Due tonnellate di bionde sequestrate sull’Autostrada

5 agosto 2009 0 Di redazione

Le fiamme gialle del gruppo della guardia di finanza di Aversa hanno sequestrato, in corrispondenza della barriera autostradale di “Caserta sud”, circa 2 tonnellate di tabacchi lavorati esteri introdotti in contrabbando dall’ucraina, nonché tratto in arresto due soggetti originari dell’est europeo. Si tratta dell’ennesimo fermo operato dai baschi verdi di Aversa che, anche in questi giorni di intenso esodo vacanziero, continuano ad attuare un penetrante monitoraggio dei flussi commerciali che percorrono la nostra penisola. Nella rete delle fiamme gialle questa volta sono rimasti “incagliati” due furgoni, rispettivamente con targa slovacca ed italiana, provenienti dalla direttrice meridionale che collega la Puglia alla Campania, notoriamente utilizzata in passato per il trasporto dei carichi di sigarette sbarcati sulle coste pugliesi a bordo di potenti scafi.
I predetti mezzi, a differenza di precedenti interventi, sono risultati privi di carico di copertura, a testimonianza della possibile presenza di depositi di stoccaggio intermedi, non particolarmente distanti dal mercato di destinazione finale dei tabacchi.
Le sigarette rinvenute e sottoposte a sequestro nel corso dell’operazione condotta dai baschi verdi del gruppo di Aversa sono risultate in prevalenza di marca “Chesterfield” e “Classic”, marca quest’ultima particolarmente apprezzata, in quanto venduta sul mercato locale al modico prezzo di circa 20 euro a stecca.
I due soggetti, R.V. di anni 31 e S.S. di anni 26, sono stati tratti in arresto e associati presso la casa circondariale di Poggioreale.
Dall’inizio dell’anno i sequestri di bionde eseguiti dagli uomini del comando provinciale della guardia di finanza di Caserta si attestano ormai sulle 7 tonnellate.