione di Fossacesia nel giro di ronda, che notato il gruppetto intento a darsele di santa ragione, talchè due finivano in ospedale per le ferite riportate, intervenivano energicamente con l’aiuto di altri militari giunti in ausilio da altri comuni limitrofi. Tutti e sei venivano assicurati alla giustizia e rinchiusi nel carcere di Lanciano.