Pestano a sangue un anziano per rubargli 180 euro

9 dicembre 2009 0 Di redazione

Avevano bisogno di soldi e così hanno pensato di rapinare una persona mentre questa rientrava in casa. Ieri nelle prime ore del pomeriggio ad Atri (Te) si è sfiorata la tragedia, perché un’inaudita violenza è stata compiuta in danno della vittima. Due giovani Luigi Cantarini e Paolo Ferretti, entrambi atriani di 23 e 19 anni, avevano individuato in Santino Riti, 61enne del luogo, una vittima facile da colpire per procurarsi un po’ di soldi in vista delle feste di Natale. Hanno atteso che l’uomo rientrasse presso la propria abitazione. Poi suonato il campanello d’ingresso, quando l’uomo ha aperto la porta, gli si sono fiondati addosso, colpendolo ripetutamente e con calci e pugni in diverse parti del corpo. Il pestaggio è continuano sino a quando hanno asportato € 180 che aveva nei pantaloni, dopo di che sono fuggiti a piedi nelle vie del centro di Atri pensando di averla fatta franca. Ma l’uomo è riuscito a chiamare i Carabinieri che sono giunti subito sul posto. Un prima descrizione della vittima, poi le indagini serrate e condotte con grande professionalità, hanno permesso di restringere il cerchio dei possibili indiziati. Poco dopo i due venivano rintracciati e fermati nel centro di Atri, con ancora il bottino addosso. La successiva ricognizione fotografica da parte della vittima, permetteva insieme agli altri elementi raccolti dai militari, di accertare la responsabilità penale di quanto accaduto a carico dei due giovani. Il 61enne è stato trasportato presso l’Ospedale Civile di Atri e ricoverato nel reparto di Chirurgia con prognosi di gg.15. Cantarini Luigi, disoccupato e FERRETTI Paolo, studente universitario, si trovano ristretti presso la Casa Circondariale di Teramo, a disposizione della competente A.G..