Giorno: 5 marzo 2010

5 marzo 2010 0

CURIOSITA’ DAL WORD WIDE WEB

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Perché quando eravamo piccoli, ci dicevano che Babbo Natale veniva giù dal camino e noi il camino non ce l’avevamo? Questa ed altre sono le tante domande che popolano i famosi forum e social network, luoghi di incontro virtuali, dove scambiarsi idee, chiedere, rispondere, sfogarsi. Luoghi per chattare e per condividere, luoghi dove ci si incontra e ci si scambiano pareri, dove si iniziano discussioni, dove si può chiedere e dire ciò che nella vita di tutti i giorni non si osa fare. Domande e risposte forse assurde, stravaganti, ma simpatiche, quante ingenue, in quanto su internet ogni cosa è lecita. Qui non ti conosce nessuno, ma il tuo avatar è già un successo. Non come nel film di James Cameron ma hai già a disposizione un’ampia gamma per personalizzare la tua immagine virtuale scegliendo il colore dei capelli, quello degli occhi e della propria carnagione, fino a sbizzarrirsi con vestiti, accessori vari, gioielli, firme, distintivi, cappelli, e molto altro ancora (cappuccio rosso per Natale incluso) Iscriversi è facile, basta un nick, un nome d’arte, un po’ di fantasia, una password da ricordare e il gioco è fatto; entri e partecipi! Nessuno sa chi sei, ma già dopo 10 minuti conosci un po’ di gente e ti fai un nome, una fama, inizi a raccontare un po’ di te, scrivi in questi spazi, ponendo domande, rispondendo a quelle altrui o partecipando alle tante discussioni nella rete, e comunque ci sei già dentro e dopo poco, tutti sanno chi sei o forse chi vuoi apparire di essere. C’è chi sceglie di essere sé e dice tutto ciò che ha da dire, compresi i propri segreti più intimi. C’è chi invece preferisce recitare la parte del duro o di colui che la sa tutta, ma dopo poco si riscrive con un altro “nome”, per chiedere ciò che con il proprio nick iniziale non osa già più chiedere. Strano ma ci si cala nel personaggio e ciò che all’inizio sembrava semplice e anonimo non lo è più dopo un po’. Dietro a domande azzardate, humor e battute quasi provocatorie si celano migliaia di ragazzi e ragazze che il coraggio cercano di tirarlo fuori come possono, ragazzi che vogliono sapere, che si interrogano, che chiedono, che si fanno domande sulla vita, sul sesso, su ciò che mangiano, su come si comportano, giovani e meno giovani che chiedono consigli anche sul da farsi riguardo a una telefonata o meno, sul come fare con il proprio lui e cosa dire alla propria lei. Molte le domande sul lavoro, sul guadagno, ma anche sulle auto, sul libro da leggere o quelle di aiuto per svolgere un compito di mate, una traduzione di latino o per cucinare un pasto veloce, saporito e leggero elencando gli ingredienti che si ha in casa. Così entri nella sfera altrui, si diventa amici “virtuali” e alcune volte pure sul serio, ci si saluta la sera con un “buonanotte “ scritto per tutti e un buongiorno la mattina seguente, si rafforza il senso di appartenenza al gruppo ma chiuso lo schermo ci si ritrova a fare i conti con la vita e con le persone magari a te più care ma con cui forse la confidenza e la disinibizione che la rete e l’anonimato riesce a tirarti fuori, vanno scemando. Vi è poi una particolare categoria di domande, ricorrente e sempre di moda e sono quelle amletiane, su di sé, sul proprio modo di pensare, misteri a cui non si sa rispondere, dilemmi a cui seguono le più svariate risposte o meglio correnti di pensiero. Un bello specchio della gioventù attuale, ma che non risparmia nessuna età, over 50 compresi, e minorenni inclusi. Sono le domande di sempre, i dubbi di tutti, ma allora cos’è cambiato? E’ cambiato il modo di farle, ed è cambiato anche il sistema, non è un fattore di per sé negativo ma può diventarlo se l’unica forma di comunicazione rimane la scelta del network. Scegliere di confidarsi solo agli amici virtuali e attraverso il filtro avatar-anonimato rischia di rafforzare inconsapevolmente le nostre paure quotidiane, impedendone lo scioglimento. Ma la domanda resta una: perché porre domande, per lo più personali ad altri utenti, più o meno “conosciuti”? Sarà che al di là delle presunte frontiere nord-sud, Italia-Spagna o G.B, ci stiamo scoprendo meno estranei gli uno agli altri? Cosa ci danno questi salotti virtuali, che amici, famigliari e lavoro non riescono a trasmetterci? Visto il crescente successo di tali spazi, vien da chiederlo a giovani e meno giovani che li popolano,… e chissà che la risposta non arrivi proprio da qualche utente on line. Elsa Emilienne Anne Niola

5 marzo 2010 0

Regionale 2010 / Maruccio (Idv): “Se strada è decreto interpretativo Idv ritirerà le proprie liste”

Di redazione

“Se il decreto interpretativo è il coniglio che il governo pensa di tirare fuori dal cilindro per aggirare di nuovo le regole per meri interessi di parte, sappia chel’Italia dei Valori valuterà l’ipotesi di ritirare la sua lista da una competizione elettorale che ne uscirebbe irrimediabilmente falsata.” Lo dichiara in una nota Vincenzo Maruccio, Capolista dell’Italia dei Valori alle Regionali del Lazio. “Non solo – prosegue Maruccio – chiederemo a tutto il centrosinistra di fare altrettanto. Non è tollerabile un’ingerenza di tale portata e di tale incostituzionalità, solo per riparare ai clamorosi pasticcidi di rigenti locali del Pdl. Gli italiani hanno capito benissimo i termini del problema. Una forzatura di questo tipo risulterebbe a tutti inaccettabile e degna del regime totalitario, piduista e fascista con il quale ci troviamo a convivere. A questo punto il governo potrebbe fare molto di più: nominare Polverini e Formigoni presidenti di Regione per decreto”.

5 marzo 2010 0

Candidato a sindaco investito e ferito in pieno centro

Di redazione

Ivan Caserta, il noto avvocato del foro di Cassino, candidato alla carica di sindaco della città di Pontecorvo (Fr), è rimasto ferito alle 19.30 di oggi in seguito ad un investimento avvenuto in centro, all’uscita dal suo studio legale. Caserta è uno dei quattro candidati alla carica di primo cittadino e quando la notizia si è diffusa in città, in tanti hanno temuto ad un fatto non accidentale. Il clima politico in città è da sempre molto teso. Ad investire il legale è stata però una donna e si sarebbe trattato di un incidente. Il candidato è stato immediatamente soccorso da un’ambulanza e trasportato in ospedale a Pontecorvo. L’intervento è stato classificato con il codice giallo ed è rimasto sotto osservazione. Del caso se ne sono occupati i carabinieri di Pontecorvo ma pare che sia trattato di un incidente. Er. Amedei

5 marzo 2010 2

Mobbing, una piaga sociale. Focus con esperti

Di redazionecassino

Mobbing: una piaga sociale che dilaga e oramai riguarda oltre dieci milioni di italiani. Cavallaro (Cisal) avvia un “Focus” con esperti. “Mobbing”: una vera piaga sociale, una realtà a tinte fosche, inficiante e anti-etica, che sta ultimamente dilagando nel nostro Paese e che è causa di grandi sofferenze e pesanti costi sociali. Secondo un recente studio dell’Istituto Superiore Prevenzione e Sicurezza sul lavoro, confermato da quelli di Istat e Agenzia europea per la salute, sono oltre 4 milioni i lavoratori italiani per i quali il lavoro è diventata la prima causa di stress e sofferenza psichica; mentre sarebbero addirittura 10 milioni quelli che percepiscono il lavoro come un fattore di rischio per la propria salute e di seria esposizione a fattori e fenomeni di prepotenza e discriminazione.

“Un vero, grande problema – spiega Francesco Cavallaro, Segretario generale della Cisal – dinanzi al quale il nostro sindacato non poteva rimanere insensibile e inerte. Pur nella consapevolezza che si tratta di una questione complessa, articolata, dalle tante sfaccettature, e quindi di non facile soluzione, è altrettanto evidente che proprio per questo serve un urgente rinnovamento delle misure legislative a favore del cittadino e del lavoratore vessato, in grado almeno di arginare il fenomeno, la sofferenza e le stesse condizioni mobbizzanti. Così come è necessario il contestuale avvio di nuove iniziative sensibilizzanti l’opinione pubblica e la classe di governo”.

Ecco dunque il perché del “focus”: “Mobbing. Riflessioni e soluzioni” (primo di una serie di appuntamenti dedicati ai temi e alle problematiche più scottanti del mondo del lavoro contemporaneo) organizzato dalla Cisal martedì prossimo, 9 marzo, alle ore 11.00, nella sede centrale del sindacato, Via Torino 95 (Galleria Esedra), a Roma, cui parteciperanno, oltre il Segretario Generale Francesco Cavallaro, la professoressa Isabella Corradini, docente di Psicologia sociale all’Università dell’Aquila ed esperta del settore; Maria Grazia De Angelis, presidente dell’Associazione Italiana di Studio del Lavoro e dirigente d’azienda; il noto penalista Nino Marazzita; l’imprenditore ed esperto di brokeraggio Antonio Rizzo. Modera il giornalista Roberto Messina, dell’ufficio stampa Cisal, ideatore e coordinatore dell’intero progetto. In coda ai lavori sarà presentato il progetto della nuova rivista “Orizzonti Cisal”, periodico di cultura economica e sindacale di prossima pubblicazione, i cui inserti saranno ogni volta dedicati ai temi dibattuti nei vari “focus”.

5 marzo 2010 0

La lente della procura sulle strisce blu, altri sequestri

Di redazione

Continua l’indagine della procura di Cassino sui parcheggi a pagamento della città martire e continuano i sequestri. Oggi, i sigilli sono stati posti ad altri tre parcometri sistemati nel centro della città. Le strutture interessate dalla nuova iniziativa degli inquirenti sono in prossimità di strisce blu che, in questi gioorni, la società Urbania ha provveduto a “sbiancare”. Appena sabato scorso gli stessi investigatori coordinati dal procuratore capo Mario Mercone, hanno prelevato ingente documentazione dagli uffici comunali ed anche un computer collegato a tutti i parcometri che riceve in tempo reale i dati relativi agli incassi. Non si esclude che l’ulteriore sequestro sia collegato proprio ai dati estrapolati dal computer. Er. Amedei

5 marzo 2010 0

Maxi sequestro di giocattoli cinesi illegali

Di redazione

I militari della Stazione Carabinieri di Isernia hanno proceduto alla denuncia in stato di libertà di una cittadina extracomunitaria di origine cinese per i reati di “Contraffazione, alterazione o uso di segni distintivi di opere dell’ingegno o di prodotti industriali” e “Introduzione nello Stato e commercio di prodotti con segni falsi”. La donna, regolarmente residente in Italia e provvista di licenza di venditore ambulante rilasciata dal Comune di Isernia, deteneva nel proprio appartamento un ingente quantitativo di prodotti, di varia tipologia e natura, non conformi ai requisiti essenziali per la commercializzazione e l’utilizzo nell’Unione Europea, privi della marcatura “ CE “. Il logo “ CE “ presente su alcuni dei prodotti rinvenuti genera invece un volontario equivoco con l’abbreviazione delle parole “China Export”, che non rappresentano pertanto l’indicazione delle garanzie di conformità e qualità richieste. Insieme alla marcatura, tra le altre indicazioni che dovrebbero essere apposte direttamente sulla confezione (e non mediante “adesivo” come invece riscontrato su alcuni dei prodotti in argomento): nome e indirizzo del fabbricante o suo mandatario stabilito nella Comunità, descrizione del materiale, riferimento alle specifiche per le quali è dichiarata la conformità, anno in cui è stata apposta la marcatura CE. Il materiale, sottoposto a sequestro, ha un valore commerciale di circa 20.000 euro e comprende ad esempio telecomandi, torce elettriche, luci di Natale, bilance elettroniche, sfigmomanometri (misuratori per la pressione sanguigna), orologi, asciugacapelli, pistole giocattolo, radio, materiale di ferramenta, saldatori a stagno, peluche, ventilatori, lampadine elettriche, automobili radiocomandate e altri giocattoli. Tutti i prodotti elencati, non rispondendo ai requisiti richiesti dalle norme comunitarie, sono potenzialmente pericolosi per la salute. I reati contestati prevedono, ciascuno, pene fino a tre anni di reclusione e multe di alcune migliaia di euro. L’intera operazione ha preso le mosse da una informazione assunta da uno dei “Carabinieri di Quartiere” dipendenti dalla Compagnia di Isernia.

5 marzo 2010 0

Si spaccia per un noto politico e ottiene ricariche telefoniche gratis

Di redazione

Si spacciava per un noto personaggio politico locale e chiedeva ricariche telefoniche. Una donna di 39 anni, M. L. di Boville ernica, è stata denunciata dai carabinieri perché, al telefono, contattava una ricevitoria di Torrice e, presentandosi come un esponte politico di spicco, riusciva ad ottenere ricariche sulla sua utenza. Una strategia che non le ha permesso di ottenere molto dato che, i carabinieri informati dai titolari della ricevitoria, sono risaliti alla sua utenza telefonica e, quindi a lei, denunciandola per truffa. Er. Am.

5 marzo 2010 1

Fiat Cassino, pronto a partire il Progetto per il “Polo della Logistica Avanzata”

Di redazione

Lunedì 8 marzo ore 11.00 nella Sala Aniene della Regione Lazio in Via Cristoforo Colombo, 212 verrà presentata la firma dell’Accordo di Programma del Progetto per il “Polo della Logistica Avanzata”. Interverranno: l’assessore allo Sviluppo Economico, Ricerca, Innovazione e Turismo della Regione Lazio, Claudio Mancini, il rettore dell’Università degli Studi di Cassino, Ciro Attaianese, il presidente del Palmer (Parco Scientifico e Tecnologico del Lazio Meridionale) Paolo Vigo, il responsabile scientifico del progetto, Domenico Falcone, il direttore dello stabilimento Fiat Group Automobiles di Cassino, Antonio Cesare Ferrara, e l’amministratore delegato di Elasis – Centro Ricerche Fiat, Nevio Di Giusto.

5 marzo 2010 0

Regionali 2010 / Mario Abbruzzese, tutti gli appuntamenti di sabato e domenica

Di redazione

Un week end, quello del candidato al Consiglio regionale Mario Abbruzzese, denso di incontri, appuntamenti con gli elettori e aperture di nuovi comitati elettorali. Sabato 6 marzo, a partire dalle ore 11, l’esponente politico del Popolo della Libertà, accompagnato dai suoi sostenitori, sarà a Frosinone, dove inaugurerà, in via Aldo Moro 199, il comitato elettorale del capoluogo ciociaro. La giornata del candidato pidiellino proseguirà, in località Chiaiamari a Monte San Giovanni Campano, alle ore 12, dove verrà tagliato il nastro di un’altra sede elettorale, aperta grazie all’impegno dei sostenitori di Abbruzzese. Alle 15.30 l’esponente del Popolo della Libertà si sposterà a Cassino, nel popoloso rione San Bartolomeo, dove aprirà il suo quarto comitato politico cittadino. Le iniziative promosse da Mario Abbruzzese su tutta la Provincia di Frosinone continueranno anche nella giornata di domenica 7 marzo. Il candidato del Pdl alla Pisana sarà con il gazebo del Popolo della libertà, alle ore 9.30, a Strangolagalli, dove incontrerà cittadini, amministratori e simpatizzanti all’interno della piazza centrale del paese. Alle ore 10.30 si sposterà ad Esperia, in piazza Campo Consalvo, con il gazebo “Fare insieme”. A seguire, Abbruzzese, intorno alle 11, sarà a Castelnuovo Parano, in località Sant’Antonio, per incontrare un folto gruppo di residenti ed amministratori locali. Sempre nella giornata di domenica, il candidato del Popolo della Libertà inaugurerà, nei pressi della piazza principale di Cervaro, alla presenza dei suoi sostenitori, il comitato elettorale della cittadina del cassinate. Nel pomeriggio Mario Abbruzzese si sposterà in Valcomino, dove alle ore 15 incontrerà, sotto il gazebo “Fare insieme”, la cittadinanza di Gallinaro. Alle ore 16.30, il candidato sarà a Casalattico e, alle 17.30 chiuderà la giornata di incontri ed inaugurazioni a San Donato Valcomino, dove taglierà il nastro del suo comitato elettorale.

5 marzo 2010 0

Protezione civile, definito il perido di massimo rischio incendi

Di redazione

Con una delibera approvata oggi la Giunta Regionale definisce per la campagna Antincendio boschivo 2010 il periodo di massima pericolosità per il rischio incendi, dal 15 giugno al 30 settembre prossimi. Con tale delibera, proposta dal vicepresidente Esterino Montino, l’intero territorio della Regione Lazio viene dichiarato per tutto il periodo di massimo rischio di incendio boschivo “area a rischio di incendio boschivo e di interfaccia”.