Autista di ambulanze senza patente “K”, mezzo di soccorso sequestrato

Potrebbero interessarti anche...

5 Risposte

  1. Maurizio ha detto:

    Per guidare l’ambulanza non è previsto nessun K.
    Una volta, da anni non più.

  2. fabio ha detto:

    tanto per cominciare la patente K non esiste, semmai era il KE, necessario per guidare mezzi di soccorso.
    Oltre a questo il KE è stato abolito se non sbaglio dal 1997!!!
    la patente speciale è rimasta solo per chi guida mezzi della Croce Rossa Italiana.
    Per qualsiasi altra associazione di volontariato, società privata o AUSL, è sufficente essere in possesso della patente B.

    Forse l’autista del mezzo in questione era sprovvisto di patente oppure sono state rilevate altre inregolarità relative al mezzo di soccorso, come omologazioni.

  3. loris ha detto:

    Parlo per esperienza,bisogna vedere come è immatricolato il mezzo,in quanto se di proprietà di una cooperativa che magari,lavora in appalto con l’azienda sanitaria locale,potrebbe esser immatricolata come ncc, e dunque necessita della Certificazione di abilitazione professionale,dunque kb

  4. Amici ha detto:

    Le autoambulanze immatricolate in uso di terzi per servizio di noleggio con conducente sono utilizzate dagli enti pubblici, dalle imprese e dalle altre collettività per prestazioni di trasporto effettuate secondo quanto previsto dall’articolo 2, comma 2.

    2. Ai sensi dell’articolo 85, del decreto legislativo n. 285 del 1992, nonché dell’articolo 244 del decreto del Presidente della Repubblica n. 495 del 1992, le autoambulanze sono immatricolate in uso di terzi per servizio di noleggio con conducente per prestazioni di trasporto dietro corrispettivo e sulla base della licenza comunale di esercizio.
    Le ambulanze che svolgono servizi per conto di terzi (privati a pubblici) sono soggetti a quanto prevede la normativa givente
    (DM infrastrutture e Trasporti n. 137/2009 – GU n. 225 del 28.9.2009)
    E’ bene precisare la socetà alla quale è stato sequestrato il mezzo di soccorso per evitare spiacevoli equivoci con altre società che sono in regola. Grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *