Oltre 1200 volontari dell’esercito hanno giurato fedeltà alla Patria

23 ottobre 2010 0 Di redazione

Alla presenza del Capo di Stato Maggiore dell’Esercito, Generale di Corpo d’Armata Giuseppe Valotto si è svolta ieri mattina, nella Caserma “Oreste Salomone” di Capua, la cerimonia di giuramento solenne dei Volontari del 17° Reggimento Addestramento Volontari “Acqui” e del 47° Reggimento Addestramento Volontari “Ferrara”.
Presenti, oltre al Comandante della Scuola di Applicazione e Istituto di Studi Militari dell’Esercito, Generale di Corpo d’Armata Giuseppe Emilio Gay, le massime autorità civili, militari e religiose del territorio campano, i Gonfaloni del Comune di Capua, della Provincia di Caserta, della Regione Campania e dei Comuni di Terra di Lavoro, e le rappresentanze delle Associazioni Combattentistiche e d’Arma, nonché parenti ed amici dei giurandi.
Hanno giurato fedeltà alla Repubblica oltre 1200 Volontari in Ferma Prefissata di un anno del 3° blocco 2010, provenienti da tutt’Italia, e hanno pronunciato il loro “lo giuro” sulle note dell’Inno di Mameli eseguito dalla Banda Musicale dell’Esercito.
I giurandi hanno avuto come mentore, la Medaglia d’Oro al Valore Militare, artigliere Giovanni Antonio Poggio che per l’eroico comportamento mostrato durante gli aspri combattimenti in S. Angelo in Formis (attuale frazione della città di Capua), durante la Battaglia del Volturno (1860), ottenne il meritato riconoscimento.
Il Raggruppamento Unità Addestrative dell’Esercito, comandato dal Generale di Brigata Attilio Claudio Borreca, è costituito da sette Reggimenti/Battaglioni Addestramento Volontari, dislocati su tutto il territorio nazionale, che hanno il compito di provvedere alla formazione dei giovani che decidono di intraprendere la vita militare.


Foto servizio Alberto Ceccon