Mese: luglio 2010

31 luglio 2010 0

Denunciato “ladro” di uccelli, aveva rubato 20 cardellini a “madre natura”

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Se ne stava tornando a casa dopo aver catturato una ventina di preziosi “cardellini”, della specie protetta. Si tratta di un 50enne della provincia di Napoli che è stato bloccato dagli uomini della Compagnia di Venafro. L’uomo, è incappato ieri mattina in uno dei controlli predisposti dall’Arma sul territorio, e deteneva a bordo della propria autovettura ben sei gabbie con all’interno i piccoli volatili, nonché vari attrezzi costituiti da reti, archetti e richiami, utilizzati per la cattura degli stessi. Si tratta di una attività illecita quella della cattura dei volatili, peraltro protetti, vietata dalla legge sulla caccia, che vengono immessi nel circuito della vendita dei mercati rionali dell’area napoletana, ove tale pratica commerciale è molto fiorente e redditizia. I 20 cardellini recuperati sono stati immediatamente posti in libertà mentre il materiale utilizzato per la cattura è stato sequestrato ed il detentore è stato denunciato in stato di libertà alla competente autorità giudiziaria del capoluogo Pentro.

31 luglio 2010 0

Trionfano al Word excel game e vincono una lavagna interattiva per la loro scuola

Di redazione

Hanno vinto il Word excel game ed è arrivato il premio: una lavagna interattiva che si aggiunge alle 7 già in dotazione al Liceo e che costuiscono il perno multimediale della nuova configurazione tecnologica del Liceo. Il premio è stato vinto dalla squadra guidata dal prof. Paolo Bartolini e formata da Luca Pizzuti, Gabriele Magliocchetti ed Emilio Torella che hanno totalizzato il punteggio più alto in una gara che li ha messi a confronto con altri 20 istituti del Lazio meridionale. La gara consiste in una prova di velocità e precisione in cui i ragazzi devono risolvere quesiti basati su problemi effettivi e situazioni reali, mediante l’utilizzo di Microsoft® Word Microsoft ® Excel e novità dell’edizione 2010 su Microsoft ® PowerPoint. I ragazzi si sfidano sostenendo un esame di certificazione rilasciato dalla Certiport e riconosciuto dalla Microsoft che attesta le competenze raggiunte nell’utilizzo dei singoli applicativi del pacchetto Office. Ogni Istituto prepara i componenti della squadra che gareggiano separatamente su di uno dei 3 applicativi oggetto della sfida. Gli studenti che superano il punteggio minimo richiesto dal software d’esame acquisiscono la certificazione Microsoft Certified Application Specialist (su Word versione 2007 su Excel versione 2007 o su PowerPoint versione 2007 a seconda dell’applicativo sul quale hanno gareggiato). Il primo posto nella gara 2010 è un traguardo importante per il Liceo Scientifico di Ceccano ed è il risultato di un forte investimento della scuola nelle nuove tecnologie: da tempo tutto l’istituto è in wireless e da quest’anno ogni classe ha un suo computer, mentre tutte le aule speciali e i laboratori hanno una lavagna interattiva. Inoltre una classe prima, nel prossimo anno scolastico, sarà coinvolta nel progetto Cl@assi 2.0, con tutta la didattica attraverso le nuove tecnologie.

31 luglio 2010 0

Il mistero del bambino venuto dal nulla, continuano le indagini

Di redazione

E’ mistero ancora fitto sulle origini del piccolo di appena 5 mesi che i carabinieri della compagnia di Cassino, congiuntamente con quelli della stazione di Cervaro, hanno trovato in “possesso” di una coppia domiciliata a Cervaro. Si tratta di commercianti di origini rom, lei 51enne, il marito di poco più giovane, che da circa 5 anni vevevano a Cervaro. Qualcuno deve aver notato che da un giorno all’altro, i due, senza una gravidanza apparente della donna, erano diventati genitori. Una particolarità che deve aver avviato le indagini, le stesse che giovedì ha portato alla’rresto dei due e all’affidamento del piccolo, attraverso i servizi sociali di Cassino, ad una casa famiglia. Il bambino era con i suoi “nuovi” genitori da circa tre mesi, non era stato registrato in nessuna anagrafe. L’età e la provenienza sono solo ipotizzabili: forse cinque mesi e dalla carnagione chiara e dai lineamenti, probabilmente è originario dell’est europeo. Chi sono i suoi veri genitori e come mai si sono privati del figlio, cioè se in maniera consensiente o contro la loro volontà, resta un mistero. I finti genitori, a cui questa mattina sono stati concessi gli arresti domiciliari, non hanno spiegato molto sulla provenienza del piccolo. Averbbero farfugliato qualcosa in merito a badanti ma nulla di preciso anche se i carabinieri aglim ordini del capitano Francesco Maceroni continuano ad indagare. Una vicenda che fa nascere sospetti su un fenomeno che potrebbe essere più diffuso di quanto solo lo si immagini. Il pensiero va ai tanti bambini che quotidianamente si incontrano sulle strade a chiedere l’elemosina. Ermanno Amedei

31 luglio 2010 0

Schianto mortale, si aggravano le condizioni dell’11enne francese

Di redazione

La bambina francese di 11 anni coinvolta nell’incidente mortale di ieri sulla superstrada Cassino Sora è stata trasferita questa notte a Roma. Le sue condizioni sono andate via via peggiorando fino a quando i medici del Santa Scolastica hanno ritenuto necessario intervenire chirurgicamente per asportarle la milza. Subito dopo, a condizioni stabbilizzate, la piccola è stata trasferita al Bambino Gesù di Roma. La ragazzina è rimasta coinvolta nel terribile schianto di ieri pomeriggio che è costato la vita ad Angelo Capraro, 31 anni di Aquino. L’Alfa che l’uomo guidava si è scontrata con la Corolla su cui viaggiava la famiglia francese di ritorno dal mare e diretta a San Donato Val Comino, paesino in cui stavano trascorrendo un periodo di vacanza. Er. Amedei

31 luglio 2010 1

Schianto in moto, centauro vola per 100 metri

Di redazione

Dopo un volo di quasi cento metri, seguito dallo schianto coin una macchina, un centauro di 30 anni, è ricaduto violentemente sull’asfalto. Una dinamica ancora tutta da chiarire, questa mattina poco dopo le 10, su via Casilina a Villa Santa Lucia (Fr), ha visto la Ducati Monster guidata dal 30enne, scontrarsi con una Fiat Panda. Un urto terribile che ha scagliato in aria il corpo dell’uomo. Sul posto gli operatori del 118 hanno fatto atterrare un’eliambulanza. Preoccupavano, infatti, le condizioni del centauro che ha riportato un trauma toracico e fratture agli arti; per questo è stato elitrasportato al San Camillo di Roma.

31 luglio 2010 0

Droga e munizioni, 24enne in manette

Di redazione

Nella serata di ieri 31 luglio 2010, i Carabinieri di Giulianova agli ordini del Luogotenente Antonio Longo e quelli della Stazione di Roseto degli Abruzzi agli ordini del Luogotenente Enzo Procida, hanno tratto in arresto in flagranza di reato per detenzione al fine di spaccio di sostanza stupefacente e detenzione abusiva di munizioni MARTELLA Enrico, 24 del luogo, già noto per fatti di giustizia. Nel corso di perquisizione domiciliare a casa del giovane, i militari rinvenivano 115 grammi di hashish già suddivisa in dosi, un bilancino elettronico di precisione, materiale per il confezionamento nonché il seguente munizionamento illecitamente detenuto: nr. 50 cartucce cal. 7,65, nr. 15 cartucce cal. 12, nr. 22 cartucce cal. 9 flobert di cui 15 esplose, nr. 1 cartuccia cal. 7,62 e nr. 1 cartuccia cal. 22, il tutto sottoposto a sequestro. L’Arrestato dopo le formalità di rito è stato associato alla Casa Circondariale di Teramo in attesa dell’udienza di convalida.

31 luglio 2010 0

Piazza Green, la Corte dei Conti addebita 4 milioni di euro agli ex sindaci

Di admin

Risarcimento milionario per gli ex sindaci della città di Cassino. Qualche giorno fa la Corte dei Conti prima che il procedimento andasse in prescrizione ha deciso di intervenire attraverso un atto notificato dal segretario del comune di Cassino. La vicenda farebbe riferimento ad un terreno espropriato circa 30 anni fa per la realizzazione di un’opera pubblica: l’attuale piazzale Nicholas Green. Questo terreno, non essendo stato risarcito, da un valore iniziale di circa 300 milioni di lire è lievitato fino ad un valore di quasi 4 milioni di euro, cifra che la Corte dei Conti avrebbe addebitato agli ex sindaci in carica dal 1979 fino al 1993.

30 luglio 2010 0

Un bambino venuto dal nulla, arrestati i due che si spacciavano suoi genitori

Di redazione

Da dove arriva quel bambino di appena 5 mesi? Certamente non dall’utero della donna che dice di essere sua madre. Ne sono certi i carabinieri della compagnia di Cassino che, ieri mattina, dopo una attenta, lunga e prudente indagine, svolta insieme ai militari di Cervaro, hanno fatto irruzione nella casa della coppia di 50enni Cassinati arrestando i sedicenti genitori e prendendo il bambino per affidarlo ad una casa famiglia. Un mistero fittissimo a cui, per far chiarezza, non sono servite le spiegazioni date dai due, lui di origini Rom, che si preparavano, probabilmente, a lasciare la città. Al momento si ignorano le origini del piccolo ma non si esclude che possa essere nato in un paese dell’est Europeo, e per quale illegale dinamica sia poi finito in un nucleo familiare non suo. Intanto, moglie e marito sono stati arrestati per il reto relativo all’occultamento dell’esistenza del piccolo. Er. Amedei

30 luglio 2010 0

Schianto mortale, operatrice 118 tra accorsa scopre che la vittima è il cognato

Di redazione

Va per soccorrere un ferito in fin di vita e si accorge che è suo cognato. Una tragedia nella tragedia nella tragedia che si è verificata oggi durante i soccorsi a Angelo C. il 31enne di Aquino che ha perso la vita nello schianto sulla superstrada Cassino Sora. Tra i primi ad arrivare sul posto per soccorrere i feriti, è stato l’equipaggio di una ambulanza del 118, partito dal vicino ospedale Santa Scolastica. Il caso ha voluto che tra quegli operatori, e proprio quella che si è avvicinata ai rottami dell’Alfa 146, l’auto del 31enne, fosse proprio la cognata della vittima. La ragazza, nonostante la disperazione nel roiconoscere il marito della sorella, ha mantenuto la calma e ha reso la massima efficienza operativa, non solo nei confronti del cognato che poi è deceduto in ospedale, ma anche nei confronti degli altri feriti. Ermanno Amedei [nggallery id=158]

30 luglio 2010 0

Tre tonnellate di “bionde” sequestrate dalle Fiamme Gialle

Di redazione

Le Fiamme Gialle del Gruppo di Aversa, nell’ambito di una attività di controllo del territorio finalizzata alla repressione dei traffici illeciti in genere, hanno fermato al casello autostradale di Nola un tir occultante un impressionante quantitativo di T.L.E. di contrabbando. Oltre tre le tonnellate di bionde sottoposte a sequestro, occultate con un innovativo metodo teso a bypassare anche i controlli dello scanner spesso presente ai varchi di confine. L’attività ha avuto inizio alle prime ore della mattina, allorquando le pattuglie dei baschi verdi di Aversa, deputate al controllo di tutto il territorio casertano, hanno individuato un TIR con targa lituana all’interno dell’area di servizio di San Nicola la Strada in direzione Napoli. L’autista del mezzo, dopo essere sceso dal bilico, si guardava intorno con fare circospetto e iniziava una fitta serie di telefonate, alcune delle quali apparivano ai militari operanti particolarmente concitate, atteso l’evidente gesticolare dell’uomo ed il tono della voce particolarmente sostenuto. Le Fiamme Gialle, pertanto, seguivano il TIR al fine di verificare la direzione che lo stesso prendesse. Non appena l’automezzo ha imboccato l’uscita per Nola, i Baschi Verdi sono intervenuti e hanno effettuato il controllo dei documenti di trasporto. Immediatamente, i Finanzieri comprendevano che l’accertamento doveva essere approfondito, in quanto sulla lettera di vettura era riportato il trasporto di vetri infrangibili, per un peso totale di oltre 30 tonnellate, da consegnare ad una ditta di Sant’Antimo (NA). L’accertamento richiesto alla Sala Operativa di Caserta dai militari operanti evidenziava che la ditta indicata era effettivamente esistente, ma non all’indirizzo riportato nei documenti di trasporto. Inoltre, la dichiarata società destinataria della merce non aveva per oggetto sociale la produzione ed il commercio del vetro. Condotto presso il Gruppo di Aversa, l’automezzo è stato controllato con estrema perizia dai militari intervenuti, che individuavano un doppio fondo, ricavato tra il primo e l’ultimo vetro trasportato, all’interno del quale erano occultati migliaia di pacchetti di sigarette di varie marche. L’autotrasportatore, D.L. di anni 40 e di cittadinanza lituana, è stato tratto in arresto e dovrà rispondere del reato di contrabbando di TLE, con l’aggravante delle modalità di occultamento tese ad eludere i controlli di polizia. Dell’attività in corso è stata notiziata la Procura della Repubblica di Nola. I pacchetti di sigarette sottoposti a sequestro sono risultati oltre 160.000, per un peso complessivo di oltre tre tonnellate. L’organizzazione criminale, che si suppone radicata in Italia e che operi stabilmente tra Napoli, Sant’Antimo e Aversa, ha avuto una perdita consistente che si avvicina al milione di euro. L’ennesimo intervento operato nello specifico comparto operativo da parte del Gruppo di Aversa conferma come il fenomeno abbia riassunto contorni e risvolti preoccupanti che non possono essere trascurati, affinché non si ritorni all’epoca degli anni 80 e 90, allorquando in ogni angolo della strada erano presenti banchetti per la vendita di sigarette di contrabbando.