Tag: stazione

26 Luglio 2019 0

Strisce blu, diffida della Compark alla stazione appaltante e al Comune. Slitta ancora l’avvio del servizio

Di redazionecassino1
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

 CASSINO – Si torna a parlare di strisce blu, ma questa volta per una nuova tegola che si è abbattuta  sull’assegnazione dell’appalto ed il conseguente avvio del servizio. L’aggiudicazione definitiva, come si ricorderà, dovrebbe andare alla società romana “Publi parking” risultata essere quella con il maggior punteggio, tanto che nei giorni scorsi c’era stato un incontro in Comune con i vertici dell’azienda. Ora, però, una nuova grana sembra far slittare l’avvio del servizio. La natura del nuovo stop è, questa volta di natura giudiziaria, infatti, prima che l’aggiudicazione diventi definitiva, la società di Varese “Compark srl” ha inviato una diffida alla stazione unica appaltante di Frosinone e al Comune di Cassino. A complicare le cose il documento, per conoscenza, è arrivato sul tavolo dell’Anac e alla procura della Repubblica.

Motivo della diffida della società varesina, che risulta ad oggi avere un minor punteggio evidenzia come ci sia una notevole differenza nella retribuzione degli ausiliari. “La differenza tra i costi del personale effettivi (che ammontano a 759.837euro) e quelli calcolati dall’azienda – secondo quanto sostenuto dalla Compark srl – è di 189.605 euro. Ci si astiene da ogni commento sull’azienda concorrente ma si confida che codeste pubbliche amministrazioni vogliano rimediare a quanto avvenuto escludendo dalla procedura la Publiparking entro 15 giorni”.

La vicenda non ha mancato di suscitare polemiche. Le opposizioni, con Mario Abbruzzese, sono partite all’attacco del sindaco Salera sostenendo: “Salera ha fatto una battaglia infinita a D’Alessandro sul caso del cimitero. Anche in quel caso la responsabilità diretta non era del sindaco. Stiamo parlando di responsabilità politica, quindi il sindaco farebbe bene ad intervenire perché si tratta di 200.000 euro in meno che possono andare a madri e padri di famiglia di questo territorio”. La risposta del sindaco non si è fatta attendere: “È un compito della stazione appaltante, un mio intervento in merito a favore di una società sarebbe un reato. Poi se qualcuno si sente leso dei propri diritti può fare ricorso al Tar o alla procura, non capisco questa diffida”.

Vedremo nei prossimi giorni i possibili risvolti della vicenda, resta il fatto che l’affidamento del servizio slitterà ancora, dopo quello già avvenuto e che dava per certo il suo avvio per il mese di luglio. Per i trentacinque ausiliari che da tempo attendono di tornare in servizio ancora un’ennesima fumata nera.

F. Pensabene

Foto di repertorio

20 Giugno 2019 0

Momenti di panico a Cassino, 44enne tenta di entrare in stazione con l’auto e poi lancia oggetti contro i carabinieri

Di admin

CASSINO –  Pomeriggio ad alta tensione ieri a Cassino in un’area compresa tra la stazione ferroviaria e il vicino appartamento di un 44enne noto per ricettazione, detenzione ai fini spaccio di sostanze stupefacenti e guida sotto l’influenza dell’alcool.  I carabinieri sono dovuti intervenire per arrestarlo contestandogli i reati di resistenza a P.U., danneggiamento aggravato, percosse e minaccia aggravata.

Nel corso del pomeriggio l’uomo ha sfondato la vetrata d’ingresso della stazione ferroviaria, dove tentava di penetrare all’interno con la propria autovettura, fuggendo subito dopo presso la propria abitazione sita nei pressi dello scalo ferroviario.

Una volta raggiunto il proprio appartamento, percuoteva la madre 85enne e la sorella 55enne, entrambe con lui conviventi e successivamente, in evidente stato di agitazione, si affacciava al balcone dell’abitazione con intenti suicidi.

Le urla dell’uomo attiravano l’attenzione dei passanti che contattando l’utenza “112”, chiedevano l’intervento  di una pattuglia, immediatamente giunta sul posto.

Alla vista dei militari l’esagitato inveiva frasi minacciose contro gli operanti e i suoi familiari, lanciando numerosi oggetti in vetro e barattoli di vernici in direzione della pattuglia della Sezione Radiomobile intervenuta, che causavano il danneggiamento di alcuni veicoli parcheggiati sotto l’abitazione dell’uomo.

Dopo non poche difficoltà, il 44enne è stato convinto dai militari a desistere dall’insano gesto e pertanto prontamente bloccato. Successivamente l’uomo veniva affidato alle cure del personale del “118” giunto sul posto, che lo trasferiva all’Ospedale “Santa Scolastica” di Cassino, ove veniva ricoverato presso il reparto psichiatria.

Da una perquisizione domiciliare eseguita, è stata rinvenuta una carabina a gas tipo Winchester marca Walther, calibro 4,5, munita di carica e colpi, la cui potenzialità è in corso di accertamento, che veniva sequestrata unitamente ad un grosso coltello utilizzato per minacciare il vicino di casa.

L’uomo stante i presupposti di legge, è stato arrestato e su disposizione dell’Autorità Giudiziaria, piantonato presso il reparto di psichiatria in attesa del rito direttissimo, che verrà celebrato nelle prossime 48 ore.

3 Giugno 2019 0

Aggrediscono e rapinano passanti alla stazione ferroviaria di Frosinone, arrestati tre stranieri

Di admin

FROSINONE – I carabinieri del nucleo operativo e Radiomobile di Frosinone in collaborazione con i militari della stazione di Frosinone scalo, hanno rintracciato e arrestato tre cittadini del Gambia, due di 23 anni ed uno di 25, tutti con precedenti di polizia per reati contro il patrimonio ed in materia di stupefacenti. Il GIP di Frosinone, condividendo pienamente la tesi investigativa e le fonti di prova raccolte dai militari operanti e comandati dal colonnello Fabio Cagnazzo, nel corso delle indagini, ha emesso nei confronti dei tre l’ordinanza di custodia cautelare in carcere poiché, a vario titolo ed in concorso tra loro, si rendevano responsabili dei reati di rapina, furto aggravato, aggressione e minaccia in danno di passanti e passeggeri della stazione ferroviaria di Frosinone, in orario serale. Al termine delle formalità, gli arrestati saranno associati presso la locale casa circondariale a disposizione dell’autorità giudiziaria. Le richieste di misura cauitelare erano state richieste dalla procura di Frosinone che ha coordinato le indagini nelle persone del procuratore capo De Falco e del sostituto procuratore Misiti.

21 Maggio 2019 0

Frosinone; blitz della polizia: nel mirino stazione ferroviaria e zone a rischio; sequestrati stupefacente, coltelli e pugnali

Di redazionecassino1

FROSINONE – Attività senza sosta della squadra volante della Questura che ha interessato nel pomeriggio e nella serata di ieri il quartiere scalo e la zona a rischio del cosiddetto “Casermone”. Perquisizioni domiciliari e controlli hanno permesso di scovare 30 dosi di cocaina, coltelli e pugnali e denunciare un individuo 35 enne per resistenza e guida in stato di ebbrezza.

Non si ferma l’attività preventiva della squadra volante su tutto il territorio; nella serata di ieri controlli a tappeto nella zona stazione a seguito delle recrudescenza del fenomeno dei reati predatori.

Sei gli equipaggi del reparto volanti impiegati nei pressi dello scalo all’arrivo e alla partenza dei numerosi pendolari proprio per garantire loro la massima sicurezza a margine degli ultimi episodi di aggressione registrati nelle recenti settimane.

I controlli estesi anche all’area del “Casermone” dove sono state effettuate diverse perquisizioni domiciliari.

Nell’occasione scovate nell’androne di una scala del plesso 30 dosi di cocaina , già confezionate e pronte per lo smercio.

A casa di un noto pregiudicato sono stati sequestrati 6 coltelli e una balestra.

Sempre durante l’attività di controllo estesa a tutta la città nelle ore notturne la squadra volante ha proceduto alla denuncia in stato di libertà per guida in stato di ebbrezza e resistenza nei confronti di un 35enne.

Lo stesso alla guida di un veicolo per le vie della città aveva rifiutato di essere sottoposto a controllo, prima di risultare positivo all’accertamento alcolemico. Venerdi, oggetto del blitz è stata la centralissima via Aldo Moro, dove gli uomini delle volanti con l’ausilio delle unita cinofile hanno setacciato palmo a palmo ogni angolo di marciapiede e luogo di maggiore aggregazione di giovani.

Il risultato è stato rilevante : rinvenuta sostanza stupefacente del tipo “Hashish” su sei individui tra i 15 e i 23 anni.

La sostanza è stata sequestrata mentre per i sei giovanissimi, residenti nel capoluogo ed in diversi comuni limitrofi, tra cui Alatri, Veroli, Ferentino, è scattata la segnalazione al Prefetto come assuntori.

Per quanto concerne il minorenne, lo stesso è stato dopo la segnalazione riaffidato ai propri genitori, prontamente notiziati dell’accaduto.

L’attività condotta con estrema fermezza dagli uomini delle volanti risalta la sempre più costante determinazione della polizia di stato al contrasto della triste “piaga sociale” della domanda e dell’offerta di stupefacenti purtroppo tra i giovanissimi.

21 Maggio 2019 0

Incendio su una carrozza ferroviaria nella stazione di Formia

Di redazionecassino1

FORMIA – Un incendio si è sviluppato verso le ore 19,30 di ieri su una carrozza ferroviaria giunta nella stazione di Formia. Sul posto era presente una pattuglia della Polizia Ferroviaria del locale Posto di Polizia Ferroviaria che immediatamente si è prodigata nel garantire la sicurezza dei circa 500 viaggiatori, allarmati dal fumo intenso sviluppatosi con l’incendio, ed alla loro evacuazione dalle carrozze in maniera controllata. Una volta messi al sicuro ed allontanate le persone coinvolte, gli agenti hanno utilizzato gli estintori presenti a bordo del treno per contenere l’incendio riuscendo infine anche a  domarlo completamente.

Le operazioni di messa in sicurezza e di spegnimento dell’incendio, partito dai freni rimasti in blocco, sono durate per almeno venti minuti durante i quali, nel prodigarsi nelle operazioni di spegnimento, un operatore della Polizia Ferroviaria si è portato sotto la carrozza e con un estintore, senza non poche difficoltà, è riuscito a domare le fiamme.

Il gesto dell’Agente non è rimasto senza conseguenze in quanto, proprio a causa dei fumi inalati è stato costretto a ricorrere alla cure mediche del vicino pronto soccorso da dove è stato dimesso con alcuni giorni di prognosi.

Una volta scongiurato il pericolo e ripristinato il corretto funzionamento dei freni, il treno ha ripreso la marcia verso la stazione ferroviaria di Napoli C.le.

12 Aprile 2019 0

Task force della polizia nel capoluogo, nel mirino “zona stazione”

Di redazionecassino1

FROSINONE – Il territorio del capoluogo, nella serata di ieri, è stato interessato da un servizio straordinario di controllo del territorio per prevenire e contrastare i reati di natura predatoria e relativi allo spaccio di sostanze stupefacenti.

Per l’occasione il Questore, dr. Leonardo Biagioli, ha spiegato un massiccio dispositivo di uomini e mezzi: il personale della Questura – Volanti, Polizia Scientifica, Ufficio immigrazione – è stato affiancato dai colleghi  del Reparto Prevenzione Crimine Lazio, delle unità cinofili provenienti da Nettuno.

Al già compatto schieramento si sono aggiunti gli “specialisti” della Polizia Ferroviaria dello scalo frusinate, zona attenzionata nello specifico, in quanto teatro, negli ultimi tempi, di un’escalation di attività illecite.

Nella circostanza sono state controllate 76 persone, delle quali 45 cittadini extracomunitari, verificata la regolarità di 18 veicoli.

Un quarantenne è stato segnalato all’Autorità Amministrativa per detenzione di sostanza stupefacente per uso personale, mentre 2 cittadini stranieri, rispettivamente un ghanese ed un brasiliano, non in regola sul territorio nazionale, sono stati sottoposti ad espulsione.

L’attività della Polizia di Stato proseguirà costantemente  nella lotta all’illegalità, nell’impegno continuo a garantire tutela e sicurezza alla collettività.

11 Aprile 2019 0

Cassino, spaccia in stazione e si chiude nel bagno per sfuggire alla polizia, arrestato senegalese

Di admin

CASSINO – Ha visto un agente fuori servizio che aveva scoperto il suo traffico all’interno della stazione ferroviaria di Cassino e per evitare l’arresto si è chiuso nel bagno. Tutto inutile per un 52enne senegalese arrestato dagli uomini del commissariato di Cassino diretto da Raffaele Mascia.

Un agente della sezione Volanti del Commissariato, libero dal servizio, ha notato all’interno della stazione ferroviaria della città martire il soggetto, di cui conosceva i suoi precedenti per spaccio di sostanze stupefacenti, che con atteggiamento sospetto si portava nei pressi dei servizi igienici pubblici in compagnia di due giovani.

Intuendo che poteva essere in atto una cessione di sostanza stupefacente l’agente richiedeva l’intervento della pattuglia di Volante di turno; nel frattempo l’agente si avvicinava ai servizi igienici e notava che il cittadino straniero riponeva un involucro all’interno dei pantaloni.

L’uomo a questo punto riconosceva l’agente di polizia e si chiudeva all’interno del bagno mentre i giovani in sua compagnia si allontanavano velocemente.

Pochi istanti dopo giungeva la pattuglia di volante e l’uomo veniva convinto, dopo molta resistenza, ad uscire dal bagno.

Si procedeva pertanto a perquisizione personale e sull’uomo venivano rinvenuti due involucri contenenti complessivamente gr. 61,20 di marijuana.

L’uomo pertanto, anche in ragioni dei numerosi precedenti di polizia per spaccio di sostanze stupefacenti, veniva tratto in arresto e condotto presso la casa circondariale a disposizione della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Cassino.

16 Dicembre 2018 0

Roma, paura nei corridoi della metro della stazione Termini per un principio d’incendio

Di redazionecassino1

ROMA –  Paura questa mattina per i viaggiatori in transito alla stazione Termini di Roma per un principio incendio che si è sviluppato nei corridoi che portano alla metro. Viaggiatori e negozianti sono stati fatti evacuare dalle forze dell’ordine. I locali sono stati invasi da un fumo denso e acre.

Sul posto sono intervenuti vigilie del fuoco per spegnere le fiamme e gli operatori del 118 per dare soccorso ai viaggiatori lievemente intossicati dal fumo sviluppatori. Non si registrano, tuttavia, feriti solo spavento e qualche fastidio alle vie respiratorie per i fumi sprigionatisi.

13 Novembre 2018 0

Migranti, Residenti Stazione Tiburtina: “Lo sgombero di Baobab non basta, si vada fino in fondo”

Di admin

ROMA – “Quali residenti che da anni subiscono, accogliamo con enorme favore lo sgombero di Baobab da parte della Questura” dichiara il Comitato Cittadini Stazione Tiburtina, “non è il primo sgombero che viene fatto e confidiamo che questa sia la volta buona per fermare definitivamente questa associazione criminale che devasta con le proprie occupazioni interi quartieri.

Li abbiamo subiti in Via Cupa dove a causa loro chiusero il 90% delle attività commerciali e il valore delle case si ridusse del 70% e li abbiamo continuati a subire alla Stazione Tiburtina dove la tendopoli abusiva era diventata la meta e il rifugio di criminali di ogni tipo in fuga da controlli. Confidiamo che la Questura non si fermi allo sgombero ma che blocchi una volta per tutte i vertici dell’organizzazione diventati oggi star televisive e che revochi anche tutti gli incarichi che Baobab ha proprio negli uffici immigrazione del Ministero degli interni. Il nostro timore da residenti è che anche questa volta l’unico effetto dello sgombero sia lo spostamento dell’accampamento ad altro angolo della Stazione. La cosa non ci stupirebbe più di tanto vista la capacità di adattamento di Baobab e le ingenti risorse economiche che pubbliche amministrazioni quali la Regione Lazio mette a disposizione per le loro attività”.

Migranti. In corso sgombero Baobab. Salvini: “Zone franche non più tollerate”

9 Novembre 2018 0

Sorpresa in stazione a Cassino con un chilo di droga, arrestata 22enne nigeriana

Di admin

CASSINO – Agenti del Commissariato di Cassino, in collaborazione con i Carabinieri della Stazione della Città Martire e con l’ausilio delle pattuglie del Reparto Prevenzione Crimine Lazio, nonché della Squadra Cinofili della Polizia di Stato di Nettuno, hanno effettuato controlli nelle aree residenziali dei quartieri di San Bartolomeo e di Via Volturno. Nel corso dell’attività, sono state identificate 82 persone e controllati 37 veicoli. Particolare attenzione è stata rivolta alle zone della Villa Comunale, al Parco Baden Powell ed alla Stazione Ferroviaria, ove è più elevata la presenza di persone dedite allo spaccio di sostanze stupefacenti. Nel Parco Baden Powell, è stato fermato un giovane del Ghana, sul quale pendeva un provvedimento di revoca dei benefici per la concessione dell’asilo; sequestrati 20 grammi di marijuana già pronti per lo spaccio. Infine, nel corso dei controlli presso la Stazione Ferroviaria, una 22enne nigeriana giunta a Cassino a bordo di un treno proveniente da Roma, alla vista degli operanti e del cane antidroga, ha tentato inutilmente di dileguarsi. Nel corso dell’immediata perquisizione, nello zaino della giovane, è stato rinvenuto un chilo di marijuana. La 22enne è stata pertanto tratta in arresto per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e condotta presso la Casa Circondariale di Roma Rebibbia Femminile, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.