Giorno: 26 settembre 2010

26 settembre 2010 0

Pronti ad incontrare gli extraterrestri, l’Onu prepara “comitato di accoglienza”

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Un comitato di accoglienza per civiltà extraterrestri. Non è la trama di un film o l’iniziativa estemporanea di una qualche associazione, ma è un nuovo ufficio dell’Onu che ha dato mandato ad una astrofisica malaysiana, Mazlan Othman, il compito di organizzare una agenzia che sia pronta ad accogliere la visita proveniente da altri pianeti. Uno spunto che nasce dalla consapevolezza di non essere l’unica forma vivente nell’universo; una consapevolezza che nasce dall’ultimo rapporto della sonda Keplero che ha scoperto oltre 700 pianeti di cui, 140 molto simili alla Terra. L’agenzia avrà uffici in Europa e in Asia e studierà possibili messaggi extraterrestri. Insomma, ci si prepara ad un “primo contatto” che sia però, concordato però con tutte le rappresentanze terrestri.

26 settembre 2010 0

In visita culturale, tre studenti islamici si rifiutano di entrare in chiesa

Di redazione

Tre studenti di fede religiosa islamica in visita con la loro classe dell’Istituto tecnico commerciale “Alberto Gentilì” di Macerata, alla Basilica della Madonna della Misericordia, si sono rifiutati di entrare nella struttura. La visita aveva solo un aspetto culturale ma, nonostante rassicurati che non vi fossero messe o altri riti religiosi in corso, i tre ragazzi di origine mediorientale, si sono rifiutati di entrare staccandosi dal gruppo e rimanendo all’esterno in compagnia di un docente. Una vicenda che rimarca come, in alcuni casi, la voglia di integrarsi, in alcuni stranieri, è limitata.

26 settembre 2010 2

L’Aquila ricostruita grazie a Google… almeno in 3D

Di redazione

Rivivere l’Aquila, come era prima del terremoto, grazie alla tecnologia 3D di Google e dell’architetto Barnaby Gunning. Il progetto annunciato già alcuni mesi fa, è partito oggi e punta a ricostruire in “tridimensionale” la città distrutta dal terremoto. Un modo per non dimenticare quello che era L’Aquila, in particolare il suo centro storico. Con uno sguardo, però, si guarda anche avanti e a come sarà la città in futuro. Si integrerà cosi il famoso Google Earth con un lavoro che è iniziato proprio oggi grazie agli scatti realizzati da alcune decine di fotografi entrati nella zona rossa.

26 settembre 2010 0

Calcio Cassino / Gli azzurri si impongono sul Vis Sezze

Di redazione

Asd Cassino – Vis Sezze Setina 2-1 Il Cassino conquista la prima vittoria in campionato battendo al Salveti per due reti ad una il Sezze Setina. Un successo che poteva essere addirittura più rotondo e che conferisce morale agli azzurri apparsi tonici e pimpanti sin dalle prime battute di gioco. Dopo una iniziale fase di studio, sono stati gli ospiti a rendersi pericolosi con una punizione di Capuccilli che ha lambito il palo alla destra di D’Aguanno. Da quel momento, il Cassino ha preso le misure all’avversario mostrando acume tattico e brillantezza nelle ripartenze, segno che la settimana libera da impegni ha giovato ai muscoli di Raia e compagni. In una di queste veloci e ficcanti riproposizioni offensive Marsella si è presentato solo davanti a Mercogliano ma la sua conclusione è terminata sull’esterno della rete. E’ stato il preludio al vantaggio cassinate arrivato un minuto più tardi, quando un perfetto lancio di Russo a tagliare sulla corsia di sinistra ha trovato libero De Luca che si è involato verso la porta, ha scartato il portiere in uscita in dribbling prima di depositare la sfera nel sacco per il vantaggio azzurro. Passano solo altri quattro giri di lancette ed èil Cassino ha servito il raddoppio che porta la firma di Marsella: il centravanti cassinate ha raccolto un perfetto cross di Kiszka dalla destra e con uno spettacolare tuffo di testa ha insaccato alle spalle di un immobile Mercogliano. Il Cassino ha amministrato senza difficoltà il doppio vantaggio, sfiorando in almeno altre quattro occasioni la rete del tre a zero. Ad inizio ripresa gli azzurri sono partiti subito forte: nel giro di due minuti Kiszka si è prima visto annullare una rete per presunto fuorigioco, poi, servito in profondità da Russo si è presentato solo davanti al portiere bravo a fermare il tentativo di dribbling dell’eclettico centrocampista cassinate. A dieci minuti dallo scadere l’insicuro direttore di gara Vitale ha assegnato un calcio di rigore a dir poco dubbio al Sezze dopo aver ravvisato un fallo di mano in area azzurra: sul dischetto si è presentato Capuccilli che ha trasformato con freddezza alla sinistra di D’Aguanno. Nessun sussulto nei minuti di finali: il Cassino ha portato a casa la prima meritata affermazione in campionato superando a pieni voti l’ostico esame Sezze Setina. Da domani Raia e compagni torneranno in campo per preparare, con rinnovata fiducia, l’incontro in programma mercoledì al Salveti contro il Ciampino (con fischio d’inizio fissato per le 15,30) valido per l’andata dei trentaduesimi di finale della Coppa Italia Promozione. AsdCassino: D.D’Aguanno, Palombo, Tomas, Raia, Capocci, Fiorentini, Palma(81’ Bucolo), Russo, Marsella(90’ Tarabonelli), De Luca, Kiszka(77’ Lombardi). A disp: Pocino, Raponi, Di Vito, T.D’Aguanno. All: Scorsini. Vis Sezze Setina: Mercogliano, Folcarelli(40’ Fiore), Di Tullio(55’ Albano), Marroni, Pecorilli, Del Signore, Varroni(75’ Fiori), Di Trapano, Pellerani, Capuccilli, Vuolo. A disp: Petrianni, Martecetta, Ranieri, Raimondi. All: Del Duca. Arbitro: Vitale della sezione di Roma 2. Assistenti: Colizzi e Guglielmi della sezione di Albano. Marcatori: 31’ De Luca (C), 35’ Marsella (C), 80’ Capuccilli(S) (rig). Ammoniti: Fiorentini, Palma, D’Aguanno, Bucolo(C); Folcarelli, Marroni, Varroni, Di Trapano(S). Spettatori: 300 circa.

26 settembre 2010 0

Prete contro sindaco, è scontro sulle pale eoliche

Di redazione

Il parco eolico da costruire nel comune di Castelguidone è oggetto di scontro tra il prete e il sindaco del paese. Una vicenda che, un po’, ricorda Don Camillo e Peppone, ma soprattutto i dispetti che i due si facevano. Il luogo dove dovrebbero essere istallate le pale eoliche, la chiesa alcune strutture e una proprietà per cui la stessa diocesi si sarebbe schierata con il parroco. Dall’alatra parte il sindaco sostiene che il parco è una occasione unica per evitare che il paesino di circa 450 anime, muoia definitivamente. L’accusa mossa al prete è di non occuparsi solo delle anime dei fedeli, ma di fare politica contro l’amministrazione comunale. Dall’altra parte, invece, il parroco deve sopportare volantini di attacco alle sue attività ed anche scritte sui muri, oltre a richieste alla diocesi per un suo allontanamento. Ultimo affronto è arrivato in occasione della processione dell’Addolorata “marinata” per intero dalla giunta comunale.

26 settembre 2010 0

Rapina al centro commerciale, i malviventi si dileguano

Di redazione

Rapina al centro commerciale Il Ponte di Pontecorvo. Questa mattina, in due, con il volto travisato, sono entrati in una ricevitoria che funziona anche da sala giochi facendosi conseganre il denaro. Poi sono fuggiti. L’allarme immediatamente scattato, ha consentito ai carabinieri di Pontecorvo di raccogliere elementi utili per le indagini che, al momento però, non ha dato ancora frutti.

26 settembre 2010 0

Termocombustore della Marangoni, Tedeschi (IdV), soddisfazione per la decisione del Tar

Di redazione

“L’interesse pubblico prima di tutto! Questo in estrema sintesi il messaggio che si coglie nell’ordinanza con la quale il TAR ha respinto la richiesta di sospensiva avanzata dalla Marangoni e relativa alla bocciatura, da parte della Conferenza dei Servizi del 14 Giugno scorso, del progetto di adeguamento del termo-combustore della stessa azienda.” Lo dichiara in una nota il consigliere regionale dell’Italia dei Valori Anna Maria Tedeschi. “Le considerazioni di carattere economico-aziendale sono complesse: anche le aziende svolgono una funzione che ha rilevanza pubblica sotto il profilo economico-occupazionale, ma occorre rilevare che la stessa rilevanza pubblica si riscontra nell’impatto che l’attività aziendale ha sull’ambiente. Sono ben consapevole della necessità di sviluppare l’attività aziendale, ma questo non può e non deve avvenire a discapito di un’intera comunità già fortemente penalizzata da un inquinamento ampiamente documentato. Nel corso dell’ultima Conferenza dei Servizi cui ho partecipato come Consigliere Regionale, ho riscontrato una forte distanza tra le posizioni dei vertici della Marangoni e le posizioni della altre parti intervenute. Pertanto se oggi accolgo con soddisfazione il pronunciamento del TAR, auspico altresì una possibilità di dialogo aperto e concreto tra Azienda e Territorio affinché l’interesse pubblico di carattere ambientale possa coniugarsi con l’interesse pubblico dello sviluppo economico ed occupazionale. Come vice-presidente della Commissione industria invito la Marangoni a presentare progetti di sviluppo della loro attività perché chi già da tanti anni ha investito nella nostra Provincia deve poter considerare ancora attrattiva questa terra. Rivolgo l’invito nella certezza che le competenze della funzione Ricerca & Sviluppo dell’Azienda sapranno produrre progetti alternativi a quelli del car-fluff”.

26 settembre 2010 0

Muore sistemando i gerani sul balcone, volo fatale

Di redazione

Una tragica domenica, a Colfelice, è costata la vita ad una donna di 45 anni del posto. La donna, sola in casa, è caduta dal balcone del suo appartamento, al primo piano, mentre sistemava i vasi di gerani. Non è ben chiaro cosa sia accaduto, forse un malore della donna, o forse l’equilibrio che è venuto meno, fatto sta che nel cadere ha riportato ferite gravissime. L’allarme lanciato ai soccorritori ha fatto giungere sul posto un’ambulanza; allertato anche un elicottero, ma tutto è stato inutile dato che la 45enne è morta poco dopo la caduta.

26 settembre 2010 0

Controlli anti “stragi del sabato sera”, denunce e sequestri

Di redazione

Un servizio di controllo del territorio per contrastare le stragi del sabato sera. Ben 590 chilometri quadrati sono stati battuti, nel corso della notte, da una trentina di militari con circa 15 automezzi e un elicottero coordinati dal Capitano Luca Cesaro e dal Tenente Angelo La Chimia hanno permesso di conseguire i seguenti risultati: sei persone denunciate in stato di libertà 6, delle quali 2 per guida in stato di ebbrezza alcolica, una per guida con patente revocata, una perché violava la misura di prevenzione del foglio di via obbligatorio con divieto di ritorno nel comune di Sora, una per aver fornito false generalità sulla propria identità durante il controllo ed una perché trovata in possesso di arma bianca (coltello); cinque persone segnalate per l’avvio del procedimento amministrativo per l’emissione del foglio di via obbligatorio; due persone segnalate alla Prefettura per uso personale di sostanze stupefacenti; quattro grammi tra marijuana ed eroina sequestrati; 188 mezzi controllati; 225 persone identificate; 12 contravvenzioni al C.d.S.; 1 veicolo sequestrato per mancanza assicurazione ; 5 patenti di guida ritirate; 9 esercizi pubblici controllati.

26 settembre 2010 0

Sanità cassinate, Sebastianelli (PdL): “Condividere con la gente la necessità dei tagli”

Di redazione

Nel dibattito che si sta consumando in questi mesi sulla ridesignazione del Piano Sanitario Regionale, interviene Giuseppe Sebastianelli ex consigliere comunale di Cassino e lancia la sua ricetta per mettere d’accordo le esigenze della Pisana e le necessità dei cittadini: “Si tratta di riaprire il dibattito, perché dedicare tempo al dialogo oggi è utile a trovare una proposta condivisibile e a evitare ulteriori proteste. Bisogna partire dalla considerazione che l’ultima campagna elettorale è stata caratterizzata da tante anomalie come la mancata partecipazione della lista del PdL a Roma che ha prodotto una notevole affluenza alle urne da parte dei cittadini delle quattro province – ha dichiarato Sebastianelli – che di fatto hanno consentito la vittoria della presidente Polverini, la quale, nominando la giunta regionale, ha colmato il vuoto di eletti nella capitale togliendo nomi alle province, anche se la Ciociaria ha avuto un ampio riconoscimento con la nomina dell’onorevole Mario Abbruzzese a presidente del consiglio regionale. Ora, i cittadini della provincia di Frosinone e in particolare i cassinati si aspettano delle risposte soprattutto nel campo della sanità”. “A mio parere – ha precisato Giuseppe Sebastianelli – sulla ridefinizione della sanità locale è mancata la condivisione con la popolazione e con i sindaci del territorio delle scelte finora prospettate – si rivolge alla stessa Polverini che ha anche la delega alla sanità, al presidente Abbruzzese e ai parlamentari che ci rappresentano – in quanto gli elettori sapevano che votando il centrodestra la spesa per la sanità sarebbe stata ridimensionata, ma nello stesso tempo si aspettavano che si sarebbero creati dei servizi di eccellenza”. In merito all’ospedale di Pontecorvo Sebastianelli chiarisce: “Non si può negare il valore storico dell’ospedale Del Prete, l’unico che all’indomani della seconda guerra mondiale ha potuto accogliere i feriti di tutto il comprensorio, dal momento che l’ospedale civile di Cassino era impraticabile, per cui è comprensibile che i pontecorvesi e non solo cerchino di difenderlo a tutti i costi, così come è comprensibile che l’amministrazione comunale e quella provinciale si siano schierate al fianco della cittadina cassinate. E sul fatto che la struttura ospedaliera di Pontecorvo vada salvata dai tagli previsti dal Piano Sanitario Regionale esprimo anche il mio convincimento – ha asserito – ma credo in una necessaria rivisitazione della spesa e nella riorganizzazione dei servizi, da intendere non solo relativamente ai cittadini di Pontecorvo e viciniori ma a tutta l’area del cassinate, per evitare la compresenza di due ospedali simili, a favore di una diversificazione intesa come specializzazione e qualità delle prestazioni. Si otterranno così almeno due obiettivi: da una parte i cittadini non dovranno necessariamente ricorrere alle strutture della capitale e potranno curarsi tra Pontecorvo e Cassino; dall’altra parte, la razionalizzazione della spesa, riconvertendo e riqualificando il personale presente nelle due strutture”. Quanto al Santa Scolastica, Sebastianelli sintetizza così il suo pensiero: “la Regione ha finalmente dotato Cassino e l’hinterland di una struttura nuova, e recentemente vi ha anche aggiunto anche una viabilità adeguata, ma permangono delle carenze a livello dei servizi: mi riferisco alla neurologia, alla neurochirurgia e alla cardiochirurgia, che devono invece essere presenti insieme a tutti quei servizi necessari a rendere il S. Scolastica capace di far fronte alle emergenze. Per poter garantire tali servizi – e qui Sebastianelli individua una soluzione possibile alla migrazione passiva – sono necessarie le risorse umane. In questo modo, Cassino diventerebbe polo di riferimento per le regioni limitrofe che già si rivolgono alla nostra città per molti aspetti del vivere quotidiano”.