Giorno: 28 gennaio 2009

28 gennaio 2009 0

Compratori e spacciatori di soldi falsi

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Acquistavano il denaro contraffatto per poi rimetterlo in circuito. Per questo sono stati arrestati questa mattina a Pignataro Interamna la 50enne Luisa Spada, il 32enne Antonio  Morelli e la 30enne Concetta Sauchelli. I tre sono rimasti coinvolti nell’operazione «Giotto» coordinata dalla Dda di Reggio Calabria ed eseguita in nove regioni dai carabinieri delle varie compagnie. In tutto sono state eseguite 150 ordinanze di misure cautelari in carcere. Gli inquirenti sostengono di aver sgominato una organizzazione che produceva e distribuiva anche in Germania, Spagna e Lituania, oltre a soldi, valori bollati e documenti, tutti rigorosamente falsi.

28 gennaio 2009 0

Cade l’intonaco, bambini salvati dall’insegnante

Di redazione

In una scuola elementare di Castellammare di Stabia (Napoli), mentre questa mattina i bambini erano presenti in aula, pochi minuti dall’orario della fine delle lezioni circa un metro quadrato di intonaco si e’ staccato dal soffitto. La tragedia è stata sfiorata grazie all’insegnante che, avendo notato un sospetto rigonfiamento nell’intonaco, è riuscita a far allontanare gli alunni prima dell’impatto al suolo del materiale, caduto insieme ai fili elettrici e al sistema di illuminazione. Stando all’esito delle verifiche, effettuate dai vigili del fuoco e dai tecnici del Comune, il crollo non è riconducibile alle infiltrazione d’acqua dovuta al maltempo.

28 gennaio 2009 0

Ancora una frana, altri morti. Due a Caltanissetta

Di redazione

A pochi giorni dal tragico incidente, avvenuto sull’A3 e in cui sono rimasti vittime due appartenenti alla squadra di calcetto di Termini Imerese, di ritorno dopo aver disputato una partita, ancora una frana travolge e uccide. Questa volta è accaduto a Caltanisetta, dove  due operai  – di 32 e 37 anni – impegnati oggi in alcuni lavori di canalizzazione sono stati travolti dal fango. Per estrarre uno dei due corpi è occorsa circa un’ora di scavi. Secondo le prime ricostruzioni, il costone collinare – già reso instabile a causa delle forti piogge di questi giorni – sarebbe stato ulteriormente sollecitato dalle vibrazione di ruspe e mezzi meccanici, così da provocare uno smottamento che si sarebbe abbattuto su un muro sotto il quale stavano lavorando i due operai. Quello del dissesto idrogeologico, evidentemente, è un problema che si tende a sottovalutare, ma che in pochi giorni ha posto in evidenza il fatto che basta veramente poco per rompere delicati equilibri e provocare incidenti mortali.

28 gennaio 2009 0

Prima si fa intervistare, poi stupra una ragazza

Di redazione

L’autore del terribile delitto, compiuto ai danni di una ragazza in zona Fiera a Roma la notte di Capodanno, poche ore prima dello stupro era stato casualmente intervistato da un giornalista del tg di Italia1 in un servizio che proponeva commenti sulla serata tanto attesa dai giovani. “Non bevete prima di guidare. Nel 2009 c’è da divertirsi, c’è questa festa che si chiama “Amore”..”, aveva detto ai microfoni, in uno stato di evidente euforia pre-festiva. E solo dopo poche ore, il suo divertimento sfociava in una violenza sessuale usata su una sua coetanea. L’identificazione di Davide è stata possibile proprio attraverso il filmato, acquisito dagli inquirenti della Squadra Mobile di Roma. Intanto il ministro della Giustizia, Angelino Alfano, ha annunciato l’intenzione di presentare un emendamento al disegno di legge sulla sicurezza che preveda il gratuito patrocinio per le vittime delle violenze sessuali, resa possibile eliminando il gratuito patrocinio per i boss mafiosi condannati.

28 gennaio 2009 0

Stermina la famiglia per problemi sul lavoro

Di redazione

Ha sterminato la sua famiglia: due coppie di gemelli di due e cinque anni, una bambina di 8 anni e la moglie; poi, a sua volta, si è tolto la vita. Los Angeles , dopo la splendita noitizia del parto plurigemellare di ieri, oggi deve fare i conti con la terrribile notizia annunciata dal carnefice via fax, un tecnico ospedaliero, ad una televisione privata. I poliziotti, giunti nella casa, si sono trovati di fronte una scena da brividi, con i corpi dei piccoli ancora nelle camerette, tutti sterminati adoperando una pistola di piccolo calibro. Pare che l’uomo avesse problemi sul lavoro.

28 gennaio 2009 0

Case Ater, rischia di esplodere una bomba sociale

Di redazione

Il presidente dell’Ater di Frosinone Ettore Urbano lancia l’allarme: “Se entro sei meni, o al massimo un anno, non si troveranno a Cassino almeno cento alloggi per tamponare l’emergenza abitativa, la situazione riuschia di esplodere”. Urbano lo ha detto a margine di un incontro, ieri, con i 49 cassinati oggetto di ingiunzione di sfratto per aver occupato abusivamente gli alloggi popolari dopo la sanatoria regionale del novembre 2006. “E’ una lotta tra poveri che bisogna impedire in maniera celere dando risposte concrete – aggiunge il presidente dell’ente che gestisce le case popolari – Se non ci sono fondi per costruire nuove case allora sarebbe il caso di mettere mano alle strutture pubbliche non utilizzate come, ad esempio, il vecchio e dismesso ospedale Gemma De Posis. La struttura potrebbe essere ristrutturata e trasformata in alloggi. Oppure la si potrebbe cedere a privati ed ottenerne in cambio la costruzione di nuove case”.

28 gennaio 2009 0

Stazione “chiusa” ai treni per due ore

Di redazione

La stazione di Cassino, lunedì sera, è rimasta chiusa ai treni per ben due ore. La rottura di uno scambio all’ingresso nord della città martire, ha costretto i convogli provenienti da Roma e da Napoli, a stazionare per due ore, fermi nelle campagne alle porte della città. Per circa 120 minuti i passeggeri sono rimasti chiusi nei vagoni senza sapere cosa stesse accadendo. Un grosso disagio che si è parzialmente risolto solamente intorno alle 23, quando il primo convoglio è entrato in stazione “liberando” i viaggiatori. I ritrardi accumulati però, sono stati smaltiti solamente il giorno dopo, mentre gli operai ancora lavoravano alla sistemazione del binario.