Tag: violento

16 Agosto 2019 0

Allontanato da ex famiglia, 34enne violento bracca ex moglie e figli nelle strutture di accoglienza

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

ATINA – I carabinieri di Atina hanno arrestato per Stalking a Villa Latina un 34enne residente nella Provincia di Napoli, separato, già noto per analoghi reati, maltrattamenti, rapina, furto e in materia di stupefacenti.

L’uomo già destinatario di un provvedimento del divieto di avvicinamento all’ex consorte nonché ai due figli minori, emesso nel mese di giugno 2019 dal Tribunale per i Minorenni di Napoli, con il quale gli veniva inoltre sospesa anche la responsabilità genitoriale, è stato bloccato mentre si recava presso una struttura protetta sita in quel comune, dove è ospitata la sua ex famiglia.

I successivi accertamenti hanno permesso di appurare che l’uomo, già dal nel mese di agosto 2018, si era reso responsabile di analoghi episodi, in quanto si presentava in altre strutture protette ove erano ospiti l’ex moglie e i figli.

L’arrestato, espletate le formalità di rito è stato associato presso la Casa Circondariale di Cassino.

15 Novembre 2018 0

Minaccia di dar fuoco alla casa se la ex non apre, arrestato a Terracina marito violento

Di admin

TERRACINA – Gli Agenti del Commissariato di Terracina hanno arrestato nella flagranza del reato di maltrattamenti in famiglia S.B. 48enne di origine indiana. L’uomo, in fase di separazione dalla moglie, aveva cercato di introdursi all’interno dell’abitazione della stessa per aggredirla, così come già aveva fatto numerose volte. Le violenze a cui, negli anni di convivenza con il marito, la donna è stata sottoposta l’avevano persuasa circa tre mesi fa a rivolgersi alla Polizia di Stato. Oltre ai soprusi sulla moglie, l’uomo noncurante della presenza della figlia di 7 anni faceva vivere nel terrore l’intero nucleo familiare. Dopo la prima denuncia sporta in Commissariato dalla vittima e le continue richieste d’intervento formulate al 113, l’aguzzino aveva deciso di allontanarsi spontaneamente dall’abitazione di famiglia. Purtroppo quella che sembrava essere una nuova pagina nel corso della vita delle due sventurate vittime si è poi rivelata solo una breve pausa. L’uomo infatti, pur non coabitando più nell’abitazione di famiglia, aveva cominciato a presentarsi ad ogni ora del giorno e della notte minacciando di dare fuoco all’abitazione se non gli fosse stato aperto. I suoi raid, finalizzati a generare terrore, erano fulminei, tanto che le Volanti del Commissariato non riuscivano a coglierlo in flagranza di reato né a rintracciarlo. A questo punto veniva predisposto un servizio a tutela delle vittime, con Agenti anche in borghese, nella certezza che l’uomo si sarebbe ripresentato presso quell’abitazione. In effetti egli si presentava di buon ora, intorno alle 7 del mattino, quando, deciso ad accedere nella casa e ad aggredire la moglie, cominciava a danneggiarne il portone d’ingresso. Deciso a tutto, pronunciava frasi che tradotte da un connazionale, vicino di casa, stavano a significare che avrebbe fatto “un cimitero”. Grazie al tempestivo intervento di due equipaggi del Commissariato l’uomo veniva colto in flagranza e bloccato. La donna e la bambina in stato di shock venivano soccorse e rassicurate. Dopo le formalità di rito il cittadino indiano veniva tatto in arresto per il reato di maltrattamenti in famiglia, imputazione per la quale annovera già precedenti specifici sempre nei confronti della moglie, quando anni addietro erano residenti in un’altra città e le sue condotte erano le medesime. In questi anni la donna, percossa con calci e pugni era finita anche in Ospedale a causa di una ferita lacero contusa che le venne suturata su una gamba quando il marito in preda ad uno dei suoi raptus l’aveva percossa con un piatto. Su disposizione dell’A.G. lo stesso verrà giudicato con rito ordinario presso il Tribunale di Latina, restando a disposizione ristretto presso la Casa Circondariale di Latina per l’udienza di convalida.

4 Ottobre 2018 0

Genitori di Cassino vittime per decenni del figlio violento, 43enne ristretto in una comunità terapeutica

Di admin

CASSINO – Minacciava, picchiava e ingiuriava i genitori per ottenere soldi con cui comprare droga ed alcool. Decenni difficili quelli vissuti da una coppia di anziani coniugi che in casa avevano un figlio 43enne con problemi di tossicodipendenza. Ieri il loro incubo è finito.

A seguito di una costante attività di investigazione, gli agenti del commissariato di Cassino, coordinati dal Sostituto Procuratore della Repubblica Chiara D’Orefice hanno raccolto elementi tali portare il Gip del tribunale di Cassino Salvatore Scalera ad emettere  la misura di sicurezza personale della libertà vigilata con obbligo di residenza presso una comunità terapeutica psichiatrica.

A notificare la misura al 43enne sono stati gli stessi uomini di Raffaele Mascia, dirigente del Commissariato cittadino.

Il soggetto, affetto da disturbo psicotico  e antisociale per abuso di sostanze stupefacenti, era connotato da una forte pericolosità sociale che si concretizzava in quotidiani atteggiamenti marcatamente aggressivi nei confronti dei genitori, spinto dalla ricerca ossessiva di denaro per acquistare sostanza stupefacente.

L’esecuzione della misura personale ha interrotto la perdurante condotta violenta che avrebbe potuto sfociare in eventi ancora più gravi e drammatici.

 

23 Settembre 2018 0

Marito violento minaccia moglie e figli a Pontecorvo, allontanato da casa

Di admin

PONTECORVO – Ubriaco e violento, manteneva la famiglia sotto la cappa della paura. O almeno questo hanno riscontrato i carabinieri della Compagnia di Pontecorvo che hanno indagato sulle dinamiche interne alle mura domestiche di una famiglia del posto e che hanno portato il Gip del tribunale di Cassino ad allontanare il marito violento dalla casa.

IL FATTO

Qualche giorno fa i Carabinieri di un Comando Stazione della Compagnia di Pontecorvo, sono intervenuti su richiesta di una donna nella cui casa il marito, in evidente stato di ebrezza alcolica, stava minacciando la famiglia. Il tempestivo intervento dei militari ha consentito non solo di riportare l’uomo alla calma, ma anche di tranquillizzare la moglie che finalmente ha trovato il coraggio di denunciare quello che lei e i figli subivano da tempo. Le immediate indagini hanno portato prima al deferimento dell’uomo per il “reato di maltrattamenti in famiglia e minacce” e poi, nella serata di ieri, alla notifica del provvedimento emesso dal GIP del Tribunale di Cassino del divieto di avvicinamento ai luoghi abitualmente frequentati alle persone offese e ai luoghi dalle stesse frequentati. In particolare lo stesso dovrà rispettare la distanza di 300 metri ed evitare qualsiasi tipo di contatto anche telefonico e via internet.

20 Luglio 2018 0

Allontanato da casa ma sorpreso a citofonare alla ex moglie, arrestato marito violento

Di admin

FROSINONE – Nonostante gli fosse stato fatto il divieto di avvicinare alla sua ex e ai due figli minori, è stato sorpreso davanti al portone di casa a citofonare con insistenza alla ex consorte. Come se non bastasse, il 32enne di Frosinone si sarebbe scagliato contro gli agenti di polizia.

Per questo l’uomo è stato inizialmente denunciato e, successivamente, su disposizione del tribunale, il divieto di avvicinamento è stato trasformato in una ordinanza di custodia cautelare in carcere con la conseguente sospensione dell’autorità genitoriale.

Una vicenda nata alcuni anni prima, quando l’uomo, secondo quanto denunciato dalla ex moglie e secondo le risultanze investigative degli agenti della questura, si era reso protagonista di continue violenze tra le mura domestiche.

 

11 Aprile 2018 0

Autobus del Cotral “evacuato” a causa di viaggiatore violento, arrestato 31enne

Di admin

PIGNATARO INTERAMNA – L’atteggiamento minaccioso di un cittadini stranieri di 31 anni ha costretto i controllori di un autobus del Cotral a fermare la corsa e a far scendere i passeggeri. È accaduto sulla superstrada Cassino Formia nel territorio di Pignataro Interamna.

Il 31enne domiciliato a Cassino, sprovvisto di biglietto, ha inveito con atteggiamento violento contro i controllori che hanno chiesto l’intervento dei carabinieri. Nel corso dell’identificazione l’uomo ha strattonato e colpito i militari intervenuti, tentando inutilmente di scappare. Arrestato per resistenza a pubblico ufficiale è stato anche denunciato per rifiuto d’indicazioni sulla propria identità ed interruzione di un servizio pubblico o di pubblica necessità.

Al termine delle formalità di rito, l’arrestato è stato trattenuto presso le camere di sicurezza della Stazione Carabinieri di Pontecorvo in attesa del rito direttissimo previsto il 12 aprile 2018 presso il Tribunale di Cassino.

 

19 Febbraio 2018 0

La Polizia al convegno “M’ama o non m’ama? – Quando l’amore diventa violento”

Di redazionecassino1

FROSINONE – M’ama o non M’ama? – Quando l’amore diventa violento”, è il titolo del convegno a cui ha partecipato la Polizia di Stato, sempre impegnata in campagne di sensibilizzazione contro la violenza di genere.In particolare il Direttore Tecnico Capo Psicologo dr.ssa Cristina Pagliarosi ha analizzato la qualità relazionale all’interno del rapporto di coppia, basato sull’ambivalenza che lega la donna al compagno violento.

Non è raro che la vittima rifiuta l’aiuto nella speranza del recupero della “luna di miele”, oltre che credendosi responsabile dei maltrattamenti che l’uomo le rivolge.

La situazione diventa ancora più difficile quando si  alternano   manifestazioni di amore e di maltrattamento: la donna è disorientata perché la speranza blocca la sua azione protettiva.

In ottica di prevenzione, sottolinea l’esperta della Polizia di Stato, è necessario promuovere, per i nostri figli, uno stile educativo basato sulla qualità della relazione e sul proprio diritto a vivere una vita di qualità.

11 Gennaio 2018 0

Marito violento a Fiuggi, madre e tre figli minori affidati a struttura protetta

Di admin

FIUGGI – I carabinieri di Fiuggi hanno denunciato un 42enne cittadino albanese, per il reato di maltrattamenti in famiglia in presenza di figli minori.

Nel 2016 l’uomo, a seguito di denuncia presentata dalla moglie, il  Tribunale di Frosinone aveva emesso il divieto per lui di avvicinamento alla donna, pena successivamente revocata a seguito di remissione della querela da parte della denunciante.

Con il nuovo episodio di violenza segnalata dai militari operanti anche al centro antiviolenza di Fiuggi, la moglie del 42enne ed i tre figli minori sono stati collocati in una struttura protetta.

24 Maggio 2017 0

Violento temporale su Cassino, pioggia, forte vento con lampi e tuoni

Di redazionecassino1

Cassino – Il cielo si è oscurato quasi a tempo di record, nubi nere dense di pioggia hanno coperto  la città in breve tempo. Ci sono voluti pochi minuti e…giù acqua, vento, tuoni e lampi hanno riportato impovvisamente il tempo atmosferico indietro di mesi. E’ quanto si sta verificado in questi minuti a Cassino. Una pioggia torrenziale oltre al forte vento ha scatenato un violento nubifragio. Immancabili le conseguenze alla circolazione, fra strade allagate e pozzanchere, oltre naturalmente alla ricerca, per chi era in strada a piedi, di un riparo dalla pioggia.

 

2 Marzo 2017 0

Cassino, convivente violento torna in carcere e l’alloggio restituito all’Ater

Di admin

Cassino – Gli arresti domiciliari concessi al convivente 35enne di Cassino, sono stati la cosa peggiore che potesse capitare ad una donna domiciliata in un appartamento Ater, oggetto di sfratto da parte dello stesso ente.

L’uomo, che secondo gli investigatori era già violento di per se, con ma misura cautelare degli arresti domiciliari, quindi costretto a stare tutto il giorno in casa con la donna, ne era diventato l’incubo con minacce e atti persecutori di vario genere tanto da spingerla ad abbandonare l’alloggio.

Date le circostanze, la Corte di appello di Roma ha revocato la misura dei domiciliari ristabilendo la detenzione in carcere e, per questo, l’alloggio ormai liberato è stato riconsegnato all’Ater.

Ermanno Amedei