Cassino, aspettando la fiaccola benedettina

25 dicembre 2010 0 Di redazionecassino

Pensando alla Fiaccola Benedettina
Si è messa in moto la macchina organizzativa in vista delle annuali celebrazioni benedettine che, come si sa, hanno sempre inizio con l’accensione della Fiaccola Benedettina. Questa, accesa ogni anno in una capitale europea diversa, porta simbolicamente il suo perenne messaggio di Pace e Fratellanza sulle orme del Santo Patrono d’Europa.
Quest’anno per l’accensione della Fiaccola si è pensato di coinvolgere, nella preparazione e nello svolgimento dell’evento, le realtà e gli Enti, istituzionali e non, presenti e operanti sul territorio, al fine di presentare nel suo insieme la “Terra Sancti Benedicti”, plasmata nella sua cultura dall’Abbazia di Montecassino cui è legata storicamente da vincoli indissolubili. È un’operazione audace forse ma indifferibile per ritrovare un’identità culturale esistente ma probabilmente poco percepibile o frammentata perché è mancata finora ogni forma di vera sinergia, ogni capacità di fare sistema. Solo uniti in un progetto integrato si può pensare di riportare alla luce un vero patrimonio culturale da conoscere, far conoscere e valorizzare, rilanciando con orgoglio di appartenenza il volto di un territorio da secoli denominato Terra di San Benedetto.
Intorno a questa idea si sta lavorando. Una riunione svoltasi a Montecassino mercoledì 22 dicembre u.s. ha visto attorno ad un tavolo rappresentanti, oltre che dell’Abbazia e del Corteo Storico, della Regione Lazio, della Provincia di Frosinone, del Comune di Cassino, della Confindustria, della Camera di Commercio, dell’Università, dell’Associazione Pentacromo, uniti dalla comune volontà di “fare squadra” per approntare, insieme anche alle amministrazioni locali degli altri Comuni, un progetto che sappia unire all’aspetto principale della manifestazione, quello spirituale e culturale di alto valore simbolico, anche l’aspetto sociale e organizzativo. Un simile progetto potrebbe anche avere positive ricadute sociali sul piano del turismo, dell’occupazione e dell’economia locale.
L’abbazia di Montecassino è nota in tutto il mondo, va presentato ora il sistema territoriale con al centro Montecassino con tutti i suoi valori religiosi, culturali, umani.